17enne morta per infarto poche settimane dopo la seconda dose del vaccino Pfizer

Fino al 5 novembre negli USA 47.565 morti o disabili permanenti dopo il vaccino

Una ragazza di 17 anni residente nello Stato di Washington (nord ovest degli Stati Uniti) è morta per arresto cardiaco 36 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda vaccinazione Pfizer. Secondo le informazioni contenute nel report della vaccinovigilanza VAERS , ad agosto si era ripresa da un caso sintomatico ma non grave di COVID-19.

Il report indica che ha ricevuto la sua prima dose il 3 settembre e la sua seconda dose il 15 settembre. Si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale il 23 ottobre con dolore al petto e difficoltà respiratorie nelle 48 ore precedenti. Si sentiva “completamente bene” prima dell’inizio dei sintomi.

Il sito VAERS è gestito dalla Food and Drug Administration (FDA) e dai Centers for Disease Control (CDC) e raccoglie dati da tutto il mondo. VAERS è un sistema di segnalazione passiva, il che significa che si affida alle persone per inviare segnalazioni delle loro esperienze. Chiunque può inviare una segnalazione al VAERS, compresi genitori e pazienti.

Gli operatori sanitari sono tenuti per legge a riferire al VAERS:

  • Qualsiasi evento avverso elencato nella tabella VAERS degli eventi segnalabili dopo la vaccinazione che si verifica entro il periodo di tempo specificato dopo ogni vaccinazione;
  • Un evento avverso elencato dal produttore del vaccino come controindicazione a ulteriori dosi del vaccino.

La valutazione medica iniziale della giovane donna ha mostrato che i suoi sintomi erano lievi. La paziente è risulta “positiva per SARS-CoV-PCR”, ma si pensava che fosse “positiva persistente piuttosto che in reinfezione a causa della mancanza di sintomi clinici, del recente covid e della recente vaccinazione”.

Un ecocardiogramma ha mostrato una funzione cardiaca inferiore alla norma. La paziente stava per essere mandata via quando ha avuto un arresto cardiaco. Il personale ospedaliero ha eseguito quanto previsto dal protocollo avanzato di supporto vitale cardiovascolare con RCP per 65 minuti. “Purtroppo non è stata in grado di essere rianimata ed è morta. Causa della morte possibile miocardite acuta”, si legge nel report.

I dati VAERS esaminati mostrano 29 decessi negli Stati Uniti di persone di età compresa tra 12 e 17 anni fino al 5 novembre. La più giovane aveva 12 anni, residente nella Carolina del Sud, con più condizioni patologiche preesistenti.

All’inizio di quest’estate, un giovane di 34 anni di Washington ha sviluppato una reazione anafilattica dopo una vaccinazione Pfizer il 15 giugno 2021. Ha subito un arresto cardiaco il 23 giugno, otto giorni dopo aver ricevuto il vaccino ed è morto il 25 giugno. Nell’autopsia, un patologo forense ha stabilito che il paziente era un adulto sano senza malattie cardiache, epatiche e polmonite. Il medico legale ha determinato dopo un rapporto tossicologico che il vaccino COVID-19 era l’unico fattore che ha contribuito al decesso.

Fino al 5 novembre, ci sono stati 18.461 decessi attribuiti alle vaccinazioni covid e riportati sul sito Web VAERS e un totale di 875.653 reazioni avverse. Il 2% degli eventi avversi sono stati decessi attribuiti al vaccino e un altro 3% ha provocato invalidità permanente. Ciò equivale a 47.565 morti o disabili permanenti.

Il tasso di ospedalizzazione è stato superiore al 10%, con un altro 11% in più che si è recato al pronto soccorso.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/una-17enne-e-morta-per-infarto-poche-settimane-dopo-la-seconda-dose-del-vaccino-pfizer-nello-stato-di-washington-usa-fino-al-5-novembre-negli-usa-47-565-morti-o-disabili-fermanti-dopo-il-vaccino/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x