Home / Anti-Empire Report / L’Iran sarà una potenza nucleare alla fine del 2020: nessun ritorno all’accordo del 2015

L’Iran sarà una potenza nucleare alla fine del 2020: nessun ritorno all’accordo del 2015

 

ELIJAH MAGNIER
ejmagnier.com

L’iniziativa del presidente francese Emmanuel Macron per sbloccare la crisi iraniana non ha avuto successo, anche se all’inizio il presidente degli Stati Uniti l’aveva accolta positivamente. Questo insuccesso ha portato l’Iran a fare un terzo passo verso il ritiro dal trattato sul nucleare (JCPOA) e ha sollevato due importanti questioni. L’Iran oggi deve essere considerato una vera e propria potenza regionale per cui, riferendosi ad esso, bisogna dimenticarsi espressioni come “sottoporsi” o “ inchinarsi alla comunità internazionale.” Inoltre, non essendo più l’Europa in grado, apparentemente, di adempiere ai suoi impegni, l’Iran si avvierà, per gradi, verso un’uscita completa dall’accordo. Poco prima delle elezioni negli Stati Uniti, che si terranno a novembre del 2020, è previsto che l’Iran diventi una potenza nucleare con la capacità di arricchire l’uranio 235 a più del 20% (cioè di grado militare) e quindi sarà in grado di produrre decine di bombe atomiche (per le quali l’uranio deve essere arricchito al 90%). Comunque non è detto che sia questo l’obbiettivo finale dell’Iran.

I dati tecnici indicano che la metà dello sforzo nell’arricchimento dell’uranio avviene quando si passa dallo 0,7% al 4%. Se l’Iran raggiunge il livello del 20%, il passaggio al 90% è, di fatto, quasi raggiunto. Sono necessarie alcune migliaia di centrifughe per arrivare al 20% dell’arricchimento, mentre ne bastano poche centinaia per passare dal 20% al 90%, il livello richiesto per produrre la bomba atomica. Quando l’Iran annuncerà che sta raggiungendo il livello considerato critico dall’Occidente, ci sarà la possibilità che Israele agisca a livello militare contro le capacità iraniane, come aveva già fatto nel 1981 in Iraq, nel 2009 in Siria e quando aveva assassinato alcuni scienziati atomici. Se succedesse una cosa del genere, il Medio Oriente si troverebbe esposto ad un tremendo terremoto dall’esito imprevedibile. Ma, anche se Israele e gli Stati Uniti non fossero in condizione di reagire contro il ritiro totale dell’Iran dal JCPOA (accordo sul nucleare), l’Iran non accetterebbe più di tornare all’accordo del 2015. La sua posizione sarà infatti decisamente più forte e, di conseguenza, qualunque trattato sarebbe difficile da ratificare.

Fonti bene informate, tra coloro che prendono le decisioni hanno fatto sapere: “l’Iran diventerà un paese con capacità nucleari complete. Sta anche cercando di essere autosufficiente e di non basarsi solo sulle esportazioni di petrolio per le sue entrate economiche. Sta incrementando la produzione in parecchi settori e sicuramente aumenterà lo sviluppo e la produzione di missili. La tecnologia legata ai missili si è dimostrata finora il deterrente più efficace (e a basso costo ) in possesso dell’Iran e dei suoi alleati in Libano, Siria, Iraq e Yemen”.

L’Iran ha seguito una “strategia della pazienza” da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha illegalmente revocato l’accordo sul nucleare. Teheran aveva concesso all’Europa un anno intero per cercare di indurla a rimanere nell’accordo a 4 membri ( Francia, Russia, Cina e Regno Unito) + 1 (Germania), escludendo gli Stati Uniti. Dopo questo lunghissimo periodo di attesa l’Iran ha preso l’iniziativa, cominciando ad uscire gradualmente dall’accordo. Sembra che Trump non abbia imparato dal suo predecessore Obama, che aveva firmato l’accordo ben sapendo che le sanzioni non avrebbero funzionato.

