Accordo sul grano: perchè la Russia ha detto no al rinnovo

Mosca non rinnova l’accordo sul grano. Segue l’interessante analisi di orazero.org.

Buona lettura.

L’Accordo sui cereali scadeva il 17 luglio e al momento non si sa se verrà prorogato. L’Occidente probabilmente accuserà ancora una volta la Russia di usare la fame come arma, anche se è l’Occidente a bloccare l’attuazione dell’accordo.

Ecco un riassunto dell’agenzia di stampa russa TASS di ieri:

Le promesse fatte alla Russia nell’ambito dell’iniziativa non sono state ancora mantenute
L’accordo sui cereali è in vigore da quasi un anno. Scade lunedì e la questione del suo ulteriore destino è più acuta che mai.
Gli accordi sulle esportazioni alimentari dall’Ucraina sono stati conclusi a Istanbul il 22 luglio 2022 per 120 giorni e poi prorogati tre volte. Uno degli accordi regola la procedura per l’esportazione del grano dai porti di Odessa, Chernomorsk e Yuzhny controllati da Kiev. L’altra parte riguarda l’accesso ai mercati mondiali dei prodotti agricoli e dei fertilizzanti russi; le sue disposizioni non sono state soddisfatte fino ad oggi. Il 18 maggio la Russia ha annunciato per l’ultima volta l’estensione dell’accordo di 60 giorni, cioè fino al 17 luglio, rilevando che questo è un tempo sufficiente per valutare chiaramente l’attuazione dei termini.

Mosca ha puntualmente sottolineato la natura del pacchetto degli accordi e i cinque compiti sistemici necessari per normalizzare le esportazioni russe:

1-ricollegare Rosselkhozbank al sistema SWIFT,

2-fornire pezzi di ricambio per macchine agricole,

3-rilanciare l’oleodotto dell’ammoniaca Togliatti-Odessa,

4-risolvere problemi con la logistica dei trasporti e assicurazioni,

5-oltre a liberare i saldi bancari.

A questo proposito, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che per tutti questi mesi nemmeno un punto della parte russa dell’accordo sul grano è stato rispettato, mentre l’esportazione di cibo ucraino è garantita. Inoltre, il grano dall’Ucraina non va nei paesi più poveri, ma principalmente in Occidente. “Non so quali siano gli argomenti di coloro che vogliono continuare questo accordo sul grano, perché è diventato da tempo commerciale in relazione al grano ucraino”, ha detto il ministro russo.

La situazione è stata seriamente complicata anche dal fatto che la parte ucraina ha fatto saltare in aria l’oleodotto dell’ammoniaca Togliatti-Odessa, che ha interrotto le discussioni sulla ripresa dei lavori. Il ministero degli Esteri russo ha sottolineato che la leadership delle Nazioni Unite tace su questa scomoda questione e che l’Occidente non allenterà le sanzioni anti-russe. Pertanto, secondo il ministero russo, non vi sono motivi per estendere l’accordo oltre il 17 luglio. Il ministero degli Esteri ha riferito due settimane fa che la Russia sta compiendo tutti gli sforzi necessari per garantire che le navi coinvolte nell’accordo sul grano possano completare con successo la loro missione e lasciare il Mar Nero prima della scadenza dell’accordo.

Dichiarazioni del Cremlino

Il 13 luglio il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che Mosca potrebbe sospendere la sua partecipazione all’accordo sul grano fino a quando tutti gli obblighi previsti dal meccanismo non saranno soddisfatti. “Potremmo sospendere la nostra partecipazione a questo accordo. E quando tutti ripetono che tutte le promesse fatte a noi saranno mantenute, allora dovrebbero mantenere anche queste promesse. E ricongiungeremo immediatamente questo accordo”, ha sottolineato.

Allo stesso tempo, il capo di Stato russo ha assicurato che Mosca è pronta a estendere l’accordo se le promesse fattegli saranno mantenute. “Lo prolungheremo. E proprio quando le promesse che ci sono state fatte saranno mantenute”, ha sottolineato Putin. Ha precisato che la Federazione Russa è pronta ad attendere “il tempo necessario” per l’adempimento degli impegni, dal momento che Mosca non è più soddisfatta della possibilità di “prorogare prima e mantenere poi le promesse”.

Putin ha anche affermato il 13 luglio che la Russia stava ancora valutando come affrontare la questione dell’estensione dell’accordo sul grano. Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo, ha precisato che Mosca continuerà a elaborare i suoi ulteriori passi prima della scadenza dell’accordo.

Il 15 luglio, in una conversazione telefonica con il presidente sudafricano Cyril Ramaposa, il leader russo ha ribadito i continui ostacoli alle esportazioni russe, che l’accordo sui cereali mira a rimuovere. A suo avviso, l’obiettivo principale dell’accordo, vale a dire la fornitura di grano ai paesi bisognosi, compresi i paesi del continente africano, non è stato raggiunto. Alla fine del 16 luglio non c’erano nuove notizie dal Cremlino al riguardo.

