Home / Attualità / Agli amici italiani
"To Pontiki" prima pagina Tsipras e Renzi. Atene, dicembre 2016

Agli amici italiani

DI PANAGITIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

Panagiotis Grigoriou racconta a beneficio dei lettori italiani di un altro referendum, avvenuto solo 16 mesi fa in Grecia, del quale oggi sono noti gli sconcertanti retroscena. E paragona il nostro attuale momento con gli anni 2011-2012 della Grecia, quando al solo annuncio di un referendum sull’Euro, venne organizzato un golpe soft per insediare un governo tecnico che facesse da ponte fino a successive elezioni (come potrebbe succedere in Italia in caso di vittoria del NO). Quel tempo servì per organizzare l’ascesa di quel partito che, canalizzando il dissenso, lo avrebbe poi  sfruttato per andare al potere e completare l’opera di esproprio del paese, Syriza. Chi sarà il Syriza italiano? E quello francese? La speranza è che non ci sia, l’Italia non è la Grecia e un nostro NO, come uno francese, potrebbe far crollare il castello molto prima che possa concretizzarsi lo stesso scenario. Forse l’UE è già morta, ma ancora non lo sa!

 

"To Pontiki" prima pagina Tsipras e Renzi. Atene, dicembre 2016
“To Pontiki” prima pagina Tsipras e Renzi. Atene, dicembre 2016


Inverno europeo, hybris europeista. I “grandi” media greci, abbastanza agli ordini del … nuovo ordine neo-totalitario della disastrosa Unione Europea parlano poco del referendum del 4 dicembre in Italia. Ciò è buona cosa per non scombussolare le menti in Grecia, è importante non far rivivere la memoria del referendum greco del 2015, quel ‘NO’ che gli Tsiprosauri…. senza stato hanno trasformato in ‘SI ‘. Tuttavia, il settimanale politico “To Pontiki” dedica la sua prima pagina a Tsipras e Renzi: “Un fronte caldo … tra Nord e Sud.” Infatti.

1984 è Atene 2016 ...
1984 è Atene 2016 …


Alcuni manifesti apparsi ad Atene nel mese di novembre, infine, suggeriscono che ‘1984’ di George Orwell è … già nel 2016 ad Atene. Fatto quasi compiuto. ‘Grande Fratello’, questa figura metaforica divenuta … la pratica di un regime pre-poliziesco e totalitario, della società della sorveglianza e dell’ingegneria sociale, così come della riduzione delle libertà; ci siamo.

Qui vorrei ricordare ai nostri amici italiani (come a tutti gli altri), alcuni fatti … relativi al referendum greco del 2015. Alexis Tsipras, dopo essere diventato un fantoccio del finanziarismo totalitario (già) europeista, ha organizzato il referendum del luglio 2015 perché pensava che il ‘SI’ avrebbe vinto, lasciandogli così mano libera (e sporca) e fornendogli un alibi bell’e pronto per capitolare (come in realtà aveva già fatto da qualche tempo).

Vangelis Meimarakis, uomo politico che all’epoca era in una posizione privilegiata, essendo in quello stesso periodo, il leader ad interim di Nuova Democrazia (destra), ha rilasciato un’intervista (in origine non andata in onda integralmente) molto eloquente sulle ore della sera del referendum greco. Egli descrive una riunione di emergenza dei leader di tutti i partiti (tranne Alba Dorata). Di recente, il video completo di questa intervista è stato finalmente pubblicato su Internet, e così ora sappiamo un po’ meglio … quello che, in fondo, sapevamo già!

Senza appello! Atene, novembre 2016
Senza appello! Atene, novembre 2016

 

Con l'euro è sempre peggio. Atene, novembre 2016
Con l’euro è sempre peggio. Atene, novembre 2016

 

... Il Dipartimento di Propaganda. Atene, novembre 2016
… Il Dipartimento di Propaganda. Atene, novembre 2016


In questa intervista rivelatrice, che Vangelis Meimarakis ha concesso al giornalista N. Hatzinikolaou il 7 Luglio 2016, l’ex capo della Nuova Democrazia riconosce … a suo modo, come tutti i leader politici si fossero messi d’accordo … per commettere quello che a tutti gli effetti equivale ad un alto tradimento.

Meimarakis rivela che tutti i partiti politici erano stati … accecati dai sondaggisti. Questi ultimi avevano detto che i greci avrebbero votato a favore del ‘SI’, con percentuali oltre il 60%. Egli ha anche detto che, inizialmente, quelli di Nuova Democrazia pensavano di astenersi dal referendum, ma in ultima analisi, i loro dirigenti avevano deciso di partecipare, perché tutti i sondaggisti avevano predetto la vittoria del ‘SI’. Infatti, Tsipras stesso fu sedotto dagli stessi sondaggisti. Egli credeva nella vittoria del ‘SI’, e alla fine diede il via libera. Un ‘SI’ di massa al referendum, gli avrebbe offerto la copertura politica necessaria a capitolare e quindi consegnare il paese agli invasori neo-coloniali della UE e del FMI (tedeschi in testa).

“Vedete, è successo esattamente il contrario, il ‘NO’ ha vinto con oltre il 60% dei voti. In effetti, è corretta, la storia che Varoufakis (Ministro delle Finanze) e Konstantopoulou (presidente dell’Assemblea nazionale) hanno raccontato: la sera dei risultati, quando sono andati alla residenza del Primo Ministro hanno scoperto un Alexis Tsipras sconvolto, distrutto, che non sapeva cosa fare. Perché il ‘NO’ aveva vinto, e così largamente

Sondaggio.stampa greca, nel novembre 2016
Sondaggio.stampa greca, nel novembre 2016
Spettacolo d’epoca. Atene, Novembre 2016
Spettacolo d’epoca. Atene, Novembre 2016


“Devo dire che quel giorno, tutti, ma proprio tutti i leader … erano psicologicamente e politicamente crollati”. Poi Meimarakis, svela tutti i retroscena, a seguito delle dimissioni di  Samaras (leader di Nuova Democrazia fino alla sera del referendum ) e poi racconta come “in quelle ore cruciali furono prese le decisioni importanti per trovare una soluzione a questo ‘NO’ “, cioè, come annullare e tradire il verdetto popolare dei greci. Incidentalmente, va notato che Meimarakis ridacchia, nell’intervista, quando racconta “l’impresa e quindi il successo” di riuscire a invertire, con il tradimento, il voto, neutralizzandolo.

Infine, prosegue, rendendo … omaggio al ruolo del Presidente della Repubblica (di Nuova Democrazia), “è stato in costante contatto alcuni elementi extra-istituzionali dell’UE e all’estero”, direi, i veri padroni della politica greca. Ha aggiunto, notando che egli stesso è entrato “in contatto con esponenti importanti della UE, i quali “lo convinsero ad accettare di prendere il controllo del suo partito (in seguito alle dimissioni di Samaras) “perché i tempi erano molto difficili.” In realtà, per Meimarakis, come per Tsipras e come per gli altri, “i tempi molto difficili” si verificano quando le persone hanno il coraggio di dire ‘NO’ agli ordini di padroni stranieri che i politici e gli altri ministri “greci” eseguono in modo così obbediente.


Al porto del Pireo. Novembre 2016
Al porto del Pireo. Novembre 2016
Mercato vicino al porto. Pireo, nel novembre 2016
Mercato vicino al porto. Pireo, nel novembre 2016
Tsipras ei suoi nemici ... marinai. manifesto Union, Pireo, novembre 2016
Tsipras ei suoi nemici … marinai. manifesto Union, Pireo, novembre 2016


Così, ecco l’inverno europeo … al porto del Pireo. Al suo mercato, i clienti non si affollano come prima, e attraverso i loro manifesti, i sindacati marittimi denunciano l’uccisione dei loro accordi collettivi e dei loro diritti … da parte del governo di SYRIZA/ ANEL. Inoltre, una mano anonima e certamente … populista, ha aggiunto: “agenti della Cia”.

Tuttavia, vorrei dire ai nostri amici italiani che il loro referendum, non può essere direttamente confrontato con quello dei Greci nel 2015, ma piuttosto, con la situazione greca degli anni 2011-2012. Ricordiamo i quotidiani sommovimenti popolari contro la Troika e contro il governo di George Papandreou (primo memorandum) detto “il sempliciotto” o “il traditore”.

George Papandreou aveva addirittura osato annunciare un referendum, e per questo venne  “ridimensionato” e anche pubblicamente umiliato dal duo Sarkozy – Merkel al vertice di Cannes, a ottobre 2011 . in realtà questo referendum, vietato dalla grandi potenze (perché l’Unione europea è geopolitica … più ipocrisia) avrebbe largamente mostrato la volontà del popolo greco di dire ‘NO’ ai suoi aggressori ed anche ai loro servi di queste parti. Al ritorno da Cannes, Papandreou venne effettivamente rimosso dalla Merkel – Sarkozy, e già durante il volo di ritorno, Venizelos, il suo braccio destro, l’aveva sostituito negli affari del suo partito, il PASOK.

La fine è (in Grecia già) nota. Il sistema europeista impose subito alla Grecia un primo ministro apertamente “Quisling”, nella persona di Loukas Papademos, che era stato (tra gli altri) anche vicepresidente della Banca Centrale Europea (BCE), con un governo “di unità nazionale” composto dalla destra (Nuova democrazia) dai Socialisti (PASOK) e dall’estrema destra (Laos).

Il quotidiano di Atene. Dicembre 2016
Il quotidiano di Atene. Dicembre 2016
Case in vendita. Atene, dicembre 2016
Case in vendita. Atene, dicembre 2016
... Lettere a Babbo Natale. Atene nel dicembre 2016
… Lettere a Babbo Natale. Atene nel dicembre 2016

Ciò fu fatto anche per guadagnare tempo, fino alle elezioni parlamentari del 2012, periodo durante il quale è stata resa possibile l’ascesa di due movimenti: SYRIZA e … Alba Dorata. A partire dal 2012 (se non da molto tempo prima), il … Syrizismo, prima inesistente, è stato “preparato” per il potere tra gli istituti di ricerca e gli altri Think Tank, incubatori (comunque tardivi) della globalizzazione Europea-atlantista, negli Stati Uniti e in Europa.

“L’attuale processo di de-globalizzazione controllata che sta guadagnando terreno attraverso le tradizionali metropoli capitaliste, non è affatto il piano strategico della sinistra. Quest’ultima non può e non deve essere associata a questa nuova variante del fascismo internazionale “, scrive Yorgos Kyritsis, eminente Syrizista, al quotidiano filo Tsipras “Avgi”(30/12/2016). Almeno lo dice forte e chiaro ….

SYRIZA, di cui due dei suoi membri al governo sono, per esempio, apertamente legati alle fondazioni di Soros (che fa la sua guerra con …. altri potenti mezzi), ora sostiene che tutti coloro che lottano per la de-globalizzazione sono quindi (solo) dei fascisti.

Ciò che l’Italia dovrebbe evitare è la creazione, dopo il fallimento (quasi scontato?) di Renzi, di un governo “tecnico” (o “tecnocratico”) tipo quello di Papademos, che stia in carica il lasso di tempo necessario fino alle prossime elezioni parlamentari. Per questo si dovranno sorvegliare da vicino i partiti politici che sostengono l’uscita dell’Italia dalla zona euro, al fine di rilevare rapidamente se possibile, qualsiasi … mitridatizzazione [immunizzazione mediante sostanze tossiche] in corso. E lo stesso va fatto in Francia, per ciò che concerne la formazione dei candidati che sostengono di voler allontanare la Francia dall’Eurozona tedesca (Jean-Luc Mélenchon e Marine Le Pen in particolare).

Tranne che l’Italia non è la Grecia, in altre parole la sua storia e il suo peso (e spazio) nella geopolitica del continente europeo è diverso. L’Euro, questa arma di distruzione di massa, deliberatamente deificato dalla pseudo-élite dominante, ha già distrutto abbastanza la Grecia per non pensare che si voglia imporre la stessa sorte al popolo d’Italia. L’Italia, deve uscire prima possibile dall’Euro (in realtà distruggendolo), mentre la Grecia da parte sua, lasciando l’Unione Europea … dovrebbe, ricominciare da capo. E quelli che, in Italia come in Francia, già hanno pubblicizzato la loro critica dell’universo concentrazionario europeo, essi dovrebbero chiarire ulteriormente le loro posizioni, anche a costo di sorprendere.

Alexis Tsipras a Cuba. Novembre 2016 (stampa greca)
Alexis Tsipras a Cuba. Novembre 2016 (stampa greca)
Alexis Tsipras nel nord della Grecia. Novembre 2016 (stampa greca)
Alexis Tsipras nel nord della Grecia. Novembre 2016 (stampa greca)

 

Gli archeologi manifestano fuori del Ministero della Cultura. Athens, Novembre 2016 (stampa greca)
Gli archeologi manifestano fuori del Ministero della Cultura. Athens, Novembre 2016 (stampa greca)


Ad Atene, gli archeologi sono in sciopero in davanti al Ministero della Cultura, ha recentemente espresso il loro disgusto con un neologismo: “Svendita Civilizzazioni”. Venerdì 2 dicembre, i marinai sono in sciopero e i disabili hanno protestato nel centro della capitale, disgustati dai miasmi di SYRIZA, disgustati come, va detto, più del 90% della popolazione greca (secondo tutti i sondaggi) da quel miasma che viene dal sistema politico, oggi sotto l’Acropoli. Italia e Francia è ancora tempo di elezioni, in Grecia … non più.

Alexis Tsipras, giullare e cadavere politico ormai tragicomico, moltiplica i suoi viaggi in Grecia e all’estero, in una corsa frenetica verso … il niente. E’ andato a Cuba, pronunciando un discorso in memoria di Fidel Castro. Ha parlato della fine del ventesimo secolo, come delle ideologie e dei modi in cui erano collegate ad esso; è enormemente simbolico che questo discorso … tombale, sia stato pronunciato dall’ultimo (?) ‘Quisling’ della sinistra in Europa. Alla fine, i nostri archeologi hanno piuttosto ragione… “Svendita Civilizzazioni”. E’ triste.

La Grecia sarà ancora lacerata nel 2017, vivrà anche episodi che assomiglieranno poco (o abbastanza) ad una guerra calda, oltre alla guerra che sta sperimentando dopo l’entrata in gioco … dei Troïkani. L’aggressione assertiva da parte degli attuali leader turchi lascia pochi dubbi, ed è proprio quando la Germania Merkelotropa, nota alleata storica della Turchia, avrà bisogno del sostegno di … Erdogan per la sua campagna per la rielezione che la Merkel vuole così fortemente entrare in campo.

L’attuale capo della Turchia … neo-ottomana, sempre molto intelligente nella sua politica, fino ad ora ha in mano due evidenti fattori-chiave in questa campagna elettorale in Germania: La crisi migratoria e il controllo di una parte significativa dei tre milioni di turchi, diventati cittadini tedeschi nel paese di Angela Merkel. E ciò non è trascurabile.


Vista dell'isola di Poros. Novembre 2016
Vista dell’isola di Poros. Novembre 2016
Immobili abbandonati al Pireo. Novembre 2016
Immobili abbandonati al Pireo. Novembre 2016

 

Esseri in ...cattività. Grecia, nel novembre 2016
Esseri in …cattività. Grecia, nel novembre 2016


Al di là di una certa prigionia … come della prigionia certa di alcuni popoli in cattività sotto il giogo dell’euro e dell’Unione Europea, le somiglianze (certamente ovvie) tra il caso greco e il caso italiano sono limitate dalla geopolitica. I greci sperano che altri popoli, gli italiani come i francesi, alla fine … causeranno la fine dell’Unione europea (e non solo dell’Euro) salvo che il destino della Grecia è, oserei dire, più complesso di quello dei due maggiori paesi latini dell’Unione europea.

L’Unione europea è morta, ma non lo sa ancora! Tale è l’analisi di Coralie Delaume e David Cayla, nel loro notevole libro “La fine dell’Unione Europea” ora nelle librerie in Francia. Avviso ai nostri amici italiani come tutti gli altri popoli.

Reti da pesca . Grecia, nel mese di novembre 2016
Reti da pesca . Grecia, nel mese di novembre 2016

 

Pensionati. Atene, novembre 2016
Pensionati. Atene, novembre 2016

 

Athena. Atene nel mese di dicembre 2016
Athena. Atene nel mese di dicembre 2016


E nella vita … vista dal basso, ci viene raccontato quasi ogni settimana …  che diminuiscono le pensioni ancora pagate, segno del prossimo crollo del sistema, previsto nell’estate 2017. La Grecia butta le sue reti da pesca e gli animali adespoti si stupiscono sempre più degli … atteggiamenti degli esseri umani.

Inverno europeo, hybris-europea. Non più per molto tempo (storicamente). Nelle parole del nostro poeta Georges Seferis (Traduzione di Jacques Lacarrière): “Ancora un po’- E vedremo la fioritura dei mandorli – I marmi brillano al sole – Il mare, le onde che si infrangono. – Ancora un po’- Alziamoci un po’ più alto”.


Gli animali adespoti spesso si stupiscono... Atene, dicembre 2016
Gli animali adespoti spesso si stupiscono… Atene, dicembre 2016


P
anagiotis Grigoriou

Fonte: www.greekcrisis.fr

Link: http://www.greekcrisis.fr/2016/12/Fr0555.html#deb

2.12.2016

 

Traduzione  a cura di FRANZ per www.comedopnchisciotte.org

Pubblicato da Franz-CVM

  • Mylan Key

    = La storia raccontata della Grecia e del farabutto merdoso traditore e criminale di Tsipras e pure dell’ affarista d’ accademia di Varufachis a giro per il mondo a insegnare economia stile Blair , la si sapeva. Quello che non e tollerante e’ che UNO e dico UN solo FIGLIO di ….. possa determinare le sorti di un intero popolo per il suo prorio sfascio e rovina, sulla vita altrui . E CHE I GRECI NON ABBIANO TROVATO UN GIUSTIZIERE A FORARGLI IL CRANIO . Il minimo sindacale doveroso davanti persino a Dio. ( che ringraziera’ ) .
    ( La Grecia, oltre al debito iniquo per NON Banca Sovrana di un’ EUROPA non dei popoli ma dela mercato finanziario a speculazione e delle Germania , ha CUCITO il debito, con gli stessi CRIMINALI che guidavano la grecia, E GLI STESSI che investivano nela finanza globalista a guadagno strepitosi ) ( La Grecia si e’ in vero posta sul debito vero USATO di 300 miliardi, e lo ha MESSO IN FACCIA al capo principale affare BCE UE la GErmania, RICORDANDOGLI che per due volte RICONOSCENDOLO, doveva un DEBITO di guerra di 300 MILD fra ammazzati innocenti ( non responsabili di un governo in guerra , altrimenti i civili di tutte le guerre uccisi porterebbero ad eliminarli tutti questi disgraziati ) , e di tutte le OPERE d’ arte razziate ( noi a iosa ne abbiamo in francia ) . NOn e’ bastato a giustizia EUROPEA ( feccia ) , hanno dato qualche miliardo per il Governo Tsipras , vincolandolo alla vendita di armi e navi tedesche usate e in via di dismissione, e il resto e’ ritornato a conti e debiti al mittente . OGGI hanno in mano i servizi primari , acqua luce gas poste amministrazione , porti , terreni demaniali , e chi piu’ ne ha piu’ ne metta, e i
    PAPPONI si mantengono con il semplice fisco greco a rincari , tagli e ritagli e refrattarie.
    Tanto per dire, da maggiori produttori di Yogut , l’ intera produzione e’ passata alla Danone tedesca e ci lavorano con le mani greche a salari da morire di freddo .

    = PER L’ ITALIA DI TSIPRAS NE SONO PASSATI A IOSA E ANCORA CE N’E’ UNO, E CHE HANNO PETTINATO IL PELO AL LUPO TANTE DI QUELLE VOLTE FRA MESSE IN PIEGA E BIGODINI, CHE GLI ITALIANI SI SONO PERSINO TUTTI INFINOCCHIATI .
    Lasciamo stare brogli, referendum si o no, E TUTTE LE MERDATE DELLE LEGGI LEGGINE E RIFORME, che non servono a nulla, perche’ se ci fosse il vero fascismo Costituzionale, tutti rigano diritto e nel giusto e nel benessere, pena la pena di morte.
    E l ‘ educazione a tale , porterebbe pure il meglio della merdina che si riscaldano gli italiani nelle mutande che hanno in testa, emancipandoli, perche’ si sa’, che l’ occasione fa’ l’ uomo corrotto e deviato nel caldo del suo magna a caga .

    Concludendo, E HA RAGIONE IL PARAGONE chi scrive, l’ Italia e’ sulla porta della Grecia, e che si o no, non cambia nulla, perche’ o ci sara’ una rivoluzione, o dovremmo calare la mutande senza fiatare, perche’ la strada e’ quella, PIRLA SI O ALTRO PIRLA NO . Governo tecnico o il medesimo con la stessa andatura, IL SISTEMA Europa e Globalista del corrotto omicida e ladro, IMPERA a conquista. ( anche se sembrano parolone da parodia ) . E SULLA LISTA dei paesi PIIGS dopo la Recia, il paese PIU’ CORROTTO E PIU’ RICCO E PIU’ PIIGS 300 mld vale 0 a 2.300 mld, e’ L’ ITALIA .
    SCUSATE DOMANDA : Se i Greci sono esseri umani, e nessuno si e’ arricchito dei 99% , e a come gli hanno messi e ancora non e’ finita, GLI ITALIANI sono di meno ?
    NO NO, Gli italiani non sono di meno E SONO IN PIU’ COGLIONI . Bingo .
    = E come viene naturale, nella filosofia globalista del Caino Barabbato , quando 4 ceffi pilotano e qualche milione si salva il culo a recinzione esercito e affini, e chi se ne frega se ce n’e’ per loro a continuazione. Si chiama selezione naturale, di questo mondo.
    Il furbo vince e impera, finche’ il resto spera. ( un giorno e mi ripeto, tutto verra’ ai conti)
    Non disperatevi mai, presenti e futuri lesi fino al peggio che verra’ .
    ( c’e’ chi m scrive e che dice che sono disfattista maniacale. DOVE SONO GIA’ PASSATI NON LA PENSANO COSI’, E SE QUI ON CI PASSERANNO A SANGUE MA A PANE E CIOLLA, CI PENSERANNO LE ATOMICHE A FARLO PER LORO SU DI NOI, e se ancora non vi pare, c’e’ un ‘ altro sospeso oltre che il naturale intelligente o naturale , chiamato natura, ed e’ piu’ catastrofica e in ritardo e debito. Poi c’e’ lo sfacelatore per antonomasia, Dio , nel suo finale dictat . Ma anche a salvezze, per i ben pensanti e perdenti di qesto mondo. Chiamati giusti, almeno per concetto e coscienza. POi si sa’, nessuno e’ perfetto, ma qui l’ imperfezione, si e’ coperta di cosi’ tanta lurida ipocrisia e falsita’, che oltre a non vedersi e mascherarsi, ne ha di conti da dare . E non ce’ salvezza cattolica vaticana dottrinale che tenga. Se tutto questo non vi par sia, allora hanno ragione loro e pure il torto del tutto, sei nella selezione naturale. Polvere sei e ritornerai. Magna fin che puoi.
    ( ho lo schermo che riga e balla non rileggo e non correggo, come sempre. motivo in piu’)

    • Mylan Key

      = AMICI ITALIANI vi invito a leggere la BOMBA di BLONDET : ” Le vecchie fiabe fanno male ai bambini. Questa no.”
      La proiezione umana degli adulti nei suoi semplici ma complessi voluti e scelti distorsori, la riflettono su tutto, famiglie per bene pure su nuove generazioni …….. appellatele voi. Di certo, non si puo’ fare di un’ erba tutto un fascio. Ma qui siamo come visibilita’, al paradosso del … date voi la definizione. In dfinitiva : liberazione, e che tutto vada come vada, che la vita ne valeva proprio LA PENA
      = Se non si rimane sull’ asfalto, e meno che meno a terra, quanto bisogna rivalutare la Bibbia a saggezza da svelare.
      Quando Sodoma e Gomorra furono distrutte dal fuoco, la situazione era come quella di oggi, ne ha paragonato il maestro Dio .
      Il fattore sessuale come ogni diversita’ e’ il principio di ogni distorsione e iniquita’ corrotta, che partorisce lo sfuocato che vediamo nel mondo e che ci portiamo in tanti conflitti e problemi. Ed e’ il fulcro del lassismo e del menefreghismo, oltre che la non qualita’ umana preponderante, in tutti i suoi aspetti e sfumature. Pure a un o una x qualunque, a modo e acculturata, se gli proponi aspetti o temi fondamentali, o risponde Marte, o ti manda a quel paese.
      Quando ” la parabola ” disse di non mangiare l’ albero della conoscenza del bene e del male, il serpente insemino’ il genere umano non con una mela, ma ne senso vero ( seppure rimane enigma da meditazione e risposte ), e diede EVA madre di ogni umano, due genealogie , quelle di Caino serpente, e quella di Adamo Abele, assassinato all’ istante, e poi continuo’ con Set.
      ( Senza prendere Biglino per vero assoluto, ma come rottura del pensante tradizionale, apre a nuove vedute ) .
      Il sesso, fu’ dopo il cosi’ detto castigo, il mezzo di riproduzione della specie , esente da cio’ che Dio doveva ancora instaurare per libero arbitrio gia’ da GENESI sulla scelta dell’ albero , senza instaurare lo Spirito che l’ umano carnale svelatosi e nascosto a foglie di fico, gli doveva ancora rivelare e assodare come essere intelligente e creato da una parte della sua natura divina.
      MI FERMO QUI, ho buttato qualche sasso, e termino con l’ ancora incomprensibile, che se un uomo guarda una donna per appetirla commette adulterio con lei coinvolgendola. Che significa ? Che ci sono altre vie per ricostruire e sostenere la vita, che partono dallo spirito, avendo gli stessi risultati, ma mantenendo la sostanza non adulterata delle qualita’ umane.
      FINENDOLA, l’ alterazione del giusto, della comprensione comunicata e dialogata, della condivisione della vita cosa sia nel suo breve apparire, alterandola fuori dalla sua sostanza stessa, porta a tutto quello che vediamo del cosi’ detto normale, che e’ gia’ perdente di suo, della sua falsita’ istituzionalizzata, del degrado umano come societa’, dell’ acutizzarsi del tutto a crisi estreme umane, a sangue frodi e disinteresse oltre che l’ impossibilita’ di capire il tutto e di porci rimedio inesorabilmente.
      Il sesso come apice e modo si estende persino nelle comunicazioni occulte del grandi verso i piccoli, perche’ di esempi a vita ne rimangono pochi, sono standarizzati a ipocrisia produttiva e di sistema, ad educazione fuori dalla realta’, e sono pure gli estremi del prodotto umano di chi pure ci governa. Froid ne avrebbe da dire .
      ( si lo so’. sara’ forse a grammatica a parte, il discorso piu’ confuso e idiota che abbia fatto. Ma e’ talmente esteso seppur semplice, che lo lascio cosi’. Un piatto di pasta mi aspetta. Tornero’ su questo fra il confuso e l arcaico gia’ messo ) .
      Bhe, leggetevi l’ articolo e traete le vostre considerazioni, larghe o strette che siano . sorry, per dire e tempo e spazio.
      COMUNQUE TANTO PER MISURARE LA TEMPERATURA, IN FRANCIA E NEGLI USA VIETATO AI MINORI DI 12 E 17 anni
      DA NOI LO CONSIGLIA IL PAPA E IL PD . ( battuta ) .

  • Antonio XV

    Testo: «…suggeriscono che ‘1984’ di George Orwell …». Commento: pochi giorni fa, in Roma, in piazza Bocca della Verità, Beppe Grillo ha detto che il m5s è una… “tecnologia”… Non so se lui si rendesse conto di cosa diceva, ma il pensiero è andato ad Orwell!

    • Mylan Key

      Ho ascoltato il video. E una tecnologia, nel senso che, anziche’ subire un sistema fuori umano, usa il sistema umano della verita’ e dei bisogno, dell’ intelligenza a servizio, dell’ equita’ e del valore ecc ecc ecc, per cui , mette in moto un’ altra dimensione umana, quello del sistema che vive l’ anima vera e le dimensioni giuste, possibilmente. ( dai balbetto , come si fa’ a spiegare, dovremmo aprire libri e farne altri ) . E poi aggiunge, il movimento non e’ una tecnologia, e’ un ‘ idea. E noi siamo un esperimento evolutivo, che va’ avanti fra sconfitte e lotte, per far uscire il migliore possibile. Orwell lo leggi a fanta_come vuoi te, ma si basava su fatti realmente avvenuti su personaggi avvenuti, e pure su possibili realta’ future. Se poi si volesse sforare oltre, esiste la dualita’ dio e diavolo , bene e male, il grande perfetto che ridiventa imperfetto riconducendo il tutto perfetto all’ imperfetto e al decaduto se non all’ estinzione, e alla stessa parodia del dio che crea e che alla fine distrugge, quando Lucifero parte di esso ne e’ il primo traditore, ecc ecc. Bisogna anche stare con i piedi per terra e arrivare al presente e col presente al futuro di domani, non del post domani. Alla fine, se si vuole, siamo si un esperimento dove ognuno e’ una parte piccola che viene e che va’, e l insieme che continua, uguale, finendo poi, da come siamo venuti cosi’ ce ne andiamo , singolarmente e come tutto . Lasciando sgasare pensieri e teorie, come dice la scienza alla fine, che non ne trova il bandolo della matassa, un universo cosi’ intelligente da creare persino pensiero e intelligenza, e proprio da quello che chiamiamo l ‘ invisibile, non puo’ essere nato dal nulla, ma dallo stesso invisibile che si e’ gia’ mostrato in tutto cio’ che la coscienza e il sapere che ha dimostrato e che ognuno conserva nella misura che se ne fa’ una ragione. La stessa sostanza ha dimostrato pure che governa tutto, e che ci sara’ dell’ altro. Per cui, il tempo dara’ ragione e spiegazione, dallo stesso creatore del tutto. Quando ogni tempo sara’ compiuto. ( azz ho sforato il tutto ? )