Home / ComeDonChisciotte / LA LOBBY DI BILL GATES SI INSEDIA NELLA SCUOLA
11734-thumb.jpg

LA LOBBY DI BILL GATES SI INSEDIA NELLA SCUOLA

FONTE: COMIDAD.ORG

Può risultare istruttivo notare come nell’attuale dibattito politico si siano creati degli strani ibridi, come, ad esempio, il “grillorenzismo”. Da posizioni politiche apparentemente opposte, derivano infatti proposte simili, come il limite di due legislature per i parlamentari. Il proposito apparentemente moralizzatore della proposta si configura come una porta spalancata al lobbying. Il parlamentare che sappia in anticipo di avere a disposizione solo due legislature, si sentirà infatti ulteriormente incentivato a cercarsi una via di salvezza personale fuori del parlamento, magari facendosi accogliere da uno di quelli che le sue leggi hanno beneficato.

Il Congresso statunitense ha già pienamente legalizzato il lobbying, nella forma del “revolving door”. Se prendi una tangente commetti un reato, ma se lasci il parlamento per andare a lavorare per l’azienda alla quale hai confezionato una legge ad hoc, allora sarà tutto legale. Il “Washington Post” del dicembre scorso riportava il caso di una deputata repubblicana che aveva lasciato il Congresso per diventare presidente dell’azienda elettrica della sua regione, un’azienda beneficiaria sia di concessioni che di sovvenzioni governative.

La deputata in oggetto era stata appena rieletta, quindi ha lasciato il Congresso volontariamente; ma negli USA il “revolving door” è ormai un costume consolidato, mentre in un Paese come il nostro, in cui la corruzione è ancora in gran parte ferma allo stato primitivo della tangente, occorre per i parlamentari un meccanismo di incentivi che li abitui a ricalcare le illustri orme di un Giuliano Amato, passato dal ruolo di ministro a quello di advisor di Deutsche Bank. Non c’è neppure bisogno che la proposta del limite delle due legislature diventi legge, poiché potrebbe bastare lanciare nella testa dei deputati l’idea che la pacchia potrebbe finire troppo presto, e perciò sarebbe urgente cercarsi nuove opportunità.

Il lobbying si fonda sull’abilità di saper presentare i propri interessi particolari come manifestazioni di interessi e valori superiori. Non è casuale che oggi la più nota lobbista del business del denaro elettronico sia una giornalista d’assalto, una paladina della morale e della lotta all’evasione fiscale, che è investita di tanta stima da essere stata segnalata come possibile candidata alla presidenza della Repubblica (o, almeno, così ci è stato fatto credere). Il denaro elettronico non è certamente in grado di impedire l’evasione fiscale, ma è sicuramente capace di trasformare la microfinanza ed il microcredito in business talmente lucrosi da far impallidire persino i famigerati titoli derivati. Per le banche prestare denaro ai poveri non comporterebbe più nessun rischio, perché non s’intaccherebbe la riserva di banconote, ma si concederebbero a credito solo impulsi elettronici. Quindi non ci sarebbe più nessun vero pericolo di insolvenza, mentre, in cambio di un po’ di illusioni elettroniche, i poveri dovrebbero restituire per tutta la vita lavoro e beni.

Uno dei maggiori problemi attuali è che la natura del lobbying non viene affatto percepita dalla coscienza politica media. Una lobby non è altro che un gruppo che si aggrega attorno ad un business e preme con qualsiasi mezzo per realizzarlo. La lobby non si pone problemi di progetto politico o sociale, non ha una visione del mondo da proporre, se non quegli slogan che sono utili a confondere e sviare ogni possibile opposizione. Il lobbying può addirittura parassitare gli sforzi di razionalizzazione delle opposizioni, le quali tendono sempre a cercare un progetto o una concezione ideale, laddove invece vi sono solo propositi affaristici. Il lobbying fagocita il linguaggio e le idee degli oppositori e, attraverso un’opportuna distorsione, li riutilizza ai propri scopi affaristici. Per questo motivo, dei lobbisti delle multinazionali come la Thatcher o i Neocon americani, sono stati trattati dai loro oppositori come se fossero veri fenomeni ideologici.

