Home / ComeDonChisciotte / COLONNA DI NUBE BIBLICA

COLONNA DI NUBE BIBLICA

DI GILAD ATZMON
gilad.co.uk

Ancora una volta oggi abbiamo imparato che nello Stato ebraico, il sangue dei goyim si traduce in potere politico. Per vincere le elezioni israeliane, Benjamin Netanyahu sente il bisogno di presentarsi all’elettore israeliano con una corposa pila di cadaveri palestinesi.

Come nei precedenti casi di operazioni di genocidio da parte dell’IDF, l’attuale operazione militare denominata Pillar of Cloud (“Colonna di Fumo” ) ha anche una connotazione biblica. Nel Libro dell’Esodo 13:21-22 , si trovano le seguenti parole: “E l’Eterno andava davanti a loro, di giorno in una colonna di nuvola per guidarli nella via, e di notte in una colonna di Fuoco per Far loro luce”.Apparentemente, l’attuale assalto omicida israeliano contro i civili è coerente con l’interpretazione laica sionista del Vecchio Testamento. “… È necessario distruggerli completamente. Non fare alleanza con loro e mostrare loro senza pietà.” (Deuteronomio 7:1-2). Questa volta però non è Dio a guidare il suo popolo eletto. In realtà è un criminale di guerra democraticamente eletto, che è stato scelto dalla gente preferita da Dio..

Alcune menti ‘progressiste’ tra di noi insistono sul fatto che non dovremmo mai fare riferimento alla ebraicità dello ‘Stato ebraico’. Ma temo che, considerando il livello emergente della barbarie israeliana e alcune connotazioni chiaramente bibliche, tale tendenza critica è inevitabile.

Gilad Atzmon
Fonte: www.gilad.co.uk
Link: http://www.gilad.co.uk/writings/pillar-of-biblical-cloud.html
15.11.2012

Traduzione a cura di www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • Kvas

    “Alcune menti ‘progressiste’ tra di noi insistono sul fatto che non dovremmo mai fare riferimento alla ebraicità dello ‘Stato ebraico’. Ma temo che, considerando il livello emergente della barbarie israeliana e alcune connotazioni chiaramente bibliche, tale tendenza critica è inevitabile.”

    Questa è una banale generalizzazione. Bisogna fare dei distinguo che anche un bambino è in grado di comprendere.
    La religione serve a controllare un popolo ignorante ed è la principale leva sulla quale i poteri forti agiscono per far fare ai propri adepti ciò che vogliono. Chi comanda non è religioso, non è così stupido, ma sa che la religione è la migliore delle armi di distruzione di massa e quindi la usa.

  • mincuo

    Vedo già un intervento della “Comunità Internazionale”, delle ONG, di Human Rights Watch, soprattutto Soros, vedo già titoloni in prima pagina di condanna ad Israele, Facebook inondata di indignati, l’ONU pronta a una Risoluzione, l’Europa stilare una mozione, gli USA preparare sanzioni economiche, la Clinton minacciare un intervento in nome dei “diritti umani”.

  • Jor-el

    L’oscar dell’informazione è da consegnare ancora una volta al sito di La Repubblica. C’è un link che dice “Gaza: il lancio dei razzi”. Clicchi e il link ti porta a una serie di foto in cui si vede il lancio di missili… israeliani!

  • Penta

    Credo che l’oscar della disinformazione vada invece al titolo del Sole 24 “Secondo giorno di attacchi in Medio Oriente. Colpito palazzo a Sud di Israele, almeno tre morti – “, seguito a ruota dal corriere:” Continua l’offensiva su Gaza – Video Razzi su Israele: 3 morti, appello Onu “

  • cardisem

    No, caro, non ci siamo con il “banale”. Di banale qui non vi è proprio nulla. Chi ha tradotto il testo credo che abbia attinto dal blog di Gilad, dove tra una suonata e l’altra (è un astro mondiale del jazz) Gilad scrive qualche commento sulla attualità… Ad esempio, in materia strettamente religiosa sa chi sono quelli di Neturei Karta… Non posso riassumerti qui il suo libro sulla “identità ebraica” che non riguarda gli aspetti religiosi del giudeo, ma tratta proprio la questione della identità sionista che potrei qui riassumerti in una battuta, sempre ricavata dal testo di Atzmon: vi sono categorie di ebrei che si considerano in primo luogo esseri umani, e poi per puro caso l’essere ebrei. Invece il “sionista” di cui parla Atzmon si sente in primo luogo “ebreo” (…) e poi solo per caso essere umano… Nel brano citato Atzmon, a mio avviso, intende dire che i “sionisti” ha preso dal trucido racconto biblico proprio ciò che vi è di più criminale e che i religiosi religiosi (non i sionisti religiosi che non hanno nulla a che fare con i pochi giudei della Torah ancora rimasti) evitano di prendere alla lettera… Insomma, se vuoi confrontarti con Atzmon (lo raccomando) devi leggerti il libro che doveva già uscire in italiano e che tarda stranamente ad uscire… e più non dico.

  • cardisem

    Ancora, per cercare di essere più chiaro. Atzmon non si occupa della “religione giudaica”, ma dell’identità sionista e della sua politica identitaria…

  • Ercole

    Proletari palestinesi ed israeliani non regalate il vostro sangue alle vostre borghesie ,liberatevi degli orpelli religiosi ,e rivoltate le armi contro chi vi comanda , non ci sono patrie da difendere , il nemico e sempre in casa vostra….imparate a fraternizzare in quanto classe oppressa dai sionisti ,e da hamas, solo cosi potrete mettere fine alla barbarie imperialista.

  • mincuo

    Il Giornale “Razzi su Tel Aviv” e di spalla: “Da Gaza tiri contro le città israeliane, mentre l’esercito prende di mira obiettivi legati a Hamas nella Striscia. Haaretz: approvato piano per un nuovo attacco aereo nelle prossime ore”.
    La Stampa: “Razzo di Hamas su Tel Aviv, morti a Gaza” e di spalla: “Medioriente in fiamme, raid sulla Striscia ed esplosioni in Israele”. La Casa Bianca: «Dagli islamisti violenze ingiustificabili».
    Il Messaggero: “Paura in Israele, missile colpisce Tel Aviv”
    Raid aerei su Gaza, morti e feriti. Hamas: basta o sarà pioggia di razzi.
    L’ANSA: Razzo colpisce Tel Aviv, Israele: ‘La pagheranno’
    Libero:”Hamas, razzo su Tel Aviv, Israele risponde con i raid”

  • mediterraneo

    E giu’ bombe all URANIO che rovivano – rovineranno la vita a GENERAZIONI. Solo odio

  • Fabriizio

    allucinante.

  • albsorio

    ” Proletari palestinesi ed israeliani non regalate il vostro sangue alle vostre borghesie”…. sei un mito 🙂

  • Affus

    c’è un grosso problema in questa interpretazione biblica, qui sono i palestinesi i veri discendenti del popolo eletto, solo che non sono tutti sionisti, parecchi si sono convertiti all ‘islam.Peccato! Questi gruppi di coloni sionisti non c’entrano nulla col racconto biblico .

  • Wotan

    Colpi di coda di un regime morente.

  • mincuo

    Forse con il Talmud magari.

  • Ercole

    il mio e realismo ,i miti li lascio a chi fa proprie, le ideologie alla moda .

  • fernet

    Goyim lo vai a dire a tua sorella

  • cardisem

    Se leggi meglio la citazione che tu stesso hai fatto vedi che si parla di “ebraicità”. Ebbene, nel libro che ti ho citato da Atzmon “ebraicità” non significa la “religione”, su cui Atzmon non entra. “Ebraicità” in Atzmon significa la identità razziale su cui fa perno il sionismo. Nel sito di Atzmon esiste anche un articolo o un video relativo ad un suo incontro con i giudei di Neturei Karta, di cui sa bene che sono una sparuta minoranza… ma se proprio si vuole parlare di “religione” è qui che bisogna andare… il “sionismo religioso” dei fanatici settler di Israele non ha nulla a che fare con il giudaismo religioso (di Neturei karta) ma molto a che fare con l’identità razziale, con il primatismo razziale ebraico, con l’ebraicità…. Io mi auguro che queste distinzioni diventino familiare ad un pubblico colto come quello di Come don Chisciotte e penso che ciò possa avvenire se intorno all’edizione italiana del libro di Atzmon (che qualcuno vuole già boicottare) si aprirà un ampio e approfondito dibattito.

  • cardisem

    Poichè non è possibile dare il link, metto in allegato un copia ed incolla sulla “colonna di fumo”. Ne faccio una introduzione. Non sono importanti tanto le cazzate che vi si leggono, ma chi li scrive, ossia un “evangelico”, un “cristiano sionista”, ossia quelli che credono che Israele abbia tutto il diritto di ammazzare i palestinesi, quelli che prendono alla lettera il brano biblico citato da Atzmon. Il testo messo in allegato lo si trova nel sito cristiani sionista Notizie su Israele [www.ilvangelo-israele.it]. Quindi, se vogliamo tornare a parlare di “religione” conviene di più prestare attenzione alla infiltrazione dei sionismo all’interno del cristianesimo e perfino del cattolicesimo. Veramente gli evangelici di cristiano non hanno nulla, sono in pratica dei giudeo-sionisti, mentre lo stesso cattolicesimo è ormai ampiamente inquinato. Il “sionismo” dispone sì di armamenti atomici, ma la sua forza maggiore è nella opinione, nel pregiudizio che ha saputo creare in oltre un secolo in tutta la nostra sovrastruttura intellettuale, per usare termini gramsciani.

    ______
    ALLEGATO:

    Che cosa vuole ottenere Israele?

    Gli obiettivi dell’operazione “colonna di nuvola”

    di Johannes Gerloff
    corrispondente evangelico da Gerusalemme

    “Se i nostri bambini non possono dormire in pace”, ha detto il ministro israeliano degli Interni Eli Yishai, “deve essere chiaro che anche loro non potranno dormire bene!” Il parlamentare del Likud Dan Danon è della stessa opinione: “Senza la pace nel sud di Israele, non ci può essere pace neanche a Gaza! ” Di questo parere è la stragrande maggioranza della popolazione israeliana, cosicché anche i politici che in vista della campagna elettorale avrebbero usato toni completamente diversi e avrebbero piuttosto assunto il ruolo di opposizione e alternativa, hanno dovuto concordare: l’obiettivo principale dell’operazione “colonna di nuvola” è portare la pace nel sud di Israele.
    E ‘notevole – soprattutto in vista della campagna elettorale – come i leader politici, che spesso sono stati “provetti” militari, sottolineino parole come “la più grande pace” e sicurezza possibili. Chiunque conosca la situazione in ed intorno a Israele sa che la pace assoluta e la sicurezza sono un lusso che lo Stato ebraico nella sua esistenza di almeno mezzo secolo di vita non ha mai potuto godere.
    Di conseguenza, il ministro israeliano della difesa Ehud Barak ha definito “il ripristino del potere deterrente dell’esercito” come il primo obiettivo. Con Hamas, che non riconosce il diritto fondamentale di Israele ad esistere e rifiuta Israele per motivi religiosi, non si deve parlare. Tuttavia, le regole del gioco nei rapporti reciproci a cui la storia ha condannato i due acerrimi nemici devono essere ridefinite. I politici di Israele forse hanno anche voluto inviare un messaggio all’organizzazione madre di Hamas, i Fratelli Musulmani in Egitto. “Qui prendiamo atto di un nuovo Medio Oriente”, riconosce la nota giornalista israeliana Ajalah Chason-Nesher “, ma non come lui [il presidente Shimon Peres] ha pensato”, che ha coniato l’espressione “Nuovo Medio Oriente” nei tempi di speranza che avevano caratterizzato gli accordi di Oslo.
    Un altro obiettivo della guerra israeliana è di limitare in modo significativo le capacità delle organizzazioni terroristiche a Gaza di sparare razzi su Israele. Quasi in contemporanea con l’attacco a Ja’abari sono state bombardati almeno venti depositi di armi in tutta la Striscia di Gaza. Per anni i servizi segreti israeliani hanno aggiornato database creati per questo scopo, con particolare attenzione ai missili 5-Fajr , che negli ultimi mesi sono arrivati a Gaza soprattutto dalla Libia e hanno una portata di più di 70 chilometri.
    Israele non ha alcun interesse a rovesciare il regime di Hamas a Gaza, in quanto Fatah e la sua Autorità Palestinese, comunemente considerata più moderata, non ha da offrire alcuna alternativa. Come una delle ultime rappresentanti di rango delle vecchie dittature arabe, che la cosiddetta “primavera araba” ha fatto sparire dalla scena politica, Fatah adesso si trova con le spalle al muro. Come alternativa ad Hamas Israele quindi vede solo un caos di jihadisti salafiti e ogni sorta di altri terroristi che potrebbero colmare un vuoto di potere a Gaza. Quindi, chiaramente l’obiettivo dell’operazione militare israeliana non è la distruzione delle strutture del terrore di Hamas, ma solo la loro restrizione. Il ministro delle finanze Yuval Steinitz comunque ha detto alla radio israeliana, la mattina prima dell’inizio dell’operazione “colonna di nuvola”, che alla lunga non si potrebbe permettere che nella striscia di Gaza si costituisca un esercito islamico che abbia l’obiettivo di distruggere Israele.

    (israelnetz.com, 15 novembre 2012 – trad. http://www.ilvangelo-israele.it)

  • haward

    L’azionista di riferimento di Repubblica è Carlo De Benedetti. La Stampa ed il Corriere della Sera sono di proprietà del gruppo Exor Fiat, con a capo John Elkann, nipote di Jean Paul Elkann che è stato per circa vent’anni il capo del concistoro ebraico di Parigi. Principale firma per il Medio Oriente del Giornale è l’onorevole Fiamma Nirenstein. Direttore del Foglio è Giuliano Ferrara. Questo solo per rimanere in Italia. Ricordo a tutti che il 16 ottobre è stata depositata in Parlamento una proposta di legge, sottoscritta da tutti i partiti, per perseguire penalmente ogni forma di Revisionismo sugli atti del processo di Norimberga.
    Il vero scontro di civiltà, ormai, è in atto da tanti anni e, forse, è arrivata l’ora di capirlo. Israele non si fermerà, ha appena iniziato a Gaza contro i goym Palestinesi, anche grazie al compiacente aiuto di Hamas (creata come Al Qaeda), e, se non sarà fermato, proseguirà in Lbano, Siria ed Iran.

  • Kvas

    Cambia l’ordine degli addendi ma il risultato non cambia.
    L’identità sionista è legata alla religione ebraica, ergo sempre di religione si tratta. E’ il vecchio testamento che parla di popolo eletto (non so di cosa parla la torah, non l’ho mai letta, mi è bastata quella porcata della bibbia), quindi la sostanza non cambia. Se chi comanda in israele si sente superiore, sicuramente non si sente tale in quanto EBREO, ma in quanto più furbo degli altri, come tutti i capi di stato/politici, ma soprattutto i grandi industriali e chi è a capo delle corporate.

  • Cataldo

    L’urgenza di ammazzare il capo militare di Hamas, e di conseguenza scatenare la strage su Gaza, ha uno scopo politico di primaria importanza, che non si esaurisce nelle elezioni Israeliane. In primis è uno schiaffo in faccia ad Obama, inteso come riferimento politico e parafulmine del potere USA, per richiamarlo alla realtà, e forzare al più presto una purga dei “realisti” alla Panetta dalla sua amministrazione. Questa escalation è stata ampiamente annunciata, nelle sue determinazioni politiche generali, da diversi mesi, fa parte di una più ampia operazione, che ha come scopo primario riportare l’ammministrazione nei binari soliti, ovvero servire gli interessi della dirigenza israeliana, dirigenza che basa il suo potere solo ed esclusiìvamente sullo stato di guerra. Le ultime mosse USA in medio oriente sono molto sospette per gli israeliani, troppo elaborate e complesse, troppo understamente sul ruolo USA, troppa libertà di azione per i gruppi armati finanziati dai sunniti, Saud in testa.
    Purtroppo questo significa una sola cosa, che ci si prepara ad una stagione di sangue ancora più tragica di quella recente.

  • Gariznator

    In Libano la scorsa volta ci hanno rimediato una sfumatura più alta del prepuzio, tanto che da veri vigliacchi hanno sparso le bombe a frammentazione negli ultimi giorni di disfatta (hanno distrutto molto ma se non erro le loro spese per i cacciabombardieri e i carri armati sono state superiori alle spese per la ricostruzione, ma loro hanno i soldi e non se ne preoccupano) per questo se israele sbaglia avversario rischia di finire castrato… Per ora solo con gaza se la possono prendere… A mio avviso chiaramente. Noi spalleggiamo quanto vogliamo ma il giorno in cui i nostri fratelli mussulmani avranno il membro di traverso potremmo trovarci pure la guerra in casa e francamente non mi sentirei di biasimarli

  • haward

    Condivido. La gente, prima o poi, aprirà gli occhi.

  • Jor-el

    Oggi ho sentito alla radio una notizia inquietante: tre arresti (o forse solo denunce ? non ricordo) in Italia per antisemitismo (“istigazione all’odio razziale via web”, precisava lo speaker) . Sapete nulla? Occhio che sono diventati più cattivi, una volta perseguivano soltanto i nazi, adesso mi sa che anche una critica radicale al sionismo potrebbe finire nel mirino.

  • Jor-el

    No, falso allarme, è il solito stormfront http://www.corriere.it/cronache/12_novembre_16/odio-razziale-perquisizioni-arresti-internet_c8eb1618-2fb9-11e2-9676-750af71025bf.shtml
    Ok, sono dei neonazisti esaltati, ma non vi sembra un po’ esagerata una retata così? E poi, proprio in coincidenza con le operazioni militari a Gaza…

  • mincuo

    Condivido. La gente, prima o poi, aprirà gli occhi.
    Non credo.

  • cardisem

    Sto seguendo da questa mattina e mi puzza che è la stessa operazione che è scattata in prossimità di Piombo Fuso… Ricordate? Poi il vescovo fu del tutto assolto in appello, ma gli stessi media che lo avevano messo alla gogna, ben si guardarono anche soltanto di dare notizia dell’avvenuta assoluzione… In pratica, dietro a tutto questo vi è certamente Israele, la cui forza è nel grado di penetrazione nelle nostre istituzioni… Se Grillo non riesce a sbaraccarli, succederà che appena si nomina… invano e senza reverenza il nome di Israele, scatterà subito una sanzione penale… La colpa di quelli di Storm Front (non esiste nessun reato) è quella di aver toccato Israele e le sue quinte colonne nel nostro paese…. Io mi auguro che questa ennesima porcata susciti una reazione compatta, comprendendo che non si tratta di difendere gli arrestati, ma i diritti di ognuno e di noi stessi…

  • cardisem

    appunto! Esagerato e con una chiosa:
    non esistono “neonazisti” e soprattutto quando si tratta di violazioni di diritti costituzionali, non vi deve essere nessuna riserva (OK sono dei “neonazisti”), altrimenti si fa il gioco altrui… I diritti costituzionali o sono di tutti, cominciando dai casi marginali (senza distinguo!) o vanno a farsi fottere per tutti noi e non esiste più nessun altro legge che quella del si salvi chi può ed a qualsiasi prezzo, anche il più ignobile.

  • cardisem

    Perché “falso allarme”? Gli arresti ci sono stati… Non capisco dove sta il falso allarme. E credi che si fermeranno lì? Credi che l’area commenti di questo Forum è al sicuro? Già per aver detto male di Israele stai certo che siamo stati “schedati”…

  • cardisem

    Neppure io credo che la gente prima o poi aprirà gli occhi, se qualcuno non glieli fa aprire. Io mi trovo spesso a difendere la “gente”, perché vedo tanti poveri cristi con infiniti problemi da risolvere (pranzo e cena, mutuo, lavoro, malattia, scuola, istruzione, vita sentimentale…) e mi sembra davvero idiota pretendere da loro che seguano tutte le sottigliezze non già della politica interna che toglie loro il lavoro e peggiora la loro esistenza, ma addirittura che seguano anche la politica internazionale al di là delle menzogne e manipolazioni dei cinque secondi di televisione dove sentono il nome Gaza… e magari pensano che si trovi in Australia… Tutto il dovere si trova invece in chi pensa di saperne e di capirne… Questi deve assumersi lui tutto il ruolo, tutta la responsabilità e non aspettare che la gente capisca… Chi ha il privilegio di poter pensare e sapere non lo ha solo per sé, ma lo ha anche e soprattutto per chi non sa e non può pensare… È davvero un fardello assai pesante…

  • Ercole

    bombardamenti di pace e portaerei umanitari, e questa la pax dell,imperialismo planetario…

