Il viaggio di Pelosi a Taiwan è un errore gigantesco

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

 

Daniel Davis – 19fortyfive.com – 3 agosto 2022

 

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi è atterrata a Taipei mercoledì per un incontro con la presidentessa taiwanese Tsai Ing-wen. Il viaggio ha già attirato un livello insolitamente alto di irritazione e minacce da parte di Pechino. I mezzi militari statunitensi continuano a dirigersi verso lo Stretto di Taiwan e, secondo quanto riportato dai media cinesi questa mattina, sembra che i mezzi militari cinesi si stiano mobilitando nella provincia del Fujian, proprio di fronte a Taiwan.

Se la situazione esploderà o meno in una vera e propria crisi è ancora da stabilire, ma gli Stati Uniti hanno corso un rischio significativo nel portare avanti questo incontro. Potrebbero aver scatenato una crisi che si poteva evitare.

 

Quali sono gli interessi in gioco?

Un principio fondamentale della politica estera degli Stati Uniti dovrebbe essere che qualsiasi azione, decisione o impegno abbia al centro gli interessi degli Stati Uniti. La salvaguardia della nostra sicurezza nazionale è la priorità assoluta, e una seconda priorità molto vicina è garantire la nostra capacità di prosperare economicamente. Questo viaggio del presidente della Camera non solo non porta avanti nessuno dei due obiettivi, ma si avvicina pericolosamente a metterli entrambi a rischio.

Abbiamo già un accordo di sicurezza con Taiwan in base al quale gli Stati Uniti aiutano Taipei a difendersi, fornendo armi ad alta tecnologia, addestramento militare e accesso ad altre capacità di difesa. Da anni forniamo a Taipei attrezzature militari all’avanguardia – jet da combattimento, missili e carri armati – ma non esiste un accordo come l’articolo 5 della NATO che imponga agli Stati Uniti di difendere fisicamente Taiwan, e c’è una buona ragione per questo.

La Cina e Taiwan sono in conflitto da quando la guerra civile cinese si è conclusa nel 1949. I nazionalisti di Chiang Kai-shek, sconfitti dai comunisti di Mao Zedong, fuggirono quasi completamente in quella che allora era conosciuta come Formosa. Fin dall’inizio, la Cina ha dichiarato che avrebbe usato la forza per riunire l’isola alla terraferma. Ci sono stati periodi di forte crisi, alcuni episodi di bombardamento e altri di distensione. Ma anche durante le pause di tensione, Pechino è stata costante nell’affermare che avrebbe usato la forza se l’isola avesse dichiarato l’indipendenza, reale o di fatto.

Dato che la questione è esistenziale per la Cina, e ne siamo a conoscenza da decenni, sarebbe sciocco inserire le forze statunitensi in una disputa bilaterale tra le due nazioni (e sì, nonostante ciò che Pechino vorrebbe credere, Taiwan è in pratica una nazione indipendente). Inoltre, la Cina ha lavorato febbrilmente per quasi 30 anni per modernizzare e potenziare le proprie forze armate, strutturandole espressamente in funzione di tre missioni: mantenere la stabilità interna, riconquistare con successo Taiwan e respingere un previsto intervento americano.

 

La Cina è un avversario formidabile

La Cina è oggi una nazione con una marina, un’aviazione e una forza di terra moderne. Forse non è un concorrente alla pari degli Stati Uniti in termini di capacità globale, ma nel Mar Cinese Meridionale e nello Stretto di Taiwan ha vantaggi significativi rispetto alle nostre flotte aeree e marittime del Pacifico. Come ho scritto in passato, sarebbe sciocco per gli Stati Uniti combattere una guerra con la Cina per Taiwan. Avremmo troppi svantaggi e la Cina sarebbe in una posizione militare superiore.

È anche importante sottolineare che la disputa tra Cina e Taiwan non comporta alcun rischio per la nostra sicurezza nazionale. Che finiscano o meno per scontrarsi, la nostra sicurezza è pienamente garantita. Le nostre forze convenzionali e nucleari assicurano che la Cina quasi certamente non attaccherebbe le nostre forze in modo non provocato – sanno che reagiremmo con forza. Tuttavia, è del tutto possibile che Pechino combatta le forze statunitensi se ci muoviamo per difendere militarmente Taiwan. In tal caso, Pechino potrebbe infliggere un duro colpo alle nostre flotte aeree e marittime nel Pacifico. Noi manterremmo il vantaggio globale, ma il costo per i nostri uomini e donne in uniforme, per le nostre navi e per i nostri aerei sarebbe catastrofico – e del tutto inutile.

 

Daniel L. Davis, attualmente redattore di 1945, è Senior Fellow di Defense Priorities ed ex tenente colonnello dell’esercito americano che ha partecipato a quattro missioni di combattimento. È autore di “L’undicesima ora nell’America del 2020”.

 

Link: https://www.19fortyfive.com/2022/08/pelosi-taiwan-trip-is-a-terrible-unneeded-risk/

 

Scelto e tradotto (IMC) da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
13 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
13
0
È il momento di condividere le tue opinionix