Home / ComeDonChisciotte / SISTEMA MONETARIO FIAT: MANIPOLAZIONI CARTA IGIENICA. DOVE’ IL LIMITE ALLA STUPIDIT ?

SISTEMA MONETARIO FIAT: MANIPOLAZIONI CARTA IGIENICA. DOVE’ IL LIMITE ALLA STUPIDIT ?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

DI MATTHIAS CHANG
futurefastforward.com

C’è gente stupida e gente veramente stupida.
Le persone stupide spesso non sono veramente stupide ma si comportano come tali perché mancano di istruzione e dell’accesso a certe informazioni privilegiate . Quindi, non si può davvero dare la colpa all’ignoranza con il sistema di istruzione che abbiamo oggi in tutto il mondo e con il ruolo che giocano i media per fare propaganda e far sembrare normale quello che vogliono le elite finanziarie che li controllano.

A scuola si insegna che “uno più uno fa due” , ma per certi versi negli ultimi anni, la maggior parte di noi ha subito il lavaggio del cervello, soprattutto con le offerte speciali, tanto che spesso sembra normale accettare che “uno più uno fa tre o più di tre” , a seconda del tipo di promozione.
Ma , come facciamo a spiegarci che certi intellettuali – e tante altre persone “intelligenti”, soprattutto quelle che
non possono resistere alla voglia di mettere prima o dopo il proprio nome una serie di sigle come “Dr.” “ PhC.” “MBA” ecc. – non solo credano che “uno più uno faccia tre o più di tre” , ma spesso passano una vita di lavoro per dimostrare questa assurdità e qualche volta vengono persino premiati per aver promosso un certo farmaco o gli conferiscono addirittura un Premio Nobel in economia o matematica !

Li adorano come fossero “Dei” , dei “Master of the Universe” e li nominano professori delle cosiddette “università di punta” , li chiamano come consulenti nelle agenzie finanziarie internazionali come il FMI e la Banca Mondiale o presso le banche centrali .
Anche se per fortuna ci sono delle eccezioni , solo pochi, ma io ho la fortuna di lavorare con alcuni di loro .

Permettetemi di dimostrarvi quanto queste cosiddette persone intelligenti siano persone veramente stupide . Una persona onesta e intelligente che sappia riconoscere la verità non si prostituirebbe per qualche “titolo accademico” mettendo a rischio la propria integrità e l’onore della famiglia .

Delle “persone intelligenti possono anche essere pagate profumatamente” , ma rispetto ai miliardi di dollari che permettono di razziare a quegli stupratori finanziari delle banche che li sovvenzionano, a loro hanno lasciato solo qualche monetina: qualche spicciolo, qualche centesimo ?
Ma procediamo per passi per spiegare la stupidità di queste cosiddette persone intelligenti .

PASSO 1 :

Che cosa è una obbligazione ? In parole povere, si tratta di una cambiale, di una conferma scritta di un debito. L’emittente (chi l’ha rilasciata) di un’obbligazione è il debitore e l’acquirente dell’obbligazione è il creditore . Il debitore si impegna a rimborsare la somma di capitale preso in prestito, più gli interessi per tutta la durata del prestito.

PASSO 2 :

Quando un governo (come ad esempio gli Stati Uniti ) emette un prestito obbligazionario significa che il governo ha fondi insufficienti e ha bisogno di prendere in prestito altro denaro per far fronte ai propri obblighi finanziari. Questo succede in genere quando le entrate ( tasse, ecc ) sono minori delle spese ( negli USA, un gran parte delle entrate deve finanziare le guerre) .
Pertanto, quando un governo emette un prestito obbligazionario , diventa debitore . E un debitore deve rimborsare il debito quando il debito arriva alla sua scadenza naturale.

PASSO 3 :

Non molto tempo fa ( prima del 1971 ), il dollaro USA era sostenuto dall’oro . In termini monetari semplificati, i dollari americani stampati su carta erano convertibili in oro al tasso convenuto di 35 dollari per una oncia d’ oro . Quindi , se un creditore ( ad esempio, le banche centrali , le istituzioni finanziarie , gli investitori ecc ) prestava ad un debitore ( ad esempio, il governo USA), 10 miliardi di dollari, il creditore quando riceveva 10 miliardi di dollari li poteva scambiare per la quantità equivalente di oro al prezzo di US $ 35 per oncia.

Passo 4 :

Quando gli Stati Uniti nel 1971 fallirono perché a Fort Knox non c’era abbastanza oro per garantire a tutti i possessori di dollari di continuare a scambiarli con l’oro, il Presidente Nixon annunciò che il dollaro non sarebbe più stato convertibile in oro .
Per questo motivo, il dollaro americano è diventato una valuta – fiat, in gergo volgare, denaro stampato su carta che non vale la cifra che riporta sopra ! Il dollaro non era più sostenuto da nulla, era diventato, ed è ancora, assolutamente senza nessun valore di riferimento. Naturalmente si stampano vari tipi di banconote, da US $ 1, da US $ 100 ecc, ma l’unica differenza tra queste banconote è solo la cifra indicata sul foglio di carta, che non ha altro valore.

Alla gente è stato fatto credere che quello scritto sulla banconota sia il valore del dollaro : un trucco per carpirne la fiducia.

Fino a quando in tutto il mondo si accetterà quel pezzo di carta come pagamento di beni e servizi , il pezzo di carta avrà come valore l’ importo indicato sul foglio di carta .
Ma , questo pezzo di carta non può essere più scambiato con l’oro.

PASSO 5 :

Dato che gli Usa sono una superpotenza nucleare è stato usato questo potere per costringere tutti i paesi ad accettare il dollaro Usa in pagamento di beni e servizi venduti negli Stati Uniti . Con il tempo il $ USA è diventato anche la moneta di riserva mondiale . E’ stato un privilegio che gli Stati Uniti hanno esercitato per il proprio profitto, infatti in base a questo sistema la FED può creare US $ stampandoli in modo digitale con un semplice clic del mouse che trasforma la carta in banconote con una semplice registrazione nel libro mastro della FED!

PASSO 6 :

Il gioco della sanguisuga !
I paesi che hanno prestato dollari al governo USA sono i paesi che hanno un surplus di produzione di beni e di servizi
e per queste merci sono stati pagati in US $ . Le persone che lavorano in questi paesi hanno dato l’anima per guadagnarsi il loro salario che hanno ricevuto nella valuta del loro paese . Ma molti di questi paesi, quando importano merci dall’estero, devono pagarle in dollari . Quindi, le banche centrali di questi paesi devono scambiare la loro valuta in US $ per comprare le merci di importazione.

