Discorso presidenziale all’Assemblea federale – Quinta parte

Vladimir Putin ha pronunciato il suo discorso all'Assemblea federale. La cerimonia si è svolta al Gostiny Dvor di Mosca.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Prima parteSeconda parteTerza parteQuarta parte

 

Mosca – 21 febbraio 2023

Traduzione della quinta parte della versione inglese rilasciata dall’Ufficio Stampa del Cremlino – Siamo in attesa delle parti successive che tradurremo e pubblicheremo appena disponibili.

 

Colleghi, come sapete, un piano 2021-2025 per la costruzione e lo sviluppo delle Forze Armate è stato approvato da un Ordine Esecutivo Presidenziale ed è in fase di attuazione e di adeguamento se necessario. È importante che i nostri prossimi passi per rafforzare l’Esercito e la Marina e per garantire lo sviluppo attuale e futuro delle Forze Armate si basino sull’esperienza di combattimento effettiva acquisita durante le operazioni militari speciali, che è estremamente importante, direi addirittura assolutamente inestimabile per noi.

Ad esempio, i sistemi più recenti rappresentano oltre il 91%, il 91,3%, delle forze di deterrenza nucleare della Russia. Per ribadire che, sulla base dell’esperienza appena acquisita, dobbiamo accedere a un livello qualitativo altrettanto elevato per tutte le altre componenti delle Forze armate.

Gli ufficiali ed i sottufficiali che agiscono come comandanti competenti, moderni e decisivi, e sono molti, saranno promossi prioritariamente a posizioni più elevate, inviati alle università e alle accademie militari e serviranno come potente riserva di personale per le Forze Armate. Senza dubbio, sono una risorsa preziosa nella vita civile e nei governi a tutti i livelli. Vorrei che i nostri colleghi prestassero attenzione a questo aspetto. È molto importante. Il popolo deve sapere che la Madrepatria apprezza il loro contributo alla difesa della Patria.

Introdurremo ampiamente le ultime tecnologie per garantire standard di alta qualità nell’Esercito e nella Marina. Abbiamo progetti pilota corrispondenti e campioni di armi ed equipaggiamenti in ogni settore. Molti di essi sono significativamente superiori alle loro controparti straniere. Il nostro obiettivo è avviarne la produzione di massa. Questo lavoro è in corso e sta andando avanti. È importante che questo si basi sulla ricerca e sulla base industriale nazionale e che coinvolga le piccole e medie imprese ad alta tecnologia nell’attuazione della difesa dell’ordine dello Stato.

Oggi le nostre fabbriche, uffici di progettazione e gruppi di ricerca impiegano specialisti esperti ed un numero crescente di giovani di talento ed altamente qualificati, orientati a raggiungere risultati innovativi pur rimanendo fedeli alla tradizione dei produttori di armi russi, che consiste nel non risparmiare alcuno sforzo per garantire la vittoria.

Certamente rafforzeremo le garanzie per la nostra forza lavoro, anche per quanto riguarda gli stipendi e la sicurezza sociale. Propongo di lanciare un programma speciale per l’affitto di alloggi a basso costo per i dipendenti dell’industria della difesa. I canoni di locazione saranno significativamente inferiori a quelli di mercato, poiché una parte significativa di essi sarà coperta dallo Stato.

Colleghi,

come ho già detto, l’Occidente non ha aperto contro di noi solo una guerra militare e di informazione, ma sta cercando di combatterci anche sul fronte economico. Tuttavia, non hanno avuto successo su alcuno di questi fronti e non ci riusciranno mai. Inoltre, coloro che hanno avviato le sanzioni stanno punendo se stessi: hanno fatto salire i prezzi nei propri Paesi, hanno distrutto posti di lavoro, costretto le aziende a chiudere e causato una crisi energetica, mentre dicevano ai loro popoli che la colpa di tutto questo era dei russi. Lo sentiamo dire.

Quali mezzi hanno usato contro di noi nel tentativo di attaccarci con le sanzioni? Hanno cercato di interrompere i legami economici con le aziende russe e di privare il sistema finanziario dei suoi canali di comunicazione per bloccare la nostra economia, isolarci dai mercati di esportazione e quindi minare le nostre entrate. Hanno anche rubato le nostre riserve di valuta estera, per chiamare le cose con il loro nome, hanno cercato di deprezzare il rublo e di portare l’inflazione a livelli distruttivi.

Vorrei ribadire che le sanzioni contro la Russia sono solo un mezzo, mentre l’obiettivo dichiarato dai leader occidentali, per citare le loro parole, è quello di farci soffrire. “Farli soffrire”: che atteggiamento umano. Vogliono far soffrire il nostro popolo, con l’obiettivo di destabilizzare la nostra società dall’interno.

Tuttavia, la loro scommessa non ha dato i suoi frutti. L’economia russa e il suo modello di governance si sono dimostrati molto più resilienti di quanto l’Occidente pensasse. Il governo, il parlamento, la Banca di Russia, le regioni e naturalmente la comunità imprenditoriale e i suoi dipendenti hanno lavorato insieme per garantire che la situazione economica rimanesse stabile, offrire protezione alle persone e preservare i posti di lavoro, prevenire la carenza, anche di beni essenziali, e sostenere il sistema finanziario e gli imprenditori che investono nelle proprie imprese, il che significa anche investire nello sviluppo nazionale.

Già nel marzo 2022 abbiamo lanciato un pacchetto di assistenza dedicato alle imprese e all’economia per un valore di circa mille miliardi di rubli. Vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che questo non ha nulla a che fare con la stampa di denaro. Niente affatto. Tutto ciò che facciamo è solidamente radicato nei principi del mercato.

Nel 2022 si è registrato un calo del prodotto interno lordo. Il signor Mishustin (Primo Ministro della Federazione Russa dal 2020, N.d.T.) mi ha chiamato per dirmi: “Vorrei chiederle di parlarne”. Credo che questi dati siano stati resi noti ieri, proprio nei tempi previsti.

Forse ricorderete che alcuni avevano previsto una contrazione dell’economia del 20-25%, o forse del 10%. Solo di recente abbiamo parlato di un calo del 2,9%, e sono stato io ad annunciare questo dato. In seguito è sceso al 2,5%. Tuttavia, nel 2022 il PIL è diminuito del 2,1%, secondo gli ultimi dati. E dobbiamo ricordare che già a febbraio e marzo dello scorso anno alcuni avevano previsto che l’economia sarebbe stata in caduta libera.

Le imprese russe hanno ristrutturato la loro logistica e hanno rafforzato i legami con partner responsabili e prevedibili – ce ne sono molti, sono la maggioranza al mondo.

Vorrei sottolineare che la quota del rublo russo nei nostri regolamenti internazionali è raddoppiata rispetto al dicembre 2021, raggiungendo un terzo del totale, e includendo le valute dei Paesi amici, supera la metà di tutte le transazioni.

Continueremo a lavorare con i nostri partner per creare un sistema sostenibile e sicuro di regolamenti internazionali, che sarà indipendente dal dollaro e dalle altre valute di riserva occidentali che sono destinate a perdere il loro fascino universale con questa politica dell’élite occidentale, dei governanti occidentali. Stanno facendo tutto questo con le loro stesse mani.

Non siamo noi a ridurre le transazioni in dollari o in altre cosiddette valute universali – sono loro a fare tutto con le loro mani.

C’è una massima: cannoni contro burro. Naturalmente la difesa nazionale è la priorità assoluta, ma nel risolvere i problemi strategici in questo settore non dobbiamo ripetere gli errori del passato e non dobbiamo distruggere la nostra economia. Abbiamo tutto ciò che serve per garantire la nostra sicurezza e creare le condizioni per un progresso di fiducia nel nostro Paese. Stiamo agendo in linea con questa logica e intendiamo continuare a farlo.

Così, molte industrie civili di base, sottolineo, dell’economia nazionale sono tutt’altro che in declino, anzi, l’anno scorso hanno aumentato la loro produzione in misura considerevole. Il totale delle abitazioni realizzate ha superato i 100 milioni di metri quadrati per la prima volta nella nostra storia moderna.

Per quanto riguarda la produzione agricola, lo scorso anno ha registrato tassi di crescita a due cifre. Vi ringrazio molto. Siamo molto grati ai nostri produttori agricoli. Gli agricoltori russi hanno raccolto una quantità record: oltre 150 milioni di tonnellate di cereali, di cui oltre 100 milioni di tonnellate di grano. Entro la fine della stagione agricola, cioè il 30 giugno 2023, porteremo le nostre esportazioni di cereali a 55-60 milioni di tonnellate.

