Tisana e decotto. L’importanza di una giusta preparazione

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Spesso le piccole, ma basilari regole che fanno la differenza per la qualità finale del preparato, non sono conosciute e applicate.

Ecco come utilizzare l’acqua (che è il solvente più economico e naturale) per estrarre le sostanze medicamentose dalle piante e dalle erbe, ricordandosi sempre che è preferibile usare quelle provenienti da coltivazioni biologiche o biodinamiche o da luoghi lontani da fonti di inquinamento.

 

Tisana (infuso a caldo)

Si scalda bene l’acqua fino quasi all’ebollizione in un contenitore di acciaio inox, nel frattempo in una tazza (preferibilmente di vetro) si mette il vegetale scelto. Io preferisco usare le erbe sfuse e non i filtri perché spesso questi ultimi sono trattati con cloro oppure chiusi con colle o punti metallici che rilasciano residui seppur minimi.

Utilizzando erbe sfuse si deve considerare la quantità di uno o due cucchiaini da the per ogni tazza.

Si copre con un piattino e si lascia in infusione. Cinque minuti sono sufficienti, eccetto specifici casi non serve che le tisane diventino molto colorate e troppo cariche.

Passato il tempo di infusione, si passa il liquido col colino strizzando bene con un cucchiaino le erbe colate. Attenzione a recuperare le gocce rimaste sotto il piattino facendole ricadere nella tazza! È la parte più ricca di energia sottile.

La tisana si beve subito, moderatamente calda prima che diventi tiepida, assolutamente senza zucchero, se proprio si vuole dolcificare si può aggiungere del miele (di acacia per non alterare il sapore). Sorseggiare molto lentamente per trarne il massimo effetto.

 

Decotto

Si effettua per semi, radici, scorze e altre parti dure e coriacee delle piante. La procedura in genere è quella di aggiungere ad un pentolino di acciaio inox in cui l’acqua bolle il vegetale scelto, lasciarlo bollire un minuto a fuoco basso con il coperchio, poi spengere il fuoco e lasciare in infusione altri quattro minuti (tempistiche diverse sono previste per casistiche specifiche).

Anche in questo caso si fa colare il liquido ottenuto in una tazza di vetro pressando bene il vegetale rimasto nel colino.

Il decotto si beve subito dopo la preparazione, quando è ancora piacevolmente caldo, senza zucchero, al massimo con un po’ di miele di acacia. Sorseggiare con calma.

__

VB

 

blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x