Home / ComeDonChisciotte / DAL TRATTATO DI MAASTRICHT IL DOMINIO DEL LOBBYING
12519-thumb.gif

DAL TRATTATO DI MAASTRICHT IL DOMINIO DEL LOBBYING

FONTE: C.O.M.I.D.A.D.

I media stanno cercando di farci credere che in Ucraina la gente sia disposta a fare a botte pur di poter essere ammessa nel paradiso europeo, che sarebbe sempre il migliore dei mondi possibili, nonostante ciò che sta capitando ai Paesi dell’Europa del Sud. Queste mistificazioni possono sempre catturare una parte consistente dell’opinione pubblica, ancora disposta a vedere nell’Unione Europea un tutore magari troppo severo, ma giusto.
Mesi e mesi di riflettori mediatici sulla vicenda della decadenza parlamentare del Buffone di Arcore, hanno infatti sortito il programmato effetto-distrazione nei riguardi di notizie che avrebbero potuto aprire squarci sugli effettivi rapporti di potere attualmente vigenti in Europa. L’effetto-distrazione non va inteso solo nel senso banale di mero diversivo, dato che l’icona autorazzistica del Buffone è funzionale a rafforzare quel pregiudizio che considera la corruzione e l’illegalità come vizi tipicamente nazionali, senza percepirne i legami con la situazione di sottomissione coloniale.
Questo effetto-distrazione si è sicuramente verificato nel caso della rinegoziazione da parte della Germania circa la normativa europea sui livelli di emissione di biossido di carbonio da parte degli autoveicoli. La Germania ha ottenuto quasi tre anni di proroga per adeguarsi ai nuovi livelli di emissione, e ciò in cambio di generiche promesse di dare impulso alla produzione di veicoli elettrici. Il fatto potrebbe servire a riconfermare quanto già si sapeva, e cioè che nell’Unione Europea ogni vincolo è negoziabile e rinegoziabile per alcuni Paesi, mentre non lo è per altri.

Ma l’aspetto principale della vicenda non ha riguardato l’ovvio e consolidato sistema dei due pesi e due misure, bensì il caso di un finanziamento di quasi un milione di euro al partito del cancelliere Angela Merkel da parte della BMW. Si tratta proprio di quella casa automobilistica tedesca che si era maggiormente esposta per ottenere una proroga per l’adeguamento della Germania ai nuovi livelli di emissione di biossido di carbonio. A molti commentatori è risultato evidente il nesso consequenziale tra il finanziamento della BMW e l’attivismo del governo tedesco per strappare alla UE una proroga sull’adeguamento dei livelli di emissione, tanto che si è cominciato a parlare, più o meno velatamente, di un caso di corruzione.

Il “virtuoso” governo Merkel viaggia da tempo alla media rassicurante di uno scandalo all’anno, e non vi è dubbio che riuscirà a restare in piedi anche dopo quest’ultimo. Gli stessi commentatori che hanno ipotizzato la corruzione, hanno poi tenuto a sottolineare la difficoltà di dimostrarla, dato che il finanziamento è arrivato dopo la scadenza elettorale che ha visto vincitore il partito della Merkel; come se i pagamenti, per essere tali, dovessero essere sempre anticipati. La foglia di fico è molto ristretta, se si considera che il lobbying della BMW sull’argomento, e le relative pressioni sul governo tedesco, erano note da almeno sei anni. Nel 2007 la stessa BMW, insieme con la Porsche, aveva ottenuto addirittura una sorta di sarcastico “premio” simbolico per meriti di lobbying, per aver ostacolato con successo le nuove normative sul biossido di carbonio.

Le nuove regole del lobbying nell’Europa del dopo Trattato di Maastricht furono oggetto di uno studio da parte di Mark Gray, un interessante personaggio che da decenni fa revolving door tra la Commissione Europea ed il settore privato; in pratica si tratta di un lobbista privato a tempo pieno, che ogni tanto va anche a ricoprire incarichi pubblici.

Gray, oltre che un pratico, è anche un teorico del lobbying, e si è dato da fare per dimostrare che Maastricht aveva ridisegnato completamente le regole a riguardo, aprendo spazi nuovi e precedentemente impensabili. La pubblicazione di Gray del 1999 ha assunto ora il valore di un testo profetico. Maastricht ha in pratica legalizzato la corruzione, e non solo attraverso il pieno riconoscimento del ruolo del lobbying, ma soprattutto aprendo ai lobbisti la possibilità di insediarsi negli organismi direttivi sovranazionali, cioè quelli che dettano le direttive ai governi. Oggi è quindi la politica a trovarsi in posizione di supina sudditanza nei confronti del lobbying.

Secondo alcuni commentatori, il Trattato di Maastricht sarebbe stato lo strumento della Germania per stabilire una propria supremazia in Europa. Si tratta di un dato reale, ma probabilmente questo sub-imperialismo tedesco è stato solo un effetto secondario. Maastricht ha costituito anzitutto il canale attraverso il quale si è insediata in Europa la principale lobby mondiale della finanziarizzazione e delle privatizzazioni, cioè il Fondo Monetario Internazionale; quella super-banca privata che utilizza i finanziamenti pubblici di numerosi Stati, e che vanta lo status giuridico di agenzia ONU. Oggi il FMI rappresenta il principale attore di quella “Troika” che domina sulla scena europea, ed il FMI ha notoriamente la sua sede centrale a Washington.

Paradossalmente è stato un documento del FMI, pubblicato alla fine del 2009, a “denunciare” l’attuale strapotere del lobbying finanziario. Il documento del FMI aveva un titolo suggestivo: “Per un Pugno di Dollari”. Attraverso modelli matematici, i ricercatori del FMI hanno dimostrato che vi era un nesso causale preciso tra la crescente influenza del lobbying finanziario sulla politica e la sovraesposizione debitoria che ha condotto alla crisi del 2008.

Ma qualcuno ha già notato che quel documento del FMI è a doppio taglio: mentre sembra “denunciare” ciò che già si sapeva, esso di fatto traccia un paradigma ed un formulario dell’esercizio del potere del lobbying sulla politica. Come il saggio di Gray, anche questo documento del FMI tende a stabilire le basi di una scienza del lobbying. Infatti dal 2009 non vi è stato alcun arretramento dell’influenza del lobbying, ed anzi i governi nazionali si sono sempre più riempiti di lobbisti di professione. Non a caso, in Italia proprio in questi giorni è in atto anche una riforma del Ministero degli Esteri, che lo sta riconvertendo in una vera e propria agenzia privata per favorire le delocalizzazioni produttive.

Fonte: www.comidad.org
Link: http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=584
5.12.2013

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    “Oggi è quindi la politica a trovarsi in posizione di supina sudditanza nei confronti del lobbying.” == Qui c’è tutta l’essenza, il nocciolo duro di questa che viene ipocritamente chiamata Unione Europea. Sarebbe meglio chiamarla Unione Corporations, di chiarissima matrice USA. Il punto allora è quello di sopravvivenza della Politica, che si spera diventi Democrazia, cioè non solo tutela del Popolo ma Governo del Popolo Sovrano. Quel che è morto a Maastricht non è solo la Democrazia, è la Politica stessa, cosa questa che configura una profonda mutazione antropologica dell’uomo, non più servito da tecnologia ed economia, ma assimilato ad esse come uno dei tanti ingranaggi. Il che porterà inevitabilmente all’estinzione dell’uomo stesso. Questo passaggio andrebbe illustrato con intere biblioteche dedicate, ma è comunque evidente. Per tornare coi piedi al qui ed ora le elezioni europee dovranno dirimere la questione di fondo, cioè rispondere sì o no alla domanda non più eludibile: questa UE è riformabile o va semplicemente distrutta per far spazio alla vera UE dei Popoli europei? Sembra una domanda retorica, eppure ci sono fior di intellettuali che affermano che l’euro non è “il” problema, che è un errore “tradire” questa UE, che peraltro le due cose sono slegate, l’una non implica l’altra. Delle due l’una: o io sono scemo o manca un pezzo fondamentale a questa storia.