Home / Notizie dall’Italia (pagina 23)

Notizie dall’Italia

Crociata Anti Bufala: Situazione tragica ma non seria

DI MARCO BORDONI sakeritalia.it La solita armata Brancaleone di eurocrati inetti, giornalisti pinocchi, intellettuali liberal, si prepara per l’ennesima crociata. Questa volta l’obiettivo sono le bufale, le fake news come va di moda chiamarle. Un calderone in cui vengono abilmente mescolate le notizie false consapevolmente spacciate per vere dai cacciatori di click, quelle semplicemente non verificate, quelle vere e verificate ma colpevolmente omesse dai media mainstream e le semplici opinioni dissenzienti. Un caos da cui non può palesemente venire alcunché di buono.  La …

Leggi tutto »

Sul discorso patriottico di Beppe Grillo

DI MORENO PASQUINELLI sollevazione.blogspot.it Come chi ci segue sa bene, sono un critico severo del modo di pensare complottista, dell’ermeneutica dietrologica. Tra le diverse ragioni la prima è questa: che il chiodo fisso di scovare ciò che c’è dietro impedisce di vedere quel che c’è davanti, anche quando salta agli occhi, nella sua autoevidenza. A volte non è infatti necessario scovare la verità alla spalle dell’apparenza. Non ce n’è bisogno allorché il tutto è nell’apparenza, quando l’essenza è la sua …

Leggi tutto »

Una-cento-mille Bargello ?

DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO ilfoglio.it La Libreria Bargello, a Firenze, è stata attenzionata con una bomba. Frequentata dai militanti di Casapound, offre libri sgraditi allo spirito del tempo – inadatti alle anime belle – ed è perciò che la cosa in sé è stata rubricata nel non detto del “una-cento-mille Bargello”. Un poliziotto artificiere ha pagato un prezzo alto. Ha perso un occhio e gli è stata amputata la mano sinistra. L’antifascismo sorvolerà anche su questo fatto e però c’è un …

Leggi tutto »

Il Giglio Putrido e il potere truffa del PD

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Mentre il bullo di Palazzo Chigi è momentaneamente scomparso dai radar dei media politicamente asserviti, un altro soporifero cattokomunista si è insediato sulla poltrona del comando, sfoderando le solite bufale, più spudorate di sempre: il Jobs Act è stata un’ottima riforma e i voucher «non sono il virus che semina il lavoro nero» … intanto sono partite le lettere di licenziamento per 1666 lavoratori dell’Almaviva di Roma, i sindacati svaporano come neve al sole, la povertà …

Leggi tutto »

Cassazione: il profitto diventa giusta causa di licenziamento !

FONTE: ICEBERGFINANZA.FINANZA.COM Noi ve lo abbiamo raccontato più volte, in un mondo infarcito di psicopatici ovunque questa è la normalità, da domani, il minor profitto ovviamente soggettivo, diventa giusta causa di licenziamento. Le motivazioni e le analisi le lascio leggere a Voi, questa è una deflazione salariale bellezza e le riforme sono le riforme, non importa cosa prevedono, l’importante è che si continui a svalutare salari, diritti, welfare e via dicendo e la shock economy bellezza. SHOCK ECONOMY: BISOGNA TERRORIZZARE! …

Leggi tutto »

Grandi progetti

DI DIEGO LEANDRO GENNA carmillaonline.com – È un sistema destinato a fallire. – È già fallito. – Per questo siamo obbligati a inventare delle soluzioni. – E dobbiamo farlo prima possibile, o sarò troppo tardi. – Siamo qui, spetta a noi cominciare il cambiamento. – Va prospettato un altro sistema di valori. Dobbiamo dismettere l’impalcatura della società capitalistica, abbandonare il concetto di sviluppo economico e di benessere legato al consumo di massa, sfrenato e compulsivo. – Liberare la felicità dal …

Leggi tutto »

Terrorismo, perché l’Italia finora non è stata colpita

DI MARCO TODARELLO lettera43.it Quando toccherà all’Italia? Se lo chiedono in tanti, in questi giorni di feste svuotate di senso, mentre l’Europa torna a piangere morti innocenti e a Milano sembra aver trovato il suo epilogo la vicenda dell’attacco ai mercatini di Natale di Berlino, con l’uccisione del killer Anis Amri nel corso di una sparatoria con la polizia. Ancora veglie al lume di candela, bandiere a mezz’asta, rabbia e dolore. Di nuovo la Germania, dopo il Belgio e la …

Leggi tutto »

Il disastro dell’aereo militare russo Tu-154 – alcune brevi considerazioni iniziali

