Home / ComeDonChisciotte / Come mette in guardia l’ONU, abbiamo 12 anni per limitare la catastrofe del cambiamento climatico

Come mette in guardia l’ONU, abbiamo 12 anni per limitare la catastrofe del cambiamento climatico

DI JONATHAN WATTS

theguardian.com

Cambiamenti urgenti sono necessari per ridurre il rischio di caldo estremo, siccità, inondazioni e povertà, dice l’IPCC

I massimi scienziati del clima del mondo hanno avvertito che ci sarà solo una dozzina di anni, per mantenere il riscaldamento globale a un massimo di 1,5°C, oltre il quale anche mezzo grado peggiorerà significativamente i rischi di siccità, inondazioni, calore estremo e povertà per centinaia di milioni di persone.

Gli autori del rapporto decisivo del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) dell’ONU hanno annunciato oggi che sono necessari cambiamenti urgenti e senza precedenti per raggiungere l’obiettivo, che secondo loro è accessibile e fattibile, sebbene sia posto nella parte più ambiziosa dell’impegno dell’Accordo di Parigi per mantenere le temperature tra [un rialzo termico di] 1,5°C e 2°C.

La differenza di mezzo grado potrebbe anche impedire che i coralli vengano completamente sradicati e diminuire la pressione sull’Artico, secondo lo studio [che prevede il rialzo termico di] 1.5°C, varato dopo l’approvazione in una plenaria finale di tutti i 195 Paesi a Incheon in Corea del Sud, che ha visto i delegati abbracciarsi l’un l’altro, con alcuni che avevano le lacrime agli occhi.

“È una linea di confine e ciò che dice alla nostra specie è che il momento è imminente e dobbiamo agire ora”, ha detto Debra Roberts, Co-Presidente del gruppo di lavoro sugli impatti. “Questo è il più grande campanello d’allarme della comunità scientifica e spero che mobiliti le persone e scalfisca la disposizione alla noncuranza”.

I politici hanno dato incarico per la relazione, in occasione dei colloqui sul clima di Parigi nel 2016, ma da allora il divario tra scienza e politica si è ampliato. Donald Trump ha promesso di ritirare gli Stati Uniti – la più grande fonte mondiale di emissioni nella storia – dall’accordo. Il primo turno delle elezioni presidenziali brasiliane di domenica ha messo Jair Bolsonaro in una posizione di forza, per realizzare la sua minaccia di fare lo stesso, e aprire anche la foresta pluviale amazzonica al settore agroalimentare.

Il mondo è attualmente di 1°C più caldo rispetto ai livelli preindustriali. Dopo i devastanti uragani negli Stati Uniti, la siccità record a Cape Town o  gli  incendi boschivi nell’Artico, l’IPCC chiarisce che il cambiamento climatico sta già accadendo, ha aggiornato i suoi avvertimenti di rischio dei rapporti precedenti e ha avvertito che ogni frazione di riscaldamento aggiuntivo peggiorerebbe l’impatto.

Gli scienziati che hanno esaminato i 6.000 lavori citati nel rapporto, hanno detto che il cambiamento causato da mezzo grado [celsius] è sopraggiunto come un’illuminazione. “Possiamo vedere che c’è una differenza ed è sostanziale”, ha detto Roberts.

Con [rialzo termico di] 1,5°C la quota di popolazione globale, esposta allo stress idrico, potrebbe essere inferiore del 50% rispetto a [un rialzo termico di] 2°C, osserva [il rapporto]. La scarsità di cibo sarebbe meno problematica e centinaia di milioni di persone in meno, in particolare nei Paesi poveri, sarebbero a rischio di povertà legata al clima.

I partecipanti scattano una foto prima dell’apertura della 48a sessione dell’IPCC a Incheon. Fotografia: Jung Yeon-Je / AFP / Getty Images

Nei giorni estremamente caldi, [con rialzo termico di] 2°C, come quelli vissuti nell’emisfero settentrionale in quest’estate, diventerebbero più intensi e frequenti, aumentando le morti legate al calore e provocando più incendi boschivi.

