Abbiate paura di tutto, così non uscirete di casa

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Apriamo la settimana con una notizia che arriva dalla Gran Bretagna.

Come riporta Il Messaggero in un articolo pubblicato venerdì, un uomo è deceduto la settimana scorsa dopo aver contratto la Febbre di Lassa, una malattia infettiva appartenente al gruppo delle febbri emorragiche virali (Fev), nella maggioranza dei casi causate da virus a RNA.

A darne notizia per prima l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (Ukhsa), che ha confermato la prima vittima nel Bedfordshire, aggiungendo che anche oltre alla persona scomparsa anche 2 familiari erano stati contagiati. Successivamente la notizia è girata su tutti i notiziari.

Secondo le stime del Regno Unito prima di questi 3 casi – come riporta Il Messaggero – “ce ne erano stati in tutto otto nel Paese dal 1980, sempre in arrivo dall’estero, con gli ultimi due nel 2009”.

Come dichiarato dall’Ukhsa: «Stiamo contattando le persone che hanno avuto contatti stretti con i casi prima della conferma della loro infezione, per fornire valutazioni, supporto e consigli appropriati»…sottolineando quindi come i protocolli applicati negli ultimi due anni possono oramai essere utilizzati costantemente.

Di fatto, al di là della morte di un uomo, la notizia non c’è. Certo parliamo dei primi casi dal 2009, e per la prima volta c’è stata una vittima in Europa, ma stiamo parlando sempre e solo di una sola vittima. Quello che è incredibile è come la notizia della morte di un uomo “per colpa di un (quasi) nuovo virus” sia diventata virale su tutti i media mainstream. Ed allora ecco il punto di tutto: anche in questo caso non è la malattia in sé che conta quanto piuttosto infondere paura e garantire il controllo dei corpi e delle menti.

Massimo A. Cascone, 14.02.2022

Fonte: https://www.ilmessaggero.it/salute/storie/febbre_lassa_morto_ebola_gran_bretagna_cosa_e_ultime_notizie-6497973.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x