FONTE: SAKER.IT E’ troppo presto per arrivare a una conclusione su ciò che è successo a quest’aereo, ma visto che mi è stato richiesto per email, eccovi le mie considerazioni, personali e provvisorie: Guasto meccanico: improbabile. Il Tu-154 è un aviogetto a tre motori, una bestia estremamente forte. Il suo grado di affidabilità è paragonabile e quello della maggior parte dei velivoli contemporanei, nonostante sia stato spesso utilizzato in condizioni estreme a cui altri aerei non hanno dovuto essere sottoposti. Il …

Leggi tutto »

Leggenda di Natale

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Quest’anno, la leggenda di Natale è una storia vera, di quelle che mai e poi mai uno come Poletti comprenderebbe per la sua importanza, che va oltre le solite menate sui ragazzi che vanno all’estero, sugli immigrati pericolosi e quant’altro. Perché è una storia vera, che ha dell’incredibile, soprattutto per gente come Poletti & Co. Tutto iniziò una decina d’anni fa, quando un gruppetto di persone – mi piace di più immaginarli elfi con sembianze umane …

Leggi tutto »

Fake News: dacci oggi il nostro virus quotidiano

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Seratona a Otto e mezzo (La7) … infatti mentre madame Bilderberg diceva che il M5S stava perdendo 2 punti percentuali nei sondaggi e sarebbe stato sotto il Partito Democratico, il Fatto Quotidiano smentiva clamorosamente riportando i sondaggi Index Research, rilevanti che il M5S perde è vero 2 punti percentuali, scendendo al 30,4%, ma resta attualmente il primo partito, mentre il Partito Democratico paga ancora l’effetto del referendum e le divisioni arrivate fin dentro l’assemblea, quindi resta paralizzato al 28,5%. …

Leggi tutto »

Una storia di terrorismo all’ombra delle tensioni italo-tedesche su MPS

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org L’attentato di Berlino si è attenuto al solito copione: il terrorista, identificato grazie ai documenti rinvenuti sulla scena del crimine, è stato liquidato a distanza di pochi giorni, portandosi nella tomba gli scomodi ed inconfessabili segreti sull’attentato. C’è però una novità di rilievo: il tunisino Anis Amri è stato fermato e poi ucciso dalla polizia italiana, alle porte di Milano. C’è da chiedersi perché questo capitolo della strategia della tensione europea sia iniziato tragicamente in Germania …

Leggi tutto »

Altro che avvisi di garanzia, Roma va rasa al suolo

DI MASSIMO FINI ilfattquotidiano.it Giuseppe Sala. Paola Muraro. Virginia Raggi. Non è in alcun modo accettabile che un semplice avviso di garanzia, cioè la mera ipotesi che sia stato commesso un reato, possa troncare o gravemente compromettere la carriera di un esponente politico o distruggere la reputazione di un qualsiasi cittadino senza incarichi pubblici (qualcuno ricorderà, forse, il caso di quel padre accusato di aver violentato il figlioletto di due anni, e quindi massacrato dai mass media, poi risultato innocente). …

Leggi tutto »

Strage di Berlino: perché mostrarci il poliziotto che lo ha “ucciso”?

DI FRANCESCO SANTOIANNI pecorarossa.tumblr.com Ma com’è che ora si pubblica, oltre al nome e cognome, anche la fotografia del poliziotto che ha appena ucciso un terrorista? Una ipotesi: Marco Minniti – da tempo immemorabile tutor dei servizi segreti e ora anche Ministro dell’Interno – si era reso conto che la morte di Anis Amri, – identificato come il responsabile della strage con il TIR a Berlino grazie ad un ennesimo documento di identità – miracolosamente ritrovato dopo 24 ore – …

Leggi tutto »

Come siamo scaduti così in basso (riflessione su Montepaschi)

DI MAURZIO BLONDET maurizioblondet.it Caro contribuente.  Visto che  la cricca che vi governa per conto terzi vi ha accollato  altri  20 miliardi di debito per  salvare la “sua” banca,  ricordatevi almeno questa foto:   e’ una grande storia d’amore. Lui è  Giuliano Amato, l’immarcescibile e il mai imputabile,  oggi elevato a giudice costituzionale, ossia topo nel formaggio, dal Napolitano.  Quello fra le sue braccia è Giuseppe Mussari, capo di Monte dei Paschi, e messo dalla cricca alla presidenza dell’ABI, Associazione …

Leggi tutto »

Un piccolo hobby

DI  MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Ho un piccolo hobby, qualcuno direbbe un innocuo vizio. Mi piacciono le armi, in particolare quelle molto moderne e letali: più possono ammazzare, più sono felice. Ogni anno, in famiglia, spendiamo circa 1400 euro per comprarcele. Direte, invece di spendere quei soldi in armi, potevate farci una vacanza, ma non giudicateci: siamo fatti così. Siccome sono di carattere gentile, non le uso mai. Le tengo ben custodite in un deposito e appena esce un nuovo modello, …

Leggi tutto »

Disgustoso Poletti, avete fatto di noi i camerieri d’Europa

FONTE: LIBREIDEE.ORG Caro ministro Poletti, le sue scuse mi imbarazzano tanto quanto le sue parole mi disgustano». Comincia con queste parole la lettera aperta che Marta Fana, ricercatrice impegnata a Parigi, ha affidato a “L’Espresso” dopo la sconcertante uscita dell’ex dirigente LegaCoop, ora membro dell’esecutivo Gentiloni: «Centomila giovani in fuga dall’Italia? Conosco gente che è bene non avere tra i piedi». Poletti ha espresso in modo esplicito un pensiero che dimostra la ormai storica rassegnazione dell’ex sinistra al pensiero unico, …

Leggi tutto »

Dilettanti allo sbaraglio

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Un referendum vinto con il vento in poppa, sbaragliando gli avversari di sempre: uno dichiaratamente ostile, l’altro nemico sì…ma con un occhio di riguardo per gli elettori, da conquistare. Poi, un governo squalificante e squalificato, degno di un bassissimo impero o della peggior operetta d’avanspettacolo. E’ tutto troppo facile, troppo semplice guadagnarsi il consenso quando l’avversario è disperato ed annichilito come lo è il PD, come lo sono l’altra metà del parlamento, orfani di un Berlusconi …

Leggi tutto »

Qualche breve e preliminare considerazione sull’omicidio dell’ambasciatore russo a Ankara

FONTE: SAKER.IS Okay, quindi stasera abbiamo il nome dell’assassino, è Mevlut Mert Aydintas, un poliziotto di 22 anni che era stato da poco licenziato a seguito della repressione anti-Gulen di Erdogan contro le forze che avevano recentemente tentato di rovesciarlo. Abbiamo anche un video molto utile dell’omicidio. Il video dell’omicidio mostra anche qualcosa di molto importante: gli unici colpi sparati sono quelli dall’assassino. Guardate voi stessi: Ciò significa una delle due cose: Versione 1: non c’era nessuno responsabile della sicurezza …

Leggi tutto »

Il banco del pane

DI ALCESTE pauperclass.myblog.it Durante la pausa pranzo chiamo un vecchio conoscente, per un panino e un caffé. Non siamo amici in senso stretto. La nostra corrispondenza d’animo si basa, piuttosto, sull’appartenenza alla vasta area del reducismo. Reducismo di sinistra, in tal caso. A differenza del sottoscritto, che ama troncare senza preavviso dopo aver a lungo sopportato, egli ha intrapreso una progressiva e sfiancante Via Crucis: dall’apostolato “senza se e ma” si è incamminato verso il Golgota del sinistrume più residuale …

Leggi tutto »

Resta solo il napalm

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it Le giunte di Milano e Roma rischiano di uscire decapitate da due inchieste giudiziarie, entrambe riguardanti fatti passati ed estranei all’attività comunale. A Milano il Pd Giuseppe Sala è indagato per falso, a proposito della presunta gara truccata nel 2012 per l’appalto più grande di Expo. A Roma un funzionario comunale, Raffaele Marra, stretto collaboratore della sindaca Virginia Raggi (M5S), è in carcere per corruzione a proposito di due assegni circolari che il costruttore Scarpellini gli …

Leggi tutto »

In galera anche Montecitorio. Per la sua accertata pericolosità sociale

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it Vedo che hanno sbattuto in carcere preventivo il palazzinaro Sergio Scarpellini,  benché 80 enne, insieme a quel Marra-braccio-destro-della Raggi. Adducendo la “pericolosità sociale” dei due. Complimenti.  Si   poteva giungere  alla conclusione già otto anni fa.  La pericolosità sociale di Scarpellini  deriva dalla accertata  pericolosità sociale del Parlamento italiano, ben lieto di affittare a Scarpellini lussuosi immobili,  che avrebbe invece potuto comprare – risparmiando denaro dei contribuenti. Leggere lì articolo di Gian Antonio Stella a pagina 6 …

Leggi tutto »

Referendum per l’uscita dall’euro: una risposta urgente per sfidare il sistema

DI ROSANNA SPADINI e FRANCESCO COLONNA comedonchisciotte.org Gli arditi della tastiera si sono scatenati tout court sul web ed hanno rovesciato un vaso di Pandora di insulti e improperi alla notizia che Alessandro di Battista, definito da Giovanni Minoli un giovanotto “un po’ esaltato”, avesse avuto l’ardire di fare l’ennesima proposta indecente del referendum per l’uscita dall’euro. Però come dice Aldo Giannuli sul suo blog, il referendum sull’euro si potrebbe fare e il M5S avrebbe ragione a proporlo. … Infatti sarebbe …

Leggi tutto »

Non Poteva non Sapere, Oppure è Troppo Stupida per Fare il Sindaco ?

DI FUNNYKING rischiocalcolato.it Raffaele Marra, da poco arrestato per corruzione e accusato tra le altre cose che qualcuno gli aveva pagato la casa a “sua insaputa” (della serie: spariamo sulla crocerossina con la bomba atomica) è stato definito dal Sindaco di Roma Virginia Raggi come esterno alla giunta e arrestato per vicende precedenti a questa consigliatura. Tutto vero tranne che per il piccolo particolare che Raffaele Marra è stato voluto al suo posto dalla stessa Virginia Raggi in feroce polemica …

Leggi tutto »

Dibattistanomics e antifascismo. Per un 2017 di confusione

FONTE: SENZASOSTE.IT Uscita dall’ Euro ma non dall’UE tramite referendum consultivo, reddito di cittadinanza e molto altro. Per ora nel programma di volontà di governo dei 5 stelle c’è molta confusione. E nel frattempo per governare da soli c’è l’assalto agli elettori di destra L’intervista di Minoli a Di Battista, condotta dall’ex giornalista di Rai 2 per mettere in difficoltà il proprio interlocutore, in effetti qualcosa di inaccettabile lo fa venire fuori. Ad esempio, la solita riduzione dell’antifascismo, da parte …

Leggi tutto »

Energia o collasso: Grillo ha capito tutto

DI UGO BARDI Effetto risorse Nel 1972, lo studio noto in Italia come “I Limiti dello Sviluppo” aveva generato lo scenario detto “di base”, nel quale il collasso del sistema economico mondiale cominciava all’incirca dal 2020. Ci sono molti sintomi che indicano che questo scenario potrebbe corrispondere alla realtà, anche se non possiamo ancora esserne sicuri. Sembrerebbe, tuttavia, che l’Italia, paese economicamente più debole di altri, potrebbe aver anticipato il “picco” già alcuni anni fa. E non è colpa dell’Euro …

Leggi tutto »

Il Patto Cazzaroni

DI ALESSANDRA DANIELE carmillaonline.com Il Cazzaro ha passato la campagna referendaria a promettere che in caso di sconfitta si sarebbe ritirato dalla politica. Naturalmente non l’ha fatto. Indovinate perché. Vi do un aiutino. Perché è un cazzaro. È rimasto qualcuno che creda ancora alle parole di Matteo Renzi? A questo punto c’è persino da chiedersi se si chiami davvero Matteo Renzi. Invece di rendere conto della disfatta, mercoledì scorso ha liquidato la direzione del suo partito con un surreale comizietto …

Leggi tutto »

Trova le differenze

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it Confrontate queste due frasi. “Il rimpatrio non è un tabù. Chi ha diritto all’accoglienza deve essere accolto, ma l’Italia non è il paese dei balocchi… L’Europa non può permettersi di lasciare che un Paese faccia da sé… Occorre trovare una giusta via tra la paura da un lato e la superficialità e il cedimento strutturale al buonismo dall’altra. Chi ha diritto all’accoglienza deve essere accolto, ma l’Italia non è il paese dei balocchi… Guardo alla sinistra …

Leggi tutto »

Proposta indecente

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Caro Beppe, ho saputo, proprio dal tuo blog, che – mistero, non riesco a comprenderne il motivo – l’energia sarà il primo punto in discussione alle assemblee dei tuoi parlamentari: forse ho capito male, sarà il primo punto del programma, è confuso…ma voi, avete capito cosa dovete fare? I tuoi “onorevoli/disonorevolizzati” lo hanno compreso? Comunque sia, non fare come col non-programma, dove qualcuno – probabilmente a tua insaputa – copiò/incollò la legge regionale sull’energia e l’ambiente …

Leggi tutto »

Se ci provano con il “bis” provocano l’insurrezione

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it     Renzi ci è ricascato subito. La sberla presa il 4 dicembre da circa 20 milioni di italiani non sembra avergli insegnato nulla. Si è riproposto con la solita arroganza. Il che fa venire qualche dubbio anche sulla sua intelligenza. Alla Direzione del Pd ha parlato solo lui, sorvolando sul fatto che era stato proprio lui, o soprattutto lui, a portare quel partito alla debacle. Ma di questo potremmo anche infischiarcene perché i partiti sono delle …

Leggi tutto »