Perchè gli albanesi e gli iraniani sono contro il MEK?

Di Alireza Niknam per Geopolitika.ru

Negli ultimi giorni si sono svolte cerimonie per il nuovo anno e per il Natale in tutto il mondo, ma questo Natale è stato diverso in Albania, la popolazione albanese ha riferito che i membri del gruppo terroristico di Mujahedin-e Khalq hanno partecipato alle loro cerimonie e le hanno filmate che sembrava volessero registrare i volti delle persone che partecipano, non la cerimonia stessa, il motivo delle riprese non è chiaro ma questa azione ha fatto arrabbiare la gente che ha informato la polizia antiterrorismo dell’Albania di essere convocata nella chiesa di Santa Lucia situata a Durazzo. La cosa che ha infastidito la gente è che queste persone erano noti terroristi e hanno persino partecipato alle cerimonie della vigilia di Natale pur non essendo affatto cristiani. La presenza del MEK in Albania dal 2016 ha creato un odio massiccio tra le persone nei confronti di questo gruppo terroristico. L’Albania era un buon amico dell’Iran e la presenza del MEK, che fino al 2012 era tra le organizzazioni terroristiche straniere degli Stati Uniti (FTO), ha rovinato questo rapporto e ha fatto sì che la gente si arrabbiasse per la loro presenza in territorio albanese, ma torniamo a vedere i retroscena di questo gruppo e le sue attività terroristiche.

L’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (MEK/PMOI) è un’organizzazione paramilitare che ha iniziato le sue attività in Iran nel 1966. Dopo la vittoria della Rivoluzione islamica iraniana nel 1979, questa organizzazione ha affermato falsamente che la Rivoluzione islamica dell’Iran è avvenuta per gli sforzi di questo gruppo. I Mujahedin del Popolo dell’Iran non sono saliti al potere in questo governo e hanno iniziato a combattere contro la Repubblica islamica dell’Iran nel 1981.

Il PMOI compie molti atti terroristici contro il proprio popolo in Iran. Compie operazioni terroristiche grandi e piccole. In totale, più di 17.000 iraniani sono stati uccisi dalla PMOI nella sua guerra contro l’Iran. Il più importante degli attacchi del PMOI è stato il bombardamento dell’ufficio del Primo Ministro e dell’ufficio del partito della Repubblica Islamica. Il Presidente Mohammad Ali Radjaie, il Primo Ministro Mohammad Bahonar e il capo della Corte Suprema della Repubblica Islamica dell’Iran furono martirizzati in questi due attacchi. Il PMOI fuggì dall’Iran in Iraq e, con il sostegno di Saddam Hussein, il dittatore dell’Iraq, prese le armi contro il proprio Paese e partecipò a due operazioni contro la Repubblica Islamica dell’Iran.

Dopo il cessate il fuoco tra Iran e Iraq, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI), sostenuta dall’equipaggiamento di Saddam Hussein, attaccò l’Iran per conquistare Teheran in pochi giorni. Una volta arrivato in Iran, questo gruppo ha commesso atti efferati come dare fuoco alle persone, bruciarle e impiccarle. Questa organizzazione si considera ora il rivendicatore dei diritti umani e l’alternativa alla Repubblica islamica dell’Iran e cerca con tutte le sue forze e con tutti i mezzi di attaccare l’Iran. Alla fine del regno di Saddam Hussein sull’Iraq, dopo circa 25 anni di presenza in Iraq, con il sostegno finanziario di alcuni Paesi arabi e l’appoggio diretto degli americani, il PMOI è stato espulso dall’Iraq e si è stabilito in Albania.

Negli ultimi anni, la PMOI, per cancellare la sua immagine terroristica e sanguinaria, ha tenuto incontri annuali contro vari Paesi, tra cui i curdi iracheni e l’Iran islamico. In questi incontri vengono solitamente invitati i pensionati politici che non sono accettati nei loro Paesi e che fanno discorsi falsi in linea con il nuovo volto dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo. Dopo la vittoria della Rivoluzione islamica, compiendo omicidi su larga scala nel nostro Paese, il PMOI immaginava che, assassinando i leader intellettuali della Rivoluzione islamica, avrebbe potuto creare il caos nella società e all’ombra di questo caos avrebbe potuto prendere il controllo del Paese. A quel tempo, ha condotto azioni di vasta portata in Iran. In seguito è stato rivelato che tutte queste azioni sono state condotte con il coordinamento speciale dei servizi di sicurezza occidentali. Contemporaneamente all’inizio di queste attività, il PMOI scelse la Francia come sede principale di coordinamento. Ha iniziato le sue attività nel centro di Parigi, con strutture logistiche, di sicurezza e mediatiche. Queste spiegazioni e dati sono riportati in dettaglio nei rapporti del Dipartimento di Stato americano, nei rapporti dell’Unione Europea e anche in quelli di istituzioni come “the Rand”.

