Dopo le leggi speciali Covid, arriva la repressione. Il Ministro dell’interno Piantedosi: “Più polizia negli ospedali”

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Dichiarazioni emergenziali dal Ministro dell’Interno Piantedosi, ex prefetto di Roma, quindi un tecnico. Il ministro affronta il tema della violenza contro gli operatori sanitari: “Avvieremo un’iniziativa nei prossimi giorni per rafforzare o istituire presidi di polizia a partire dai plessi ospedalieri di maggiore importanza. Partiremo dalla Capitale e poi ci dedicheremo alle altre grandi città (1)”.

Ecco, dopo gli ospedali – fortezza in cui per tre anni la macchina sanitaria è stata riconfigurata completamente tramite l’emergenza Covid, arriva la polizia.

Quindi la violenza psicologica contro i degenti lasciati troppo spesso a sè stessi, i parenti lasciati fuori da ogni plesso senza poter vedere i loro cari, i medici  e gli operatori lasciati senza lavoro perchè non vaccinati non fa alcun testo. Contano pochissimi e isolati episodi – che vanno condannati – di esasperazione contro un Sistema Sanitario Nazionale ormai distrutto, senza fondi e convertito da decenni ad azienda che almeno prima produceva per i vivi.

Diciamo la verità: l’ospedale ormai fa paura. Non tanto perchè nel passato fosse un luogo di svago e divertimento, ma perchè c’era la fiducia del cittadino nei confronti dello Stato sociale, con tutti i suoi limiti da dover colmare, ma potevamo prevenire, curare e in molti casi anche salvare vite umane.

Oggi quella fiducia sta venendo meno, e gli episodi di “violenza” che – ripetiamo – sono da condannare in assoluto – significano esasperazione e disperazione contro la macchina sanitaria che fabbrica troppo spesso morte, immenso dolore e rabbia, nel totale abbandono. Nel silenzio.

Dopo aver chiuso gli ospedali per tre anni all’esterno permettendo ogni tipo di politica, ora si mette in campo la polizia. Quando i protocolli di emergenza sanitaria sono ancora lì, pronti all’uso, quelli legati alla Covid e quelli inerenti la gestione della macchina ospedaliera.

Intendiamoci, i presidi di polizia nei plessi ospedalieri esistono da tempo, ma incrementarli o istiuirne di nuovi per neutralizzare o prevenire “episodi di violenza”, potrebbe essere non solo controproducente ma anche pericoloso. Come sappiamo bene, l’emergenza passa ma poi i cambiamenti e le norme restano.

E il Sistema Sanitario sta diventando sinonimo di malagestione, malasanità e morte. Da oggi si aggiunge anche la repressione. In attesa della prossima emergenza.

NOTE

(1) = https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2023/01/15/piantedosi-piu-polizia-negli-ospedali-e-stretta-sul-tifo_5364e9e0-e078-4ee2-ae78-95494bcad01e.html

15.01.2023

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
17 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
17
0
È il momento di condividere le tue opinionix