Home / ComeDonChisciotte / FINZIONE DELLA DEMOCRAZIA, REPRESSIONE DEGLI ISTINTI E VITALITA'
11274-thumb.jpg

FINZIONE DELLA DEMOCRAZIA, REPRESSIONE DEGLI ISTINTI E VITALITA'

FONTE: COBRAF.COM

Le considerazioni di Massimo Fini (1) sul prendere delle mazze da baseball contro le mafie dei partiti, la repressione degli istinti, la società svirilizzata e la mancanza di vitalità degli italiani. (A questo proposito quelli di Massimi Fini non solo solo impressioni soggettive, è un fatto documentato che il contenuto di spermatozoi medio in Europa è diminuito di terzo solo negli ultimi venti anni (2) e di circa la metà dai tempi dei nostri nonni)

… per me sarebbe prendere delle mazze da baseball e cacciare questi con la forza, sennò non ne usciremo mai, in mancanza di questo dico: o astensione o 5 Stelle…

…la democrazia così come si è venuta sviluppando in Italia e non solo, la democrazia rappresentativa, non è la democrazia, è una sua parodia, è una truffa, tradisce profondamente il pensiero liberare, perché che cosa voleva il pensiero liberale? I padri fondatori John Locke, Mill e Tocqueville, che cosa volevano?

Il pensiero liberale voleva che ognuno potesse esprimere le proprie capacità, potenzialità, meriti, e quindi è antitetico alle lobby, perché le lobby chi premiano? Premiano i propri adepti, e del resto la cosiddetta scuola elitista italiana dei primi del ‘900, cioè Vilfredo Pareto, Mosca e Michael, l’ha detto in modo inequivocabile e definitivo: cioè mille che agiscono sempre, dice Mosca, d’accordo tra di loro, prevarranno su centomila che invece questo accordo non hanno , cioè sul cittadino libero, che non vuole infeudarsi a queste lobby e mafie, e questo è la democrazia rappresentativa….

…Secondo me è legato a una società che comprime in modo troppo totalizzante, istinti naturali e questi istinti devono trovare, ripeto, un qualche sfogo, in forme il meno possibile cruente, ma non puoi..lo Stato oggi entra in tutte le questioni della vita dell’individuo…

…Noi perché siamo così tremebondi con gli immigrati balcanici o magrebini, perché abbiamo perso vitalità, loro l’hanno mantenuta , ora questo non vuole dire che si debba andare a sbudellare la gente, ma che la aggressività fa parte della vitalità e una quota di aggressività deve essere mantenuta, sennò ci trasformiamo in una società totalmente svirilizzata, uno, due la violenza esplode poi in forme ancora peggiori naturalmente.
Una buona scaz-zottata, come un tempo si faceva, è una forma di sfogo, l’educazione sentimentale di noi ragazzini è stata che sulla strada ogni tanto si faceva a *** tti e non è mai morto nessuno, c’erano delle regole, chi cadeva per terra non si toccava, etc.. E’ l’errore dell’illuminismo, che non considera l’uomo per quello che è, ma per quello che dovrebbe astrattamente essere, le società precedenti erano più realiste e concrete. Poniamo una cosa che ci riguarda in realtà da vicino, in Tunisia in due giorni di rivolta violenta, ma non armata, hanno cacciato il dittatore e la sua cricca. Qui non siamo in grado di reagire in questo modo anche perché siamo un popolo vecchio. L’età media dei tunisini è 32 anni, la nostra è 44,5 , ma sopportare, come sopportiamo noi è una presa in giro costante e continua, un insulto al cittadino, significa aver perso vitalità….

… per me sarebbe prendere delle mazze da baseball e cacciare questi con la forza, sennò non ne usciremo mai, in mancanza di questo dico: o astensione o 5 Stelle…

Ehi, io però cerco di reagire alla mancanza di vitalità e forza con il Crossfit ! (3)

Fonte: www.cobraf.com
16.01.2013

1) http://www.beppegrillo.it/2013/01/passaparola_lopportunismo_dei_partiti_e_i_fessi_che_gli_credono_massimo_fini.html#commenti
2) http://www.corriere.it/salute/12_dicembre_05/spermatozoi-calo-fertilita-maschile_32cb7224-3ed5-11e2-b5b1-5f0211149faf.shtml
3) http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=6SMtJpqg7P8

Pubblicato da Davide

  • nuvolenelcielo

    bravo all’autore, finalmente uno che guarda dritto all’essenza delle cose per quello che sono, senza perdersi nel blaterare sconfinato del “così dovrebbe essere”…

  • clausneghe

    Non si capisce cosa voglia dire questo sconclusionato articolo a commento del vero articolo di Massimo Fini che detto per inciso io condivido quasi parola per parola. Specialmente laddove dice…CITAZ”per me sarebbe prendere delle mazze da baseball e cacciare questi con la forza, sennò non ne usciremo mai, in mancanza di questo dico: o astensione o 5 Stelle.”
    Mi trovo sulle sue identiche posizioni riguardo alle opzioni da considerare.
    Malvagi al comando,aprite bene le orecchie. Non sentite un rombo in lontananza? Stiamo arrivando.

  • affossala

    Mi spiace, ma c ‘è molta ingenuità in queste considerazioni che tentano di ribellarsi al quietismo in cui è caduto il popolo italiano .
    A mio parere per avere una cosa veramente democratica in italia ,non bisogna opporre piccole lobby economiche organizzate a grandi lobby disorganizzate e schiacciate che tentano di costituirsi in partiti con dei rappresentanti che poi alla fine faranno parte della casta irremovibile, ma partire da una idea generale molto semplice di società con nuclei familiari che si associano per sopravvivere ordinatamente nell ambiente circostante.
    Il popolo si ribella se inizia a sentire la pancia vuota , quando si tratta di salvare la propria esistenza e quella del gruppo sociale di cui fa parte.
    Non si può imporre nemmeno una rivoluzione in nome di una ideologia che crede di fare gli interessi del popolo , ma tutt’al più farà solo una giustizia momentanea della casta , creando problemi economici peggiori e modelli assurdi e contro natura . Nella costruzione di una società democratica è essenziale prima di tutto l’eliminazione dei partiti che sono le mafie che vogliono governare o in nome di ideologie o in nome di visioni e interessi molto particolari e di “ parte “ . Hanno a volte idee buone ,ma alla fine le inquadrano in un sistema mafioso e particolare che predilige quelli della propria casta . Siamo troppo abituati a pensare i partiti come essenziali alla democrazia , invece sono quelli che la distruggono . Nessuno sa dirci che per votare un rappresentante che ci governi , non è necessario che presenti un simboli e che faccia parte di un partito. Il nostro stesso presidente della republica è l’espressione di un partito e dovra obbedire a un partito !!! Una cosa assurda della nostra Costituzione e di quelle di tutto il mondo .
    Ribellarsi ? Cioè eliminare delinquenti e ladri a livello di casta in modo diretto e popolare senza l’ ausilio della loro Costituzione ? Sono d’accordo, ma non per imporre visioni ideologiche ma la semplice società naturale !!! perché se debbo ribellarmi e uccidere per mettere su una casta di gay e finocchi acculturati , allora è meglio come stiamo finche crolla tutto da se.

  • albsorio

    Condivido solo ” astensione o 5 Stelle…” il resto non mi appartiene, è il tempo della evoluzione umana, troppo sangue e violenza sono gia stati sparsi sulla terra.

  • clausneghe

    albsorio: Quella della mazza è l’ultima opzione. Se non si riesce a fare il “salto quantico” dimensionale o la mazza o la morte. Naturalmente io sono per il salto,ci mancherebbe! Però…

  • oriundo2006

    La passività è evidente ed è stata indotta da almeno 30 anni dall’ideologia imperante: il ‘ritorno al privato’ è stato il cavallo di battaglia della stampa italiana e mass media tutti sin dai primi anni ’80. Dunque, per agire, devi avere una motivazione, devi dimostrare a te stesso e quindi agli altri ( ‘io’ collettivo ) che quello che fai è ‘bene’: dimostrazione impossibile nell’era di manipolazione di massa, nel quale ‘l’ io collettivo’ è sequestrato e fatto prigioniero da chi detiene il comando che detta la definizione di ciò che è bene o no: la parola d’ordine è ‘lascia fare, i problemi li risolviamo noi’ perchè ‘solo noi sappiamo’ e tu ‘ tanto puoi vivere lo stesso’. Si, per modo di dire…Tralasciamo le possibilità manipolatorie dell’evoluzione tecnica e psicotronica, che sono ben presenti e attive ( nonchè l’uso cabalistico delle ‘lettere sacre’ nella manipolazione della psiche collettiva ): basta questa resezione dell’io individuale dal più ampio ‘io’ collettivo per costituire un freno insormontabile all’azione. Come ricostituire il legame ? Normalmente la religione ne fornisce ampi metodi, ma qui in Italia domina incontrata e ne forgia il carattere collettivo il cattolicesimo conservatore e controriformista della Chiesa Cattolica. Antidoti possibili sono quelli praticati da piccoli gruppi che praticano altre religioni, non essendosi però per la maggior parte liberati completamente dall’ipnosi regressiva dell’imago ( falsa ) del ‘ buon Gesù’, campione della passività di fronte al potere. In fondo, tutti i problemi odierni sono proprio qui, nell’impossibilità attuale di costituire un ‘io’ collettivo NUOVO, che possa catalizzare attese, speranze, idee nuove. Certo, molti si consolano con il ritorno alle ideologie che avevano promesso questa ‘fusione’: oggi però chi può credere più realisticamente che, faccio per dire, il PD possa rappresentare questo intento ? O i residui della destra ‘nazionale’ ? O, cambiando di campo e andando verso i vincitori, chi può pensare che la religione ‘laica’ risorgimentale e ‘costituzionale’, di cui supremo sacerdote è l’attuale presidente della Repubblica, possa attivare questa identificazione collettiva ? Solo uno sciocco può pensarlo. E dunque ? Attendere un altro uomo della Provvidenza ? Migrare e dimenticare ? Intanto diventiamo vecchi: ed i giovani nati e cresciuti in questa assenza oramai la cosiderano naturale.

  • kenoby

    giusto. Le rivoluzioni hanno deposto dittatori per fare spazio ad altre forme di totalitarismo (ivi compresa la nostra finta democrazia)

  • kenoby

    caccia l ego dalla tua vita, ripulisci la mente da tutto, vivi nel qui e ora e la realta che è uno specchio del tuo interiore riflettera il nuovo equilibrio.

  • kenoby

    la soluzione quindi è andare in palestra :)?? ok, ma non ho piu i soldi per iscrivermi.

  • clausneghe

    E poi dai, siamo seri,quella mazza (della foto) sembra un bocchino..(da fumo) Era meglio un randello,ma si parla di mazze..eh.eh.

  • lucamartinelli

    E’ sempre carino vedere come c’è sempre qualcuno che crede alle fiabe…della serie cambiare si può…Invece non si cambierà nulla, sono pronto a ogni scommessa, cari amici. Il potere, quello vero, non si lascia toccare, almeno non da noi che non abbiamo nemmeno gli strumenti. Peggio ancora sono gli illusi o meglio gli arretrati che credono che la sinistra sia meglio della destra e viceversa: non hanno ancora capito che sono le due facce della stessa medaglia: eppure quante discussioni al bar tra fascisti e comunisti…la storia insegna che solo facendo scorrere il sangue e tagliando teste si cambiano le cose…quindi non è roba per noi italici, non vi pare? Tranquilli che le prossime elezioni lasceranno le cose così come stanno…anche perchè le elezioni sono congegnate per lasciare che altri decidano e non l’elettore. Se per sbaglio non fosse così ci sono sempre i brogli, come nel ’96, ricordate? Saluti

  • tersite

    Troppo tardi. La vitalità è già da anni disturbo psichico. I bambini troppo vitali, oggi, vengono sedati farmacologicamente dai loro stessi genitori. Poi, lo sappiamo tutti che….se un vecchio 80enne disperato si sveglia in piena notte e uccide moglie e figlia disabile, per i media è subito: VIUUULENZ SULLE TONNE!!!….se 4 stronzi della pro patria(!!!!!) insultano un miliardario viziato è subito : VIUUUULENZ SULL’IMMICRAT!(e “scandalo internazionale-ee!!”)… se un giovane adolescente va a scuola vestito di rosa, venendo per questo deriso dai compagni e, a un certo punto, stanco di essere sfottuto(come qualsiasi altro essere umano sul pianeta) decide di togliersi la vita a 15 anni, per i media è subito: VIUUUUULENZ SULL’OMOSESSUALO!!! Ringrazia i colleghi, Fini, se ci vedi un po vigliacchi.

  • tersite

    Ogni episodio di cronaca viene sistematicamente imputato, dai media, a un intero popolo. Una colpevolizzazione ossessiva che impedisce qualsiasi reazione, perché diffonde paura e sfiducia nel prossimo. Se a questo si aggiunge l’assordante silenzio che accompagna i crimini dei loro padroni, si capisce bene con chi abbiamo a che fare.

  • clausneghe

    Vedo che l’avete cambiata, la foto. Ora va meglio. Potenza del Web!.

  • ProjectCivilization

    Molti mi chiedono perche’ il sito di Project Civilization….che si occupa di Democrazia…..non e’ in Italiano…..e’ perche’ gli ostacoli culturali da superare per parlare di Democrazia agli Italiani….sono troppi . Di Democrazia se ne e’ occupato un filosofo Libico sul LIBRO VERDE .Il mondo non ha reagito bene .

  • tersite

    Prova col latino, otterrai risultati ancora migliori!

  • nuvolenelcielo

    l’articolo non parlava di quello, proprio per niente. sei caduto nel trappolone

  • Ercole

    ogni tanto qualche voce fuori dal coro dei riformisti,hai ragione solo con la lotta e lo scontro di classe ci saranno dei cambiamenti, recandoci al voto saremo sempre dei sottomessi: non sappiamo quando scoppiera la scintilla e neppure in quale stato si comincera, ma abbiamo la consapevolezza che avverra.

  • surfgigi

    bravo tersite.volevo dire le stesse cose ma mi hai preceduto con spirito e arguzia.

  • andyconti

    ah ah ah, pero’ in casa le flessioni si possono sempre fare no?