navigazione Categoria

Libertà Informazione

La Commissione sul hate speech rischia d’essere strumento di censura per il pensiero non conforme

DI DONATELLA SALINA laluce.news Qualche giorno fa è stata approvata dal Parlamento italiano una mozione, presentata dalla senatrice Liliana Segre sulla questione del cosiddetto “hate speech”, al fine di monitorare e limitare le manifestazioni d’odio in rete. La senatrice è vittima da diverso tempo di attacchi e offese dettati dall’odio xenofobo in quanto ebrea ed è in prima fila in questa battaglia. Il testo pubblicato da un sito ebraico italiano e’ questo. La mozione riconosce la…

‘Non riesco a pensare’: Assange cerca di non piangere e quasi non ricorda il suo nome durante l’udienza preliminare per l’estradizione negli USA

Chris Baynes independent.co.uk Era sembrato che Julian Assange stesse per piangere mentre diceva "non riesco a pensare correttamente," di fronte alla corte che dovrebbe decidere sulla sua estradizione negli Stati Uniti. Il fondatore di WikiLeaks aveva avuto anche difficoltà a parlare, aveva fatto lunghe pause e aveva balbettato, mentre confermava il suo nome e la data di nascita all'inizio dell’udienza preliminare per la gestione del processo, a Londra, lunedì scorso. Il…

Giornalisti comprati

Udo Ulfkotte off-guardian.org https://youtu.be/3ZLgW3hgRBY Sottotitoli e trascrizione a cura di Terje Maloy Nel 2014, il giornalista e scrittore tedesco Udo Ulfkotte aveva pubblicato un libro che aveva suscitato grande scalpore su come la professione del giornalista sia totalmente corrotta ed infiltrata dai servizi di intelligence. Anche se attesa con entusiasmo da molti, la traduzione inglese del suo libro, Bought Journalists, non sembra sarà disponibile a breve. …

Ecco i negazionisti del Polocausto

Gilad Atzmon gilad.online Ieri Haaretz ha pubblicato una noiosa, e pure scritta male, tirata di 5000 parole intitolata "Il falso campo di sterminio nazista: svelata la più vecchia bufala di Wikipedia." Sembra che alcuni Israeliani ed Ebrei siano rimasti molto turbati dal fatto che i Polacchi abbiano una narrativa tutta loro sulle camere a gas. “Per oltre 15 anni, sono state presentate come fatti compiuti false affermazioni, secondo cui migliaia di Polacchi sarebbero stati uccisi…

Alain Soral condannato a due anni di prigione per aver condiviso il video rap anti-Rothschild: “Gilets-Jaunes”

Guillame Durocher unz.com La scorsa settimana, l'intellettuale nazionalista e anti-sionista francese Alain Soral è stato condannato a due anni di prigione per aver condiviso un video rap intitolato "Gilets-Jaunes". Il videoclip (guardatelo mentre ancora potete farlo) è tipico dei giubbotti gialli nella loro denuncia dei media francesi, delle élite politico-finanziarie e nel loro appello per la democrazia diretta, in particolare per il già noto e proposto Référendum d'Initiative…

L’inquietante culto di Greta Thunberg

Rob Slane theblogmire.com Il Culto di Greta Thunberg è estremamente inquietante e tocca un nuovo livello di bassezza in quella che sembra essere l’agonia della civiltà occidentale. Anche se credessi veramente che il gas presente in natura, che ognuno di noi espira migliaia di volte al giorno e che le piante usano per la fotosintesi, finirà per essere la nostra morte, sarei comunque profondamente disturbato dall’uso che viene fatto di questa ragazzina (chiaramente mentalmente…

“Facebook è privata, censuri come vuole”

DI ALESSANDRO GILIOLI Piovono rame Va sfatato un mito, un pensiero erroneo ma estremamente diffuso: quello secondo il quale, trattandosi di società private, Facebook e gli altri colossi del web possono fare tutto quello che vogliono in modo assolutamente arbitrario e senza rispondere a nessuno se non a se stessi. Va sfatato intanto per un semplice principio di buon senso che si applica a qualsiasi altra attività privata, cioè il rispetto per alcune regole di utilità collettiva: anche il…

Il più importante prigioniero politico al mondo

DI CRAIG MURRAY craigmurray.org.uk Siamo a solo una settimana dalla fine della lunghissima detenzione di Julian Assange, reo di non essersi presentato in tribunale dopo esser stato rilasciato su cauzione. Dal resto di quella sentenza riceverà la libertà condizionale, ma continuerà a rimanere in custodia cautelare in attesa dell'udienza sull'estradizione verso gli Stati Uniti - un processo che potrebbe durare diversi anni. A quel punto, svaniranno tutte le giustificazioni per la…