Dall’inizio della Rivoluzione islamica iraniana, più di 17.000 iraniani sono stati uccisi da membri del gruppo terroristico PMOI. Nei primi anni della Rivoluzione, soprattutto da quando i membri di questa organizzazione hanno intrapreso la lotta armata contro il governo, il principale appellativo che il popolo iraniano ha dato loro è stato “Ipocriti”. L’assassinio della Guida della Repubblica Islamica dell’Iran, il bombardamento della sede del Partito Repubblicano e il martirio dell’Ayatollah Beheshti, Presidente dell’Assemblea Nazionale e di 72 suoi collaboratori, l’attentato al palazzo del Primo Ministro e il martirio del Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, Radjaei e del Primo Ministro, Bahonar, l’assassinio di numerose figure religiose e degli Imam del venerdì come l’Ayatollah Madani e l’Ayatollah Dast Gheib, l’Ayatollah Sadouqi, l’Ayatollah Ashrafi Isfahani e…. . sono solo alcune delle azioni di questo gruppo terroristico. Operazioni che, ovviamente, non si limitavano necessariamente a funzionari governativi, ma prendevano di mira il popolo iraniano. A questo proposito, i Mujahedin del popolo iraniano, in particolare durante la guerra Iraq-Iran, quando l’Iran non aveva un elevato livello di sicurezza, hanno inviato squadre di terroristi all’interno dell’Iran e, compiendo operazioni terroristiche, hanno ucciso molte persone innocenti in diverse città. Il pesante fallimento dell’operazione “Forough Javidan” (l’operazione con cui il MEK è entrato nella città occidentale dell’Iran con l’aiuto dell’esercito di Saddam ed è stato sconfitto dall’operazione iraniana “Mersad”) ha gradualmente portato i Mujahedin del Popolo dell’Iran ad adottare altre misure, come seguire la linea dell’insicurezza interna e creare disordini all’interno del Paese. Attentati e attacchi di mortaio in varie città negli anni ’90, come un attacco di mortaio all’Università Shahid Chamran di Ahvaz, attentati e attacchi di mortaio in tre località di Teheran, un attacco di mortaio a un edificio residenziale di Ilam, l’assassinio del martire Ladjavardi e del martire Sayad Shirazi, spionaggio per i Paesi occidentali, in particolare per l’America, ricatto e fornitura di false informazioni alle istituzioni internazionali sul programma nucleare iraniano, sfruttamento delle proteste dopo le elezioni del 2009 e dei disordini del gennaio 2017, creazione di caos e insicurezza in varie città, ecc. ., sono solo alcune delle azioni terroristiche compiute da questo gruppo.

L’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo, con la sua fedina penale sporca di lotte armate e di schieramento a fianco dei nemici del popolo iraniano, ha creato un odio verso di sé tra la popolazione dell’Iran islamico. In effetti, l’OMPI ha rappresentato il lato oscuro della storia per il popolo iraniano e la sua presenza in un Paese come l’Albania non può nascondere il suo volto terroristico. L’Iran è sempre seriamente intenzionato a combattere il terrorismo, in particolare il MEK, e in base al diritto internazionale può combattere i terroristi che attaccano il suo Paese ovunque si trovino nel mondo. La presenza del MEK in Albania, avvenuta senza il permesso del popolo albanese, ha compromesso le relazioni tra Iran e Albania e ha aumentato le tensioni tra questi due antichi Paesi. Se qualcuno in Albania volesse pronunciare parole contro il MEK, verrebbe ricattato da questo gruppo. Il costo del mantenimento di questo gruppo terroristico in Albania aumenta di giorno in giorno, e ha portato l’Albania a essere preda di massicci attacchi informatici, avvenuti l’anno scorso e ripetuti poche settimane fa. Per quanto tempo l’Albania dovrebbe tenere sul proprio territorio un gruppo terroristico che compromette la sicurezza e la pace di questa nazione.

Di Alireza Niknam per Geopolitika.ru

26.01.2024

Alireza Niknam, reporter e ricercatore nel campo dei gruppi terroristici, in particolare il gruppo terroristico di Mujahedin-e Khalq (MEK). Ha conseguito una laurea in scienze politiche presso l’Università di Teheran e scrive articoli per diverse agenzie di stampa internazionali. Oltre al giornalismo è commentatore politico e consulente del TerrorSpring Institute nel campo dell’antiterrorismo.

Fonte: https://www.geopolitika.ru/it/article/perche-gli-albanesi-e-gli-iraniani-odiano-il-mujahedin-e-khalq 

Titolo originale: WHY DO ALBANIAN AND IRANIAN PEOPLE HATE THE MUJAHEDIN-E KHALQ?

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix