Home / ComeDonChisciotte / 11 SETTEMBRE: PARENTI DELLE VITTIME ACCUSANO IL GOVERNO

11 SETTEMBRE: PARENTI DELLE VITTIME ACCUSANO IL GOVERNO

DI PAUL J. WATSON
Prison Planet

Il rappresentante del piu’ numeroso gruppo di familiari delle vittime sostiene che il governo sia stato complice degli attacchi. E dice al conduttore radiofonico [Alex Jones] che la Commissione è una farsa, un “insabbiamento oltre l’immaginabile”.

Secondo il rappresentante del più numeroso gruppo di familiari delle vittime del 9/11 la versione ufficiale degli eventi è una farsa e il mancato intervento del NORAD insieme ai dati che suggeriscono l’utilizzo di agenti incendiari per buttare giù le torri significhino la complicità del governo negli attacchi – una conclusione condivisa da metà delle famiglie che lui rappresenta.

Doyle è a capo della Coalition of 9/11 Families ed ha perso suo figlio Joey nel crollo delle torri gemelle.“Se volete credere a quello che vi ripetono quelli come la Commissione sull’11 settembre… [beh, quella è] una farsa completa”, ha detto Doyle.

“L’insabbiamento continuo ha dell’incredibile”, ha detto Doyle al conduttore radiofonica della GCN Alex Jones.

Doyle ha chiesto perchè l’acciaio del WTC sia stato sottratto all’analisi del NIST usandolo piuttosto per costruire una corazzata.

“Non è incredibile come siano riusciti a spedirlo via sin dai primi giorni?”, ha chiesto Doyle appena ha iniziato a parlare della rimozione delle prove fisiche dalla scena del crimine.

Doyle ha detto di aver parlato personalmente a sei sopravvissuto del WTC che hanno descritto dispositivi incendiari prima del crollo delle torri.

“E’ una prova documentata che l’edificio 7 non sia stato colpito da nessun aereo, eppure è andato in fiamme e poi il proprietario stesso Larry Silverstein ha ordinato che esso fosse tirato giù ed è venuto giù all’improvviso in perfetta verticale”.

“Abbiamo due aerei che impattano le torri e senza aver prima mostrato segni di cedimento vengono giù nel giro di un’ora e mezza – è impossibile”, ha detto Doyle.

Doyle ha stimato che circa metà dei familiari dell’organizzazione che rappresenta pensano che ci sia stata la complicità del Governo negli attacchi.

“Se ne consideriamo veramente tutti gli aspetti sembra che ci sia stata una cospirazione del genere dietro l’11 settembre – molte famiglie ora lo pensano allo stesso modo”.

“Dov’era il NORAD”, ha chiesto Doyle dopo aver sottolineato l’implausibile discrepanza tra i dirottamenti del Volo 93 e 77 e la loro eventuale distruzione.

“Sono rimasti immobili – non fate nulla, lasciatelo succedere”

“Da tutto quello che vedo sono certo che ci sia stata molta complicità – come minimo deve esserci stata molta complicità – se vi informate su tutti i fatti non c’e’ alcuna possibilità che diciannove dirottatori abbiano portato a termine questa missione”, Doyle ha detto a Jones.

Doyle ha anche parlato di alcune organizzazioni caritatevoli dell’establishement che hanno tenuto per loro parte delle donazioni avute dalle famiglie del 9/11 e di come quelli che hanno parlato [ad es. Sibel Edmonds, Randy Glass, Indira Singh, Kevin Ryan, ndt] siano stati puniti mentre gli individui che hanno facilitato gli attacchi sono stati promossi.

Fonte: http://www.prisonplanet.com
Link: http://prisonplanet.com/articles/july2006/080706governmentcomplicit.htm
08.07.2006

Traduzione a cura di GOLDSTEIN per www.luogocomune.net e www.comedonchisciotte.org

Link suggeriti dal traduttore:

Per ascoltare la trasmissione radiofonica di Alex Jones del 7 Luglio in cui sono state fatte le dichiarazioni

Il sito dedicato al figlio di Doyle

Coalizione delle famiglie del 11-9

Il cattivo utilizzo degli SSI [i documenti secretati perché’ contengono informazioni sensibili] per insabbiare le responsabilità

DISCORSO DI DONNA MARSH O’CONNOR DAVANTI AL PALAZZO DELL’ONU (11.09.2005)

“Nessuno di voi è vestito in giacca e cravatta oggi e ne sono molto delusa. *Inascoltabile*. Mia figlia lavorava nella Torre numero due del World Trade Center, e non è stata abbastanza fortunata da venire accompagnata fuori dall’edificio da William Rodriguez. E’ stata abbastanza sfortunata da lavorare nella Torre numero due da dove, cinque minuti dopo che il primo aereo ebbe colpito la Torre numero uno, stava dicendo per telefono all’ ufficio di Park Avenue che le era stato detto che era al sicuro.

Il momento in cui era al telefono con l’ufficio di Park Avenue credo fosse più o meno all’ora in cui George W. Bush veniva accompagnato dentro una scuola a leggere un libro a dei bambini. Questa è mia figlia Vanessa Lang Langer, e quando Bush ha deciso la sua fottuta guerra lo ha fatto usando il suo nome, e io, cazzo, me lo sto riprendendo!

George W. Bush, col suo vicepresidente Dick Cheney, non potrà più appropriarsi del suo nome, lei è mia, ma non ha più questa faccia. Ieri ho finalmente avuto il coraggio di andare all’ufficio dell’esaminatore medico, dove nella sua cartella si può vedere la foto che le è stata scattata il 24 Settembre.
Sapete come è fatta una maschera mortuaria? Sapete qual’ è l’aspetto di un urlo?

Questa era la mia bambina e non era al sicuro. E nessuno in questo paese ha indagato ciò, nessuno ha indagato! Sapete che il George W. Bush che l’altro giorno ha dichiarato che indagherà cosa è successo alle vittime di New Orleans è la stessa persona che ha indagato su ciò che è successo a mia figlia? No, non riusciva nemmeno a pronunciare la parola ‘indagare’, l’avete sentito?

Non ci sono abbastanza persone qui, perciò dite, a tutti quelli che vedete, “tremila meno uno”, perché io sto rivendicando il suo nome. E sto dicendo a chiunque conoscesse qualcuno morto quel giorno di rivendicare quel nome. Siete andati in Iraq per l’ 11-9? Perché? Un arabo è uguale a tutti gli altri arabi? Come si osa ciò in America! Guardate le vostre mani ora, vedete del sangue su di esse?

Perché non state guardando dalla parte giusta. Quante persone avete visto annegare a New Orleans, dove erano i fottuti autobus? Dov’era il NORAD? Perché nessuno è stato evacuato?
Lasciatemi dire una cosa, Dick Cheney aveva bisogno che avvenisse l’ 11 Settembre, nemmeno George Bush ne sapeva un cazzo! Dan Quayle Non ne avrebbe saputo nulla se fosse stato Presidente quando Dick Cheney era Segretario alla Difesa.

Allora ditemi voi dove sono i professori, dove sono gli esperti, dove sono i Democratici, dove sono gli essere umani decenti che sono Repubblicani conservatori, perché io voglio vedere degli uomini in giacca e cravatta qui! Perché questa è la mia bambina, e non ha più questa faccia. E lui ha chiuso quella città così non sono potuta andare *inascoltabile*.

Ma volete sapere una cosa? Io l’avrei trovata, avrei trovato le sue dannate ossa morte perché il più grande e sfottuto edificio al mondo è caduto sulle ossa di mia figlia e ha fatto esplodere il suo bambino fuori dal suo corpo. E questo è un crimine, e quando si indaga su di un crimine in questo paese, in ogni paese, nel fottuto mondo si cerca la gente che ha più da guadagnarci. Dick Cheney aveva da guadagnarci più di tutti, Halliburton Halliburton Halliburton *inascoltabile*.

E cosa è che ottengo? Nemmeno le tristi patetiche *inascoltabile* cause delle vittime contro le compagnie aeree, perché le cause portano alla verità. E tutto ciò che George Bush aveva da dire a voi era che le cause portano soldi, così ha pagato quelle vittime milioni di dollari, e ha spezzato i loro cuori con milioni di dollari, e nemmeno una domanda, dimenticatevi le risposte! Non sto parlando della verità, non mi sto spingendo così in alto, datemi solo un po’ di onestà, fate rispondere a quell’uomo una dannata domanda. Perché diavolo la chiamate “Commissione Indipendente” quando stava a lui decidere come rispondere alle domande? Quando poteva portarsi il suo paparino con se? Forse mi state prendendo in giro.

E’ questo che ottengo? Sono una cittadina Americana e ne sono orgogliosa, mi vergogno così tanto per tutti noi, cazzo, mi vergogno così tanto. *Inascoltabile*, questo è l’edificio in cui lei suonava [qui è usato il verbo play, che può voler dire “giocare” o “suonare” ma ha anche altri significati, difficile dire con quale significato esatto è stato usato dato che la frase è incompleta. N.d.t.]. E Kofi Annan è un amico, ricordate solo questo. Andate a prendere degli uomini in giacca e cravatta da portare a questi incontri la prossima volta perché così non è abbastanza.”

Trascrizione di Dem Bruce Lee Styles
Come risulta facilmente comprensibile si tratta del discorso di una donna molto coinvolta emotivamente, a questo sono dovuti i diversi passaggi di difficile trascrizione o comprensione. N.d.T

Fonte: http://www.911blogger.com/
Link: http://www.911podcasts.com/files/documents/DMTranscript.doc
07.07.2006

Traduzione di ALCENERO (Marcoc) per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Das schloss