Il virus è in continua mutazione: mascherine, distanziamento e vaccini sono inutili. Il nuovo studio di ricercatori americani pubblicato dal Telegraph

Il più grande studio genetico realizzato negli Stati Uniti sul coronavirus, in fase di revisione da parte della comunità scientifica, ha mostrato che a partire da marzo, quando sono cominciate le analisi, il virus si è dimostrato capace di adattarsi alle protezioni utilizzate dagli umani per affrontare la pandemia, diventando più contagioso. Mettere la mascherina, lavarsi le mani e distanziamento sociale si starebbero diventando sempre più inutili per evitare il contagio.

Come descritto da un articolo del Telegraph, questa evoluzione del coronavirus è presente nel 99,9% secondo i ricercatori USA.

Il documento ha concluso che una mutazione che cambia la struttura della cosidetta “spike protein”, la proteina che si trova sulla superficie del virus, può essere alla base della diffusione di quel particolare ceppo.

I ricercatori hanno messo in sequenza i genomi del coronavirus a Houston Methodist, uno dei più grandi ospedali del Texas, fin dall’inizio di marzo, quando il virus è apparso per la prima volta in città. Ad oggi, hanno documentato 5.085 sequenze.

Nella prima ondata dell’epidemia a Houston, intorno a marzo, circa il 71 per cento dei virus era caratterizzato dalla mutazione, che ha avuto origine in Cina ed è noto come D614G.

Nella seconda ondata, iniziata a maggio e in corso, la mutazione D614G è balzata al 99,9% di prevalenza.

Una minuscola modifica della spike protein della variante dominante fa passare un amminoacido dall’acido aspartico alla glicina. La nuova mutazione sembra superare tutti i suoi concorrenti.

 

 

I ricercatori, tra cui alcuni dell’Università di Chicago e dell’Università del Texas di Austin, hanno scoperto che le persone infettate da questo ceppo hanno un “carico” di virus più elevato nelle loro vie respiratorie superiori, il che permette ad un virus di diffondersi in modo più efficace.

Uno degli autori ha offerto che il D614G è stato sempre più dominante a Houston e in altre aree perché è più adatto a diffondersi tra gli esseri umani.

“Ceppi con un sostituto di aminoacidi Gly614 nella spike protein, un polimorfismo che è stato collegato ad una maggiore trasmissione e infettività delle cellule in vitro, è aumentato significativamente nel tempo e ha causato praticamente tutti i casi di Covid-19 nella massiccia seconda ondata di malattia”, secondo gli autori.

Il virus non ha aumentato il suo livello di letalità.

Uno studio simile pubblicato nel Regno Unito ha avuto risultati simili, scoprendo che il D614G stava aumentando di frequenza ad “un tasso allarmante” ed era diventato rapidamente il lignaggio dominante di Covid-19 in Europa e aveva poi preso piede negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.

 

David Morens, virologo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), ha dichiarato al Washington Post che i risultati indicano la possibilità che il virus sia diventato più trasmissibile e che questo “possa avere implicazioni per la nostra capacità di controllarlo”.

Il signor Morens ha ammonito che si tratta di un solo studio che non è stato ancora sottoposto a una valutazione tra pari e che “non si vuole interpretare eccessivamente ciò che questo significa”. Ma il virus, ha detto, potrebbe potenzialmente rispondere – attraverso mutazioni – a interventi come il lavaggio delle mani e l’allontanamento sociale.

“Indossando maschere, lavandoci le mani, tutte queste cose sono barriere alla trasmissibilità, o al contagio, ma man mano che il virus diventa più contagioso è statisticamente più bravo a superare queste barriere”, ha detto il signor Morens, consigliere senior del dottor Anthony Fauci, il direttore della NIAID.

Di regola, maggiore è la diversità genetica di un virus, più il virus è preparato ad evolversi lontano dai trattamenti e dai vaccini futuri.

Vedremo le risposte della comunità scientifica, e se convalideranno i dati, anche quelle del mondo della politica. Vedremo se finalmente potremo liberarci da queste misure che stanno distruggendo il nostro già precario tessuto sociale e la nostra stabilità psicologica. O se, al contrario, vorranno blindarci definitivamente.

Ne parliamo nel TG:

Link all’articolo del Telegraph: https://www.telegraph.co.uk/news/2020/09/24/new-coronavirus-mutation-could-evolving-get-around-mask-wearing/