Putin traccia il futuro della Russia: “Indipendenza, autosufficienza, sovranità”

Mentre soffiano venti di guerra dall'Occidente, Putin prepara i Russi alle sfide future e al voto imminente per le presidenziali.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

Qui di seguito alcuni passaggi del lungo intervento di Putin tenuto all’Assemblea Federale Russa. In particolare, interessanti le affermazioni riguardanti le questioni legate alla situazione geopolitica e quella finanziaria. A fronte della recente affermazione del capo del Pentagono Lloyd Austin per il quale che “se l’Ucraina perde la guerra, i paesi Nato dovranno combattere contro la Russia” (fonte Ansa), le dichiarazioni del Presidente russo appaiono oggi ancora più significative.

 

Mosca, 29 febbraio 2024

 

“Cari senatori! Deputati della Duma di Stato! Cari cittadini russi!

Ogni discorso all’Assemblea federale è innanzitutto uno sguardo al futuro. E oggi parleremo non solo dei nostri piani immediati, ma anche di compiti strategici, di quelle questioni la cui soluzione ritengo di fondamentale importanza per lo sviluppo fiducioso e a lungo termine del Paese”.

“… quando la nostra Patria difende la sua sovranità e sicurezza, protegge la vita dei compatrioti nel Donbass e nella Novorossiya, il ruolo decisivo in questa giusta lotta appartiene ai nostri cittadini, alla nostra unità, alla devozione al nostro Paese natale, alla responsabilità per il suo destino”.

Il cosiddetto Occidente, con le sue abitudini coloniali, la sua abitudine di incitare conflitti nazionali in tutto il mondo, cerca non solo di frenare il nostro sviluppo: al contrario della Russia, ha bisogno di uno spazio dipendente, in declino e morente dove può fare quello che vuole.

In sostanza, vorrebbero fare alla Russia la stessa cosa che hanno fatto in molte altre regioni del mondo, compresa l’Ucraina: portare la discordia in casa nostra, indebolirla dall’interno.

Ma hanno sbagliato i calcoli – questo è già oggi assolutamente ovvio: si sono trovati di fronte alla ferma posizione e alla determinazione del nostro popolo multinazionale.”

Le capacità di combattimento delle Forze Armate sono aumentate molte volte. Le nostre unità mantengono fermamente l’iniziativa, avanzano con sicurezza in una serie di aree operative e liberano sempre più territori.

Non siamo stati noi a iniziare la guerra nel Donbass, ma, come ho detto più di una volta, faremo di tutto per porvi fine, sradicare il nazismo, risolvere tutti i compiti dell’operazione militare speciale, proteggere la sovranità e la sicurezza dei nostri cittadini.

Le forze nucleari strategiche sono in uno stato di piena prontezza per l’uso garantito. Ciò che avevamo previsto nel campo degli armamenti, di cui ho parlato nel  Discorso del 2018 , è stato tutto realizzato, ovvero questo lavoro è in fase di completamento.

Pertanto, il complesso aeronautico ipersonico Kinzhal non solo è stato messo in servizio, ma viene anche utilizzato con alta efficienza per distruggere obiettivi particolarmente importanti durante un’operazione militare speciale. Inoltre, il complesso d’attacco ipersonico Zircone basato sul mare, di cui non è stato nemmeno discusso nel Discorso del 2018, è già stato utilizzato in battaglia, ma questo sistema è già in servizio.

Le unità ipersoniche a raggio intercontinentale Avangard e i sistemi laser Peresvet sono in servizio di combattimento. Sono in fase di completamento i test del missile da crociera a raggio illimitato Burevestnik e del veicolo sottomarino senza pilota Poseidon. Questi sistemi hanno confermato le loro caratteristiche elevate e, senza esagerare, uniche. Alle truppe furono consegnati anche i primi missili balistici pesanti Sarmat di serie. Presto li dimostreremo nelle aree di schieramento operativo”.

La Russia è pronta al dialogo con gli Stati Uniti d’America su questioni di stabilità strategica. Ma ecco ciò che vorrei sottolineare, cari colleghi, affinché tutti mi capiscano correttamente: in questo caso abbiamo a che fare con uno Stato i cui ambienti dirigenti stanno intraprendendo azioni apertamente ostili contro di noi. E allora? Discuteranno seriamente con noi questioni di stabilità strategica, cercando allo stesso tempo di infliggere, come dicono loro stessi, una sconfitta strategica alla Russia sul campo di battaglia?”.

“Che dire, infatti, la russofobia, come altre ideologie di razzismo, superiorità nazionale ed esclusivismo, acceca e priva della ragione. Le azioni degli Stati Uniti e dei loro satelliti hanno effettivamente portato allo smantellamento del sistema di sicurezza europeo. Ciò crea rischi per tutti.

