Le alluvioni sono provocate dalla politica Green dell’UE!

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Movisol.org

Pubblichiamo stralci di un articolo del collega tedesco Alexander Hartmann sulle gravi alluvioni che costarono la vita a quasi 200 persone nell’Eifel e nella Renania nel 2021, provocate, come quelle in Emilia Romagna, non dal CO2 o dai presunti „cambiamenti climatici“ ma dalla folle politica del Green Deal dell’UE che punta alla „rinaturalizzazione dei fiumi“ smantellando tutte le protezioni dalle alluvioni e impedendo i necessari lavori per assicurare gli argini.

Dopo le catastrofiche piogge che sono costate la vita a quasi 200 persone nell’Eifel e nella Renania e che hanno provocato alluvioni improvvise in molte piccole città tedesche, si sono immediatamente levate voci di tutti i tipi, come era prevedibile, che hanno attribuito la responsabilità della catastrofe ai “cambiamenti climatici causati dall’uomo” e che hanno chiesto misure ancora più energiche di quelle precedenti per ridurre le emissioni di CO2.
Il fatto è che alluvioni, siccità e altri eventi meteorologici estremi si sono sempre verificati nei secoli scorsi e, cambiamento climatico o no, continueranno a verificarsi in futuro. La peggiore alluvione mai verificatasi in Europa centrale, la cosiddetta alluvione della Maddalena del luglio 1342, si verificò molto prima dell’aumento dei livelli di CO2 nell’atmosfera. A quell’epoca, l’acqua si fermò nelle cattedrali di Würzburg e Magonza, sul Reno, sul Meno, sul Weser e sull’Elba, le città furono travolte dalle inondazioni e persero la vita migliaia di persone.

Il danno provocato dalle campagne ambientaliste

Mentre in Germania i media e i politici sembrano essere concordi nell’attribuire la colpa delle quasi 200 vittime della recente alluvione in Germania e in Belgio al “cambiamento climatico”, uno degli aspetti più importanti del disastro sul quale si dovrebbe indagare è il ruolo dei gruppi “ambientalisti” che hanno impedito, ritardato o addirittura eliminato le necessarie misure di protezione dalle alluvioni.
Questo ha scatenato un dibattito in Austria dopo che il ministro dell’Agricoltura Elisabeth Köstinger (ÖVP) ha dichiarato in una dichiarazione citata da Die Presse il 18 luglio 2021 dopo le alluvioni a Hallein:

“Non ho la minima comprensione per il fatto che le procedure di approvazione vengano ritardate per anni dalle ONG, impedendo così un’efficace protezione delle persone e delle proprietà… Investire in misure di protezione per le persone e le proprietà è una priorità assoluta. La popolazione locale non ha la minima comprensione per le obiezioni delle ONG che causano anni di ritardi nei progetti di conservazione”.
In realtà, gli “ambientalisti” sono impegnati da anni a smantellare le misure di protezione dalle alluvioni, e ne vanno fieri. Ad esempio, alla fine del 2019, l’Agenzia federale per l’ambiente ha prodotto e diffuso un breve filmato promozionale sulla rinaturalizzazione del fiume Ahr, lodando il fatto che 62 km del fiume erano stati “rinaturalizzati e resi percorribili per i pesci”. A questo scopo, dall’inizio degli anni ’90 sono stati rimossi quasi un centinaio di ostacoli per i pesci… Da allora, l’Ahr ha potuto svilupparsi liberamente e formare strutture naturali”. Per il Worldwide Fund for Nature (WWF) del Principe Filippo, il ripristino dell’Ahr sembra essere solo l’inizio. In un documento pubblicato nell’aprile 2021 (New WWF analysis shows huge potential for river restoration through barrier removal in Europe) , il WWF chiede un intero programma di rimozione delle barriere lungo i fiumi europei:
“Il rapporto analizza un campione di 30.000 barriere, come dighe e sbarramenti, su fiumi di grandi e medie dimensioni in Europa e valuta il loro potenziale di riconnessione, suddiviso per l’Europa, l’UE-27 e per Paese. Del campione studiato, che rappresenta meno del 3% del milione di dighe stimate in Europa, 732 dighe nell’UE sono state identificate come ad alto potenziale di riconnessione, il che consentirebbe la riconnessione di circa 11.500 km di fiumi di grandi e medie dimensioni. Altre 6628 sono state identificate come aventi un buon potenziale di riconnessione, per un totale di quasi 50.000 km di fiumi con un alto e buon potenziale di tornare a scorrere liberamente nel solo campione studiato”. (enfasi nell’originale).
I fiumi europei, lamenta il WWF, “sono i più frammentati al mondo. Le barriere nei fiumi – come le dighe idroelettriche – sono una delle ragioni principali per cui i fiumi non raggiungono un buono stato ecologico ai sensi della Direttiva quadro sulle acque dell’UE e sono una delle cause principali del declino del 93% delle popolazioni europee di pesci migratori d’acqua dolce negli ultimi decenni”.
Quindi, in base a ciò, quasi un quarto delle dighe nei fiumi europei deve essere rimosso per rendere omaggio alla Madre Terra. La civiltà deve scomparire dalle valli fluviali in cui ha avuto origine per fare spazio ai pesci.

Il pacchetto clima dell’UE

Una delle forze trainanti di questa politica è la Commissione europea guidata dalla Presidente Ursula von der Leyen. Di recente ha presentato un nuovo piano di protezione del clima, il cosiddetto “pacchetto clima”. In sostanza, l’idea è che lo scambio di emissioni di CO₂ debba essere applicato non solo alle emissioni delle aziende, ma anche ai trasporti, ad esempio ai voli, agli edifici, ecc.
Helga Zepp-LaRouche, presidente dello Schiller Institut, ha commentato questo pacchetto il 15 luglio. Ha detto che le proposte sono “una più folle e inattuabile dell’altra… Se si guarda bene, porterà a una burocrazia sovrabbondante, a regole assurde… sarà un incubo completo. Ma il punto fondamentale è che renderà tutto molto più costoso! Renderà più costosa la produzione. Rovinerà le industrie ad alta intensità energetica. Renderà proibitivo vivere in una casa. È una proposta completamente folle”.

Ad esempio, la Commissione europea vuole fermare la vendita e la produzione di motori a combustione entro il 2035, per poi immatricolare solo veicoli nuovi “privi di CO2”. “Non funzionerà”, ha sottolineato Helga Zepp-LaRouche, “perché per costruire questo tipo di fonti energetiche alternative sotto forma di pannelli solari e parchi eolici, occorrerebbe un’area aggiuntiva per l’Europa, calcolata in modo molto approssimativo, grande almeno quanto il territorio del Portogallo. Dove si vuole ritagliare tutto questo? Dalle città? Dall’agricoltura? Dalle foreste? Da dove si vuole prendere questo spazio? Ci sono proposte folli per costruire parchi eolici e solari in Africa e trasportare l’elettricità fino in Europa”.

Questo “pacchetto clima” dell’UE, ha dichiarato, può essere stato pensato solo da persone “che non hanno alcun interesse per le persone, che non si preoccupano dello sviluppo del settore dello sviluppo, ma che vogliono continuare il sistema colonialista”.
In particolare, ha criticato Mark Carney, inviato delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico ed ex capo della Banca d’Inghilterra, per aver proposto di acquistare diritti di emissione di carbonio dai Paesi del Terzo Mondo, a condizione che questi accettino di rinunciare allo sviluppo economico e all’espansione agricola. In realtà, un accordo di questo tipo esiste già tra la Norvegia e il Gabon, che si è impegnato a rinunciare all’ulteriore sviluppo economico delle sue foreste pluviali, che coprono il 90% della superficie del Paese. Non possono sviluppare le proprie risorse e devono persino riforestare i terreni agricoli; in cambio ricevono una misera somma di 150 milioni di euro in dieci anni! Helga Zepp-LaRouche: “Trovo tutto ciò assolutamente disgustoso e spero che invece prevalga la giustificata volontà della maggioranza dei popoli del mondo di chiedere il proprio diritto allo sviluppo”.

Di Movisol.org

25.05.2023

Movisol, “Movimento Internazionale per i Diritti Civili – Solidarietà”, è stato fondato a Milano nel 1993.

Fonte: https://movisol.org/le-alluvioni-sono-provocate-dalla-politica-green-dellue/

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
27 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
27
0
È il momento di condividere le tue opinionix