Eritema orale dopo il vaccino Pfizer: casi clinici

Dopo la vaccinazione anti Covid sono state documentate reazioni cutanee come orticaria, dolore locale al sito di iniezione, rash morbilliforme

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Il Covid-19 ha colpito migliaia di persone in tutto il mondo. Ad oggi, i vaccini sono stati indicati quasi come l’unico metodo per prevenire e ridurre la mortalità. Quattro vaccini sono state approvate esternamente dall’Agenzia europea dei medicinali (EMA) in Europa: BNT162b2 (Comirnaty-BioNTech/Pfizer), mRNA-1273 (Spikevax-Moderna), ChAdOx1 (VaxzevriaAstrazeneca) e Ad26.COV2-S (Janssen-Johnson&Johnson). E’ ormai assodato, però, che in seguito all’inoculazione possano verificarsi effetti avversi locali e sistemici. Dopo la vaccinazione sono state documentate reazioni cutanee come orticaria, dolore locale al sito di iniezione, rash morbilliforme.

In uno studio condotto da un’equipe guidata da Massimo Petruzzi, sono stati analizzati quattro casi di riacutizzazione dell’eritema multiforme orale che si verificano dopo la somministrazione della vaccino Pfizer. Tutti i pazienti hanno precisato di non aver mai sofferto in precedenza di manifestazioni simil-eritema ed erpetiche. Due dei casi riportati presentavano lesioni sia orali che cutanee, mentre gli altri due casi mostravano solo manifestazioni orali. Tre dei casi hanno presentato l’eritema dopo la prima somministrazione della dose di vaccinazione, solo un caso ha riportato lesioni dopo la seconda somministrazione della dose di vaccinazione. Tutti i casi sono stati trattati con prednisone per via orale e pomata topica di clobetasolo 0,05%.

Primo caso

Una donna di 55 anni si è presentata alla sezione di Medicina Orale del Policlinico di Bari lamentando lesioni dolorose a labbra, mucosa orale, mani, ginocchia e piedi. Ventiquattro ore dopo aver ricevuto la prima dose di somministrazione del vaccino, non ha riportato alcun sintomo, tranne un lieve dolore al sito di iniezione. Dieci giorni dopo, la paziente riferì lo sviluppo di lesioni squamose croste diffuse sulla cute labiale e sul vermiglio. Successivamente, ha anche sviluppato lesioni erosive dolorose della mucosa orale e placche targetoidi concentriche su mani, avambracci, ginocchia e talloni. Le mucose genitali non erano coinvolte. Prima della prima dose di vaccinazione, la paziente era apparentemente in ottima salute, senza storia recente di herpes labiale e lesioni MMP, e non stava assumendo alcun farmaco. Successivamente, la paziente è stata sottoposta a una seconda dose di vaccino, sottoponendosi a somministrazione di corticosteroidi su consiglio del suo medico di base, per contenere la diffusione della riacutizzazione, nonostante un lieve rischio di una ridotta risposta al vaccino.

Secondo caso

Un uomo di 15 anni affetto dalla sindrome di West, una forma di epilessia associata a deterioramento cognitivo, ha sviluppato eritema orale, erosioni e pseudo-membrane diffuse in tutta la mucosa orale, associati a forte dolore e disfagia, 7 giorni dopo la prima dose di BNT162b2. Erano inoltre presenti lesioni cutanee multiple costituite da placche eritematose che interessavano tutto il corpo, in particolare su tronco, gambe e collo. Il quadro clinico era coerente con una diagnosi EM minore. Il paziente non aveva una storia medica di malattie cutanee autoimmuni né erpetiche e non ha riportato alcun cambiamento nel suo trattamento medico abituale per l’epilessia, costituito da valproato.

Il medico di base del paziente gli ha prescritto 4 mg di betametasone e farmaci antistaminici, ma dopo 10 giorni dalla prima dose di vaccinazione non ha mostrato alcun miglioramento delle sue condizioni cliniche. Gli è stato prescritto prednisone 25 mg PO al giorno riducendo gradualmente il dosaggio, in associazione a un unguento topico di clobetasolo propionato allo 0,05%. Dopo una settimana di trattamento, il paziente ha mostrato una regressione delle lesioni mucose e cutanee.

Terzo caso

Una donna di 49 anni ha lamentato una sensazione di bruciore intraorale con successiva comparsa di lesioni eritematose e simil-bollose sulla lingua e sul pavimento della bocca, insorte 24h dopo la seconda dose di somministrazione del vaccino BNT162b2. La paziente non riferiva una precedente storia di manifestazione erpetica né altre malattie, né assumeva farmaci prima della vaccinazione. Dopo una settimana le lesioni presentavano un miglioramento spontaneo, ma poi si manifestavano lesioni eritematose diffuse sulla lingua dorsale, sul pavimento orale, sulle mucose gengivali, sulla mucosa buccale e sul palato molle, causando grave disfagia. Non sono state rilevate lesioni cutanee, suggerendo una diagnosi EM minore. È stato prescritto un prednisone 25 mg PO al giorno con una riduzione graduale del dosaggio per 10 giorni, oltre a un unguento topico di clobetasolo propionato allo 0,05%. Dopo il trattamento, le lesioni sono guarite senza ripresentarsi.

Quarto caso

Una donna di 20 anni affetta da celiachia, intolleranza al lattosio e colon spastico, è stata segnalata 18 giorni dopo la somministrazione della prima dose di vaccino BNT162b2, lamentando dolore e sanguinamento dalla bocca, disfagia e disfonia. L’esame orale ha evidenziato la presenza di erosioni sulla mucosa gengivale e labiale, lesioni squamose croste sulla cute labiale e vermiglio associato a febbre persistente (39°C). Non sono state rilevate lesioni cutanee. Ha già preso valaciclovir e nistatina per 7 giorni senza miglioramenti. L’infezione da Covid-19 è stata esclusa a seguito di diversi tamponi nasofaringei negativi. Il dosaggio graduale di prednisone 25 mg PO è stato prescritto per 3 settimane.

Secondo i ricercatori, “relazioni rappresentano alcuni dei pochi casi di eritema multiforme che si verificano come effetto collaterale della vaccinazione BNT162b2 COVID-19. Il ruolo causale del vaccino per l’eritema multiforme non è stato ancora dimostrato; tuttavia, non è raro che i farmaci scatenino questa malattia. Il vaccino potrebbe far emergere un’infezione da virus dell’herpes silenziosa, che invece indurrebbe l’eritema multiforme“, ma saranno necessario altre indagini per comprenderne le cause effettive e i nessi con la vaccinazione.

Fonte articolo: https://www.meteoweb.eu/2022/04/eritema-orale-vaccino-pfizer-herpes/1782969/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x