Ma l’Iran non perde l’occasione per cercare di dire la sua. In occasione del G7 tenutosi a Biarritz, in Francia, il Ministro degli Esteri iraniano Jawad Zarif aveva accorciato i tempi della sua visita a Pechino per incontrare i leader e i ministri europei, su richiesta del presidente Macron. C’era il sentore che forse l’Iran avrebbe potuto vendere il proprio petrolio e che Macron sarebbe riuscito a sbloccare le tensioni tra Stati Uniti ed Iran.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani pensava ci fosse una reale opportunità di appianare le tensioni e che Trump, sempre secondo la fonte di Teheran, fosse pronto a ridurre le sanzioni in cambio di un incontro per iniziare i colloqui. Questo è il motivo per cui Rouhani aveva dichiarato pubblicamente di essere pronto ad incontrare i responsabili politici [occidentali] nell’interesse del suo paese. Ma Zarif, con sua sorpresa, aveva scoperto che Macron non era riuscito a mantenere le sue promesse, perché Trump aveva cambiato idea. L’ iniziativa abortita riportava di nuovo tutti al punto di partenza.

Macron aveva capito che il problema non era il presidente americano ma il suo consigliere, cioè il Primo Ministro Benyamin Netanyahu, insieme alla squadra dei neoconservatori, Pompeo e Bolton. L’incontro tra il Ministro della Difesa francese, Florence Parly, e il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Mark Esper, era stato un tentativo per convincere Esper a prendere le distanze dal duo Pompeo-Bolton, prima che la situazione sfuggisse di mano e l’Iran diventasse incontenibile.

Trump ha rifiutato la proposta francese di offrire all’Iran una linea di credito di 15 miliardi di euro (non dollari ). Il credito è un diritto che l’Iran aveva acquisito dopo aver concordato con l’Europa la vendita di 700.000 barili al giorno di petrolio (fa parte dell’accordo firmato), un accordo che però l’Europa non aveva più rispettato a causa delle sanzioni americane imposte a qualunque paese o compagnia avesse acquistato petrolio iraniano. Il vice Ministro degli Esteri Abbas Araghchi aveva concordato la somma di 15 miliardi di euro con i rappresentanti europei. L’accordo prevedeva che l’Iran, in futuro, avrebbe venduto petrolio all’Europa fino ad arrivare a questa cifra e che l’Iran avrebbe potuto comprare altri prodotti, non solo generi alimentari e medicinali, all’inizio esclusi dalle sanzioni. L’Iran, secondo l’accordo con gli Europei, avrebbe avuto il diritto di incassare il denaro in contanti e di trasferirlo ad altri paesi, Iran incluso,” ha detto la fonte.

E tutto è stato buttato all’aria. Il risultato è semplice: l’Iran continuerà con il suo programma nucleare ma permetterà all’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA) di monitorarne gli sviluppi. Il ritiro parziale si basa sugli articoli 26 e 36 dell’accordo sul nucleare, un accordo fatto non sulla fiducia ma sul rispetto delle leggi. Per questo motivo l’Iran ha annunciato il suo terzo ritiro, aumentando le scorte di uranio arricchito e sostituendo le centrifughe IR1 e IR2m con le IR6, cosa che [in origine] avrebbe dovuto avvenire nel 2026, come recita il paragrafo 39.

L’Europa ce l’ha messa tutta per convincere l’Iran a non ritirarsi gradualmente, ma senza successo. Dalla “strategia della pazienza” l’Iran è passato ad una “strategia aggressiva” e non accetterà più un approccio morbido. E’ sotto sanzioni dal 1979 e, nonostante sia abituato a conviverci, ha esaurito la pazienza.

Gli Stati Uniti non offrono all’Iran nient’altro che sanzioni ed una pressione crescente sull’Europa, così il vecchio continente esegue le loro direttive. L’amministrazione americana ha cercato di formare varie coalizioni, tra cui una NATO araba, ma finora non è riuscita ad organizzarle. Negli Stati Uniti erano convinti che il regime iraniano sarebbe caduto in pochi mesi e che la popolazione gli si sarebbe rivoltata contro. Non è successo. Al contrario: Trump e i suoi neoconservatori sono riusciti a far convergere pragmatici e radicali sulle stesse posizioni. Gli Stati Uniti hanno distrutto qualunque possibilità di dialogo con i rappresentanti moderati, come Rouhani e Zarif, mostrandosi decisamente inaffidabili, per cui è impensabile un qualunque accordo credibile con loro.

L’Iran oggi si sente più forte: ha abbattuto un drone americano, sabotato varie petroliere e sequestrato una cisterna battente bandiera britannica, malgrado la presenza della marina militare britannica nei pressi della nave. Ha mostrato di essere pronto alla guerra, senza però essere lui a provocarla. L’Iran sa che i suoi alleati in Libano, Siria, Iraq, Yemen e Palestina saranno compatti al suo fianco nel caso di un conflitto. I dirigenti iraniani non hanno usato slogan settari o rivoluzionari contro le sanzioni americane ma sono invece riusciti a creare un clima di solidarietà nazionale a sostegno della loro politica di scontro con gli Stati Uniti. Washington, il grande responsabile di quello che succede oggi nel Golfo, non è riuscito ad indebolire la risolutezza dell’Iran e neppure è stato in grado, finora, di minare la sua economia. Sta mettendo in giro la voce che la sua “politica soffocante” sta avendo successo, ma l’Iran non dà segni di sottomissione, quei segni che l’amministrazione americana vorrebbe vedere per poter giustificare la tensione che ha creato in Medio Oriente e nel Golfo.

L’Iran gestisce la sua politica nei confronti degli Stati Uniti e dell’Europa nello stesso modo con cui gli Iraniani intessono i tappeti. Ci vogliono anni per finire un tappeto artigianale e molti altri anni per venderlo. L’accordo sul nucleare ha avuto bisogno di lunghi anni per essere preparato, ma anche di molto più tempo per essere approvato e per verificare la buona fede dei suoi firmatari. La sciocca decisione di Trump ha distrutto tutto questo lavoro. Stati Uniti ed Europa hanno perso l’occasione. Politicamente l’Europa non è in grado di opporsi alle sanzioni americane né ha strumenti sufficienti per offrire qualcosa all’Iran che lo riporti al tavolo dei negoziati.

L’Iran sta diventando più forte e molto meno addomesticabile che in passato. Si sta imponendo come potenza regionale e sfida l’Occidente. Ha una tecnologia nucleare avanzata, è autosufficiente nella produzione di armi e rafforza i suoi alleati in Medio Oriente.

E’ difficile pensare che ci possano essere dei negoziati tra l’Iran e l’Occidente prima del novembre 2020, data delle elezioni negli Stati Uniti. L’Iran non è più disposto ad accettare nel 2019 quello che aveva approvato nel 2015. Trump è il responsabile di questo nuovo scenario. Aver distrutto l’accordo sul nucleare adesso va a vantaggio dell’Iran. Verrà il tempo in cui l’amministrazione degli Stati Uniti, consapevole della sua ignoranza nei confronti dell’Iran, piangerà sul latte versato e chiederà di poter tornare al tavolo dei negoziati… forse in un dopo Trump? Ma le condizioni non saranno più quelle di prima e potrebbe essere ormai troppo tardi per riuscire a fare accettare all’Iran tutto quello che aveva firmato nel 2015.

Elijah J. Magnier

Fonte: ejmagnier.com
Link: https://ejmagnier.com/2019/09/09/liran-sara-una-potenza-nucleare-alla-fine-del-2020-nessun-ritorno-allaccordo-del-2015/
09.09.2019
Scelto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.

7 Commenti

  1. La vedo in maniera opposta
    Trump vuole un mondo multipolare, ha tutto l’interesse a che esista un’altra potenza come la Russia di Putin con cui fondare un “equilibrio” (avvantaggiato per lui) piuttosto che una egemonia dispendiosissima e rischiosa.
    La Russia gli serve come contrappeso per controllare i paesi in conflitto con Israele in Medioriente tramite la garanzia offerta da Putin e soprattutto per poter giocare su due tavoli nei confronti della Cina.
    Il fatto che abbia licenziato Bolton significa che è riuscito a trovare un compromesso con una parte dei neocon e fino adesso si è dimostrato il Potus più pacifista degli ultimi decenni.

    È interessante che alcuni gruppi di analisti geopolitici di area israelo italiana si sono disperati perché temono addirittura che Trump possa alleggerire le sanzioni all’Iran.

    Se dal punto di vista politico interno Trump non va al di là di un liberismo appena temperato da una sfumatura (teorica) di keynesismo, in politica estera è molto più innovativo e forse sta portando a una importante riconfigurazione dei rapporti fra le grandi potenze.

  2. L’Iran è diventata una potenza regionale quando fu abbattuto il suo più pericoloso nemico: Saddam Hussein, che portò avanti una guerra su commissione anglo-americana e, alla fine, fu defenestrato dai suoi stessi sponsor.
    L’Arabia Saudita contende all’Iran la palma di potenza regionale – a parte Israele, che per tanti motivi non può essere riconosciuto come potenza egemone nell’area – ma i sauditi sono pochi, non hanno capacità nazionali nell’industria missilistica, aeronautica, nucleare e militare in genere. Devono non solo acquistare ogni singolo pezzo, ma anche dipendere sempre da altri per ogni addestramento o revisione dei sistemi d’arma.

    Israele sarebbe già intervenuto con armi nucleari, ma sottoponendo il suo piccolo territorio ad una pioggia di missili iraniani, con armi chimiche e, soprattutto, biologiche, che nessuna popolazione ha mai dovuto sopportare in un conflitto. Un evento senz’altro terribile, ma sconosciuto, nonostante tutte le simulazioni e gli studi militari.
    In definitiva, l’Iran come potenza nucleare potrà portare ad una “pace armata” simile a quella fra India e Pakistan, una pace armata che avrà sempre come limite l’uso del nucleare. Forse, questa è l’unica soluzione per il Medio Oriente, anche perché il punto di non ritorno nei confronti dell’Iran è già stato superato con l’installazione del sistema S-300 per la difesa antiaerea ed anti-missilistica e per la capacità dimostrata nei sistemi ECM ed ECCM: l’affondamento e il danneggiamento di due corvette israeliane, nel 2006 (guerra in Libano), condusse il cosiddetto Occidente a dover prendere atto di situazioni che non erano previste.
    Sul fronte petrolifero, l’Iran ha surclassato tutti i competitori dell’area nel settore petrolchimico, e questo potrebbe agire da fattore calmierante nei confronti dei sauditi, che solo quest’anno hanno iniziato ad interessarsi alla chimica del petrolio. Insomma, io vendo e tu trasformi?
    Forse, la mia è una visione troppo ottimistica, però quale altra soluzione può esistere? Armagheddon?

  3. E’ giusto che l’Iran come la Nord Corea, la Cina ecc si dotino e sperimentino armi nucleari DI DETERRENZA. I media avvelenano le menti dei popoli occidentali… e come al solito dimostrano d’essere PRESSTITUTE.. allo yankee assassino….

  4. Bella notizia Iran potenza nucleare , grande paese l’iran e grande popolo gli iraniani , no come noi Italiani che non valiamo niente che non siamo un popolo

  5. Penso che purtroppo prima che l’iran diventi una potenza nucleare Israele il suo scagnozzo USA la bombarderanno

  6. La soluzione migliore, così i nasoni si mettono l’ anima in pace.

  7. L’Iran dovrebbe sapere che il 50% della ricchezza degli USA è in mano a finanzieri ebrei (Zuckerberg, Brin, Page, Bloomberg, Adelson e tanti altri), e anche quella della UE è in mano a finanzieri come i Rothshild di Londra e Parigi, i Lazare, i Warburg etc, e quindi il potere di Israele su queste due entità è totale.
    Putin in Russia non ha dato tempo di sedimentare ai Kodorkovsky e simili, come hanno purtroppo fatto in Ucraina i Kolomoisky ed affini, quindi a Mosca le rivoluzioni colorate come ad Hong Kong sono di casa, i rivoltosi di Hong Kong sono addirittura addestrati dai white elmets, noti mercenari del mossad.
    Quindi l’Iran deve sbrigarsi a munirsi dell’atomica e farsi fornire dai russi i loro impareggiabili ultimi apparati di guerra elettronica.

Lascia un commento