Home / ComeDonChisciotte / ANCHE CIPRO VUOL ESSERE SALVATA DALL’EURO

ANCHE CIPRO VUOL ESSERE SALVATA DALL’EURO

DI MARKUS SALZMANN
wsws.org

L’isola mediterranea di Cipro, che assumerà la presidenza dell’Unione europea il 1 ° luglio è stata travolta nel vortice della crisi del debito europeo. Si prevede che la il governo repubblicano dell’isola sarà costretto a chiedere un prestito dai fondi di salvataggio dell’euro. Ciò significa che, subito alle spalle di Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna, Cipro sarebbe il quinto dei 17 paesi dell’area dell’euro a prendere i soldi dal fondo di salvataggio. La scorsa settimana, le agenzie di rating Moody e Standard & Poor hanno declassato il paese allo status di junk, a causa degli stretti legami tra le banche cipriote e gli istituti finanziari greci che detengono una parte consistente di tutti i crediti delle banche cipriote. Entro la fine del mese, la seconda banca del paese, la Banca Laiki, avrà bisogno di un’iniezione di 1,8 miliardi di euro per rispondere alle richieste delle autorità di vigilanza bancaria europee. Questa somma rappresenta circa il 10 % del prodotto interno lordo del paese.

Secondo il Financial Times, le banche cipriote hanno una esposizione di almeno 22 miliardi di euro in prestiti eccezionali privati e aziendali con la Grecia. Già tre miliardi di euro di attivi bancari sono stati azzerati per tagliare il debito. Una qualsiasi azione che preveda l’uscita della Grecia dall’euro significherebbe il completo collasso delle banche di Cipro.

L’economia di Cipro è strettamente legata a quella della Grecia: un quinto del commercio estero e un quarto degli investimenti stranieri hanno come partner la Grecia. Ora Cipro è in recessione per il terzo mese consecutivo, e quest’anno, la produzione economica dovrebbe contrarsi del 1,6%.

Il Ministro delle Finanze cipriota Vasso Shiarly ha descritto la situazione come “estremamente urgente”. L’iscrizione al fondo di salvataggio dell’euro non sarà limitata alle banche. “Se ci si rivolge ad un meccanismo di sostegno, allora si devono prendere in considerazione tutti gli aspetti, comprese possibili insorgenze future” ha dichiarato il Ministro. “Di conseguenza, è necessaria una domanda integrale, che copra non solo le circostanze attuali e la ricapitalizzazione delle banche, ma anche le esigenze future.”

Cipro, cercherà inoltre di ricevere sovvenzioni anche da altre fonti. L’anno scorso ha ricevuto un prestito bilaterale di 2,5 miliardi di euro dalla Russia, e ci sono voci che sta negoziando con la Cina su una iniezione di contanti.

Benché l’economia di Cipro rappresenti solo una piccola parte della zona euro, appena lo 0,2% del totale, l’isola occupa una posizione strategica nel Mediterraneo orientale. Si trova a meno di 200 km dalla costa siriana ed è sede di un’importante base militare britannica. Allo stesso tempo, sono di stanza nel nord dell’isola, nella zona divisa, delle consistenti unità militari turche.

L’ assistenza finanziaria russa (ed eventualmente cinese) a favore di Cipro è senza dubbio legata all’interesse strategico della regione. Il Regno Unito e in particolare la Turchia, sono stati in prima linea tra coloro che chiedono un intervento militare contro la Siria, mentre Russia e Cina sono fermamente contrarie a tale passo.

L’aiuto finanziario a Cipro è una questione controversa in seno alle istituzioni europee. Un portavoce della Commissione Europea, lunedì scorso, ha detto ai media di essere fiducioso che Cipro possa gestire in casa i suoi problemi. Rispetto alle esigenze finanziarie di altri paesi europei come la Grecia e la Spagna le somme necessarie per stabilizzare il sistema bancario a Cipro saranno relativamente modeste. Ma i funzionari europei temono che un prestito al paese potrebbe inviare un messaggio sbagliato ad altri paesi in difficoltà.

L’UE è anche preoccupata che il governo del presidente Dimitris Christofias non perseguirà le misure di austerità, con la spietatezza richiesta da Bruxelles. Christofias, che ha governato per quattro anni, è un membro del Partito progressista dei lavoratori (AKEL), che proviene dal partito comunista stalinista dell’isola.

Il AKEL sostiene incondizionatamente le misure di austerità richieste dalla elite finanza europea. L’anno scorso, il suo governo ha votato insieme a tutti gli altri partiti in parlamento per la ricapitalizzazione della Banca Laiki utilizzando fondi governativi. “Un fallimento avrebbe conseguenze disastrose per il sistema bancario e anche per l’intera economia”, è stata la giustificazione data da un portavoce AKEL per le misure prese.

Christofias ha cercato di soffocare l’opposizione sociale con occasionali attacchi retorici sulle misure di austerità dell’UE. “Quando le prime misure di austerità sono state introdotte in Grecia”, ha detto recentemente, “il debito del paese era già al 115 % del prodotto interno lordo, in due anni di austerità, è salito a 165 %, e questo dice qualcosa”.

I partiti della destra di opposizione e i socialdemocratici chiedono finanziamenti europei e un percorso di austerità radicale. L’assistenza da parte del fondo di salvataggio europeo sarebbe la soluzione migliore, ha dichiarato il conservatore del MP Stylianidis Christos: “Il governo dovrebbe chiedere un prestito EFSF per garantire che la reputazione di Cipro come centro finanziario non sia rovinata. Dobbiamo mandare un chiaro segnale che siamo pronti noi stessi a sottoporci ad una rigorosa disciplina finanziaria.”

Il Presidente Christofias aveva già fatto un rimpasto di governo a seguito delle voci di una domanda di aiuto a Bruxelles. La scintilla per la crisi di governo era stato un devastante incidente nella città portuale di Limassol. Le esplosioni sono avvenute nei depositi di munizioni uccidendo 13 persone e distruggendo gran parte delle infrastrutture energetiche della nazione. Le riparazioni necessarie costeranno due miliardi di euro, circa il dieci per cento della produzione economica annuale.

Le preoccupazioni della AKEL su tumulti politici e tensioni sociali non sono infondate. La disoccupazione e la povertà sono aumentate continuamente dallo scoppio della crisi economica. Nel corso del 2008, il tasso ufficiale di disoccupazione era al 3,6 %, ed è salito al 6,5 % nel 2010. La disoccupazione giovanile è quasi al 20 %. La situazione è ancor più drammatica nella parte settentrionale separatista di Cipro dove la disoccupazione è stimata doppia rispetto al sud.

Il pacchetto di austerità UE adottato dal governo l’anno scorso ha congelato i salari nel settore pubblico e ha tagliato altri benefici sociali per tutti gli impiegati. Nel mese di dicembre, migliaia di dipendenti pubblici sono scesi in sciopero contro i tagli.

AKEL è il partito più forte e più influente di Cipro ed ha una lunga tradizione nel reprimere il dissenso popolare e nelle sue scelte politiche a tutela degli interessi delle potenze occidentali.

Fondato nel 1941 è una derivazione del Partito comunista stalinista ed ha fatto un accordo con diverse forze della destra per chiedere il cosiddetto “Enosis”, l’annessione di Cipro alla Grecia, come richiesto dai nazionalisti. Dopo l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960, l’AKEL ha avuto una presenza continua in Parlamento ed ha sostenuto diverse forze proletarie.

A metà degli anni 1990 durante la campagna per l’ammissione dell’isola nell’UE AKEL ha sostenuto le politiche dei governi di destra fino alla sua adesione nel 2004. Nelle elezioni del 2008, Christofias ha prevalso contro il suo sfidante conservatore e subito dopo il suo insediamento ha assicurato Bruxelles che il suo governo avrebbe fatto tutto il possibile per lasciare tutto il peso della crisi economica sulle spalle della popolazione.

Markus Salzmann

Fonte : http://www.wsws.org/
Link: http://www.wsws.org/articles/2012/jun2012/cypr-j13.shtml
12.06.2012

Tradotto per ComeDonChisciotte da ERNESTO CELESTINI

Pubblicato da Bosque Primario