Quando questi paesi hanno dollari in eccesso , li mettono in cassaforte e li usano come riserva per coprire i futuri pagamenti per i beni e servizi che dovranno importare.
Parte di questi surplus in dollari poi vengono anche usati per fare prestiti al governo degli Stati Uniti, comprando buoni del tesoro USA.

PASSO 7 :

Questo ha dato origine alla assurda situazione per cui gli Stati Uniti pagano per beni e servizi importati da tutto il mondo con denaro che la FED continua stampare ( come carta igienica) creandolo dal nulla. Poi i dollari che avanzano all’estero, ritornano sotto forma di prestiti, allo stesso governo degli Stati Uniti . Quindi con quella stessa carta igienica si comprano altri beni e servizi che si continuano a importare da tutto il mondo .

Poi il surplus viene riciclato di nuovo e la storia ricomincia. Adesso tutti questi prestiti devono essere rimborsati con gli interessi.

L’attuale debito degli Stati Uniti è tanto alto che non si potrebbero pagare nemmeno i soli interessi sui prestiti. Per questo motivo il Tesoro Americano sta emettendo obbligazioni per recuperare il surplus di dollari con cui ha invaso tutto il mondo.

Quindi il risultato di tutto è un enorme riciclaggio di carta igienica con scritto sopra DOLLARO.

PASSO 8 :

Ora , se tu mi avessi prestato dei soldi , diciamo 10 milioni di dollari dei tuoi sudati risparmi ( ma anche molto meno) , e io non potessi rimborsarti né i soldi del prestito né quelli degli interessi , tu saresti disposti ad accettare, come rimborso, degli altri dollari che ho creato io stesso dal nulla …. Dollari che, io stesso, ho appena stampato ?

Potresti accettarlo solo se non tu non sapessi che è denaro, diciamo , fac-simile, cioè lo avresti accettato solo se non avessi saputo che quel denaro è falso .

Siamo d’accordo ?

Ma , una volta scoperto che quello che ti propongo come rimborso è denaro falso , sicuramente ti rifiuteresti di accettare del denaro contraffatto !

CONCLUSIONE:

Se questo è come reagiresti quando si tratta dei tuoi soldi – guadagnati con sudore – perché non dovresti mettere in discussione l’operato del tuo governo e della tua banca centrale, se continuano ad accettare come rimborso dei prestiti del denaro stampato su carta igienica e creato dal nulla?

Se tu, in privato, rifiuteresti di accettare denaro falso , perché ti dovrebbe sembrare strano che il governo rifiuti di ricevere un pagamento fatto con soldi contraffatti, creati secondo una regola di un regime monetario chiamato “Quantitative Easing”, che non è altro che un modo sofisticato per dire “stampa di altro denaro” ?

Una obbligazione è una cambiale , quando il dollaro americano era sostenuto da un cambio aureo era ancora una cambiale, perché la banconota da un dollaro era convertibile in oro per quello stesso valore: l’oro è denaro reale , tanto quanto la banconota del dollaro è solo denaro.

Il denaro svolge una funzione essenziale “è un mezzo di scambio” , serve a facilitare lo scambio di beni e servizi.
Non è una riserva di valore .
I soldi (stampati su carta igienica) sono una “unità di conto” artificiale , perché non hanno nessun valore intrinseco. Il “valore intrinseco” dei soldi di carta (igienica) è la cifra stampata sul pezzo di carta (igienica).
L’ unità di conto è il parametro di riferimento con cui tutti gli altri beni e servizi sono valutati .
Infatti ogni volta , che si stampa altra moneta su carta igienica il “valore (unità di valore ) numerico stampato” in realtà diminuisce progressivamente.

In altre parole è l’inflazione ( cioè l’ aumento dell’offerta di denaro con la stampa di altro denaro reale, digitale o altro) che fa diminuire il potere d’acquisto del denaro di carta !

L’ effetto è che con un dollaro USA si acquisteranno sempre meno beni . Per fare un esempio , anni fa con cento dollari compravamo un paio di scarpe , ma ora ne servono duecento!

I soldi di carta igienica ( come unità di conto ) non possono continuare a essere il metro che può stabilire il valore di altri beni e servizi . Questo è il motivo per cui tutte le monete-fiat devono essere sotto il controllo delle banche centrali come la FED , e il valore del denaro fiat può essere manipolato secondo i bisogni dei banchieri corrotti e di quelli che sono l’élite dominante dell’ 1 % .
Questa è la differenza fondamentale tra oro e banconote stampate (su carta igienica)!
Pertanto , dato che il dollaro non è più sostenuto dall’oro è diventato una cambiale scritta su cartastraccia.

AIla scadenza il creditore riprende indietro la stessa carta e la usa per comprare altre obbligazioni, che verranno rimborsate con altri pezzi di carta , altre obbligazioni a forma di dollaro su cui è stampata una cifra “ONE Dollar” oppure “HUNDRED Dollar” , è uguale, e si continua !

Se il dollaro avesse un valore effettivo , non ci sarebbe bisogno di una legge per costringere chi entra in possesso di questo pezzo di carta ad accettarne l’uso in “full settlement of all debts”. Questa legge
si chiama “Legal Tender” .
Senza questa legge , nessuno mai accetterebbe questi pezzi di carta a saldo dei debiti . Dato che la moneta non è sostenuta né da oro, né da qualsiasi altra cosa di valore (argento o altri metalli preziosi ), si tratta di un falso , si tratta di carta stampata, come se fossero “soldi veri” !
La fiducia sul valore dichiarato è imposta per legge!

Perché devi continuare ad accettare tutta questa m…, solo per dare realtà a quelli che si fanno passare per “intelligenti” ?

Tu lo sai che “uno più uno fa due” , anche se questi stupratori della finanza continuano a ripeterti che fa tre, o più di tre ! Quindi, se accettiamo questi soldi di carta igienica stiamo accettando un inganno, proprio come quando vogliamo credere che “uno più uno fa tre, o più di tre” !

Non facciamoci prendere in giro, questo loro – fiat money
è una truffa,
è peggio della carta igienica . Almeno la carta igienica ha una sua funzione critica corporea , una banconota o qualsiasi altro denaro fiat non serve neanche a questo !

Certe volte nella vita può capitare di essere stupidi o ignoranti, ma , perché vuoi restare stupido e ignorante quando capire le cose è tanto semplice ? Si tratta solo di avere un po’ di buonsenso. Non serve aver studiato scienze aerospaziali per capire che questo è sempre il solito “SCHEMA PONZI”.

Mattias Chang
Fonte: http://futurefastforward.com

Link: http://futurefastforward.com/component/content/article/8907.html

4.11.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte.org a cura di Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • alvise

    Per il 90% a me pare una lezione di Signoraggio bancario, ma questi concetti li avevo seguiti anni fa da Auriti.Ma ben vengano ogni tanto queste lezioni, in italia c’è ancora chi non sa nulla di questo, ed il Signoraggio può essere propedeutico per creare altre coscienze nella ricerca di come è composta la grande truffa legata ai molti meccanismi monetari carta straccia

  • stefanodandrea

    Alvise non scherziamo. Il signoraggio bancario italiano negli anni ottanta era teorico e irrilevante. Il signoraggio del dollaro è un problema reale, enorme e anzi fondamentale. E’ una lotta che deve essere rimandata e di molto. Ma il tema è decisivo.

  • Quantum

    Ancora con la storia del signoraggio. Il signoraggio è un errore tecnico.

    La moneta, in se è una truffa. E gli individui sono tanto stupidi da desiderarlo, accumularlo, vendersi e lavorare per esso.

    Ma se la moneta la crea lo Stato, egli può muovere questi individui desiderosi di accumulare denaro perché essi lavorino per degli scopi sociali. Ossia lo Stato può creare il denaro per perseguire ciò che è scritto nella costituzione, che dovrebbe essere il benessere dei cittadini, una vita dignitosa, la sicurezza di un futuro per le nuove generazioni, un progresso culturale, sociale e tecnologico continuo ma sostenibile.
    Pensa la stupidità umana che vuole accumulare pezzi di carta, che ad un tratto diviene utile, fa muovere gli individui non per l’arricchimento dei re e dei feudatari, ma per il loro stesso benessere, si era quindi trovato un modo di incanalare il lavoro che proviene dalla stupidità per farne qualcosa di buono.

    Lo Stato crea la moneta, e tassa perché i cittadini siano costretti a procurarsela per quelli che non hanno questa stupidità dell’accumulo a tutti i costi. Così la moneta diviene fiat, monopolio di Stato, ed a corso forzoso per far muovere il culo alla gente che crei beni, lavori per dare servizi, faccia funzionare la burocrazia, insegni, faccia ricerca, curi gli ammalati, sviluppi la scienza e la tecnica.

    In questo movimento di denaro purtroppo ci si insidia un parassita, il banchiere con la sua banca che però è funzionale al sistema, non è il re o il feudatario. Il banchiere-parassita con la riserva frazionaria prende in prestito dallo Stato 10 e li ripresta a strozzo come se ne avesse 100, moltiplicandoli coi suoi giochi contabili.
    Ok poco male, sarà anche un parassita, ma il suo gioco comunque contribuisce a mettere in circolazione altro denaro, che viene prestato a gente che lavora e produce ricchezza, alimenta domanda aggregata e muove l’economia che è ciò che importa allo Stato.

    Sarebbe meglio il denaro fosse prestato senza interessi come le banche islamiche, anzi sarebbe meglio lo Stato lo accreditasse egli stesso a chiunque, senza intermediari, parassiti e strozzini vari che sono altrettanto stupidi e vogliono anche loro accumularne.
    Ma non importa il meccanismo funziona lo stesso anche col parassita, basta solo tenerli a bada con dei bassi interessi affinché questo parassita non accumuli troppo e raggiunga troppo potere. Lo Stato quindi deve tenerne conto della moltiplicazione tramite la riserva frazionaria, calcolando di quanto questa incrementa la moneta circolante, per livellare l’inflazione.

    Lo scopo ricordiamolo, deve essere la piena occupazione. Raggiunto ciò stop si ferma la fotocopiatrice dei soldi e si livella con la tassazione per regolare la quantità ed il valore del denaro circolante in base a quanti stupidi ne vogliono accumulare senza metterlo in circolo facendo aumentare i prezzi dei mercanti stupidi che vogliono accumularne anche loro.

    Purtroppo in questo cammino verso la moneta fiat dello Stato si inciampa sempre ed ancora nei re e nei feudatari. Ci si fa sempre fregare da questi balordi. Sono gli industriali, i finanzieri, gli aristocratici che si sono arricchiti coi commerci dei secoli scorsi. Sono loro che conoscono il segreto della moneta FIAT. E con la loro psicopatia, e il loro desiderio di accumulo non di denaro, ma di potere, si annidano come dei cancri nei palazzi della politica e deviano quel cammino virtuoso dello Stato che crea il denaro per incanalare la stupidità umana verso qualcosa di utile.

    A questi non va bene che il controllo del denaro lo abbia uno Stato democratico. Vogliono loro il controllo del denaro. Vogliono il potere su milioni di individui, per fare i loro porci comodi da psicopatici quali sono, nelle loro gare di potere.
    E ti hanno ripreso il controllo del denaro, con la FED, con la BCE, ecc. Al mondo ormai sono pochissime le banche di Stato o private ma di stretto diritto pubblico, obbligate a prendersi i bond dello Stato anch’essi stampabili dal nulla all’infinito.

    E le banche centrali sotto il controllo dei feudatari faranno i loro interessi, non quelli della gente e delle costituzioni degli Stati.
    Loro non le vogliono queste costituzioni, se sono contro il fascismo. E non vogliono gli Stati. Non vogliono che la “plebaglia” si lamenti, ché sono solo dei rompicoglioni. Devono solo lavorare, crepare se necessario, se ce ne sono di inutili, e se sono in troppi rispetto a quanti ne servono per produrre beni e ricchezze materiali.

  • neutrino

    Il fatto che, approfittando di un crescente bisogno del dollaro come moneta di riserva, gli USA abbiano spacciato dollari per merci e servizi, e continuano a farlo, a costo quasi zero, è verosimile.
    E’ altrettanto vero, però, che nel momento in cui le nazioni che detengono riserve in dollari volessero utilizzarle per comperare merci e servizi negli USA queste potrebbero farlo (al netto dell’inflazione che causerebbero), appropriandosi così di una fetta consistente delle ricchezze di quel paese.
    In effetti Cinesi e Russi stanno facendo shopping in Europa, con quei dollari. Forse cosi fessi non lo sono.
    L’argomento per cui dato che la FED può stampare dollari allora questi non dovrebbero essere utilizzati come riserva di valore nel mercato interno USA, onestamente, mi sembra una stupidaggine: il dollaro è una misura di valore, ed i “dollari” fisici (o elettronici) vengono utilizzati per realizzare una contabilità di quanto valore è posseduto da ogni attore del mercato. Il fatto che i pezzi di carta non abbiano valore intrinseco, e possano essere stampati dalla FED, non rende automaticamente la moneta senza valore, a meno che si rendesse pubblico che la FED cede in modo sistematico dollari a privati a titolo gratuito. In questo caso il problema sarebbe semplicemente una frode da perseguire, e non un difetto strutturale del sistema della moneta fiat.
    Tutto questo accanirsi sulla moneta fiat è un falso problema. Le politiche monetarie che sono possibili grazie ad essa possono avere grandi effetti sulle dinamiche economiche e sulla distrubuzione della ricchezza. Paralizzarci in un sistema potenzialmente deflazionistico come il gold-standard non è detto che convenga. Più che il controllo delle banche centrali sulla moneta dovrebbe importare chi controlla le banche centrali.
    L’argomento secondo cui l’espansione monetaria di questi ultimi 20 anni sia stata escogitata per depredare i cittadini da parte dell 1% è un mito: l’espansione monetaria è stata necessaria per ritardare il collasso dell’economia di mercato, dovuta alla diminuzione del valore marginale del lavoro rispetto al valore del capitale (brevetti, tecnologia, risorse naturali), a sua volta dovuta all’inesorabile progresso tecnologico.
    Semmai la classe lavoratrice è stata tenuta artificialmente in vita dall’espansione del credito, effettuata da banche e banche centrali sotto pressione dei governi. L’1% si sarebbe arricchito comunque, perché l’avanzamento della tecnologia rende possibile l’accumulazione di capitali sempre maggiori, ed il loro sfruttamento in modo sempre più efficiente, mentre rende obsolete le prestazioni di fasce sempre maggiori di lavoratori. Il mercato libero pertanto tende a privare i lavoratori, sempre meno necessari, del loro potere d’acquisto.

  • stefanodandrea

    Neutrino ottima esposizione. Effettivamente nell’articolo la critica al signoraggio del dollaro appare come critica alla moneta fiat: è il limite dell’articolo.

  • Georgejefferson

    Ma,scusate,domando all’intelligente lui gli altri stupidi…chi e’ e a quale titolo stabilisce che l’oro e’ valore reale e la moneta fiat no?Il discorso potrebbe essere ribaltato cosi”l’oro e’ metallo straccio che ci fanno credere che abbia valore in se”.A forse perche lo si considera valore da secoli?Quindi questo giustifica?Allora la moneta fiat e’ di piu,addirittura da millenni,se guardiamo alla storia che dimostra.Forse per l’uso dell’oro nel lavoro di beni e servizi?Tze…piccolissima parte,l’oro si accumula per essere eventualmente cambiato in potere d’aquisto in caso di bisogno.E allora perche non il ferro?o le conchiglie?Basta che me le cambino in potere d’aquisto,quindi anche le conchiglie sono “valore vero”se c’e’ la fiducia in loro.E’ il potere d’aquisto che conta,ed e’ la fiducia a darglielo,o la legge a stabilirlo,o il tiranno che “obbliga”.Io posso accumulare l’oro,ma se quando mi servira vale un decimo di quello che valeva?E se chi possiede l’oro lo possiede perche derivante da secoli di accumuli illegittimi sulle spalle dei popoli depredati dai signorotti?Piace di piu l’oro?Allora azzeriamo tutte le proprieta e cominciamo da zero ad armi pari,ad ognuno il suo pezzettino.Io ci sto.

  • Aironeblu

    Giorgio, mi deludi… Non ti appare evidente che l’oro è stato assunto storicamente da centinaia di popolazioni come valore reale di riferimento per alcune sue precise caratteristiche, che sono la rarità, l’incorruttibilità e la lavorabilità? Semplicememte, tra tutti gli elementi offerti dalla natura, l’oro, come le gemme, è tra i più preziosi.

  • Georgejefferson

    L’inflazione non e’un fenomeno meccanico.E’ tipico in espansione,in forte fase di crescita l’economia gira e anche il credito,aumentano i prezzi perche c’e’ domanda,ma non meccanicamente,stampo 100 aumenteranno i prezzi di 100.Paradossalmente,la Banca centrale puo stampare moneta a raffica per parare il culo al sistema che al posto di stimolare lavoro utile e sviluppo crea bolle immobiliari o azionare e contemporaneamente stare in stagnazione perche c’e’ sfiducia,pessimismo e depressione ben alimentata dai media che martellano sullo sfacelo perche “non ci sono i soldi”.In caso di espansione,innanzitutto va visto cosa espande.Se sviluppo sostenibile e lavoro sano per le masse oppure bolle,in secondo luogo l’inflazione si annulla o quasi se ci sono buone indicizzazione dei salari,in terzo luogo il risparmio puo essere protetto se accumulato in titoli di stato (uno stato serio) pagando una piccola parte per il servizio di deposito (interessi reali in negativo).

  • Aironeblu

    In origine, Dio disse: “FIAT LUX!” E la luce fu.

    Molti millenni più tardi, David Rockfeller disse: “FIAT MONEY!”. E il dollaro fu.

    Ci provò anche Minchionne, con “FIAT PANDA!”. Ma non ebbe successo.

  • Georgejefferson

    E’ falso Airone,e’ una mistificazione tipica della scuola austriaca.Del Mar,il piu grande storico della moneta mai esistito al mondo scrisse:””Come regola gli economisti non si preoccupano di studiare la storia della moneta, è molto più facile per loro immaginarla e dedurne i principi da questa conoscenza immaginaria”.Leggi questo:

    Le monete in realtà sono sempre state essenzialmente fiat, (e l’emissione di tutte sotto controllo dei Governi fino al 1700), e cioè erano essenzialmente fiat anche prima delle banconote, ed era proprio la loro natura fiat quella che in realtà conferiva buona parte del valore all’oro, per altro sempre tesaurizzato, e non viceversa come è comune pensare, e inoltre i sistemi erano poi basati di fatto su rame, bronzo e ottone in realtà, come l’Oricalco Romano del Sesterzio (una lega pressapoco identica al Nordic Gold dei 50 cent di EUR odierni), con un valore intrinseco bassissimo. (N.B. oggi i 50 cent hanno circa 8 10 cent di valore intrinseco, cioè il valore del metallo più la lavorazione) o le stesse monete d’argento (il denario Romano ad esempio) che erano coniate progressivamente con titolo sempre più basso, anche sotto il 50%.
    Quindi l’essenza fiat della moneta era quella determinante, e solo quando perdeva fiducia tutto il sistema (fu l’Antoniniano a sostituire il Denario, partendo da un titolo migliore) per guerre e sconvolgimenti politici si ripartiva da un miglior contenuto intrinseco, ma proprio per la perdita di parte della fiducia nell’autorità.Già Aristotele, nell’Etica, diceva: “la moneta esiste non per natura, ma per legge”.
    Questa nozione fu alla base per secoli, e fu anche la base della stabilità che si ebbe per secoli e da questa nozione deriva il fondamento cardine e cioè che l’emissione deve essere esclusivamente in mano allo Stato, e non ai privati.
    La non comprensione (sincera o interessata) della moneta si deve ad Adam Smith e a Jeremy Bentham, i cui argomenti sono basati sulla fallace nozione di moneta-merce, che poi ha portato tutta una serie di altri soggetti (banche private specialmente) a sponsorizzare questa tesi balorda e negata da tutta l’evidenza storica, e a occultare quella che era la cultura secolare ed anche quella corrente, man mano censurata e oscurata.
    Dalla nozione di moneta-merce deriva essenzialmente poi quella di moneta posseduta ed emessa privatamente, come è quella emessa oggi.
    Il privilegio di emettere moneta e di controllarne l’offerta è immenso, non c’è potere paragonabile a quello, e la concentrazione di ricchezza che ne deriva può far comprendere come quei privati che ne godettero, scippando man mano agli Stati e ai Governi la prerogativa di emetterla, siano di fatto divenuti i padroni e i decisori reali delle politiche nei vari Paesi.

    Chi poi tentò di contrastare questo dominio, e di avviare un sistema differente, fu sempre demonizzato e attaccato e fece sempre una brutta fine, e l’ultimo in ordine di tempo è stato Gheddafi, senza con questo voler dare giudizi su di lui, ma solo sottolineando quel particolare aspetto, (Gheddafi stava promuovendo e organizzando un sistema monetario pan-Africano, sganciato dal dollaro) che fu almeno una parte delle ragioni che spinsero alla guerra.

  • Georgejefferson

    La moneta a valore legale dovrebbe essere gestita democraticamente, come sono gestite democraticamente le leggi dello Stato. Per lo stesso motivo per il quale lo Stato decide che ci si ferma al semaforo rosso e si avanza a quello verde, lo Stato decide l’offerta di moneta. Semmai il problema è quando questa funzione è affidata ad organismi indipendenti da organismi democratici, e che quindi possono agire per interessi particolaristici, e non alla volontà degli individui democraticamente associati.

  • Georgejefferson

    Nel “Trattato sulla moneta,” Keynes afferma che tutti gli Stati hanno avuto la capacità di decidere cosa è il denaro e ciò che non è per almeno 4.000 anni

  • Quantum

    Non è vero che cinesi o russi o altri paesi pieni di dollari possano andare in USA e comprarsi ciò che vogliono.

    Ci sono leggi ben precise che vietano l’accumulo di terreni ed immobili a soggetti stranieri.

    E come ha dimostrato il Canada con il blocco dell’acquisto d Blackberry da parte di Lenovo, ci devono essere dei pareri da parte delle istituzioni per l’accaparramento di corporation in mani straniere, che sarà sicuramente bloccato.

    Ciò che è l’acquisto di vera ricchezza, immobili e aziende è precluso a soggetti stranieri che tornano con una montagna di $$$.

    Puoi solo comprare merci e servizi. Terreni e immobili solo in quantità limitate e funzionali al tuo ruolo in USA, cioè se sei residente, se hai bisogno di logistica e rappresentanza commerciale ecc.

  • castigo

    SISTEMA MONETARIO FIAT: MANIPOLAZIONI & CARTA IGIENICA. DOVE’ IL LIMITE ALLA STUPIDITÀ ?

    il limite alla stupidità??
    non c’è.
    basta pensare al fatto che continuate a votare gli stessi bastardi che ci hanno ridotti in miseria e che stanno desertificando la nostra economia……

  • Georgejefferson

    Qua il livello di sostenibilità del debito italiano:

    Image and video hosting by TinyPic [it.tinypic.com?ref=avpw6r]

    Qui abbiamo uno studio approfondito sull’ammontare del debito come interessi sugli interessi a dimostrazione delle regole usuraie imposte dal vincolo esterno”per disciplinare”

    http://leprechaun.altervista.org/debito_pubblico_italiano.shtml

    L’Italia aveva sempre avuto un debito pubblico basso, sotto cioè il 60%, sino a quando il ministro del Tesoro Beniamino Andreatta (padrino politico di Romano Prodi) tolse alla Banca d’Italia la facoltà di acquistare l’invenduto sul titoli pubblici emessi dal Tesoro ossia dallo Stato italiano.

    Questa sola unica mossa, decisa unilateralmente da Andreatta, fece passare i tassi d’interessi sul debito pubblico dallo 0,3% al 18% e di conseguenza il debito pubblico italiano nel giro di un decennio raddoppiò passando dal 60% sul PIL al 120% sul PIL.

    Nessuno nega che la corruzione sia un problema, e che il debito vada gestito. Ma si sa quantificare l’impatto della corruzione sul debito? Perché si puo quantificare l’impatto che l’aumento di più di sei punti del tasso di interesse reale ha avuto sulla dinamica del debito pubblico a partire dal divorzio fra Tesoro e Banca d’Italia. Lì è esploso il debito. La corruzione c’era prima e c’è stata dopo. C’era anche negli anni ’90, quando eravamo in surplus con l’estero di quattro punti di Pil. E allora? Vogliamo parlare di cifre, e vogliamo distinguere i problemi microeconomici da quelli macroeconomici?

    C’è una cosa molto semplice e non discutibile. L’Euro ha ammazzato Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda, Italia, e già anche peggiorato Francia. ecc..Non il “debito pubblico” “la corruzione” “gli sprechi”, Certo hanno anche quelli qualche responsabiltà, ma non sono la causa. Noi abbiamo sempre finanziato un Paese con sprechi ecc. Perchè sprecavamo ma facevamo PIL. Ce li mantenevamo gli sprechi ecc… Dovevamo migliorare, questo è un altro discorso.. Dopo Euro non abbiamo più fatto PIL. Quindi ci siamo indebitati. Ma dove?
    L’Euro lo ha fatto creando una voragine nei conti con l’estero di ognuno, e nell’indebitamento privato che in parte ne è conseguito, perchè l’Euro ha distrutto anche parte del mercato interno non difeso più da una valuta debole aprendo cioè la strada a import anche da Paesi forti che ora sono diventati competitivi, mentre prima no, i loro prodotti erano cari, essendo in valuta forte, e quindi non penetravano, cioè avevano prezzi troppo alti, e quindi la LIRA difendeva industria anche interna, non solo quella votata a export. E’ stato poi un import (che sono debiti con l’estero per noi se non compensati da export) finanziato da tassi bassi, artificiali per noi ed altri (tutti i PIIGS con inflazione più alta) e tarati su Germania, con questo dirottando su mercati finanziari piuttosto che produttivi (boom immobiliari ecc…).
    In questo quadro sono state imposti vincoli di bilancio (deficit/PIL ecc.) e l’unica via (voluta) è stata di far svalutare internamente, cioè ridurre salari, pensioni, tagliare, precarizzare, delocalizzare ecc.. (cioè tagliare costi) e aumentare tasse (cioè cercare di aumentare le entrate).
    Il tutto però come risultato non è mai migliorativo ma sempre peggiorativo (e questo lo sapevano, lo stesso centro studi FMI fa 172 casi di fallimenti di queste loro politiche di “austerity” in 40 anni, ma il centro studi non sono poi quelli di FMI che decidono. Lo sapevano quindi benissimo e quindi è voluto).

  • Georgejefferson

    Il tutto e’ una mistificazione tipica della scuola austriaca.Del Mar,il piu grande storico della moneta mai esistito al mondo scrisse:

    “”Come regola gli economisti non si preoccupano di studiare la storia della moneta, è molto più facile per loro immaginarla e dedurne i principi da questa conoscenza immaginaria”.Leggere questo:

    Le monete in realtà sono sempre state essenzialmente fiat, (e l’emissione di tutte sotto controllo dei Governi fino al 1700), e cioè erano essenzialmente fiat anche prima delle banconote, ed era proprio la loro natura fiat quella che in realtà conferiva buona parte del valore all’oro, per altro sempre tesaurizzato, e non viceversa come è comune pensare, e inoltre i sistemi erano poi basati di fatto su rame, bronzo e ottone in realtà, come l’Oricalco Romano del Sesterzio (una lega pressapoco identica al Nordic Gold dei 50 cent di EUR odierni), con un valore intrinseco bassissimo. (N.B. oggi i 50 cent hanno circa 8 10 cent di valore intrinseco, cioè il valore del metallo più la lavorazione) o le stesse monete d’argento (il denario Romano ad esempio) che erano coniate progressivamente con titolo sempre più basso, anche sotto il 50%. Quindi l’essenza fiat della moneta era quella determinante, e solo quando perdeva fiducia tutto il sistema (fu l’Antoniniano a sostituire il Denario, partendo da un titolo migliore) per guerre e sconvolgimenti politici si ripartiva da un miglior contenuto intrinseco, ma proprio per la perdita di parte della fiducia nell’autorità.Già Aristotele, nell’Etica, diceva: “la moneta esiste non per natura, ma per legge”. Questa nozione fu alla base per secoli, e fu anche la base della stabilità che si ebbe per secoli e da questa nozione deriva il fondamento cardine e cioè che l’emissione deve essere esclusivamente in mano allo Stato, e non ai privati. La non comprensione (sincera o interessata) della moneta si deve ad Adam Smith e a Jeremy Bentham, i cui argomenti sono basati sulla fallace nozione di moneta-merce, che poi ha portato tutta una serie di altri soggetti (banche private specialmente) a sponsorizzare questa tesi balorda e negata da tutta l’evidenza storica, e a occultare quella che era la cultura secolare ed anche quella corrente, man mano censurata e oscurata. Dalla nozione di moneta-merce deriva essenzialmente poi quella di moneta posseduta ed emessa privatamente, come è quella emessa oggi. Il privilegio di emettere moneta e di controllarne l’offerta è immenso, non c’è potere paragonabile a quello, e la concentrazione di ricchezza che ne deriva può far comprendere come quei privati che ne godettero, scippando man mano agli Stati e ai Governi la prerogativa di emetterla, siano di fatto divenuti i padroni e i decisori reali delle politiche nei vari Paesi.

    Chi poi tentò di contrastare questo dominio, e di avviare un sistema differente, fu sempre demonizzato e attaccato e fece sempre una brutta fine, e l’ultimo in ordine di tempo è stato Gheddafi, senza con questo voler dare giudizi su di lui, ma solo sottolineando quel particolare aspetto, (Gheddafi stava promuovendo e organizzando un sistema monetario pan-Africano, sganciato dal dollaro) che fu almeno una parte delle ragioni che spinsero alla guerra.

  • Quantum

    A. Einstein. “Due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana. E del primo non ne sono neanche tanto sicuro.”

    All’uomo interessa l’accrescimento, la prosperità. E nei secoli gli è stato insegnato che queste cose si ottengono ora con l’oro, ora con le spezie, ora con il denaro.
    Se l’uomo avesse ciò di cui necessita per se e la sua famiglia non gliene fregherebbe proprio nulla di lavorare o di accumulare ricchezze. Quella è un’aberrazione, un problema psicologico.

    La stupidità non è qualcosa di genetico, poiché i bimbi in età prescolare hanno spesso QI fino ad 80 volte quelli degli adulti.

    La stupidità è una piaga sociale, perché indotta nella società in cui poi si cresce.

  • Hamelin

    Cit. “L’argomento secondo cui l’espansione monetaria di questi ultimi 20 anni sia stata escogitata per depredare i cittadini da parte dell 1% è un mito: l’espansione monetaria è stata necessaria per ritardare il collasso dell’economia di mercato, dovuta alla diminuzione del valore marginale del lavoro rispetto al valore del capitale (brevetti, tecnologia, risorse naturali), a sua volta dovuta all’inesorabile progresso tecnologico.
    Semmai la classe lavoratrice è stata tenuta artificialmente in vita dall’espansione del credito, effettuata da banche e banche centrali sotto pressione dei governi. L’1% si sarebbe arricchito comunque, perché l’avanzamento della tecnologia rende possibile l’accumulazione di capitali sempre maggiori, ed il loro sfruttamento in modo sempre più efficiente, mentre rende obsolete le prestazioni di fasce sempre maggiori di lavoratori. Il mercato libero pertanto tende a privare i lavoratori, sempre meno necessari, del loro potere d’acquisto.”

    Totalmente in disaccordo su questo puntoin particolare.
    Questo è cio’ che vogliono che la gente pensi.
    Il nostro sistema ha una morte naturale e fisiologica al raggiungimento di determinati obbiettivi tecnologici che rendono il lavoro inutile.
    Chi comanda ne è ben conscio ed anzichè cercare di creare un mondo equo e piu’ vivibile ha acuito le differenze nel sistema per tentare di acquistare piu’ potere possibile e accentrarlo in poche mani che de facto decidono in modo dispotico dove va il mondo.
    Il mercato libero non esiste e non è mai esistito.
    In un ottica neomercantile i fattori produttivi obsoleti vengono eliminati, se tu reputi che i lavoratori siano un fattore produttivo e basta e non degli esseri umani sei in perfetta siantonia con il loro pensiero .
    Gli esseri umani possono vivere anche senza un sistema come questo, anche se in pochi riescono a realizzarlo.

  • Hamelin

    Ah ah ah
    Bellissima!

  • Georgejefferson

    Parzialmente daccordo.Non quadra quello del lavoro che non serve piu.Anche questo e’ un inganno in cui ci cascano spesso quelli della “caduta tendenziale del saggio di profitto”(non tu) che quadra il ragionamento si,ma dipende appunto a seconda di chi lo comanda il lavoro e se il profitto e’ l’ostentazione assoluta,essi errano a mio avviso perche qualsiasi tentativo di cambiare le cose diventa vano perche “o cambia tutto il mondo oppure inferno”…e poi gli ostentatori decrescisti a prescindere.Ora dimmi se tutto quello di seguito NON E’ possibile lavoro:

    Lavoro sul dissesto idrogeologico per la sua messa in sicurezza,che riguarda più di un terzo del suolo solo in Italia.
    Rimboschimento,stabilizzazione delle dune di sabbia,controllo dell’erosione a valle dei fiumi.
    È un campo in cui i soldi si devono trovano sempre a posteriori, quando sono stati distrutti o allagati interi quartieri o quando ci sono frane, morti.Sarebbe meglio spenderli prima, oculatamente, in opere da individuare.

    Lavoro di sistemazione della terribile situazione delle scuole.
    Il 48% delle scuole italiane non ha un certificato che assicuri che l’edificio è a norma dal punto di vista della sicurezza statica. È possibile che i ragazzi italiani vadano in scuole metà delle quali non è a norma dal punto di vista della sicurezza? Non si tratta di pavimenti sconnessi o rubinetti che perdono, o servizi inadeguati, ma di muri, tetti, fondamenta, che bisognerebbe rivedere e rimettere a norma.

    Lavoro di sistemazione del degrado del nostro immenso patrimonio culturale e artistico,degrado che è per molti aspetti sotto gli occhi di tutti.
    Negli anni si è puntato a migliorare i punti di ristoro nei musei, insistendo sulla fruibilità da parte di pubblici sempre più vasti, invece di intervenire sulla catalogazione digitale, sulla tutela effettiva, sulla custodia. Un’azione mirata può creare centinaia di migliaia di posti di lavoro.

    Lavoro su progetti di rinnovo urbano e di altri programmi ambientali sulle restrutturazioni edilizie intelligenti ed ecocompatibili,progetti di risparmio energetico e piani di incentivi alle energie rinnovabili.
    Centinaia di migliaia di case che crollano al primo terremoto,che sono costruite in zone alluvionate senza regole,che sono in buona con servizi igienici inadeguati,case pericolanti che con una fuga di gas cadrebbero al suolo,come tanti vecchi casolari di campagna, abbandonati, pericolosi, ma tenuti per la speculazione edilizia,orrendi e fatiscenti palazzi che variano dai 3 agli 8 piani.Poi il problema dell’amianto,che finalmente per legge non si puo’ piu’ estrarlo, importarlo, esportarlo e commercializzarlo,dato il suo essere fortemente cancerogeno.Bisogna però liberarsi da quello che abbiamo in eredita’ o, almeno, conviverci senza rischi. E qui cominciano i guai, visto che l’ indistruttibile materiale era impiegato,nelle lastre di coperture degli edifici, nei rivestimenti termici e antincendio, nei freni e nelle frizioni delle automobili, nelle condutture delle acque e delle fogne, negli ondulati per i tetti,nell’ isolamento degli impianti termici, nelle coperte da stiro, nelle navi, nei vagoni ferroviari.

    l’assistenza personale ai pensionati,assistenza in programmi sportivi della comunità.

    Carenza di restrutturazione degli ospedali,carenza di posti letto,medicine.

    Piani di incentivi alla ricerca ed istruzione.

  • alvise

    Veramente ho scritto che mi pare una lezione di Signoraggio, al massimo potevi dirmi che mi sbaglio, ci mancherebbe.Comunque va bene anche così, i temi monetari sono sempre utili per capire sempre meglio

  • alvise

    Quello che non capisco è il suguente.Conoscevo il motivo per cui l’oro ha sempre avuto limportanza ed il valore, che quì è stato descritto, tuttavia un grande valore, forse enorme (non c’ero a quei tempi quindi mi devo attenere alla storia) ce l’aveva il sale.Mi pare di ricordare che per il sale si uccideva come si uccideva per l’oro.Ora, per tutte e due le estrazioni chi vi lavorava si faceva il culo, forse chi estraeva oro un po di più, ma anche con il sale non si scerzava, con tutti gi annessi.Ma il sale aveva ed ha una prerogrativa dato che l’oro, pur avendo valore, in pentola non ne ha nessuno come ce l’ha il sale, quindi parrebbe che il sale doveva avere più valore, forse, dell’oro, ma non è questo su cui si basa il mio pensiero, ed è quì che si ferma, ha un muro davanti.

    Se l’oro ed il sale hanno un valore per via di tutto quello di intrinseco hanno, rimane il fatto che qualcuno, come dicevo sopra, si è fatto il culo per far si che altri ne beneficiassero (del sale anche chi lo estraeva, dell’oro forse no), e quindi sul “mercato”, c’erano dei prodotti con un valore dato dalla fatica e dell’importanza del prodotto stesso, ma da quando la moneta non è nemmo più stampata, o almeno non tutta la moneta, ma moltissima nella forma digitale e comunque fiat, non capisco perchè deve essere ritenuta lecita.Perchè lecita e di valore intrinseco, se alla pari di chi si è fatto il culo per il sale e per l’oro, almeno un po di valore reale ce l’ha ma la moneta direi di no?(marx direbbe che la fonte del valore è il lavoro).Quando si dice che valore di un bene, come la moneta, è determinato dalla dinamica della domanda-offerta del mercato, allora sarebbe bene che non ne parlassi più, perchè la prima risposta che mi darei sarebbe; “beh, mi stampo qualche miliarduzzo ed ecco che creo offerta”.E grazie, ma con quale parametro?

  • Georgejefferson

    Infatti vedi che se succede un terremoto e ti crolla la casa mica la stampano per aiutarti,oppure per far lavorare tutti,magari meno,con investimenti intelligenti…perche come dici,e’ carta e non e’ giusto.Pero per parare il culo alle banche lo fanno da sempre,o per finanziare guerre.Di nascosto,pero lo fanno.Il discorso che fai sul sale e l’oro e’ un baratto.Se scambio beni e servizi con una copertura tangibile e’ un baratto.Senza la moneta fiat per gli investimenti e lo sviluppo saremmo ancora nelle capanne.A me e te potrebbe anche andar bene,ma sarebbe giusto imporre il nostro punto di vista (minoranza) alla maggioranza?Allora non e’ tanto la moneta fiat o meno,che oltre il baratto e’ sempre stata fiat,ma chi la controlla e a favore di chi.Se puo esistere un minimo di controllo democratico oppure no.E se solo “i proprietari” delle coperture hanno voce in capitolo,allora che si mostri con studi storiografici l’origine di tali coperture,poi vediamo se hanno origine dal merito,o dalla depredazione dei popoli.

  • Truman

    Ci sono molte osservazioni ragionevoli, alcuni grossolani errori ed un approccio fastidiosamente arrogante, con quel dare dello stupido a chi non è d’accordo con l’autore.

    Apprezzo la suddivisione schematica degli argomenti in otto passi e nel merito mi appare quasi tutto condivisibile, ma le conclusioni sono inaccettabili.

    1) Come già fa notare George, riportare il valore del denaro all’oro non risolve il problema, visto che bisognerebbe capire cosa dà valore all’oro. E qualcuno fa notare “Perchè l’oro e non il sale?” La risposta non può essere in termini convenzionali (“si accetta l’oro per consuetudine”) perchè bisognerebbe risalire alla ragione della consuetudine.

    2) Chang dice che il “fiat money” è una forma di “schema Ponzi” e quindi è una truffa. Ma lo schema Ponzi è una truffa perchè il privato non può creare denaro dal nulla, invece lo Stato deve creare denaro dal nulla. L’unica alternativa finora proposta alla creazione di denaro dal nulla da parte dello Stato è la creazione di denaro dal nulla da parte delle banche.

    3) Il fatto che il denaro viene comunque creato dal nulla viene solitamente nascosto con molto fumo, arrivando alla situazione (tra il ridicolo, l’assurdo ed il tragico) di oggi, in cui lo Stato crea il denaro dal nulla, lo dà da gestire alle banche e poi lo prende da esse in prestito. Particolarmente assurdo il fatto che lo Stato prende in prestito denaro che solo esso può creare. No, le banche non possono creare denaro se non hanno a loro disposizione uno Stato che si occupa di garantirlo anche con la forza quando serve.

    4) Nelle conclusioni c’è anche l’errore grossolano di pensare che il denaro sia in sostanza “un mezzo di scambio”, cosa che contrasta grossolanamente con l’evidenza. Le persone assegnano un valore agli oggetti tramite il denaro nel mondo di oggi, es. la frase “questa automobile vale 10mila euro” ha implicitamente il significato che il valore sta nell’euro, che è diventato il termine di misura di ogni cosa. Per esso si uccide se necessario.

    5) Qui il discorso si complica. Non si può andare a fondo se non si capisce che il denaro è il più potente feticcio mai creato dall’uomo. (Un feticcio è un artefatto umano che diventa oggetto di culto, spesso disconoscendo l’origine di tale oggetto come artefatto umano). Sono i desideri, i sogni, i deliri di potenza che pilotano la metafisica del denaro. Se fosse un oggetto di scambio basterebbe spiegarlo come una misura dei bisogni umani che si possono soddisfare (sarebbe già abbastanza complesso, ma non servirebbe la metafisica).

    Provaci ancora Chang!

    6) Una nota per quelli che parlano di signoraggio: alcuni discorsi mi appaiono in comune a quelli del signoraggio, ma è paricoloso usare tale parola, perchè la macchina del fango non è mai stata spenta, ed è pronta a vomitare sterco in quantità industriali su chi si azzarda ad usare tale parola. Essa esprime sinteticamente l’idea che le banche truffano i cittadini, è politicamente scorretto esprimere un tale concetto, nel mondo di oggi la verità nuda viene punita ferocemente.

  • Quantum

    Aggiungi alle monete FIAT le foglie di fico intessute e con apposto il sigillo reale, che venivano prodotte dal Gran Khan alcune centinaia di anni prima di Cristo.

  • Georgejefferson

    Ogni parola viene sistematicamente infangata.Ora e’ il turno di sovranità.Ma ce n’e’ una a cui non possono troppo,perchè appunto da loro usata,come feticcio positivo a prescindere in modo funzionale alle oligarchie,e quindi da usare,richiamandone pero il senso profondo e originario.Democrazia.

  • neutrino

    Sono perfettamente d’accordo che sia estremamente stupido avere gente che non lavora quando ci sono molte attività di primaria importanza che non vengono intraprese, per mancanza di soldi.
    Sembra folle, visto dal di fuori. Quando però si considerano i rapporti economici spontanei tra individui, e quindi i prezzi che si generano negli scambi di lavoro e di beni in un mercato libero, tutto ciò non è poi così strano.
    Se questi lavori non vengono svolti, a parte quando ciò sia motivato da inefficienze organizzative e frodi a danno dei contribuenti, significa che non vi sono persone disponibili a pagarne il costo (individualmente o collettivamente, non cambia). Quindi nel “mercato”, cioè quella massa informe e satanica che siamo tutti noi, tramite libere contrattazioni, non si incontrano: a) il costo di questi servizi; b) il prezzo che siamo disponibili a pagare per essi.
    Se si vuole ovviare a questo problema, ed io sono convinto che sia una necessità farlo, bisogna superare il mercato come meccanismo unico di regolazione della vita economica.
    Questo però, negli esperimenti di vasta scala documentati, ha sempre significato ridurre le libertà individuali in modo significativo.
    E’ possibile superare il mercato senza rinunciare alle libertà individuali?
    Possono i cittadini: a) iniziare a governarsi senza bisogno di intermediari (necessariamente pericolosi); b) auto-tassarsi in maniera cospicua per finanziare i lavori strategici per la collettività ma di scarso valore per i singoli individui?
    A me sembra che i germi di questo pensiero siano presenti nel M5S, con tutti i limiti di un movimento di massa. In questa direzione considero che forse l’Italia possa essere un apripista.

  • Georgejefferson

    Si chiama economia mista.Il meno peggio storicamente dimostrato,a mia opinione.O socialismo liberale.Io sono un socialista liberale,ma non e’ un obbligo esserlo.E’ una opinione,non un dogma.

  • Aironeblu

    Grazie per la preziosa correzione!

  • AlbertoConti

    La più grossa stupidità è nel NON riconoscere, dopo il 1971 anche in pratica ma da sempre secondo logica, che la moneta è FIAT per sua stessa natura. La truffa non è questa verità, ma l’uso criminale che si fa della gestione della moneta (attraverso le banche), favorito enormemente dal non riconoscere questa verità. Tutti i precedenti GOLD STANDARD erano truffe conclamate, e il famoso decreto NIXON ne solo l’ultima prova del 9, quella senza appello. La sentenza implicita nel decreto Nixon è definitiva, passata in giudicato da 42 anni, facciamocene una ragione! Solo così si può capire cosa occorre fare contro i truffatori, i falsari ingegnerizzati della moneta, a cominciare dalla titolarità del gestore (le banche) che non possono essere “private” se si vuol contrastare la truffa. Stati inaffidabili, spendaccioni, corrotti? Bella forza, sono finanziati coi proventi della truffa monetario-finanziaria! Lo Stato “buono e onesto” bisogna meritarselo, pasti gratis non ce ne sono! Se lo Stato non riesce a rappresentare gli interessi della collettività, nel rispetto sostanziale degli altri Stati, è uno “stato canaglia”, va abbattuto e rifatto sulle sue ceneri, insieme alla relativa Politica.