Le iniziative della Turchia

La Turchia ha ripetutamente affermato in passato che le opinioni di Ankara sull’adempimento dell’accordo sul grano sono completamente le stesse di quelle di Mosca. Inoltre, il governo turco ha escogitato idee su come iniziare a fornire prodotti agricoli russi.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha anche sottolineato che i paesi bisognosi, in particolare in Africa, non ricevono la quantità di cibo che avrebbero dovuto ricevere. Nel novembre 2022, il leader turco ha espresso il desiderio di ricevere grano dalla Russia e trasformarlo in farina da consegnare ai paesi africani poveri. Tuttavia, questa iniziativa non è stata ancora attuata.

La Turchia sta attivamente cercando di mantenere in vita l’affare del grano. Kiev, invece, è favorevole non solo all’estensione dell’accordo, ma anche alla sua espansione. Ad esempio, l’8 luglio, in una conferenza stampa dopo i colloqui con Erdogan a Istanbul, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha chiesto l’estensione dell’iniziativa, senza tener conto della posizione della Federazione Russa.

I dati del centro di coordinamento di Istanbul

Poco prima della scadenza dell’accordo sui cereali, il Joint Coordination Center (JCC) con sede a Istanbul, che comprende i rappresentanti di Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite, ha confermato le affermazioni di Mosca secondo cui l’accordo sui cereali non fornisce ai paesi bisognosi la quantità necessaria di cibo.

Secondo l’organismo di coordinamento congiunto di Istanbul, in base all’accordo sui cereali, i paesi a basso reddito ricevevano solo il 10% del mais e il 40% del grano, mentre la maggior parte del cibo andava ai paesi sviluppati. Il centro ha aggiunto che la quota di spedizioni di grano e mais dall’Ucraina ai paesi più poveri non è cambiata rispetto al 2017-2021, mentre è aumentata la quota di spedizioni ai paesi a medio e alto reddito.

L’organismo di coordinamento, nel frattempo, ha riconosciuto che le esportazioni di fertilizzanti ammoniacali russi non sono iniziate in base all’accordo sui cereali firmato un anno fa. L’11 luglio, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha inviato al presidente russo Vladimir Putin una lettera in cui proponeva come attuare la parte russa dell’accordo sul grano. Guterres ha rifiutato di rivelare i dettagli della lettera.>>

Se la Russia non accetterà l’imminente estensione, è probabile che l’Occidente la utilizzi nuovamente per una campagna mediatica che accusa la Russia di usare la fame globale come arma.

Sull’accordo del grano i media smisero rapidamente di parlarne, perché si è scoperto che il grano ucraino non andava affatto nei paesi più poveri del mondo, ma principalmente nell’UE. Il dato viene confermato anche dalle Nazioni Unite in questo link https://www.un.org/en/black-sea-grain-initiative/vessel-movements.

Inoltre i media occidentali non informano su un’altra questione, ovvero che non è stato rispettato l’accordo sulle esportazioni russe di cibo e di fertilizzanti, questo provoca carestia nei paesi più poveri del mondo.

Sempre nel 2022 la Russia regalò fertilizzanti ai paesi africani, ma la UE bloccò tali navi russe e non ha ancora rilasciato i fertilizzanti https://www.anti-spiegel.ru/2023/lettland-blockiert-transport-von-duengemittel-in-die-dritte-welt/?doing_wp_cron=1689676010.4383978843688964843750.

All’inizio di giugno 2023, l’Ucraina ha fatto saltare in aria l’oleodotto che trasporta l’ammoniaca che va dalla città russa di Togliatti a Odessa via Kharkov. Circa 2,5 milioni di tonnellate di ammoniaca venivano pompate ogni anno attraverso l’oleodotto fino al porto di Odessa, da dove veniva esportata via nave in tutto il mondo.

Una delle condizioni dell’accordo sui cereali era che l’oleodotto fosse rimesso in funzione in modo che i fertilizzanti russi potessero essere esportati. Con l’esplosione, Kiev crede di aver liquidato il punto 3 delle richieste.

L’UE continua a escludere Rosselkhosbank (la banca agricola russa) dal sistema di pagamento internazionale SWIFT, il che ha reso difficile per altri stati acquistare grano e altri prodotti alimentari in Russia. Secondo l’accordo sui cereali, l’UE doveva revocare questa sanzione, ma l’UE non ci pensa nemmeno e il 23 giugno 2023 ha fatto sapere che non sta valutando la possibilità di ricollegare Rosselkhozbank a SWIFT, e attende il completamento dell’accordo sul grano senza ulteriori condizioni. Lo ha riferito TASS https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/18100675.

L’accordo sul grano negoziato nell’estate del 2022 non è stato mai rispettato dalla UE in nessuno dei punti stabiliti nell’accordo. Credo sia difficile per la Russia estendere ulteriormente l’accordo, come già annunciato il 4 luglio 2023 dal ministero degli Esteri russo https://www.mid.ru/ru/foreign_policy/news/1895306/: “In queste condizioni, è ovvio che non ci sono motivi per un’ulteriore prosecuzione della “Iniziativa del Mar Nero”.

Non ci vuole molta fantasia per immaginare come reagiranno i media occidentali se la Russia non accetterà un’ulteriore estensione dell’accordo sul grano.

Fonte: https://www.orazero.org/laccordo-sul-grano-scaduto-il-17-luglio/

Titolo originale: L’accordo sul grano scaduto il 17 luglio

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix