Home / ComeDonChisciotte / LA GUERRA AL CONTANTE – LA CAMPAGNA PER LA SOPRAVVIVENZA DELLE BANCHE CENTRALI
16078-thumb.jpg

LA GUERRA AL CONTANTE – LA CAMPAGNA PER LA SOPRAVVIVENZA DELLE BANCHE CENTRALI

DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

(postato da Paul Rosenberg da Free-Man’s perspective blog)

Negli ultimi mesi mi sono passati dallo schermo molti articoli, tutti proclamavano la necessità di eliminare il contante da parte di banche e governi. Sono sicuro li avete notati anche voi.

Ci viene detto che sono i terroristi ed altri pazzi ad usare il denaro contante. Per cui per proteggerci dall’essere fatti a pezzi o dal saltare in aria nelle vie delle nostre città, i governi devono sbarazzarsene.

È difficile immaginarsi un modo più banale di creare allarmismo. Il contante – di uso comune da secoli, se non millenni – è diventato, improvvisamente, un portatore di morte istantanea? Dobbiamo accettare questa linea di pensiero?

Ci sono buone ragioni per le quali ci vengono propinate queste storielle. La prima è semplicemente che ce n’è la possibilità: dopo l’11 settembre, una nuova forma di accondiscendenza si è diffusa in tutto l’occidente. Potrebbe non durare per sempre, ma continua il suo corso, e se le macchine dell’intrattenimento riescono a pompare abbastanza paura nelle menti delle persone, potrebbero anche ottenere i risultati desiderati.

La seconda ragione, in ogni caso, è quella vera alla base del tutto:

I tassi d’interesse negativi

L’urgenza dell’eliminazione di uno dei capisaldi della vita quotidiana, significa che le elite al potere pensano che sia un fattore fondamentale. Sembrerebbe che le banche centrali, il FMI, la Banca Mondiale, la Bank fo International Settlements e tutti i sostenitori di questi, vedano l’eliminazione del contante come unica strategia a loro disposizione per sopravvivere.

La ragione è semplice: il contante permette alla gente di starsene alla larga dall’unica cosa che può salvare questo lacunoso sistema di valute: i tassi d’interesse negativi.

Per farla semplice, parafraserò una famosa (ed arguta) frase di Alan Greenspan, dal lontano 1966, periodo in cui si ispirava ad Ayn Rand: la politica finanziaria di uno stato in salute non deve permettere ai detentori della ricchezza di potersi difendere.

Era un’affermazione veritiera e con una piccola modifica, può spiegare l’attuale lotta contro il contante:

la salvaguardia di un sistema di valuta insolvente richiede che i detentori di valuta non abbiano la possibilità di proteggerlo.

Il contante è valuta che si può tenere tra le mani, che sopravvive per conto proprio. È fuori dal controllo delle banche. Il denaro elettronico – credito, bilanci delle banche, etc. – resta all’interno del sistema bancario ed è totalmente soggetto a controllo.

Una combo di eliminazione del contante e di tassi negativi sarebbe un modo silenzioso e definitivo di mettere in atto quanto accaduto a Cipro, dove il governo ha semplicemente spento l’interruttore, permettendo solo limitati prelievi dagli sportelli Bancomat e prelevando in maniera coatta denaro da milioni di conti bancari in una sola operazione.

Lo spettacolo cipriota è stato abbastanza diffuso e ciò ha messo in difficoltà il sistema di governo. Per cui è molto meglio che i Bancomat non esistano e che non esista nemmeno il contante. Non si rischia di vedere code di gente infuriata che discutono tra loro, ma solo perdenti isolati che si leccano le ferite mentre le teste di legno della tv dicono loro di star calmi e di guardare le luccicanti immagini trasmesse sullo schermo.

I tassi di interesse negativi garantirebbero alle banche un controllo del 100% sui vostri acquisti. Potrebbero, in caso di estrema necessità, permettervi di comprare il cibo mentre vi bloccano i conti per qualsiasi altro acquisto. Le gente comune non avrebbe possibilità di reagire e sarebbe semplicemente derubata… ma molto dolcemente e senza alcuna figura contro cui protestare.

I tassi di interesse negativi significano che il vostro conto si prosciuga giorno dopo giorno, automaticamente. 1.000$ in gennaio si trasformano in 950$ in dicembre. Dove finiscono quei soldi? Alle banche, ovviamente, ed ai governi. Drenano i vostri soldi, goccia dopo goccia, e non potete fare nulla al riguardo. In un colpo solo ottengono molti risultati:

– Finanziano i governi, illimitatamente e automaticamente. Dimenticatevi le tasse, non ce ne sarà più bisogno.

– Ripagano i grossi debiti delle banche (ci sono valanghe di debiti in ballo)

– Vi obbligano a spendere tutti ciò che avete, finchè lo avete (altrimenti verrà comunque eroso dai tassi)

– Dà al sistema controllo totale sulla vostra vita finanziaria. Tutto è monitorato, tracciato ed ogni transazione deve essere (o non essere) approvata da loro. Se decidono che non gli piaci, ti costringono istantaneamente a implorare.

In breve si tratta di un ritorno diretto al vassallaggio.

Fonte: http://www.zerohedge.com/

Link: http://www.zerohedge.com/news/2016-02-11/war-cash-central-banks-survival-campaign

11.02.2016

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione FA RANCO

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    Cito: "La seconda ragione, in ogni caso, è quella vera alla base del tutto:

    I tassi d’interesse negativi"

    Aggiungo: "Qual’è il male secolare della Sicilia, quello che la soffoca senza speranza?

    Il traffico!"

    L’eliminazione del contante, ormai straminoritario come forma di pagamento e di riserva di valore, ha invece una ragione ben più profonda: il consolidamento del sistema di questo tipo di Banche centrali, un sistema al cui vertice, centralizzato, c’è il vero potere trasnazionale e apolitico, nel senso classico del termine "politico", ma proprio per questo dal significato più che politico, addirittura totalitario, dispotico, fondato sulla violenza "contrattuale" tra disuguali. Sempre meno "signori", sempre più ricchi e potenti, sempre più poveri, sempre più sottomessi e schiavizzati.

    Non dimentichiamo che il contante sotto forma di monete è ancora monopolio di Stato, sia pure con emissione ordinata su misura dalla Banca Centrale di competenza territoriale. Anche questo è un vulnus ideologico per il sistema bancario privatizzato con a capo questo tipo di banche centrali, tutte figlie della FED, che paradossalmente è la meno "divorziata" dal corrispondente governo, essendo quest’ultimo ormai bivacco stabile di tutti i cani e porci della finanza deviata.

  • melisva1

    Dominare il mondo è uno dei sogni più ambigui ed antichi, un sogno che spesso ha generato guerre, distruzioni e sofferenze. Questo sogno continua ad ossessionare ancora oggi una certa categoria di uomini.

    E se nel passato i tentativi avvenivano principalmente tramite la forza delle armi, oggi l’arma principale è la tecnica occulta.

    Nel 1976, un alto funzionario del Federal Reserve Board , fece una conferenza sulla “Cashless Society” (società senza denaro). Il nocciolo del suo discorso era che entro alcune decadi tutte le forme di commercio del mondo industriale e di quello ad esso connesso sarebbero state condotte senza ricorrere al denaro. Questo nuovo “sistema” finanziario dotato di alta tecnologia permette un maggior controllo sociale e può essere utilizzato ai fini del vecchio diabolico sogno del dominio del mondo. La nuova tecnologia (computer, internet, etc.) rende possibile un sistema in cui un Governo Nazionale o Internazionale potrebbe estrarre dai popoli tutte le informazioni necessarie al controllo delle loro vite e trasmettere agli uomini solo quelle informazioni che aiutano questo stesso controllo. Al fine di ottenere un’acritica e passiva accettazione delle carte, si attua una tecnica graduale.