Ma la più grande differenza sarebbe per la natura. Gli insetti, che sono essenziali per l’impollinazione delle colture e le piante, hanno quasi il doppio delle probabilità di perdere la metà del loro habitat [con il rialzo termico di] 2°C, rispetto [a un rialzo termico di] 1,5°C. I coralli andrebbero perduti per il 99% alla più alta delle due temperature, ma più del 10% ha possibilità di sopravvivere se si raggiunge il target più basso.

L’innalzamento del livello del mare colpirebbe 10 milioni di persone entro il 2100, se il riscaldamento supplementare di mezzo grado portasse una previsione di una pressione aggiuntiva di 10 cm sulle coste. Il numero [di persone] colpito aumenterebbe considerevolmente nei secoli successivi, a causa dello sciogliersi del ghiaccio bloccato.

Gli Oceani subiscono già elevata acidità e bassi livelli di ossigeno, a causa del cambiamento climatico. Un modello mostra che la pesca marittima perderebbe 3 milioni di tonnellate [con il rialzo termico] a 2°C, il doppio del calo [con quello] a 1,5°C.

Le estati senza ghiaccio nell’Artico, che si riscalda da due a tre volte più velocemente della media mondiale, sopraggiungerebbero una volta ogni 100 anni [con rialzo termico] a 1,5°C, ma ogni 10 anni con mezzo grado in più di riscaldamento globale.

Il tempo e i bilanci del carbonio si stanno esaurendo. Entro la metà del secolo, una transizione al target inferiore richiederebbe sovraccarico nel contenimento delle fonti di emissioni che si sono accumulate negli ultimi 250 anni.

L’IPCC traccia quattro percorsi per raggiungere 1,5°C [di rialzo termico], con diverse combinazioni di uso del suolo e cambiamento tecnologico. La riforestazione è essenziale per tutti loro, così come lo sono i cambiamenti nei sistemi di trasporto elettrici e una maggiore adozione della tecnologia per la cattura del carbonio.

L’inquinamento da carbone dovrebbe essere ridotto del 45% entro il 2030 – rispetto a un taglio del 20%, secondo il percorso [per il rialzo termico a] 2°C – e scendere a zero entro il 2050, rispetto al 2075 [per il rialzo termico di] 2°C. Ciò richiederebbe prezzi del carbone da tre a quattro volte superiori, rispetto a un target di 2°C. Ma non fare nulla comporterebbe costi molto più alti.

“Abbiamo presentato ai governi scelte piuttosto difficili. Abbiamo sottolineato gli enormi vantaggi del mantenimento [del rialzo termico] a 1,5°C, e anche il cambiamento senza precedenti dei sistemi energetici e dei trasporti che sarebbe necessario per raggiungere tale obiettivo”, ha affermato Jim Skea, Co-Presidente del gruppo di lavoro sulla mitigazione. “Dimostriamo che può essere fatto all’interno delle leggi della fisica e della chimica. Quindi la casella di spunta finale è la volontà politica. possiamo dare una risposta in merito. Solo la nostra platea può – e sono i governi che la recepiranno”.

Ha detto che il principale risultato del suo gruppo era la necessità di urgenza. Sebbene siano stati fatti progressi inaspettatamente positivi nell’adozione delle energie rinnovabili, la deforestazione per l’agricoltura stava trasformando un naturale bacino di carbone in una fonte di emissioni. Sono giunti a una situazione di stallo anche i progetti di cattura e stoccaggio del carbonio, essenziali per ridurre le emissioni nel settore del cemento e dello smaltimento dei rifiuti.

È essenziale invertire queste tendenze, nel caso che il mondo abbia qualche possibilità di raggiungere [il rialzo termico di] 1,5°C, senza fare affidamento sulla tecnologia non sperimentata della modifica della radiazione solare e di altre forme di geoingegneria, che potrebbero avere conseguenze negative.

Un passaggio a nord-ovest quasi senza ghiaccio nell’Artico nell’agosto 2016. Fotografia: VIIRS / Suomi NPP / Nasa

In prospettiva della settimana finale dei negoziati, c’erano timori che il testo del rapporto sarebbe stato annacquato da Stati Uniti, Arabia Saudita e altri Paesi ricchi di petrolio, riluttanti a prendere in considerazione tagli più ambiziosi. Gli autori hanno detto che nulla di concreto è stato tagliato dal testo.

