Ibuprofene: attenzione a combinarlo con alcuni farmaci

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Se stai assumendo un diuretico o un inibitore del sistema renina-angiotensina (RSA) per la pressione alta, DOVRESTI USARE CAUTELA nell’assumere anche medicinali che contengono ibuprofene, principio attivo comunemente utilizzato nel trattamento di moltissimi disturbi (mal di testa, dolori cervicali e mestruali, mal di denti, raffreddore, infiammazioni, distorsioni, strappi muscolari, solo per fare alcuni esempi). L’associazione dell’ibuprofene con antiipertensivi, infatti, può aumentare il rischio di tossicità per i reni.

La conferma arriva da una nuova ricerca condotta dall’Università di Waterloo che ha utilizzato il computer per simulare le prove dei tre farmaci e valutare interazioni e impatto sul rene.
La conclusione di questo lavoro scientifico è stata che l’uso concomitante di un diuretico, un inibitore del sistema renina-angiotensina (RAS) e un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) aumenta significativamente il rischio di danno renale acuto. Danno che, in alcuni casi, può essere anche permanente.

Non significa che tutti coloro che prenderanno questa combinazione di farmaci avranno sicuramente problemi, ma la ricerca mostra che E’ NECESSARIO FARE MOLTA ATTENZIONE. A maggior ragione se si considera il fatto che certi antidolorifici e antinfiammatori che contengono ibuprofene si trovano tranquillamente in farmacia senza prescrizione di ricetta medica per cui possono essere assunti senza pensarci troppo.

Ultimamente la matematica e l’informatica sono molto utilizzate per fare studi sui farmaci simulati al computer. Il motivo è che in breve si possono avere risultati che, al contrario, richiederebbero molto tempo negli studi clinici sull’uomo. Inoltre il vantaggio più importante è che questi mezzi permettono di evitare di usare le persone come cavie risparmiando complicazioni potenzialmente anche gravi per la salute.

La ricerca ‘Determinazione dei fattori di rischio per il danno renale acuto triplo colpo’ cui fa riferimento questo post appare sulla rivista Mathematical Biosciences, Volume 347, maggio 2022. Chi desidera approfondire può cliccare QUI.
__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix