Cosa vogliono i giovani occidentali?

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Redazione di Katehon

Il sentimento giovanile spesso funge da catalizzatore per il cambiamento politico in un Paese, ad esempio durante la guerra del Vietnam il movimento contro la guerra ha avuto un impatto reale sulla politica estera degli Stati Uniti e la “rivoluzione culturale” del 1968 in Francia ha portato a un cambiamento nella leadership politica. Misurando il sentimento giovanile, i sociologi dei Paesi occidentali cercano quindi di identificare i possibili rischi e di capire le intenzioni dei giovani per inserirli nell’agenda politica.

Questo articolo esamina un sondaggio del Pew Research Center negli Stati Uniti, “Come vogliono i giovani che il loro Paese interagisca con il mondo?”. Il Pew Research Center si è avvalso della collaborazione di Ipsos Mori, con sede nel Regno Unito, per condurre una serie di focus group che esplorassero l’atteggiamento dei giovani nei confronti dell’impegno internazionale e del ruolo storico del loro Paese nel mondo. I ricercatori hanno condotto 16 focus group dall’8 novembre al 7 dicembre 2022 nelle capitali di Francia (Parigi), Germania (Berlino), Regno Unito (Londra) e Stati Uniti (Arlington, Virginia), con quattro gruppi per Paese. I partecipanti sono stati reclutati utilizzando un questionario di screening sviluppato dal Pew Research Centre. Tutti i partecipanti hanno ricevuto una ricompensa economica per il loro tempo. Ogni focus group è stato raggruppato in base alle ideologie e alle opinioni dei partecipanti sul coinvolgimento dei loro Paesi nella politica internazionale. I gruppi sono stati divisi in “sinistra” e “destra”, in modo simile al modello dello spettro politico che racchiude le ideologie politiche della modernità e le sue diverse varianti.

Il primo gruppo (globalisti di sinistra) rappresentava i partecipanti che sottolineavano l’obbligo morale di impegnarsi nella politica internazionale. I partecipanti avevano un certo grado di dubbio sugli obiettivi internazionali del loro governo e sulla sua conformità a determinati principi morali.

Anche il secondo gruppo (sinistra orientata all’interno) sente l’obbligo morale di fornire assistenza all’estero. Ma lo scetticismo nei confronti del proprio governo e la convinzione diffusa che il proprio Paese necessiti di un cambiamento radicale li ha portati a dare la priorità al “fare ordine in casa propria”.

Un terzo gruppo (persone di destra interessate allo sviluppo interno) vede il proprio Paese in crisi economica. I partecipanti ritengono che le risorse del loro Paese siano limitate e che sia più importante concentrarsi sui problemi interni piuttosto che inviare risorse all’estero. Ritengono che il loro Paese debba sforzarsi di raggiungere l’autosufficienza.

Il quarto gruppo (globalisti di destra) vede il proprio Paese come interconnesso con gli altri. Per loro la cooperazione internazionale è nell’interesse economico e della sicurezza del Paese.

I focus group sono stati condotti nel novembre e dicembre 2022 in un contesto di rapido aumento dei prezzi dell’energia e di raffreddamento delle temperature. L’indagine stessa è stata progettata in un contesto di cambiamenti geopolitici e, in particolare, della fase attiva della crisi ucraina successiva all’inizio della VIA, che ha ampiamente plasmato la percezione del ruolo del proprio Stato nell’arena internazionale. Il Pew Centre ha prestato particolare attenzione alla percezione del conflitto ucraino, utilizzando il costrutto lessicale di “invasione russa” per formulare il tema della domanda. Lo studio ha mostrato una “posizione tipica”, che è una semplificazione dei focus group e riflette temi transnazionali.

 Problemi esterni e interni

Il centro di ricerca si è concentrato sul rapporto tra gli interessi interni ed esterni dello Stato. La posizione di molti intervistati deriva in gran parte dalla presenza di problemi interni e dall’interpretazione della storia, che influenza soprattutto la percezione del ruolo del proprio Stato sulla scena mondiale. Va notato che questi gruppi “archetipici” hanno espresso un certo grado di malcontento politico e la maggior parte delle persone intervistate si è concentrata su sentimenti negativi come “disagio”, “insicurezza” o “disordine”.

Secondo l’indagine 2020 su 14 Paesi, il coinvolgimento del governo negli affari internazionali è per lo più incoraggiato dai giovani, ma negli Stati Uniti, caratterizzati da crescenti tensioni interne, come la disuguaglianza di reddito o l’impatto del secolarismo radicale sulla società statunitense, i giovani sono più propensi dei più anziani a dire che ci si dovrebbe concentrare meno sui problemi all’estero e più sulla risoluzione dei problemi in patria. I giovani intervistati ritengono che una minore spesa all’estero potrebbe significare maggiori finanziamenti per la sanità o l’istruzione. Alcuni si sono sentiti “ignorati” dal fatto che il loro governo si concentri sugli ucraini a scapito dei loro cittadini e dei loro interessi. Altri intervistati temevano che se gli Stati non avessero agito insieme negli affari interni, le loro azioni all’esterno sarebbero state viste come ipocrite o moraleggianti.

I gruppi di sinistra orientati verso l’interno spesso sottolineano l’importanza della determinazione interna dello Stato a causa degli scarsi risultati ottenuti in passato nell’impegno internazionale, ma con scarso successo. Una parte degli intervistati è apparsa insoddisfatta dell’eccessiva attenzione alla questione ucraina, nonostante l’esistenza di altri “problemi” che ora sono stati messi in ombra da un Occidente razionale ed estremamente preoccupato per la sconfitta della Russia in guerra.

Tuttavia, non tutti i partecipanti che affermano che è più importante concentrarsi sugli affari interni ritengono che ciò debba avvenire esclusivamente a scapito di un minore coinvolgimento internazionale, pur sottolineando di non essere “isolazionisti assoluti”. Per molti si tratta di una questione di priorità e dell’impatto che la situazione internazionale ha sul proprio Stato. Gli intervistati che danno priorità alla politica interna sottolineano ancora spesso l’importanza di lavorare attraverso le organizzazioni internazionali – in particolare attraverso l’Unione Europea nel caso di Francia e Germania, ma anche attraverso la NATO nel caso di Stati Uniti e Regno Unito. Gli impegni unilaterali all’interno di queste organizzazioni, imposti ad alcuni dei Paesi europei che ne fanno parte, non confondono alcune opinioni pubbliche francesi e tedesche, che li danno per scontati, anche a fronte di un notevole indebolimento interno. Le opinioni pubbliche britanniche e americane, abituate a essere consapevoli della loro leadership nella NATO, vedono in questo un vantaggio negli affari internazionali.

Alcuni gruppi di destra, orientati agli interessi nazionali, vedono l’importanza di raggiungere l’autosufficienza. In Germania, le preoccupazioni per la “vulnerabilità” del Paese a causa della sua dipendenza dal petrolio russo hanno portato a chiedere al gruppo di destra orientato agli interessi nazionali di “fare da soli, produrre da soli”. I britannici sono giunti alla stessa conclusione: “Se [il governo britannico] reinvestisse tutti i soldi spesi per l’Ucraina nella produzione di energia nel Regno Unito… potremmo ridurre il rischio per la Russia nel suo complesso”. Negli Stati Uniti, la destra moderata ha sottolineato l’importanza delle trivellazioni e della produzione interna di energia, mentre la destra francese ha osservato che, in materia di energia, è importante che “la Francia diventi sovrana su questo tema”.

I partecipanti di orientamento internazionale hanno osservato che l’Europa “ha subito le conseguenze delle scelte di altre potenze, come gli Stati Uniti”. Pertanto, una parte dell’opinione pubblica europea ha bisogno di uno sviluppo sovrano, ma le modalità per ottenerlo rimangono incoerenti e poco chiare.

I partecipanti che hanno un orientamento prevalentemente internazionale tendono anche a sottolineare i benefici interni tangibili derivanti da tale impegno. Alcuni intervistati, che ragionano in termini neoliberali, sottolineano l’importanza del loro Paese per competere nel “mercato dell’immagine”. Altri vedono benefici per la sicurezza grazie alla cooperazione, alla condivisione di informazioni e alla collaborazione con gli alleati. Gli intervistati statunitensi hanno anche sostenuto che la potenza materiale americana è una ragione sufficiente per intervenire per imporre i propri valori agli altri, riconosciuti come i più “vincenti” al mondo, sebbene tali giudizi siano fortemente limitati dalla visione del mondo liberal-capitalista dominante che nega qualsiasi alternativa.

Le priorità dei Paesi secondo i giovani

Il rapporto rileva che “il cambiamento climatico è una priorità internazionale assoluta per tutti i giovani. Sottolineando il clima come “valore” chiave europeo, il Pew Centre si è impegnato in un’intensa ricerca sociologica in questo settore, sostituendo così l’interesse nazionale dei Paesi europei con una tendenza “globale”. Per la destra, concentrata sugli interessi interni dello Stato, il raggiungimento della piena indipendenza nella produzione di energia è l’obiettivo, e qualsiasi cooperazione internazionale è un mezzo per raggiungere il fine. Allo stesso tempo, la sinistra americana esorta gli Stati Uniti a fare di più e la maggior parte degli americani ha anche insistito nel chiedere conto ad altri Paesi ad alto tasso di emissioni, come Cina e India. D’altra parte, dal punto di vista ideologico, la sinistra ha sottolineato l’importanza della diversificazione delle fonti energetiche e della transizione verso l’”energia verde”. La responsabilità della crisi energetica attribuita alla Russia da molti dei gruppi intervistati dimostra la misura in cui i Paesi europei dipendono dalle risorse energetiche russe. Tuttavia, il rifiuto dei governi europei di seguire i propri interessi strategici immediati si riflette ampiamente nella percezione che i cittadini hanno dei partenariati energetici a livello internazionale.

Molti vogliono anche che il loro Paese sia leader nella diplomazia e nella mediazione. Questa tendenza è particolarmente evidente in Francia e Germania, dove i cittadini sottolineano il ruolo dei loro Paesi nella capacità di risolvere diplomaticamente le controversie internazionali, suggerendo l’importanza dell’effetto mediatico della presenza dei leader francesi e tedeschi al tavolo delle trattative, il cui esito è già un ripensamento.

Nei focus group americani ed europei è emerso quanto segue: gli americani di sinistra coinvolti nelle relazioni internazionali erano particolarmente propensi a impegnarsi diplomaticamente e a ridurre le spese militari cooperando con le organizzazioni internazionali per prevenire i conflitti. Tuttavia, alcuni esponenti della destra americana ritenevano che la diplomazia stessa fosse meglio raggiungibile se sostenuta dalla forza militare. Le destre orientate alla globalità ritenevano che, a causa del potere relativo del loro Paese, fosse necessario considerare il loro Stato come un legittimo arbitro dei conflitti.

Cosa vogliono i giovani occidentali?

Il ruolo delle organizzazioni internazionali

Il ruolo crescente delle organizzazioni internazionali contemporanee e delle piattaforme di interazione tra gli attori delle relazioni internazionali si riflette anche nella percezione che i giovani hanno di queste istituzioni. I dati di indagini passate mostrano che i giovani sono più disposti a interagire con il sistema internazionale rispetto ai più anziani. Ad esempio, da tempo tendono a considerare più positivamente sia l’UE che le Nazioni Unite. Sebbene molti giovani nei focus group vedano il valore delle organizzazioni internazionali, alcuni sono scettici sul fatto che i benefici di organizzazioni come la NATO, l’UE e, in misura minore, le Nazioni Unite, non valgano i costi. Le persone di destra e di sinistra che si concentrano sulle attività internazionali vedono l’adesione alla maggior parte delle organizzazioni come un fattore critico per migliorare la posizione del proprio Paese sulla scena mondiale, mentre coloro che si concentrano sulle questioni interne tendono a preoccuparsi maggiormente dell’indebolimento del proprio Stato dovuto alla partecipazione alle organizzazioni internazionali.

I sostenitori di sinistra della globalizzazione sono convinti che i loro Paesi possano esistere con successo solo in organizzazioni “sovranazionali” come l’Unione Europea. Nel Regno Unito, ad esempio, questo gruppo sente come una grave perdita la mancata adesione all’UE.

I giovani vedono anche le organizzazioni internazionali come un mezzo per riunire i Paesi per risolvere i problemi di sicurezza e per cooperare nella risoluzione di problemi comuni. Ad esempio, la capacità della NATO di fornire sicurezza agli Stati membri è considerata il suo principale vantaggio ed è molto apprezzata, in particolare dagli intervistati di destra, orientati verso i crescenti processi di globalizzazione. Nonostante alcuni dei vantaggi della partecipazione alle organizzazioni internazionali, i giovani orientati alle questioni interne sono più critici nei confronti dell’UE. Secondo gli intervistati, sotto la pressione dell’UE devono essere attuate decisioni contrarie agli interessi nazionali.

Molti globalisti di sinistra sono scettici nei confronti dell’ONU e suggeriscono, ad esempio, che un organo chiave come il Consiglio di Sicurezza dovrebbe essere riformato a causa della possibilità di un veto sulle risoluzioni da parte della Russia. Altri sono preoccupati che non tutti gli Stati membri seguano le tendenze occidentali (la questione del cambiamento climatico e dei “diritti umani”). Ciononostante, molti partecipanti a questo gruppo puntano ad agire all’interno dell’ONU piuttosto che da soli.

Questi punti di vista sulle priorità internazionali degli Stati e sulla loro partecipazione a gruppi sovranazionali corrispondono a diversi approcci alle relazioni internazionali: liberalismo e realismo.

Visioni attuali sull’impegno globale

In questi focus group, le opinioni differiscono su ciò che è orgoglioso e ciò che è vergognoso della storia dei loro Paesi. Ma i gruppi hanno una cosa in comune: il modo in cui le persone comprendono il ruolo passato del loro Paese nel mondo influenza in larga misura ciò che pensano che il loro Paese debba fare – o non fare – quando si tratta della sua attuale politica estera.

I partecipanti di sinistra interessati alla pace globale vedono la necessità di lavorare attivamente all’estero a causa dei debiti storici. Sebbene la sinistra orientata verso l’interno senta spesso un obbligo morale simile, sottolinea che sta aiutando i gruppi sociali del proprio Paese che sono stati colpiti dal comportamento del proprio governo in passato. Queste persone di sinistra credono anche che il comportamento passato del loro Stato significhi che non dovrebbero essere leader a livello internazionale, perché sarebbe ipocrita.

Questa visione del ruolo del proprio Stato nelle relazioni internazionali è una conseguenza di una cultura globale basata sul totale rifiuto dell’identità nazionale.

I partecipanti di destra e interessati alla globalizzazione spesso sottolineano il ruolo negativo che il loro Paese ha svolto nella storia, ma vogliono anche enfatizzare gli aspetti positivi: lo sviluppo della scienza e della tecnologia, la diffusione della democrazia e altro ancora. Queste persone tendono a vedere il ruolo globale del loro Paese come un motivo di orgoglio. Anche le persone di destra orientate verso l’interno vogliono prestare meno attenzione agli aspetti negativi della loro storia e vedono i vantaggi nell’andare avanti, nell’essere orgogliosi e nel mostrare forza. I gruppi di destra sono caratterizzati dall’orgoglio per i risultati ottenuti, presentati come universali, e la mancanza di una riflessione critica sulle loro azioni in una prospettiva storica rende impossibile la comprensione di altri attori nelle relazioni internazionali.

Un cambiamento necessario nella politica estera

I giovani vedono il cambiamento climatico come un problema globale che richiede soluzioni globali e solidarietà globale, e in particolare vogliono che i loro governi costringano gli altri Paesi ad adeguarsi. Chiedono inoltre una maggiore responsabilità da parte dei leader mondiali, che a volte ritengono più interessati a mantenere una percezione positiva delle loro azioni che a trovare soluzioni effettive. I giovani hanno sottolineato in particolare la capacità di agire con fermezza e decisione quando si tratta di diritti umani nel mondo. Questo aspetto ha interessato in particolare gli americani impegnati in attività internazionali, che considerano la tutela dei diritti umani nel mondo una responsabilità dell’America. Inoltre, sia a destra che a sinistra si è parlato della necessità di “sangue nuovo” nella leadership. I partecipanti erano preoccupati che l’assenza di giovani nel governo significasse che le loro preoccupazioni non venivano affrontate adeguatamente.

Sulla base di queste affermazioni, si può individuare una nuova fase nella formazione di una società globale, tra i cui sostenitori si moltiplicano le richieste di soluzioni a quei problemi che poi diventano strumenti di speculazione politica. Basti ricordare come un tempo i “diritti umani” fossero un pretesto per intervenire in molti Stati che non condividevano le posizioni dell’Occidente su determinate questioni. La natura globale del problema non significa che una sola soluzione sia adatta a tutti gli Stati: molti Paesi in via di sviluppo non sono in grado di creare un’infrastruttura verde che soddisfi i requisiti europei, e la transizione verso l’energia verde comporta costi enormi per i Paesi europei, che potrebbero portare, tra l’altro, a una perdita di sovranità economica. Il mantenimento di una narrazione dei “problemi globali” nello spazio informativo comporta una perdita di soggettività per molti attori internazionali e crea nuovi pretesti per gli interventi.

Di Redazione di Katehon

Katehon è un’organizzazione russa indipendente composta da personalità provenienti da un’ampia varietà di campi e discipline specializzate nell’analisi geopolitica, geostrategica e politica degli eventi mondiali. Il gruppo è composto da pensatori politici, ricercatori di relazioni internazionali (IR), esperti di sicurezza e antiterrorismo e giornalisti che si occupano di affari internazionali, geopolitica, etno-politica e dialogo interreligioso.

Fonte: https://katehon.com/ru/article/chego-hochet-zapadnaya-molodezh

27.03.2023

Traduzione a cura della Redazione di ideeazione.com

Traduzione: https://www.ideeazione.com/cosa-vogliono-i-giovani-occidentali/

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
34 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
34
0
È il momento di condividere le tue opinionix