Qualcosa del genere sta accadendo in seguito all’istituzione del sedicente Servizio di Valutazione Nazionale, che ha affidato la Scuola al rating dell’INVALSI. L’ex presidente della stessa INVALSI, Piero Cipollone, attualmente direttore esecutivo della Banca Mondiale, ha rassicurato i docenti circa i propositi puramente efficientistici dei test per gli studenti.

Il dissenso di gran parte degli insegnanti sui quiz INVALSI riguarda le conseguenze didattiche di una valutazione che riduce il sapere a nozioni elementari e formule prestabilite escludendo la dimensione critica del sapere. Si è aperta così una di quelle belle discussioni infinite, nella quale si può avere tutti ragione, poiché se da un lato sono evidenti i difetti dei quiz, dall’altro si potrà sempre replicare che a questo mondo non c’è nulla di perfetto. Le opposte tesi pedagogiche possono quindi scontrarsi nell’arena del “dibattito”, in nome di quella attrazione fatale per il futile da cui molti “oppositori” sono affetti.

In soccorso dei quiz sono arrivati anche due lobbisti della “flexsecurity” (cioè della carta di credito obbligatoria per precari e disoccupati), cioè i mitici fratelli Pietro e Andrea Ichino. Quest’ultimo ha addirittura paragonato i test INVALSI ad un termometro. La metafora è abbastanza demenziale da potere far scorrere il dibattito a fiumi.

Un articolo di Raffaele Simone su “La Repubblica” dello scorso dicembre però già anticipava che la Scuola non sarebbe comunque scampata al rating, poiché nell’attuale società nulla dovrà sfuggire alla valutazione. Il rating viene quindi proposto come ideologia totalizzante, anzi, come esca pseudo-ideologica per nascondere qualcos’altro.

Infatti, allo stesso modo in cui sono emersi i conflitti di interessi delle grandi agenzie di rating finanziario, così potrebbero emergere analoghe magagne nel rating scolastico. Tanto per cominciare, l’INVALSI è una piccola organizzazione che conta una sessantina di dipendenti, di cui i due terzi sono precari. L’INVALSI è talmente “trasparente” da permettersi di pubblicare l’organigramma sul proprio sito. Uno dei vantaggi del lobbying è quello di poter fare a meno dei segreti, tanto si è talmente distratti dagli slogan che non ci si accorge di niente.

Come potrebbe mai una simile struttura reggere il peso di un servizio di valutazione nazionale? Infatti è impossibile; perciò la somministrazione e la correzione dei test sono affidate agli insegnanti, cioè a quegli stessi che dovrebbero essere oggetto della valutazione. Il controsenso è talmente evidente da far supporre che il preteso “Servizio di Valutazione Nazionale” sia solo un pretesto, un raggiro.

A conferma di questa supposizione c’è da segnalare un recentissimo intervento del magnate di Microsoft, Bill Gates, sul “Washington Post”, che ha avuto una vasta risonanza su tutta la stampa americana, la quale, senza alcuna ironia, definisce lo stesso Gates come il “miliardario filantropo”. La Bill & Melinda Gates Foundation (la più grande fondazione privata del mondo) ha svolto un ruolo decisivo negli USA e nel mondo per imporre il rating degli studenti e degli insegnanti con lo strumento dei test.

I commentatori hanno però notato che, nel suo articolo sul WS, Gates sembra aver ripreso il linguaggio dei sindacalisti della Scuola per correre anche lui a ridimensionare l’attendibilità dei test come strumento di valutazione. Gates conclude perciò affermando che bisognerà trovare anche altre forme di indagine. Il motivo di questo voltafaccia di Gates è abbastanza ovvio: gli insegnanti americani ormai hanno imparato ad usare lo strumento dei test, perciò i risultati delle valutazioni vanno invariabilmente a loro favore. Ma non era questo lo scopo del rating, semmai quello di delegittimare la Scuola e di legittimare una sua tutela da parte di organismi privati.

Il tutore privato della Scuola italiana, l’INVALSI ha anch’esso un suo tutore, infatti non è altro che un prestanome ed un passacarte dell’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo, che è oggi il vero ministro dell’Istruzione in Italia. A darci il segno di questa sottomissione è la stessa INVALSI sul proprio sito, illustrando un progetto OCSE di “alfabetizzazione finanziaria” degli studenti. Si tratta cioè di sapere attraverso opportuni test quanto questi studenti siano pronti a fruire dei servizi finanziari generosamente predisposti per loro dalle banche.

L’alfabetizzazione finanziaria è un piano mondiale predisposto dall’ OCSE in coerenza con il piano di “financial inclusion” della Banca Mondiale, di cui proprio Cipollone è direttore esecutivo. Sarà un caso, ma tutte le “riforme” che l’OCSE suggerisce sul mercato del lavoro e sull’istruzione presentano la solita costante, cioè la carta di credito per tutti.

Il piano di alfabetizzazione finanziaria delle masse studentesche è anche patrocinato dalla Banca d’Italia, da cui proveniva Cipollone prima di diventare presidente dell’INVALSI. Dal 2008 l’alfabetizzazione finanziaria è già in atto in via sperimentale in alcune scuole.

Dall’aprile scorso il MIUR ha varato, in collaborazione con BancoPosta, una Carta dello Studente che è diventata una carta di credito prepagata a tutti gli effetti, che i genitori potranno anche usare per la “paghetta” dei propri figli. Per il momento è una carta prepagata, ma, con il procedere della “educazione finanziaria”, potrà diventare una credit card a tutti gli effetti. L’importante è inoculare il virus dell’indebitamento nei ragazzi.

Tutto questo fervore di iniziative ha anche un altro sbocco pratico immediato. Infatti sul sito dell’INVALSI ci si mette al corrente del fatto che la soluzione più educativa per gli studenti sarebbe quella di entrare nell’idea di contrarre debiti con le banche per pagarsi gli studi universitari. La laurea deve quindi diventare per i giovani il veicolo di un indebitamento crescente e duraturo.

La Banca Mondiale ha lanciato un progetto mondiale di “inclusione finanziaria” delle masse povere, anzi, il progetto è stato adottato dalla stessa Banca Mondiale su diretta ispirazione della “Bill & Melinda Gates Foundation”, la stessa istituzione “filantropica” privata che, oltre che occuparsi di Scuola e Sanità, si preoccupa anche di inserire le masse povere degli “unbanked” nei meccanismi del credito, ovviamente per il loro bene. Insomma, Bill Gates ha creato una sua lobby internazionale del credito elettronico che usa la Scuola come stia di allevamento per futuri indebitati.

Fonte: www.comidad.org
Link: http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=546
9.05.2013

Pubblicato da Davide

  • Jor-el

    Bill è sempre stato diabolico.

  • makkia

    Sulle due legislature: ovvio che ogni regolamentazione ha in sé i semi per essere disattesa. La lotta è semplicemente fra quanto “resistente” alla perversione di sé stessa è una regola rispetto a un’altra.
    Per fare un parallelo: in informatica non esiste la certezza di resistere ad attacchi: le misure di sicurezza possono solo auspicare di rendere troppo faticosa la penetrazione rispetto al guadagno che si ha nel riuscire a penetrare.
    E’ evidente che “nessuna protezione” rende possibile la penetrazione anche per puro e semplice divertimento.

    Tornando alle regole di democrazia, dovrebbe essere semplice razionalità capire che liberalizzazioni dei meccanismi interni di rappresentanza significa “liberi tutti”, liberi di sfruttare il potere a proprio beneficio e non a quello di chi ti ha delegato. Di converso, non è il banale depotenziamento del potere di rappresentanza che costituisce una garanzia contro l’abuso. La “misura di sicurezza” è nel bilanciamento dei poteri: cioé il controllo dell’operato del delegato.
    Anche se le due legislature sembrano appunto un depotenziamento, di fatto non limitano la qualità del potere che il delegato ha in mano, ma la possibilità di accumulare potere non previsto dal mandato.
    Si interviene sul tempo necesario a costruire una “rete” di connivenze e quindi di avere del potere supplementare e non previsto dalla funzione ricoperta.
    Come per l’informatica, non si parla di impedire del tutto la perversione, ma di renderla meno agevole.

    Il “lobbying” e le “porte girevoli” non sono affatto un contro-argomento.
    Il lobbying USA è semplicemente la legalizzazione della corruzione e funziona egregiamente proprio in tal senso. E’ la solita conseguenza del pensiero liberista: la corruzione è fisiologica, quindi liberalizziamola, rendiamola trasparente, visibile a tutti ed ecco che si “autoregolamenterà” in una gioiosa e sana concorrenza fra le varie lobby.
    In informatica sarebbe come dire che non devi mettere una robusta password ai tuoi dati, antivirus, firewall… tanto i cracker ti bucheranno comunque. Ma lo faranno in una gioiosa e sana competizione fra hacker, i tuoi dati verranno trafugati da così tanta gente che a quel punto il vantaggio nel trafugarli sarà minimo.
    Quanto sia imbecille una simile concezione, lo lascio al giudizio di chi legge.

  • makkia

    Sulla scuola:
    Stanno facendo lo stesso che hanno fatto alla scienza: cercare di trattare le acquisizioni dei singoli scienziati come fossero dati, con lo scopo di costruire una macchina di trattamento dati che quantifica e controlla (e dirige, migliorandoli) i progressi dell’ambiente scientifico.
    Funziona. Ma piuttosto male.
    Si stanno accorgendo che peer review, fairness, publish-or-perish, impact factor, ecc sono utili ma “resilienti”. Costruiscono uno strato di conservatorismo che è controindicato allo scopo progressivo (esplorazione e ampliamento delle conoscenze) che è la ragion d’essere della scienza.

    Efficientizzare la scuola, costruendo degli strumenti di analisi e indirizzo sulle debolezze dei diversi sistemi, è un tentativo teoricamente valido.
    Peccato che và a incidere proprio sull’essenza della scuola: costruire futuri adulti colti. Ma “colto” è colui che ha strumenti di analisi della realtà e contribuisce innovativamente al progresso del suo paese e del mondo. Il compito della scuola è intervenire positivamente sulla quantità degli orizzonti possibili per il bambino/giovane.

    L’idea di voler controllare in modo molare il modo in cui la scuola svolge questo compito è intrinsecamente regressivo.

    Mi ricorda un po’ certe affermazioni veterocomuniste: quando tutti i bambini andranno alla scuola del Partito, avremo un mondo migliore, cittadini consapevoli, scienziati, manager e politici disinteressati.

    E la risposta è la stessa, per la scienza, la scuola e il Partito: “e come no!”

    La scuola, o meglio il modello scolastico, è un laboratorio di metologie formative. Ce ne vogliono molti e diversi. In modo che non solo interi paesi, ma anche singoli istituti all’interno dello stesso paese, abbiano un ventaglio di proposte, ciascuna coi suoi pro e contro, fra le quali scegliere.
    Anche a costo di scegliere male e tornare sui propri passi.
    La pretesa di misurare una volta e per tutte l’offerta formativa migliore è intrinsecamente “resiliente”: una strada che imbocchi ma dalla quale farai molta fatica a tornare indietro perché le altre strade, piano piano, vanno in disuso.