Home / Archivi etichette: Movimento 5 stelle

Archivi etichette: Movimento 5 stelle

Le ONG nel business del microcredito ai migranti

  DI COMIDAD Dopo le dichiarazioni del vicepresidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, sulle responsabilità delle Organizzazioni Non Governative nel traffico di migranti, sono immediatamente cominciate sui media le esegesi alternative sul documento dell’agenzia europea Frontex che aveva dato origine a quelle stesse dichiarazioni. La parola d’ordine è “minimizzare”, ricondurre il rapporto Frontex al rango di lamentela per le inevitabili agevolazioni per il traffico di migranti che l’attività “umanitaria” delle ONG involontariamente determinerebbe. In …

Leggi tutto »

Davide Casaleggio, poco o nulla di fronte a problemi epocali

FONTE: SENZASOSTE.IT La recente convention di Ivrea, fatta per ricordare Casaleggio senior e lanciare i lineamenti di visione della società da parte di Casaleggio junior, è sembrata, a molti osservatori non certo pro Pd, piuttosto deludente Visto il filo conduttore della giornata di Ivrea, il futuro, non si può dire però che questa dimensione temporale sia stata fatta intravedere agli italiani. Non è venuta fuori un’idea di società, verso la quale un eventuale governo M5S tenderebbe, quanto una serie di …

Leggi tutto »

Grillo, ci risiamo?

  DI SIMONE SANTINI megachip.globalist.it La decisione di Grillo sul “caso Genova” e la votazione degli iscritti nazionali che ha, di fatto, ratificato tale decisione e promosso un candidato sindaco diverso da quello scelto dagli iscritti genovesi, è un punto di svolta nella vita del MoVimento Cinque Stelle. Mai prima d’ora, infatti, una votazione locale era stata disconosciuta dal Garante Beppe Grillo chiedendo agli iscritti nazionali di sostituirsi ad un gruppo locale per la scelta di un candidato. Non conoscevo, …

Leggi tutto »

Grillo ha deciso di “suicidarsi”. Chiedetevi: a chi conviene?

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Eh già, c’è chi decide di suicidarsi buttandosi giù da un ponte. E chi prendendo le decisioni sbagliate nel momento più sbagliato, dimostrando una miopia politica così clamorosa da chiedersi se sia davvero solo il frutto di un errore di valutazione o se invece non sia voluta, con estrema e raffinata perfidia, per distruggere il Movimento 5 Stelle. Mettiamo in fila gli elementi. Il M5S ha combattutto una battaglia durissima contro il sistema; …

Leggi tutto »

Tra scrofe ferite e fritture velenose, lo scippo della sovranità … e occhio ai brogli!!

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Non c’e che dire, dopo il Brexit e Trump, il vento sembra essere decisamente cambiato e il populismo sta soffiando forte anche in Italia se persino l’Economist ha sentito l’impulso di liquidare una Riforma pasticciata come quella della Costituzione Boschi-Verdini , anche perché si è reso conto che probabilmente non passerà, dunque è sceso in campo senza preavviso a sostegno del NO … ma intanto fa terrorismo politico e aggiunge «Il rischio è che il principale …

Leggi tutto »

Perché The Economist (disperato) vota “no” al referendum

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org La scelta della più celebre rivista dell’oligarchia finanziaria, The Economist, di sostenere il “no” al referendum del 4 dicembre, ha lasciato molti interdetti: ma come, i poteri forti, dopo aver scritto la riforma, consigliano ora di affossarla? La decisione del potente settimanale inglese nasce dall’imprevisto esito delle elezioni americane e dalla condotta, sempre più imprevedibile, di Matteo Renzi nei confronti di Bruxelles: la vittoria del “no” e la formazione di un successivo governo tecnico, docile a malleabile, …

Leggi tutto »

Equitalia: fumo negli occhi

FONTE: VARIEEDEVENTUALI (BLOG) Pare, per la stampa italiana, che tutta la “questione Equitalia” sia stata messa in piedi dal governo Renzi per raggiungere il risultato positivo nella prossima consultazione referendaria. Il Governo si è speso e si spende molto per questa riforma costituzionale di cui la comunità finanziaria sente urgente bisogno. Basta bicameralismo, le leggi devono essere scritte nei centri studi delle istituzioni finanziarie, delle multinazionali e delle “fondazioni fucine di democrazia”, presentate prontamente dal governo alla “Camera dei nominati” …

Leggi tutto »