Home / ComeDonChisciotte / WALL STREET E MATRIX. DOV’E’ NEO QUANDO ABBIAMO BISOGNO DI LUI?
15188-thumb.jpg

WALL STREET E MATRIX. DOV’E’ NEO QUANDO ABBIAMO BISOGNO DI LUI?

DI PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

Nel Matrix dove vivono gli Americani niente è mai colpa loro. Ad esempio, l’attuale svalutazione di borsa USA non è dovuta ad anni di eccessive iniezioni di liquidità da parte della Federal Reserve che hanno generato una bolla così gonfiata che il valore di appena sei stock, alcuni dei quali valutati a prezzi completamente sproporzionati rispetto ai loro utili reali, contava per più di tutti i guadagni in capitalizzazione di mercato quotati nel S&P500 prima dell’ondata di svalutazione attuale.

Nella nostra esistenza-Matrix la svalutazione delle borse non è dovuta alle multinazionali che reinvestono profitti, o persino ricomprano a debito, i loro stessi titoli, allo scopo di creare una domanda artificiale per le loro quote azionarie (equity share).

Il declino non si deve all’ultimo rapporto mensile sugli ordini di beni durevoli su base annua che sono in caduta almeno da 6 mesi consecutivi.

La svalutazione borsistica non è dovuta a una economia debole in cui una decade di presunta ripresa economica il mercato immobiliare, sia per il patrimonio esistente che per nuove costruzioni, è in diminuzione rispettivamente del 63% e del 23%, riferito ai livelli del picco di Luglio 2005.

La svalutazione di borsa non è dovuta al collasso della mediana dei salari reali per famiglia, e di conseguenza, al crollo della domanda interna, risultato di due decenni di rilocalizzazione offshore degli impieghi della classe media e al loro parziale rimpiazzo con impieghi “Walmart” del tipo part-time a salario minimo e senza benefits e ammortizzatori sociali i quali non danno reddito sufficiente a formare nuove famiglie.

No, figuriamoci, nessuno di questi fatti è responsabile. Il colpevole del crollo delle borse USA è la Cina.

Che ha fatto la Cina? E’accusata di avere leggermente svalutato la sua moneta.

E perchè mai un lieve aggiustamento nel valore di scambio dello yuan col dollaro dovrebbe causare il declino delle borse USA ed Europee?

Infatti non è possibile. Ma cosa gliene importa ai media prostituiti, loro mentono per vivere.

Inoltre, non è stata nemmeno una svalutazione.

Quando la Cina avviò la transizione dal comunismo al capitalismo, decise di agganciare il cambio della sua valuta al dollaro Americano allo scopo di dimostrare che la sua valuta era buona quanto la valuta di riserva mondiale. Nel tempo ha consentito che la sua valuta si apprezzasse rispetto al dollaro. Ad esempio, nel 2006 1 dollaro valeva 8,1 Yuan Cinesi. Di recente, prima della presunta svalutazione, un dollaro oscillava tra 6,1 e 6,2 yuan. Dopo l’aggiustamento del suo tasso di cambio variabile adesso uno yuan sia cambia per 6,4 dollari. Mi pare chiaro che un cambiamento del valore dello yuan da 6,1/6,2 a 6,4 per dollaro non è abbastanza a determinare un crollo nei mercati borsistici USA ed Europei.

Inoltre il cambiamento del tasso in rapporto al dollaro non rappresenta un cambiamento del tasso in rapporto alle valute degli altri partner commerciali non-USA. Ciò che è accaduto, è che la Cina ha corretto, è che come risultato delle politiche di emissione monetaria tipo quantitative easing attualmente praticate dalle banche centrali Europea e Giapponese il dollaro si è apprezzato rispetto ad altre valute. Dal momento che lo yuan Cinese è agganciato al dollaro, la valuta Cinese si è di conseguenza apprezzata rispetto a quelle dei suoi partner commerciali Europei ed Asiatici. L’apprezzamento della valuta Cinese (dovuta all’aggancio col dollaro) non è una buona cosa per l’export Cinese, specie in un periodo di difficoltà economiche diffuse. La Cina ha appena alterato il suo aggancio al dollaro per rimuovere gli effetti negativi dell’apprezzamento della sua valuta in riferimento a quelle di molti partner commerciali.

Come mai la stampa finanziaria non spiega tutto ciò? La stampa finanziaria occidentale sarebbe così incompetente da non sapere questo? Si.

O piuttosto è che l’America non può mai e poi mai essere responsabile se qualcosa va storto. Chi noi? Noi siamo innocenti, sono sempre quei maledetti Cinesi!

Pensiamo ad esempio alle orde di rifugiati dalle invasioni Americane, dai bombardamenti su sette paesi esteri diversi, che stanno invadendo l’Europa. Il massiccio spostamento di gente mosso dalle stragi di popolazioni perpetrate dall’America in sette paesi, consentite dagli stessi Europei, sta causando sgomento in Europa e un revival dei partiti d’estrema destra. Oggi, per esempio, i neonazi hanno zittito la Cancelliere tedesca Merkel, che cercava di fare un discorso di compassione verso i rifugiati.

Ovviamente la stessa Merkel è tra i responsabili del problema rifugiati che sta destabilizzando l’Europa. Senza la Germania come stato fantoccio degli Stati Uniti, una non-entità senza sovranità reale, un non-paese, solo un vassallo, un avamposto dell’Impero, agli ordini diretti di Washington, senza simili appoggi l’America non potrebbe condurre le guerre illegali che stanno producendo le orde di rifugiati che stanno portando al limite la capacità dell’Europa di accettare rifugiati e favorendo partiti “neo-nazi”.

La stampa corrotta USA o Europea presenta il problema dei rifugiati come totalmente avulso dai crimini di guerra Americani contro sette paesi. Seriamente, ma perchè mai la gente dovrebbe scappare da paesi dove l’America gli sta portando “libertà e democrazia”?

Da nessuna parte nei media occidentali, eccetto qualche sito di informazione alternativa resta un grammo di integrità. I media occidentali sono un “Ministero della verità” (Orwell) che opera a tempo pieno in supporto dell’esistenza artificiale che gli occidentali vivono dentro il Matrix dove gli occidentali sussistono privi di pensiero.

Considerando la loro inettitudine ed inazione, sarebbe lo stesso se la gente occidentale non esistesse affatto.

Ben più che solo qualche indice di borsa colllasserà sui polli occidentali e sui loro cervelli lavati.

Paul Craig Roberts

Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: http://www.paulcraigroberts.org/2015/08/26/neo-need-paul-craig-roberts/

26.08.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CONZI

Pubblicato da Davide

  • Gil_Grissom

    Perfetta come sempre l’analisi di Craig: bene hanno fatto i neonazi a zittire la supercancelliera del Quarto Reich Angela Merkel che sproloquiava con indisponente cinismo di accoglienza. Dopo gli Stati Uniti lei e’ infatti la maggior responsabile e complice di questa catastrofe umanitaria che sta travolgendo per ora solo Grecia e Italia, domani tutta Europa.

  • cardisem

    Ogni critica al sistema dell’informazione e della diffamazione permanente, è musica per le mie orecchie, anche se molto lavoro di analisi mi resta ancora da fare…

  • cardisem

    Senza la Germania come stato fantoccio degli Stati Uniti, una non-entità
    senza sovranità reale, un non-paese, solo un vassallo, un avamposto
    dell’Impero, agli ordini diretti di Washington, senza simili appoggi
    l’America non potrebbe condurre le guerre illegali che stanno producendo
    le orde di rifugiati che stanno portando al limite la capacità
    dell’Europa di accettare rifugiati e favorendo partiti “neo-nazi”.
    ——

    Non se se nell’originale o nella traduzione italiana, ma “neo-nazi” è scritto fra virgolette. Se non fosse così, l’acutezza dell’analisi ne risulterebbe diminuita. La Germania della Merkel, che fornisce gratis sommergibili a Israele, cui ha già dato in passato parecchi soldi, è oggi una costruzione assai peggiore di ciò che può essere stata la Germania Nazista, che nasce dalla crisi di Weimar e scompare definitivamente con la disfatta del maggio 1945: il “neo-nazismo” può essere soltanto una creazione mediatico-propagandistica, ma non ha nessuna realtà, nessuna consistenza strutturale o ideologica. Certo, se uno dice che la Germania Nazista (o l’Italia Fascista) erano ancora stati “sovrani” mentre oggi né l‘Italia e ancora meno la Germania non lo sono più, può sentirsi tacciare di “neonazista”… Ma chi lo dice? Questo è il punto…

  • cardisem

    …Proseguo la bozza di ragionamento che avevo dovuto interrompere per incombenze dimestiche, e per evitare dialoghi contaminanti quanto disgustosi, scrivo su una nuova pagina bianca…

    Di recente, mi pare che lo stesso D’Alema abbia reagito a Renzi, facendo suppergiù questo ragionamento:

    – non puoi costruire la "legittimità" del tuo governo parlando male di quando al governo c’ero io… Se ne ne sei capace, la tua “legittimità” a governare te la devi guadagnare con le cose che fai, con i problemi che dimostri di saper risolvere… Inveve, ogni giorno solo chiacchiere e chiacchiere e sempre chiacchiere…

    Lo stesso ragionamento lo si può fare mettendo a confronto il post 1945 (Impero Us-rael, ambizioni unipolari di dominazione del mondo, rischio della distruzione del pianeta…) con il pre 1945 che inizia almeno nel 1914….

    Perché il Nazismo è il Male Assoluto?

    Schematicamente e esemplificativamente ma non esaustivamente direi:

    1°) Perché lo dicono i media, innanzitutto, perché così conviene a chi così dice…
    2°) Perché la Germania nazista à stata responsabile della "guerra preventiva” e quindi della Seconda Guerra Mondiale… Di guerre "preventive” ne ha iniziate una nuova serie il Presidente Bush: per aver constatato ciò una ministra tedesca della Giustizia è stata immediatamente costretta alle dimissioni: licenziata in tronco ed era una ministra! Mica quella conduttrice televisiva che si è trovata pure subito licenziata per aver soltanto detto, comprensibilmente, che durante la Germania nazista le ragazze madre erano assistite dallo stato e non erano abbandonate, o emarginate…
    3°) La Germania è stata responsabile per l’Olocausto… Il problema però non è se l’Olocausto vi sia stato o non vi sia stato o che cosa sia stato, ma è il fatto che non se ne possa parlare liberamente: galera all’istante! E ciò è per lo meno sospetto…
    4°) Tra i motivi del perché il Nazismo è il Male assoluto si potrebbe anche indicare la riforma radicale del precedente assetto costituzionale, che appunto anche allora (come oggi Renzi) si riteneva di dover "riformare”…. Ma lo sfacelo istituzionale a cui oggi stiamo assistendo non è per nulla inferiore a ciò che Fascismo e Nazismo hanno innovato rispetto al sistema costituzionale a loro precedente… Renzi sta facendo addirittura peggio di Mussolini… Si era voluto il sistema bicamerale perfetto proprio per scongiurare il ritorno al Fascismo, ma oggi è Renzi che vuole un sisteme monocamerale più illiberale di quanto fosse stato il Fascismo… Lo stesso Renzi che in questi giorni va a braccetto con Netanayuo, capo di uno Stato post-1945 che il “genocidio” del popolo palestinese ce lo sbatte in faccia tutti i giorni, ma che si fa forte di un “genocidio” che nessuno può controllare e su cui NON si può parlare… E di questa proibizione di dibattito i media sono feroci custodi…  I media e l’esercito di troll sguinzagliati nella rete…

    In effetti, la Germania della Merkel è assolutamente disgustosa e i tedeschi odierni mi fanno una grande pena… Hanno definitivamente rotto la schiena a un popolo intero, generazione dopo generazione… Voler rialzare la schiena significa sentirsi tacciare di “neonazisti”… Ma da chi? Interssante saperlo…

  • EnolaGay

    Neo a parer mio si sta facendo una bella pennichella avrà sicuramente detto qui ci sono troppi idioti che preferiscono la bistecca finta alla dura realtà delle cose. Che rivoluzione vuoi fare con gente che crede che nella vita conti avere il posto fisso da dipendete nullafacente per prendere le briciole garantite dal partito e questo è lo scopo ultimo di tutto. Auguri la massa di poco si accontenta e poco ottiene.

  • glab

    mah … forse in vacanza ai caraibi insieme al sindaco di roma!

    gh gh … 🙂