    Se si dovesse arrivare ad avere una società totalmente priva di denaro, e completamente dipendente da una carta o altro strumento simile, sarebbe molto difficile potersi opporre a questa società e a chi ne detiene il controllo, perché chiunque fosse individuato come un contestatore, un “ribelle”, verrebbe isolato e neutralizzato facilmente tramite la disattivazione della sua carta.

    Elettronica finanza e controllo sociale…………Un segno dei tempi, concetto sostenuto anche da studiosi come Art Buskin (Chicago Tribune del 07/08/1975) : ogni volta che si usa una carta, il tempo e il luogo del suo uso vengono registrate nella memoria del conto , fino a dare la possibilità di ricostruire una figura completa delle attività giornaliere di una persona.

    Il “Grande Fratello” sta divenendo una realtà…………………

  • AlbertoConti

    L’ideologia del sistema vigente è rozza e semplice: la moneta viene determinata dal "mercato", per tramite dell’agente più "neutro" che si possa concepire, la banca S.p.A. che essa stessa "è mercato", risponde agli azionisti.

    Così la domanda di moneta viene soddisfatta dalla banca commerciale, che risponde solo alla "sua" BC, responsabile del rispetto delle "sue regole" e della corrispondente politica monetaria, la cui funzione è semplicemente la stabilità dei cambi, l’inflazione bassa (stabilità della moneta), il contrasto ai cicli economici che sono fonti d’instabilità. La BC ha il monopolio della "base monetaria", fatta di quel tipo di moneta con cui le banche private devono fare i conti per garantire il sistema dei pagamenti, unico vincolo al loro libero arbitrio nell’erogare credito e soprattutto "strumenti finanziari", cioè forme di moneta più o meno strutturate a fini di lucro, dell’emittente (la banca stessa) e del "cliente-risparmiatore", forma solo un po’ più "nobile e rispettata" (si fa per dire) del generico consumatore, che sarebbe ideologicamente il re del mercato e praticamente il suo schiavo.

    Questo è il "migliore dei mondi possibili", ma non dev’essere troppo conosciuto dalle masse che ad esso sono sottoposte. Ed è proprio qui che il contante fa schifo ai gestori di questo sistema ideologico, essendo un retaggio troppo tangibile del passaggio culturale dal baratto alla finanza, con tutti i rischi di critiche eretiche all’ideologia dominante. Meglio lasciar pensare al volgo che il contante sia ancora merce barattabile, ma di un tipo obsoleto e inefficiente, da dimenticare assieme al passaggio cruciale dall’economia del baratto a quella "moderna", incomparabilmente più efficiente "per merito proprio", e non per l’avanzare della tecnologia, non sia mai. Il parco buoi deve ingozzarsi di "mercato" senza pensare a cosa serve, per trasformarlo in droga zombificante e schiavizzante. Meglio che si autoalimentino sottotraccia le false credenze e con esse la gran confusione che intorbida al punto giusto le accque dei pescecani della moneta, facendone così strumento di sperequazione e dominazione violenta e ricattatoria. Basterà poi chiamarla "democrazia". Ma che volete di meglio?

  • rocha

    Apocalisse 13:16-18
    Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.

  • PikeBishop

    Grazie di avere tradotto e pubblicato 3 giorni dopo di me sul Portico Dipinto  http://ilporticodipinto.it/content/messa-al-bando-del-contante-la-servitu-della-gleba-dei-giorni-nostri [ilporticodipinto.it] (-:

    Veramente la mia versione e’ accompagnata da miei deliri, ma in ogni caso vi sareste risparmiati la fatica.
    Succede, quando l’argomento e’ interessante…
  • fobia1984

    ed è proprio questo il vero pericolo, una volta che il contante sarà soltanto un ricordo (ammesso che in futuro ci sarà ancora la possibilità di ricordare, considerando i progetti che ha il transumanesimo nei confronti del genere umano) il passo dalla moneta elettronica agli impianti sottocutanei è abbastanza breve.

  • fobia1984

    queste elite ormai hanno praticamente il controllo di quasi tutto, tranne che di loro stessi.