Libertà di espressione o sfruttamento?

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

Di Adilson Roberto Gonçalves, pravda.ru

Quando le big tech si lamentano del progetto di legge per la regolamentazione di Internet non è perché ci sarà la censura, ma, sì, la diminuzione dei loro profitti. Molti parlano e scrivono della manipolazione della ricerca di Google, ma è bene chiarire che le pubblicità vengono prima nei risultati, spinte da chi finanzia la monetizzazione della rete. Non ha senso, quindi, lottare contro le big tech e voler guadagnare con il proprio canale Youtube. Inoltre, la bugia che aveva una gamba corta ora ha un guadagno veloce. Ho iniziato ad affrontare questo tema nel precedente articolo “Tecnologia e regolamentazione di Internet“, cogliendo l’occasione per correggere l’inizio dell’ultimo paragrafo in “… le opinioni di coloro che proclamano…”.

Ci sono livelli diffusi dalla cosiddetta stampa seria in cui si invoca una libertà di espressione illimitata, sostenendo che questo è quanto previsto dalla nostra Costituzione federale (Brasile). La lettura di uno di questi articoli di opinione mi ha spinto a consultare in dettaglio il testo costituzionale. Lì si omette che il dispositivo citato contro la censura si trova nel capitolo “Sulla comunicazione sociale”, che tratta dei modi in cui viene praticata la libertà di pensiero, soprattutto nei mezzi di informazione. Nella lettura complessiva dei cinque articoli che lo compongono, ciò diventa molto chiaro. In ogni caso, la libertà di dire ciò che si pensa è limitata a quando è in conflitto con la legge, anche se infracostituzionale. Così, per quanto io consideri dannosa l’onnipresenza di un avvocato che mi impedisce di comparire davanti a un giudice senza di lui, anche se ha la competenza per rappresentarmi, ciò non mi permette di invocare la fine di tale professione. E non si tratta di avere paura di dire la mia, ma piuttosto di essere pienamente consapevoli che la vita si svolge nella società, con diversi altri sé da rispettare.

Opinione o notizia?

La stampa ha ancora difficoltà a capire cosa è opinione e cosa è notizia, compresi i suoi limiti. Ne ha parlato anche il difensore civico della Folha de S. Paulo, quando il titolo sulla morte di Rita Lee è stato cambiato per includere il legame con la droga, e molto criticato perché chi ha realizzato il servizio non aveva dato questo risalto. In quell’occasione fu rivelato ciò che tutti dovrebbero sapere: la storia e il suo titolo non appartengono al giornalista, ma al direttore, al suo superiore. Questo è diverso dai pezzi di opinione, che sono di esclusiva responsabilità del loro autore. Ma anche questo può essere modificato secondo le regole della redazione, come le lettere che vengono pubblicate nelle sezioni ancora esistenti dei giornali stampati. Si tratterebbe di censura?

Modificare i testi

La modifica dei testi dei libri è effettivamente una forma di censura o di limitazione della libertà di espressione. Oltre alla mutilazione culturale, denunciata in diversi editoriali che affermano che ci sarà una “letteratura limitata”, l’alterazione e la messa al bando di vecchi libri, a causa di espressioni razziste e pregiudizievoli, porterà a un pesante falso ideologico, perché, ad esempio, prevalendo la versione modificata dei libri di Monteiro Lobato, un lettore di oggi capirà che non c’era nulla di razzista in lui. Così come le modifiche ai libri di Agatha Christie sorprenderanno il giovane lettore che vedrà una scrittrice fuori dal suo tempo, che apparentemente non ha vissuto il periodo coloniale britannico. La pigrizia intellettuale non può prevalere sotto le spoglie di “correzioni storiche” e adattamenti.

Di Adilson Roberto Gonçalves, pravda.ru

10.06.2023

Adilson Roberto Gonçalves, ricercatore dell’Unesp, membro dell’Academia Campineira de Letras e Artes, dell’Academia de Letras de Lorena, dell’Instituto de Estudos Valeparaibanos e dell’Instituto Histórico, Geográfico e Genealógico de Campinas.

Fonte: https://english.pravda.ru/opinion/156902-freedom_expression/

Traduzione di Costantino Ceoldo

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix