Home / Economia (pagina 11)

Economia

Articoli e notizie di carattere economico locale e internazionale

LA CELEBRAZIONE DEL 1%. L’INEGUAGLIANZA FA BENE ALL’ECONOMIA ?

DI MICHAEL HUDSON counterpunch.org Parafrasando Mark Twain, tutti si lamentano dell’ineguaglianza, ma nessuno fa qualcosa contro di essa. Ciò che al contrario accade spesso è di usare il concetto di ineguaglianza come pretesto per proiettare le proprie vedute su come rendere la società più prospera ed allo stesso tempo più equa. Queste vedute dipendono in larga parte dal fatto che l’osservatore abbia una considerazione dell’1% come innovativo, intelligente, creativo, che la sua ricchezza sia dovuta al suo apporto al resto …

Leggi tutto »

UN PROBLEMA GIGANTE

FONTE: ECONOMIST.COM L’ascesa di aziende colossali minaccia sia la concorrenza sia la legittimità del mercato DISCONTINUITA’ può essere lo slogan del momento nelle sale riunioni societarie, ma oggi l’aspetto più dirompente del mercato non è il rovesciamento dell’ordine costituito. E’ il trinceramento di un gruppo di aziende superstar al centro dell’economia globale. Alcune di queste sono vecchie imprese, come GE (General Electric), che si sono reinventate. Alcune sono eccellenze dei mercati emergenti, come Samsung, che hanno colto le opportunità offerte …

Leggi tutto »

IL PENTAGONO – UNA VORAGINE DI DENARO

DI DAVE LINDORFF counterpunch.org Che cosa potrebbe succedere se l’ispettore generale del Dipartimento di Salute e dei Servizi Umani dovesse rilevare che dai libri contabili risulta che si sono persi seimila e cinquecento miliardi e che questi soldi sono irreperibili? Potremmo immaginare che titoli farebbero i giornali, giusto? E se si fosse trattto di 65 mila-miliardi di dollari? I titoli sarebbero a caratteri grandi come quelli del primo sbarco sulla luna o dello sbarco a Omaha Beach nella seconda guerra …

Leggi tutto »

COME SI TROVANO I SOLDI PER LA RICOSTRUZIONE ?

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Anche se mi occupo di economia, sono pur sempre un ingegnere strutturista originario delle Marche, quindi so cosa significa un terremoto, non solo per averlo vissuto più volte come cittadino, ma anche e soprattutto perché ho visionato per lavoro molti edifici più o meno lesionati. E’ una esperienza traumatizzante, perché ti viene subito da pensare alle persone che ci vivevano. Noi abbiamo la percezione che gli edifici siano destinati alla nostra protezione, sia nei confronti delle …

Leggi tutto »

DI CHI E’ LA SOVRANITA’ MONETARIA ?

Rotativa che stampa banconote

  DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org La domanda del titolo ha una grande importanza, perché certamente il denaro è in grado di risolvere la maggior parte dei problemi economici che abbiamo. Ognuno di noi può avere una idea diversa di come potrebbe farlo, ma è indubbio che se lo Stato potesse creare denaro, avrebbe possibilità economiche che oggi gli sono precluse, quali ridurre il debito pubblico e gli interessi conseguenti, finanziare investimenti produttivi, ridurre le tasse o i costi dei servizi …

Leggi tutto »

CHI CREA IL DENARO CHE USIAMO ?

  DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Da qualche mese il sistema bancario è sotto l’occhio del ciclone, le persone hanno cominciato a rendersi conto che nel bene e nel male, è lì che si annidano molti dei problemi che abbiamo, ma nessuno capisce perché. La questione ha cominciato a chiarirsi soprattutto quando per la prima volta nel 2012, Sir Marvyn King, Governatore della Bank of England, ha ammesso che nella creazione di denaro, il ruolo di gran lunga maggiore viene svolto …

Leggi tutto »

A CHI DOBBIAMO RESTITUIRE IL DEBITO PUBBLICO ?

  DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Ci siamo talmente abituati alla crisi economica, che facciamo fatica ad immaginare che possa esistere una società che non ne sia caratterizzata. Sono anni che ci ripetono che il debito pubblico è insostenibile e che dobbiamo seguitare con politiche di austerity perchè in questo modo riusciremo a risolvere il problema : ma nonostante i grandi sacrifici a cui ci sottoponiamo, la situazione invece che migliorare, peggiora. Tutti gli Stati del mondo sono indebitati, per una …

Leggi tutto »

DA COPENAGHEN AI BOND: BREVE STORIA DEI RISPARMIATORI, FESSI DI PROFESSIONE

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Il risparmiatore è il fesso istituzionale del sistema del denaro. Perché, avendone poco, lo presta, attraverso l’intermediazione delle banche, ai ricchi perché diventino sempre più ricchi. Se poi a costoro le cose van male scaricano i loro debiti, divenuti inesigibili, sulle banche che, a loro volta, li scaricano sui risparmiatori che, in varie forme (conti correnti, obbligazioni) vi han depositato i propri quattrini. Il fatto è che esiste una regola generale, quella enunciata da Vittorio Mathieu …

Leggi tutto »

MA E’ ANCORA SICURO INVESTIRE IN TITOLI DI STATO ?

  DI MINCUO Forum di comedonchisciotte.org Scrissi qui già nel 2013 a riguardo. Può risultare utile richiamare il tema. Riguarda il fatto che i cittadini sono abbastanza convinti che l’investimento in Titoli di Stato sia sicuro, a meno di catastrofi, come è sempre stato. Tuttavia qualcosa è mutato da 2 anni, ed è qualcosa di sostanziale. Vista l’entità del debito Italiano e soprattutto la sua dinamica forse non è fuori luogo che io riprenda l’argomento.

Leggi tutto »

SOLO AL TELEUTENTE POSSONO…

DI MINCUO dal forum di comedochisciotte.org -Solo al teleutente possono far credere che migliaia o perfino decine di migliaia di persone si muovano “spontaneamente” cioè che tutti decidano dalla mattina alla sera di prendere lo zaino e andare via da un Paese alla cieca. -Solo al teleutente possono cioè far credere che migliaia o decine di migliaia di persone non siano organizzate, scaglionate e prima ancora preavvertite di quando partire. -Solo al teleutente possono far credere che le autorità dello …

Leggi tutto »

LA BORSA CINESE

DI MINCUO forum di comedonchisciotte.org Bisogna fare una premessa. Dato lo spazio è quello che è ma cerco lo stesso di spiegare: – La Cina è retta da un partito unico, il Partito Comunista Cinese e di fatto è quindi una dittatura. – L’economia e anche il tipo di sviluppo non hanno però quasi niente di comunista. Da circa 30 anni iniziò uno sviluppo di tipo occidentale, basato su joint-venture (tenendo la maggioranza Cinese) e volto quasi esclusivamente all’export, dati …

Leggi tutto »

ANALISI GRECA, FUORI DAL CORO

  DI MINCUO forum di comedonchisciotte.org Non penso che ci sia molto da celebrare per questo referendum, onestamente. Nè la miopia e ottusità della Troika, né l’incompetenza, il cinismo e la demagogia di Tsipras & C. durante questi mesi. E anche il loro l’autolesionismo. Perchè a mio avviso hanno probabilmente i giorni contati. Non vedo come si possa anche solo arrivare ordinatamente al referendum di Domenica 5 Luglio, che diventerà con tutta probabiltà un non-sense e/o uno scaricabarile. Arrivare a …

Leggi tutto »

PUO’ L’INTRODUZIONE DI UNA MONETA COMPLEMENTARE ESSERE UNA ALTERNATIVA ALL’USCITA DALL’EURO?

DI ENRICO FERRINI Geopolitica-rivista La crisi che ha colpito i paesi periferici dell’Eurozona ha sollevato il dibattito circa l’opportunità di uscire o meno dall’unione monetaria. L’introduzione di monete complementari, in coesistenza con la valuta principale, costituisce tuttavia una terza via non ancora contemplata seriamente a livello politico ma che conferirebbe più flessibilità e sostenibilità all’intero sistema economico. La moneta continua ad essere il fulcro dell’economia e, per come è concepita oggi, costituisce probabilmente la principale causa dei suoi stessi problemi. …

Leggi tutto »

SULL’IMPATTO DELLE IDEE ECONOMICHE

DI ALEX MARSH Pieria.co.uk Ieri Noah Smith ha analizzato se le idee e gli argomenti degli economisti hanno una grossa influenza sulla politica e sulla pratica. Ha utilizzato una versione modificata di una famosa citazione di Keynes come punto di partenza. Ha poi valutato se è possibile affermare che ci sia un qualche economista vivente che abbia  un’influenza significativa sulla condotta politica. Egli ha citato Paul Krugman, Robert Barro, Martin Feldstein e Greg Mankiw. Sono economisti di alto profilo, i …

Leggi tutto »

LA GRAVISSIMA VICENDA DELLA PRIVATIZZAZIONE DI BANKITALIA

FONTE: SENZASOSTE.IT Tutti ricordiamo il tormentone Imu sì-Imu no, una bolla mediatica che ha accompagnato la vita politica istituzionale per metà 2013. È stato sostituto, sempre con Silvio protagonista (complimenti, anche vicino al sarcofago riesce a condizionare i nanerottoli politici di via del Nazareno) dall’altra bolla mediatica, quella della legge elettorale. Bene, immaginate che casino succederebbe se qualcuno grosso, qualcuno di importante, volesse imporre una bella patrimoniale, di quelle toste. Già, immaginate il coro dei Roberto Speranza, uno che la …

Leggi tutto »

L’ASSICURAZIONE DEI DEPOSITI FINO A 100.000 EUR

DI MINCUO comedonchisciotte.org Vedo di spiegare in due parole di cosa si tratta, perchè mi sembra che si faccia un po’ di confusione tra assicurazione e prelievi forzosi, e perchè anche sulla stessa garanzia sui depositi fino a 100.000 EUR temo che la gente abbia un’informazione non adeguata.

Leggi tutto »

IO HO QUALCHE DUBBIO

DI MINCUO comedonchisciotte.org Io ho qualche dubbio. L’uscita di questo Gallegati mi lascia un po’ perplesso. E’ un po’ difficile da spiegare, ma ci provo. Sopra un certo livello, e cioè a livello professionale, la convenienza per l’Italia a uscire da EUR è un fatto certo, non è cioè una cosa dubbia, o una cosa discutibile, e nemmeno una cosa poco trattata. Sui giornali, blog, TV ecc.. è discutibile, e anche da economisti che magari fanno propaganda per uno o …

Leggi tutto »

PERCHE’ LE DISUGUAGLIANZE STANNO CRESCENDO?

DI VICENÇ NAVARRO Rebelion.org Che nella maggioranza dei paesi dell’OCSE, (il club dei paesi più ricchi del mondo), le disuguaglianze siano andate crescendo dagli inizi del XX secolo fino a raggiungere livelli sconosciuti è una realtà che quasi nessuno mette più in discussione. Solo alcuni ultra liberali, i quali negano persino che sia in atto un cambiamento climatico, continuano negarlo. Le spiegazioni più frequenti che si danno alla crescita di questo fenomeno sono principalmente due. Una è quella che con …

Leggi tutto »

IL DEBITO PUBBLICO IN ITALIA

DI MINCUO Comedonchisciotte.org PREMESSA: Faccio questo post come promesso e aggiungo qualche commento che possa risultare utile anche rispetto alle FAQ che proponeva Baron Corvo. L’informazione non dà quasi mai un quadro di riferimento, e in questo modo può orientare meglio le opinioni. Spero che sia quindi utile, almeno per quelli che preferiscono poter argomentare con dei fatti e formarsi le proprie opinioni a partire da fatti. Mi scuso nel contempo con tutti quelli che saranno invece sommamente infastiditi che …

Leggi tutto »

CHI FERMERA’ I SADO-MONETARISTI QUANDO IN GRECIA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE RAGGIUNGE IL 58% ?

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD The Telegraph Nel mese di agosto il tasso di disoccupazione greco è salito al 25.4%. La disoccupazione giovanile è salita al 58%. Secondo le previsioni ufficiali, l’economia si contrarrà di un ulteriore 4.5% l’anno prossimo, sicché è logico presumere che molte più persone stiano per perdere il lavoro. E le cose non miglioreranno certo in modo significativo negli anni a venire. Questo è ciò che accade quando sei inchiodato nella valuta sbagliata e blocchi ogni possibilità di …

Leggi tutto »

MONETA FIAT, la verità

DI mincuo Comedonchisciotte Premetto che è un post il più condensato possibile, altrimenti non legge nessuno. Perciò è ovviamente incompleto, ma spero sia sufficiente e abbastanza chiaro soprattutto. Sulla fiat-money, moneta fiat o non fiat, cioè commodity-money, moneta-merce (N.B. per chi non è esperto fiat = autorità, cioè moneta che deriva il suo valore essenzialmente da un’autorità, e dalla fiducia della gente, quindi un valore fiduciario, non determinato cioè dal valore intrinseco di un materiale, oro, argento ecc..) è stata …

Leggi tutto »

DEBITO PUBBLICO

  Verifico che il concetto di “debito pubblico” è ancora poco chiaro alla maggioranza delle persone e degli utenti di questo sito. La maggioranza tende ad attribuirlo alla “mala gestione” dello Stato, mentre esso nasce proprio dal sistema della moneta privata addebitata allo Stato dalle banche centrali. Certo la mala gestione ha il suo peso perchè accelera e aggrava il processo MA NON NE E’ LA CAUSA! Credo sarebbe molto utile per tutti poter osservare, attraverso un grafico, l’andamento del …

Leggi tutto »

PIU’ STATO MENO MERCATO

DI JOHN KLEEVES centroitalicum.it/ La leggenda del capitalismo e del libero mercato Dimenticate Marx e pensate ex novo al Capitalismo. Cosa si intende per Capitalismo? Un’economia di libero mercato, il quale lasciato a sé stesso e senza interventi statali permette la creazione di grandi ricchezze concentrate. Si intende questo, eppure se ci pensiamo vediamo che con un mercato veramente libero non potrebbero affatto crearsi grandi ricchezze concentrate: con un mercato veramente libero non potrebbe esserci il Capitalismo! Il fatto è …

Leggi tutto »

DAL 30 APRILE L’ITALIA SI FERMERA’

DI PIERLUIGI PAOLETTI Centro Fondi Il 30 aprile prossimo avranno attuazione le norme “antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo” adottate con il decreto 231 del novembre scorso: dal 1 di maggio non sarà più possibile emettere assegni che non siano nominativi, l’assegno intestato a “me medesimo” potrà incassarlo solo l’emittente presso una banca o presso le poste. Fino a 5.000 euro si potranno emettere assegni nominativi trasferibili solo pagando una imposta di 1,5 euro a modulo e le girate dovranno riportare …

Leggi tutto »

GUERRA TRA CAPITALI

  Dollaro contro Euro: ultime notizie dal fronte di Vladimiro Giacchè (La Contraddizione n. 96 del 05/05/2003) “Se non si fa subito qualcosa, credo che il dollaro possa perdere il suo status di valuta di riserva e di mezzo di scambio mondiale. E questo condurrebbe ad una forte caduta negli standard di vita dei cittadini Usa: una caduta senza confronti da quasi un secolo a questa parte.” [J. Rogers, The downward spiral, marzo 2003] 1. Riassunto delle puntate precedenti. Della …

Leggi tutto »

FACCIAMOGLI DEL MALE…

DI VUK ZLATAN Ok, sono appena tornato da una di quelle sessioni di “training” di una grande multinazionale informatica. Uno di quei momenti dove devi fingere di essere fighissimo, ricchissimo, di fare cose interessantissime per clienti stupendi che non guardano alla lira. Ci hanno detto alcune cose che per molti saranno arcinote. Voglio scriverle qui e farci alcune considerazioni (che li’ non mi avrebbero fatto fare). Allora, la multinazionale per cui ero li’ ha chiuso l’anno fiscale con un fatturato …

Leggi tutto »

La promessa di un mondo post-copyright

di Karl Fogel La storia del copyright ci spiega come esso sia nato per proteggere un modello di business e non gli interessi degli artisti. E sia stato originato dalla censura. Un lungo articolo per spiegare come si può arrivare al superamento del concetto di copyright, in un mondo in cui la creatività non sia dominata dal denaro. L’alternativa è ritornare alla censura. C’è un gruppo di persone che non sono sorprese dalla recente decisione dell’industria discografica di andare in …

Leggi tutto »