Le sanzioni spingono gli Stati BRICS verso legami più stretti

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Mentre le sanzioni alla Russia stanno affossando le economie europee, soprattutto quelle dei Paesi più fragili, già da due anni in grande difficoltà, c’è chi “dall’altro lato della barricata” guarda il bicchiere mezzo pieno e trova nelle difficoltà delle opportunità.

Come affermato infatti sabato 9 aprile, dal Ministro delle Finanze russo Anton Siluanov, durante la prima riunione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali dei paesi BRICS, le sanzioni occidentali legate all’Ucraina stanno spingendo i paesi BRICS a una più stretta cooperazione economica.

Secondo il Ministro delle Finanze, la “crisi attuale è causata dall’uomo”, e gli Stati membri del BRICS – Russia, Brasile, India, Cina e Sudafrica – “hanno tutti gli strumenti necessari per mitigare le sue conseguenze per le loro rispettive economie e per l’economia globale”.

Per farlo però devono saldare i loro legami e pensare a degli strumenti per non essere dipendenti né dal dollaro né dal sistema di messaggistica interbancaria SWIFT, da cui la Russia è stata tagliata fuori il mese scorso, in quanto strumenti creati dai paesi occidentali e da loro dominati.

“Questo ci spinge a dover accelerare il lavoro nelle seguenti aree: L’uso delle valute nazionali per le transazioni export-import, l’integrazione dei sistemi di pagamento e delle carte, un nostro sistema di messaggistica finanziaria e la creazione di un’agenzia di rating BRICS indipendente”, ha detto Siluanov.  Quest’ultima in particolare risulta fondamentale ora che le principali agenzie di rating hanno rimosso gli indici della Russia, a causa della pressione delle sanzioni che rende difficile per Mosca assicurarsi gli investimenti esteri.

Durante l’incontro, le Banche Centrali delle nazioni hanno concordato anche di condurre un nuovo test del meccanismo BRICS Contingent Reserve Pool, che permette agli stati membri di scambiare le valute nazionali in caso di necessità.

Massimo A. Cascone, 10.04.2022

Fonte: https://www.rt.com/business/553614-sanctions-brics-states-russia/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x