È ovvio che è necessario lavorare per formare un nuovo contorno di sicurezza uguale e indivisibile in Eurasia nel prossimo futuro. Siamo pronti per un dialogo sostanziale su questo argomento con tutti i paesi e le associazioni interessate. Allo stesso tempo, sottolineerò ancora una volta che penso che questo sia importante per tutti oggi: senza una Russia sovrana e forte non è possibile un ordine mondiale duraturo“.

“Ci sforziamo di unire gli sforzi della maggioranza mondiale per rispondere alle sfide globali, inclusa la rapida trasformazione dell’economia mondiale, del commercio, della finanza e dei mercati tecnologici, mentre molti ex monopoli e gli stereotipi ad essi associati stanno crollando.

Pertanto, già nel 2028, i paesi BRICS, tenendo conto degli Stati recentemente diventati membri di questa associazione, creeranno circa il 37% del PIL globale, mentre la cifra del G7 scenderà al di sotto del 28%”.

“Noi, insieme agli Stati amici, continueremo a creare corridoi logistici efficienti e sicuri e a costruire una nuova architettura finanziaria globale, libera da interferenze politiche, su una base tecnologica avanzata. Inoltre, lo stesso Occidente sta screditando le proprie valute e il proprio sistema bancario: stanno tagliando il ramo su cui sono seduti da decenni”.

“L’anno scorso l’economia russa è cresciuta ad un tasso superiore a quello mondiale. Secondo questo indicatore siamo davanti non solo ai principali paesi dell’Unione Europea, ma anche a tutti gli stati del cosiddetto G7. Ma cosa voglio notare a questo proposito? Voglio sottolineare questo. Un ruolo enorme in questo è stato giocato dal fondamentale margine di sicurezza che è stato realizzato negli ultimi decenni.

Oggi, la quota delle industrie non legate alle risorse nella struttura di crescita supera con sicurezza il 90%, ovvero l’economia sta diventando più complessa, tecnologicamente avanzata e quindi molto più sostenibile. Oggi la Russia è la più grande economia d’Europa in termini di prodotto interno lordo, in termini di parità di potere d’acquisto, e la quinta più grande al mondo.

Il ritmo e, soprattutto, la qualità della crescita ci permettono di sperare e addirittura di affermare che nel prossimo futuro saremo in grado di fare un altro passo avanti: diventeremo una delle quattro maggiori potenze economiche del mondo. Tale sviluppo dovrebbe tradursi direttamente in un aumento dei redditi per le famiglie dei nostri cittadini”.

“Il tasso di crescita cumulato degli investimenti nel 2021 è stato dell’8,6%, quello previsto del 4,5. Nel 2022 – 15,9% con un piano di 9,5. E nei nove mesi dello scorso anno, con un piano annuale del 15,1%, l’aumento è stato del 26,6%. Dobbiamo continuare a muoverci a un ritmo accelerato.

Il nostro sistema bancario e il mercato azionario devono garantire pienamente l’afflusso di capitali nell’economia, nel suo settore reale, anche attraverso i meccanismi di finanziamento di progetti e di capitale. Nei prossimi due anni i progetti industriali con investimenti superiori a 200 miliardi di rubli verranno sostenuti tramite fondi azionari. Il significato di questo meccanismo è che la VEB.RF Development Corporation, con la partecipazione delle banche commerciali, entra nel capitale delle aziende ad alta tecnologia e fornisce assistenza durante la fase della loro crescita attiva.

Ho già dato istruzioni per varare un regime speciale per le offerte pubbliche iniziali di azioni di società che operano in settori prioritari dell’alta tecnologia. Vorrei attirare l’attenzione dei miei colleghi sia del Ministero delle Finanze che della Banca Centrale: è necessario accelerare l’avvio di questo meccanismo, compresa la compensazione per i costi di collocamento dei titoli. Devi farlo alla fine.

Ripeto: il mercato azionario russo deve rafforzare il suo ruolo come fonte di investimenti. La sua capitalizzazione entro il 2030 dovrebbe raddoppiare rispetto al livello attuale e ammontare al 66% del PIL. Allo stesso tempo, è importante che i cittadini abbiano l’opportunità di investire in modo affidabile i propri risparmi nello sviluppo del Paese e ricevere entrate aggiuntive”.

“Cari amici!

Indipendenza, autosufficienza, sovranità devono essere dimostrate e confermate ogni giorno. Stiamo parlando della nostra e unica responsabilità per il presente e per il futuro della Russia. Questa è la nostra patria, la patria dei nostri antenati, ed è necessaria e cara solo a noi e, ovviamente, ai nostri discendenti, ai quali siamo obbligati a trasmettere un paese forte e prospero”.

 

fonte http://kremlin.ru/events/president/news/73585

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix