Proxima B esiste e la sua massa è quasi uguale a quella della Terra

L'esistenza di Proxima B è stata finalmente confermata e sembra un pianeta eccezionalmente simile alla Terra, almeno per quanto riguarda le dimensioni

Utilizzando nuovi strumenti per l’analisi astronomica n team internazionale di ricercatori ha confermato l’esistenza di Proxima b, un pianeta simile alla Terra che orbita attorno alla stella più vicina al nostro sistema solare, Proxima Centauri.

Finalmente siamo riusciti a confermare l’esistenza di Proxima B; era importante riuscire a farlo perché i dati già disponibili ci dicevano che potrebbe essere uno degli pianeti più interessanti tra quelli più vicini”.

Questa la sostanza della dichiarazione rilasciata da Alejandro Suarez Mascareño, autore principale di uno studio pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics, caricato anche sul server di preprint arXiv.

Le prove dell’esistenza di Proxima B

Gli astronomi coinvolti nello studio hanno appurato che Proxima b ha 1,17 volte la massa della Terra, quindi è più piccolo di quanto ritenuto in precedenza. Il pianeta orbita attorno alla sua stella in soli 11,2 giorni.

Determinare la massa di un pianeta lontano con tale precisione è “completamente inaudito“, ha dichiarato il vincitore del premio Nobel del 2019 Michel Mayor, che ha gettato le basi per la tecnologia che ha reso possibile la scoperta.

Proxima b è stato individuato per la prima volta nel 2016 utilizzando HARPS (High Accuracy Radial Velocity Planet Searcher), uno spettrografo progettato per la caccia ai pianeti montato su uno dei telescopi dell’Osservatorio europeo meridionale, l’Osservatorio di La Silla in Cile.

Gli scienziati sono stati in grado di affinare i dati sul pianeta, fino ad allora solo presunto, utilizzando ESPRESSO, uno spettrografo di nuova generazione anche questo installato nell’osservatorio cileno, in grado di ottenere una precisione di analisi tre volte superiore a quella di HARPS.

Eravamo già molto soddisfatti delle prestazioni di HARPS, che è stato responsabile della scoperta di centinaia di esopianeti negli ultimi 17 anni“, ha detto Francesco Pepe, professore di astronomia all’Università di Ginevra e leader del team che gestisce ESPRESSO.

Siamo davvero contenti che ESPRESSO sia in grado di produrre misurazioni ancora migliori, ed è gratificante e appagante per una squadra al lavoro da quasi 10 anni“, ha aggiunto Pepe, che ha anche scritto il documento.

Anche se Proxima orbita così vicino alla sua stella, riceve all’incirca la stessa quantità di energia che che la Terra riceve dal Sole. Si tratta di un dato che incoraggia gli astronomi circa la possibilità che Proxima B possa ospitare qualche forma di vita aliena.

Ma ci sono alcune cattive notizie: Proxima Centauri emette una enorme quantità di raggi X, tanto che Proxima b probabilmente riceve dalla sua stella circa 400 volte la quantità che la Terra riceve dal Sole.

Ciò porta alla domanda: “Esiste un’atmosfera che protegge il pianeta da questi raggi mortali?“, si è chiesto il co-autore del lavoro Christophe Lovis, uno dei ricercatori che hanno operato con ESPRESSO.

Proxima Centauri, la stella nana rossa intorno cui orbita Proxima B, è una stella nana rossa di classe spettrale M5 Ve, posta a 4,243 anni luce dalla Terra in direzione della costellazione del Centauro; fu scoperta da Robert Innes nel 1915. Parte del sistema di ternario α Centauri, è la stella più vicina al Sole.

Grazie alla sua vicinanza, il suo diametro angolare può essere misurato direttamente; le misurazioni indicano che il suo raggio equivale a circa un settimo di quello solare.

La massa equivale a circa un ottavo di quella solare, mentre la densità è quaranta volte superiore a quella del Sole. Sebbene Proxima possieda una luminosità molto bassa, è soggetta a improvvisi e casuali brillamenti, causati dalla sua attività magnetica.

Il campo magnetico di questa stella è alimentato dai moti convettivi che avvengono nel suo interno e il brillamento che ne risulta periodicamente genera un’emissione a raggi X simile a quella prodotta dal Sole. La composizione di Proxima, il suo basso tasso di produzione di energia e le sue dinamiche indicano che resterà nella sequenza principale per almeno altri 4 000 miliardi di anni, ossia per circa 300 volte l’età attuale dell’Universo.

La potenziale esistenza di Proxima B è stata sospettata nel 2016 e, data la sua posizione nella fascia orbitale abitabile, è ritenuto potenzialmente dotato di acqua liquida superficiale. nonostante ciò, data la natura di nana rossa e di stella a brillamento di Proxima Centauri, la possibilità che sul pianeta possa svilupparsi possano essere presenti le condizioni per la vita è ancora da accertare, soprattutto perché si ritiene che il vento solare potrebbe avere strappato l’atmosfera al pianeta.

Lovis spera che la prossima generazione di spettrografi (il successore di ESPRESSO, “RISTRETTO” è già in via di sviluppo), potrà aiutarci a trovare la risposta.

Nuovi strumenti sono assolutamente necessari per dare un’occhiata più da vicino a Proxima b, infatti Proxima Centauri è “solo” 4,2 anni luce dal Sole, ma con la tecnologia di cui disponiamo attualmente l’invio di una sonda è fuori discussione, infatti per percorrere la distanza che ci separa da Proxima un satellite dotato dei migliori sistemi di propulsione oggi disponibili impiegherebbe ancora diverse migliaia di anni.

link fonte: Proxima B esiste e la sua massa è quasi uguale a quella della Terra (reccom.org)

Notifica di
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
danone
Utente CDC
18 Giugno 2021 19:18

La composizione di Proxima, il suo basso tasso di produzione di energia e le sue dinamiche indicano che resterà nella sequenza principale per almeno altri 4 000 miliardi di anni, ossia per circa 300 volte l’età attuale dell’Universo.

Credo che ci sia un errore di magnitudo (x1000) sulla durata di vita della stella.
Ora va bene che siamo in epoca di numeri ballerini, ma qua si esagera, l’autore non sa di cosa scrive, ma della grossa anche.

lurker
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
18 Giugno 2021 22:27

E’ la stessa stima che fornisce Wikipedia (in inglese):
https://en.m.wikipedia.org/wiki/Proxima_Centauri

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  lurker
18 Giugno 2021 23:18

Non ha senso come stima.
Ammesso che la stella possa vivere 4000 miliardi di anni, vuol dire che l’universo, come struttura totale (200 miliardi di galassie), essendo paragonabile al corpo della cellula-stella, dovrebbe avere una durata potenziale di milioni di miliardi di anni, e gli scienziati ci dicono che il big-bang è avvenuto appena 10-15 miliardi di anni fa, ovvero niente, come dire che l’universo praticamente non è ancora partito nella sua potenziale esistenza.
Allora che studiamo a fa, che deve ancora avvenire tutto.
Ti pare che tutto ciò abbia senso, wiki o non wiki?

Ultimo aggiornamento 3 mesi fa effettuato da danone
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x