Home / Attualità / Una metafora dell’America

Una metafora dell’America

MICHAEL SNYDER
theeconomiccollapseblog.com

Il 34enne Casey King è così obeso che non può lavorare, deve fare il bagno all’esterno, in un trogolo come un maiale, e deve fare affidamento sul fatto che suo padre si prenda costantemente cura di lui. Ora pesa più di 700 libbre (317 kg.), ma continua a mangiare enormi quantità di cibo malsano. Proprio come l’America nel suo complesso, non ha assolutamente alcun senso di autodisciplina e nessun desiderio di cambiare la propria vita. Ad un certo livello capisce che con il suo comportamento distruttivo si sta letteralmente uccidendo, ma non ha alcun desiderio di cambiare. Invece, ha detto alla rete TV  TLC che “continuerò a mangiare finché non sarò morto” …

Durante la partecipazione ad una serie televisiva del canale TLC, chiamata “Family by the Ton” [famiglie enormi], Casey aveva detto:

“Mangerò fino a quando non sarò morto, probabilmente. Mi sveglio intorno alle 12, mi rendo conto che devo immediatamente mangiare, [poi c’è] la TV, i videogiochi, il letto, non che ci sia molta attività fisica”.

A causa del caldo torrido della Georgia preferisce fare a meno dei vestiti, e indossa solo un auricolare, che usa per chattare con gli altri partecipanti ai giochi online.

È facile criticare Casey per la sua mancanza di attività fisica, ma, in realtà, non è molto diverso dalla maggior parte degli altri Americani.

Come ho scritto altre volte, l’Americano medio passa circa cinque ore al giorno davanti alla televisione. Ci immergiamo volentieri nella “matrix della propaganda” per migliaia e migliaia di ore e, naturalmente, questo finisce con l’influenzare notevolmente la nostra visione della vita e il modo in cui vediamo il mondo.

E’ ovvio che la maggior parte degli Americani non guarda la televisione e gioca ai videogiochi quando è nuda. Ma, per Casey, i vestiti sono diventati troppo costrittivi e perciò sta seduto sul letto nudo per tutto il giorno …

“Fa caldo in Georgia, e tutti i vestiti mi sono sono diventati stretti e  stringono, quindi sto seduto qui, nudo, libero come si può essere e nessuno mi dà fastidio, la porta è chiusa, va bene così,” aveva spiegato.

La comunità del gioco [virtuale] è diventata uno spazio sicuro per lui, perché gli permette di sfuggire alla vita quotidiana.

“Sono accettato in tutti i mondi di realtà virtuale e nel mondo del gioco virtuale in cui mi trovo,” aveva affermato. “Nessuno mi vede. Questo è il mio mondo esterno. Questo è il mio mondo, quello in cui posso essere il Casey che vorrei, ma senza venir giudicato in base al mio peso.”

L’unica ragione per cui Casey è in grado di condurre questo tipo di vita è dovuta al fatto che suo padre si prende cura di lui e paga tutte le bollette.

E, su  scala molto più grande, non è forse in questo che si sta trasformando il nostro paese? I giovani passano in massa alle idee socialiste perché vogliono che uno stato bambinaia si prenda cura di loro, dalla culla alla tomba e dia loro tutto e gratis.

A 34 anni, Casey dovrebbe essere nel pieno della vita, ma, invece, è completamente dipendente dal padre, mentre aspetta di morire. Ha bisogno di una ragione per vivere e in questo momento non ne ha una. Alla fine, non è così che aveva previsto sarebbe andata a finire la sua vita…

“Non avrei mai pensato che a 34 anni avrei vissuto con mio padre, non avrei avuto un lavoro, non avrei avuto soldi veri, e avrei solo mangiato e giocato ai videogiochi per tutto il giorno”, aveva detto.

Sarebbe davvero facile criticare Casey, ma la verità è che la nostra nazione è esattamente come lui, in tantissimi modi.

Al punto in cui ci troviamo, siamo una nazione che manca completamente di autodisciplina. L’obesità negli Stati Uniti è ai massimi livelli di sempre, milioni di noi sono dipendenti da droghe legali e illegali, abbiamo uno dei più alti tassi di alcolismo sul pianeta, il 37% di tutti gli Americani ha mangiato in un fast food nelle ultime 24 ore, e il CDC [Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie] dice che 110 milioni di Americani attualmente soffrono di una malattia a trasmissione sessuale.

Ma, quando ho saputo per la prima volta di Casey, non ho pensato a nessuna di quelle cose.
Ho pensato invece alla nostra montagna di debiti che sta per esplodere. Come Casey, semplicemente, non possiamo fare a meno di ripetere i nostri errori,  per avere sempre di più. Abbiamo partecipato alla più grande baldoria del debito nella storia del mondo, ma la nostra fame continua a crescere.

Fra pochi giorni, il debito nazionale statunitense arriverà al traguardo dei 22 trilioni di dollari, ma a Washington nessuno sembra preoccuparsene. Poi, se vi sedete e parlate con la maggior parte dei nostri politici, essi finiscono con l’ammettere che tutto questo debito è una minaccia esistenziale per la nostra nazione. È solo che manca loro del tutto la forza di volontà per fare qualcosa a riguardo.

Sappiamo che ciò che stiamo facendo ci ucciderà di sicuro, ma non siamo disposti a cambiare.

Nel frattempo, i livelli del debito pubblico statale e locale sono ai massimi storici, le pensioni pubbliche e private sono sottofinanziate per migliaia di miliardi di dollari, il debito societario è raddoppiato dall’ultima crisi finanziaria, il debito dei prestiti auto è ai massimi storici, il debito delle carte di credito è in forte aumento e il debito dei prestiti studenteschi è grosso modo triplicato nell’ultimo decennio.

Quindi, per favore, non siate troppo critici nei confronti di Casey, perché la verità è che rappresenta il perfetto ritratto di quello che siamo diventati come nazione.

Quando la gente considera, in termini numerici, un traguardo economico a breve termine mediocremente buono come una sorta di “vittoria”, mi viene da ridere, perché la verità è che tutti quei numeri sono generati da quantità record di debito.

Nel corso del 2018, abbiamo aggiunto circa 1,4 trilioni di dollari al nostro debito nazionale. Se tutto quel denaro venisse sottratto all’economia e dovessimo spendere solo quello che abbiamo effettivamente prodotto, in questo momento ci troveremmo nella peggiore depressione della storia americana.

L’unico modo in cui possiamo mantenere la nostra facciata economica è quello di trangugiare debito all’infinito, ma, così facendo, stiamo letteralmente distruggendo quel radioso futuro che avrebbero dovuto avere i nostri figli e i nostri nipoti.

In ultima analisi, quello che stiamo facendo a noi stessi come nazione, in confronto, fa sembrare Casey King un giovane intelligente, disciplinato e sportivo.

Se continuiamo a fare questo a noi stessi, non abbiamo futuro e nessuno può metterlo in dubbio.

Michael Snyder

Fonte: theeconomiccollapseblog.com
Link: http://theeconomiccollapseblog.com/archives/a-metaphor-for-america-700-pound-man-plans-to-eat-and-play-video-games-while-naked-until-he-dies
06.01.2019

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.

15 Commenti

  1. Quanto li disprezzo, sarà l’invidia del magro scarso con i videogiochi.

  2. Si estingueranno da soli, del resto il sogno americano non era nient’altro che un incubo.

  3. E, su scala molto più grande, non è forse in questo che si sta trasformando il nostro paese? I giovani passano in massa alle idee socialiste perché vogliono che uno stato bambinaia si prenda cura di loro, dalla culla alla tomba e dia loro tutto e gratis.

    è il capitalismo che rende le persone obese,magari ci fosse ancora un idea di socialismo

  4. Colpa del socialismo, se gli americani sono ridotti cosi è perché non hanno nessuna forma di reale socialismo.

  5. La classica americanata. Casay fa il cazzo che gli pare proprio perché non c’é alcun socialismo. Ha evidentemente i mezzi ( sua o del padre, non ha importanza ) per condurre una vita peraltro infelice, e lo fa. Non vivendo in alcuna forma statale sociale, non deve nulla a nessuno.

    Quindi semmai, deve ringraziare/maledire il capitalismo individualista e la dissoluzione della società.

    Per il resto, esistono persone ben peggiori, e magari fossero tutti come lui gli ameriCani! E’ molto peggio chi la mattina si sveglia per andare in palestra per poi entrare a lavorare a wall street o al pentagono. Dio volesse iniziassero a mangiare e basta.

  6. Probabilmente gli hanno reso la vita invivibile offendendo la sua esteriorita’ anziche’ vedere le virtu’ ed ha trovato il suo modo per essere accettato quindi è una persona intelligente perché ha trovato una soluzione ad un disagio

  7. E’ un problema di elettrodomestico , qui la colpa è specifica della televisione ,ecco perché personalmente guardo e ascolto solo la lavatrice .

    • Su che programma?
      Io mi ero trovato bene con quello “piumoni”, poi han cambiato conduttore…
      Adesso, solo microonde!
      Senza grill, ovvio…

  8. Poveraccio, sono arrivato a pesare un terzo di quanto pesa lui e mi sembrava un incubo, non riesco a immaginare quello in cui si trova lui. Non capisco la critica al socialismo comunque. Mica tutti hanno la vocazione della competizione, e mica mangiano dalla mattina alla sera!

  9. Gli americani non conoscono l’autocontrollo, soprattutto quando si tratta di cibo: o sono anoressici o si ingozzano come oche all’ingrasso.
    Sono estremi su tutto. Purtroppo e’ un paese socialmente disadattato, generalmente ignorante, estremamente egoistico e ingordo di denaro, cibo, eccetera.
    Purtroppo pero’ il loro “modello” di vita e’ stato esportato a livello globale ed ora i loro problemi si trovano in molti, altri paesi.

  10. In fondo lui è l’ultimo epigono e massima incarnazione del motto consumista che ci ammazza dagli anni sessanta “produci, consuma, crepa”.
    Lui nemmeno produce.

  11. Io sono anti USA perché ho conosciuto gli USA peggiori, nella loro forma peggiore, e li ho visti all’opera. Questo mi ha portato a guardare a gli USA con attenzione e controllo, a sospettarne sempre. Ma non ho mai pensato che in una nazione di 300 milioni di persone siano tutti stupidi. Questo mi porta a non sottovalutarli (peraltro io non lo faccio mai, con nessuno, ma di sicuro non sopravvaluto neanche – sono due facce della stessa stupidità), e a considerarli per ciò che rappresentano, e questo lo faccio tenendo presente tra l’altro, che sono italiano (aspetto non secondario). In questo blog vedo invece tanta arroganza, odio un tot al chilo per gli USA, e cieca nostalgia per un sistema morto suicida, oggi sostituito da un capitalismo oligarchico spietato e liberticida, che punta esattamente verso la direzione sbagliata già presa dagli USA, pari pari, pensando di non avere quelle tare che gli USA hanno, semplicemente perché in Russia il regime è più diretto, concentrato in una manciata di persone.
    State scambiando un padrone con un altro, che non è detto sarà migliore.
    Niente di più, niente di meno.

  12. Mah… io la decadenza e la metafora la noto solo quando vedo la Gruber.

  13. A guardarlo bene sembra di vedere l’america greografica,

    poi con il ventre molle, intento a far guerre, perdendole tutte, un mostro che più gioca più ingrassa, proprio come la sua mamma (la nazione usa), poi il padre che lo mantiene siamo noi (l’europa) che non vede ora che si stacchi e cominci a lavorare sul serio, vivere con il proprio lavoro senza sfruttare tutto il mondo. un’america che stia in piedi con le proprie forze.
    mah forse chissa…

  14. La solita criminalizzazione del debito pubblico, in cui, questa volta, lo Stato, anzichè essere paragonato al “padre di famiglia”, diventa un obeso terminale che mangia tutto il giorno a spese del padre. Solo che gli Stati, oltre a non essere padri di famiglia, non mangiano, non giocano a videogame e non hanno padri che li mantengono. La criminalizzazione della spesa dello Stato, iniziata negli Anni 1970 negli USA come in Europa, ha condotto il mondo allo stato in cui è. Le assurde teorie neoliberiste in America, secondo cui lasciando ai ricchi la facoltà di arricchirsi sempre di più si sarebbe fatta la felicità dei poveri, e il capolavoro dell’Eurozona in Europa, in cui agli Stati viene impedito spendere per ordine della BCE, una banca centrale che funziona al contrario di come dovrebbe funzionare una banca centrale. E dopo 40 anni e più di criminalizzazione del debito pubblico, di Stato brutto cattivo e spendaccione, di privatizziamo tutto perchè così si risparmia, qual’è stato il risultato? Che il debito è AUMENTATO. Sempre e comunque. Questo cosa significa? 1) ridurre il debito è impossibile? Ma se hanno messo al governo i grandi “tecnici” proprio per ridurre il debito, come mai non ci sono riusciti? Dopo anni anni e anni? Ma se hanno privatizzato gas, luce, trasporti, persino l’acqua com’è possibile che non siano riusciti nemmeno a rallentare un po’ la crescita del debito? Colpa dei ladri? Ma andiamoli a vedere questi ladri, quanto hanno rubato, non dovrebbe essere difficile impararlo, basta fare due conti. E invece no, è un mistero. Per fortuna ci sono gli articoli come questo, che, finalmente, svelano l’arcano: è colpa dei poveri e della maledetta classe media, che vogliono il socialismo, quei pigri, disonesti, falsinvaldi, egoisti e scrocconi che passano tutto il giorno davanti alla TV a ingozzarsi, mentre noi ricchi sensibili, bravi, buoni, risparmiosi, altruisti e sportivi ci facciamo il mazzo per mantenerli, con tutte quelle grasse briciole che cadono dai nostri tavoli. La verità è che il socialismo c’è già, e da un bel pezzo. Solo che è un socialismo alla rovescia, in cui tutta la spesa dello Stato – in continuo e vertiginoso aumento – finisce dritta nelle tasche dei ricchi. Non milioni, ma centinaia di miliardi. E non ne hanno mai abbastanza. C’è sempre bisogno di sovvenzioni e sgravi fiscali per le imprese, c’è sempre bisogno di ridurre il costo del lavoro (=abbassare gli stipendi), c’è sempre bisogno di salvare le banche, perchè se non le rimpinzi ben bene di denaro pubblico, sono costrette, poverine, a tagliare il credito e a spendere tutto in speculazione finanziaria. Viceversa, non appena qualcuno pensa di far arrivare qualche spicciolo nelle tasche dei poveri, un piccolo sussidio, ovviamente, si scatena l’inferno: assistenzialismo, populismo. Perchè i poveri, naturalmente, sono approfittatori nati, non sia mai che spendano la paghetta in bagordi, non solo i soldi devono essere pochi, ma arrivarci dev’essere una gara ad ostacoli, piena di condizioni, difficoltà burocratiche e tranelli. Mi chiedo perchè non organizzino dei duelli all’ultimo sangue per il Reddito di Cittadinanza, o delle prove come il cerchio di fuoco e la nuotata nella vasca dei barracuda. Così almeno perderebbero qualche chilo, quei maledetti ciccioni.