  • cardisem

    No, guarda le distinzioni sono importanti… Altrimenti come ti spieghi come ti spieghi che quelli di Neturei Karta considerino lo stato di Israele come una bestemmia vivente contro Dio, che spiegano come Israele nel senso religioso debba intendersi come un luogo dello spirito e della liturgia, non come uno stato reale compiuto mediante violazione dei comandamenti: non uccidere, non rubare, non mentire… addirittura se ricordo bene vi sono alcuni che hanno addirittura intepretato ciò che Hitler ha fatto agli ebrei come una punizione divina… A mio avviso, Atzmon è innovativo ed esplosivo quando definisce il sionismo come “razzismo”, forse la forma peggiore che si è mai avuta… Se vuoi posso essere d’accordo con te che vi sono relazione fra le due cose, allo stesso modo come da un cancro benigno se ne può generare uno maligno, ma se rifiutiamo il principio di distinzione, allora rifiutiamo il principio del progresso scientifico nella conoscenza delle cose…. Chi viene da una Russia affamata e si trova chiavi in mano la casa sottratta ad un palestinese ed altri vantaggi, se ne fotte della religione sia essa giudaica, cristiana o musulmana… se poi qualcuno poi gli dice che il suo contratto di proprietà è stipulato con l’Immobiliare Javeh Balfour & Co. è pure disposto a crederci, più di quanto un rabbino di Neturei Karta creda nella Torah…

  • Jor-el

    C’è stato un tempo, in Italia, in cui i crimini di Israele erano riconosciuti come tali da una larga parte della pubblica opinione. E questo nonostante Settembre Nero, i dirottamenti, gli attacchi agli aeroporti. Quelle azioni estreme e clamorose obbedivano a una logica precisa: la Resistenza doveva dare segno di esistere, alche in modo brutale, altrimenti il popolo Palestinese si sarebbe spento nel silenzio. Anni di lotte durissime e di indicibili sacrifici hanno dimostrato che il popolo palestinese no ha mai smesso di appoggiare i suoi combattenti, ma non sono stati anni di vittorie, anzi. L’ala sinistra della Resistenza è stata decimata, finché a rappresentare il popolo palestinese è rimasto soltanto un partito di centro-destra e una movimento islamista. Posto il fatto che Israele è l’oppressore e i Palestinesi gli oppressi, e che quindi è giusto comunque appoggiare l’azione politico-militare di Hamas e della Jiahd Islamica, non posso che rallegrarmi che il FPLP abbia ripreso la sua attività politica e militare a Gaza e nel resto dei Territori. Vorrei ricordare che quando il provocatore USA Cossiga accusò i palestinesi di essere gli autori della strage alla stazione di Bologna, fra tutte le formazioni combattenti indicò, guarda caso, proprio l’FPLP, partito di ispirazione marxista leninista.

  • Jor-el

    la cosa più impressionante è la spudoratezza e come confidano sulla corta memoria della gente. Lo stesso, identico schema di quattro anni fa, nello stesso periodo, quasi le stesse modalità. Non si stancano mai, non temono nemmeno il ridicolo. Sarebbero da ammirare se non fossero così malvagi.

  • haward

    Da quando c’è stata la svolta atlantista del PCI la Sinistra italiana ha smesso di appoggiare i Palestinesi e si è buttata tra le braccia di Israele. Ricordo che Napolitano, principale artefice di quella svolta, ha recentemente ricevuto la più alta onorificenza dello Stato ebraico, il Dan David. Ricordo anche che fine hanno fatto Moro e Craxi, considerati filopalestinesi insieme ad Andreotti, anche lui. comunque, stoppato. In generale tutta la Sinistra europea ha obbedito, come sempre, al suo autentico padrone, l’ebraismo e, quando anche in Israele si è deciso di cambiare direzione politica e di svoltare decisamente a destra, si è prontamente adeguata.

  • Jor-el

    Non che la Destra atlantista sia stata da meno! L’immagine di Fini con la kippah in testa val più di mille analisi. E anche il buon Alemanno si è fatto il suo bravo pellegrinaggio a Washington, con una bella visita al museo dell’Olocausto. Per non parlare dell’ex Ministro della Difesa La Russa, che ispiratosi all’operazione Piombo Fuso si comprò dalla Boeing le stesse bombe usate dagli israeliani per i ben noti massacri.

  • cardisem

    penso che siano degli “piscopatici”… ma sarebbe lungo da spiegare come si intende per “psicopatici”, e spero tu lo sappia.

  • cardisem

    Per chi ancora segue la discussione segnalo questa Intervista [www.infopal.it], appena uscita, su Infopal. La sto ancora leggendo…