Bob Ward del Grantham Research Institute on Climate Change ha detto che il documento finale è stato “incredibilmente conservatore”, perché non ha menzionato il probabile aumento dei rifugiati per il clima o il rischio di punti di rottura, che potrebbero spingere il mondo verso un percorso d’irreversibilità dell’estremo riscaldamento.

Il rapporto sarà presentato ai governi, alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima in Polonia, alla fine di quest’anno. Ma gli analisti dicono che c’è molto lavoro da fare, anche con le nazioni a favore [dell’Accordo] di Parigi coinvolte nell’estrazione di combustibili fossili, il che va contro lo spirito dei loro impegni. La Gran Bretagna sta portando avanti il ​​gas fracking, la Norvegia  l’esplorazione petrolifera nell’Artico, e il governo tedesco vuole o abbattere la foresta di Hambach per estrarre il carbone.

Al livello attuale degli impegni, il mondo è in rotta per un disastroso [rialzo di] 3°C di riscaldamento. Gli autori del rapporto si rifiutano di accettare la sconfitta, ritenendo che il danno sempre più visibile, causato dal cambiamento climatico, sposterà l’opinione verso la loro visione.

“Spero che questo possa cambiare il mondo”, ha detto Jiang Kejun, del Dipartimento per la Ricerca Energetica Cinese semi-governativo, che è uno degli autori. “Due anni fa, anche io non credevo che 1,5°C fosse [un rialzo termico] possibile ma, quando guardo alle opzioni, ho fiducia che si possa fare. Voglio usare questo rapporto per fare qualcosa d’importante in Cina.”

La tempistica è stata buona, ha detto, perché il governo cinese stava elaborando un piano a lungo termine per il 2050 e c’era più consapevolezza tra la popolazione sul problema dell’aumento delle temperature. “Le persone a Pechino non hanno mai vissuto così tante giornate calde come in quest’estate. Le ha fatte parlare di più dei cambiamenti climatici”.

A prescindere dagli Stati Uniti e dal Brasile, ha detto, la Cina, l’Europa e le grandi città potrebbero procedere. “Possiamo dare un esempio e mostrare cosa si può fare. Questo riguarda più la tecnologia che la politica.”

James Hansen, l’ex scienziato della Nasa che  ha contribuito a dare l’allarme sui cambiamenti climatici, ha affermato che sia [il rialzo termico di] 1,5°C che [quello di] 2°C porterebbero l’umanità in un territorio inesplorato e pericoloso, perché entrambi sono stati riscontrati ben al di sopra dell’intervallo [di valori] dell’età dell’Olocene, in cui si sviluppava la civiltà umana. Ma ha detto che c’era un’enorme differenza tra i due: “[il rialzo termico di] 1,5°C offre ai giovani e alla generazione successiva buone probabilità di combattere per tornare all’Olocene o avvicinarci ad esso. Questo è probabilmente necessario se vogliamo mantenere le coste dove sono e preservare le nostre città costiere “.

Johan Rockström, un coautore del recente rapporto di Hothouse Earth , ha detto che gli scienziati non hanno mai discusso in precedenza della [prospettiva di rialzo termico di] 1,5°C, che inizialmente era considerato come una concessione politica ai piccoli Stati insulari. Ma ha detto che l’opinione è mutata negli ultimi anni, insieme alle prove sempre maggiori dell’instabilità climatica e all’approccio di punti di svolta che potrebbero spingere il mondo fuori da un percorso, che potrebbe essere regolato dagli abbattimenti delle emissioni.

“Il cambiamento climatico si sta verificando prima e più rapidamente del previsto. Anche al livello attuale del riscaldamento di 1°C, è qualcosa di difficile”, ha detto [Rockström] al Guardian. “Questo rapporto è davvero importante. Ha una fondatezza scientifica che dimostra che [il rialzo termico di] 1,5°C non è solo una concessione politica. C’è una consapevolezza sempre maggiore del fatto che [il rialzo termico di] 2°C è rischioso.”

 

Jonathan Watts

Fonte: https://www.theguardian.com/

Link: https://www.theguardian.com/environment/2018/oct/08/global-warming-must-not-exceed-15c-warns-landmark-un-report

08/10/2018

Scelto e Tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

 

Pubblicato da Davide