Solo 10 o 15 anni fa questo sembrava una favola, un piano assolutamente irrealizzabile. Se ricordate, e sono certo che alcuni lo ricordano – l’ex Vicepresidente del Consiglio e il Ministro dell’Agricoltura sono qui presenti – fino a poco tempo fa gli agricoltori raccoglievano complessivamente 60 milioni di tonnellate in un anno, mentre ora 55-60 milioni rappresentano il loro potenziale di esportazione. Sono convinto che abbiamo tutte le opportunità per una svolta simile anche in altri settori.

Abbiamo evitato che il mercato del lavoro crollasse. Al contrario, siamo riusciti a ridurre la disoccupazione pur nel contesto attuale. Oggi, considerando le grandi sfide che ci arrivano da tutte le parti, il mercato del lavoro è ancora migliore di prima. Forse ricorderete che il tasso di disoccupazione era del 4,7% prima della pandemia e ora, credo, è del 3,7%. Qual è il dato, signor Mishustin? 3,7%? È un minimo storico.

Permettetemi di ribadire che l’economia russa ha superato i rischi che aveva di fronte – ha prevalso. Naturalmente, è stato impossibile prevedere molti di tali rischi e abbiamo dovuto reagire letteralmente al volo, affrontando i problemi man mano che emergevano. Sia lo Stato che le imprese hanno dovuto muoversi rapidamente. Noterò che gli attori privati, le PMI, hanno svolto un ruolo essenziale in questi sforzi, e dobbiamo ricordarlo. Abbiamo evitato di dover applicare una regolamentazione eccessiva o di distorcere l’economia dando allo Stato un ruolo più importante.

Che altro c’è da dire? La recessione si è limitata al secondo trimestre del 2022, mentre l’economia è cresciuta nel terzo e quarto trimestre. Di fatto, l’economia russa ha intrapreso un nuovo ciclo di crescita. Gli esperti ritengono che si baserà su un modello e una struttura fondamentalmente nuovi. Nuovi e promettenti mercati globali, tra cui quello dell’Asia-Pacifico, hanno la precedenza, così come il mercato interno, con la sua ricerca, la tecnologia e la forza lavoro non più orientata all’esportazione di materie prime ma alla produzione di beni ad alto valore aggiunto. Questo aiuterà la Russia a liberare il suo immenso potenziale in tutti gli ambiti e settori.

Ci aspettiamo di assistere a un solido aumento della domanda interna già quest’anno. Sono convinto che le aziende sfrutteranno questa opportunità per espandere la produzione, realizzare nuovi prodotti molto richiesti e occupare le nicchie di mercato lasciate libere o che stanno per essere lasciate libere dalle aziende occidentali che si ritirano.

Oggi vediamo chiaramente cosa sta accadendo e comprendiamo le questioni strutturali che dobbiamo affrontare in materia di logistica, tecnologia, finanza e risorse umane. Negli ultimi anni abbiamo parlato molto e a lungo della necessità di ristrutturare la nostra economia. Ora questi cambiamenti sono una necessità vitale, un cambiamento di gioco, e tutto per il meglio. Sappiamo cosa è necessario fare per consentire alla Russia di compiere progressi costanti e di svilupparsi in modo indipendente a prescindere da qualsiasi pressione o minaccia esterna, garantendo al contempo la nostra sicurezza nazionale e i nostri interessi.

Vorrei ricordare e sottolineare che l’essenza del nostro compito non è adattarsi alle circostanze. Il nostro compito strategico è portare l’economia verso un nuovo orizzonte. Tutto sta cambiando ora, e sta cambiando molto velocemente. Questo non è solo un periodo di sfide, ma anche di opportunità. Oggi è davvero così. E il nostro futuro dipende dal modo in cui realizzeremo queste opportunità. Dobbiamo porre fine – e voglio sottolinearlo – a tutti i conflitti tra agenzie, alla burocrazia, alle lamentele, ai doppi sensi o a qualsiasi altra assurdità. Tutto ciò che facciamo deve contribuire a raggiungere i nostri obiettivi e a produrre risultati. Questo è l’obiettivo che dobbiamo perseguire.

Consentire alle aziende russe e alle piccole imprese a conduzione familiare di accedere con successo al mercato è di per sé una vittoria. Costruire fabbriche all’avanguardia e chilometri di nuove strade è una vittoria. Ogni nuova scuola, ogni nuovo asilo che costruiamo è una vittoria. Le scoperte scientifiche e le nuove tecnologie – anche queste sono vittorie, naturalmente. L’importante è che tutti noi contribuiamo al nostro successo comune.

Su quali aree dobbiamo concentrare la collaborazione tra Stato, regioni e imprese nazionali?

In primo luogo, espanderemo i promettenti legami economici con l’estero e costruiremo nuovi corridoi logistici. È già stata presa la decisione di estendere la superstrada Mosca-Kazan a Ekaterinburg, Chelyabinsk e Tyumen, e infine a Irkutsk e Vladivostok con diramazioni verso Kazakistan, Mongolia e Cina. Questo ci permetterà, in parte, di espandere notevolmente i nostri legami con i mercati del Sud-Est asiatico.

Svilupperemo i porti del Mar Nero e del Mar d’Azov. Presteremo particolare attenzione al corridoio internazionale Nord-Sud, come sanno coloro che ci lavorano ogni giorno. Quest’anno le navi con un pescaggio fino a 4,5 metri potranno passare attraverso il canale Volga-Mar Caspio. Questo aprirà nuove rotte per la cooperazione commerciale con l’India, l’Iran, il Pakistan e i Paesi del Medio Oriente. Continueremo a sviluppare questo corridoio.

I nostri piani includono l’accelerazione della modernizzazione delle ferrovie orientali – la Transiberiana e la Ferrovia Baikal-Amur (BAM) – e lo sviluppo del potenziale della Northern Sea Route. Ciò creerà non solo un traffico merci aggiuntivo, ma anche una base per raggiungere i nostri obiettivi nazionali di sviluppo della Siberia, dell’Artico e dell’Estremo Oriente.

L’infrastruttura delle regioni e lo sviluppo delle infrastrutture, comprese le comunicazioni, le telecomunicazioni e le ferrovie, riceveranno un forte impulso. L’anno prossimo, nel 2024, porteremo in condizioni adeguate almeno l’85% di tutte le strade delle maggiori metropoli del Paese e oltre la metà di tutte le strade regionali e comunali. Sono sicuro che riusciremo a raggiungere questo obiettivo.

Continueremo anche il nostro programma di distribuzione gratuita del gas. Abbiamo già deciso di estenderlo alle strutture sociali – asili e scuole, ambulatori e ospedali, nonché ai centri di assistenza sanitaria di base. Questo programma diventerà permanente per i nostri cittadini, che potranno sempre richiedere l’allacciamento alla rete di distribuzione del gas.

Quest’anno lanceremo un vasto programma per la costruzione e la riparazione di alloggi e sistemi di utilità. Nei prossimi dieci anni prevediamo di investire almeno 4,5 bilioni di rubli. Sappiamo quanto sia importante per la nostra popolazione e quanto questo settore sia stato trascurato. È necessario migliorare la situazione e lo faremo. È importante dare al programma un inizio potente. Vorrei quindi chiedere al Governo di garantire un finanziamento stabile per questo programma.

In secondo luogo, dovremo espandere in modo significativo le capacità produttive della nostra economia e aumentare la capacità industriale nazionale.

È stato creato uno strumento per i mutui industriali e un prestito a breve termine può essere contratto non solo per l’acquisto di strutture produttive, ma anche per la loro costruzione o ammodernamento. L’entità di questo prestito è stata discussa più volte e si è pensato di aumentarla. Si tratta di un importo adeguato per un primo passo: fino a 500 milioni di rubli. È disponibile a un tasso del 3 o 5% per un massimo di sette anni. Sembra un programma molto valido e dovrebbe essere utilizzato al meglio.

Quest’anno sono entrate in vigore nuove condizioni per i raggruppamenti industriali, tra cui una riduzione degli oneri fiscali e amministrativi per le aziende residenti, nonché commesse statali a lungo termine e sussidi per sostenere la domanda dei loro prodotti innovativi, che si stanno appena affacciando sul mercato.

Secondo le stime, queste misure genereranno progetti ad alta domanda per un valore di oltre 10 mila miliardi di rubli entro il 2030. Gli investimenti dovrebbero raggiungere circa 2.000 miliardi solo quest’anno. Si noti che non si tratta di previsioni, ma di parametri di riferimento esistenti.

Pertanto, vorrei che il Governo accelerasse l’avvio di questi progetti, desse una mano alle imprese e proponesse misure di sostegno sistemico, compresi gli incentivi fiscali. So che il blocco finanziario non ama fornire incentivi, e in parte condivido questo approccio: il sistema fiscale deve essere coerente e senza nicchie o esenzioni, ma questo caso particolare richiede un approccio creativo.

Da quest’anno, quindi, le aziende russe potranno veder ridotte le imposte sul reddito se acquisteranno soluzioni informatiche avanzate nazionali e prodotti potenziati dall’intelligenza artificiale. Inoltre, queste spese saranno accreditate a una volta e mezza il costo effettivo, il che significa che ogni rublo investito nell’acquisto di questi prodotti si tradurrà in una detrazione fiscale di 1,5 rubli.

Propongo di estendere queste detrazioni all’acquisto di tutti i tipi di attrezzature russe ad alta tecnologia. Vorrei che il Governo presentasse un elenco di tali attrezzature per settore specifico e la procedura per la concessione delle detrazioni. Questa è una buona soluzione per rinvigorire l’economia.

In terzo luogo, una questione cruciale della nostra agenda di sviluppo economico riguarda le nuove fonti di finanziamento degli investimenti, di cui abbiamo parlato molto.

Grazie alla nostra solida bilancia dei pagamenti, la Russia non ha bisogno di prendere in prestito fondi all’estero, di inchinarsi e implorare denaro, per poi discutere a lungo su cosa, quanto e a quali condizioni restituire. Le banche russe lavorano in modo stabile e sostenibile e hanno un solido margine di sicurezza.

Nel 2022, il volume dei prestiti bancari al settore delle imprese è aumentato, ripeto, è aumentato. C’era molta preoccupazione al riguardo, ma abbiamo registrato una crescita, un aumento del 14%, ovvero più di quanto abbiamo registrato nel 2021, prima dell’operazione militare. Nel 2021 la cifra era dell’11,7%, l’anno scorso del 14%. Il portafoglio mutui è aumentato del 20,4%. Stiamo crescendo.

L’anno scorso il settore bancario nel suo complesso ha registrato un utile. Il profitto non è stato così elevato come negli anni precedenti, ma è stato comunque considerevole: 203 miliardi di rubli. Questo è un altro indicatore della stabilità del settore finanziario russo.

Secondo le nostre stime, nel secondo trimestre di quest’anno l’inflazione in Russia si avvicinerà all’obiettivo del 4%. Vorrei ricordare che in alcuni Paesi dell’UE il tasso di inflazione ha raggiunto il 12, il 17 e il 20%. Il nostro dato è del 4 o 5%; la Banca Centrale e il Ministero delle Finanze stanno ancora discutendo il dato, ma sarà vicino all’obiettivo. Date queste dinamiche positive e altri parametri macroeconomici, stiamo creando le condizioni oggettive per ridurre i tassi di interesse a lungo termine nell’economia, il che significa che i prestiti per il settore economico reale diventeranno più accessibili.

I risparmi individuali a lungo termine sono una fonte vitale di risorse per gli investimenti in tutto il mondo, e dobbiamo anche stimolarne l’interesse per la sfera degli investimenti. Vorrei che il Governo accelerasse la presentazione di progetti di legge alla Duma di Stato per lanciare il relativo programma statale già nel mese di aprile.

È importante creare ulteriori condizioni per incoraggiare le persone a investire e guadagnare in patria, nel Paese. Allo stesso tempo, è necessario garantire la sicurezza degli investimenti nel risparmio pensionistico volontario. Dovremmo creare un meccanismo simile a quello utilizzato per assicurare i depositi bancari. Vorrei ricordare che tali risparmi, per un valore massimo di 1,4 milioni di rubli, sono assicurati dallo Stato sui depositi di garanzia. Propongo di raddoppiare la somma a 2,8 milioni di rubli per i risparmi pensionistici volontari. Allo stesso modo, dobbiamo proteggere gli investimenti in altri strumenti di investimento a lungo termine, anche contro il possibile fallimento dei broker finanziari.

È necessario prendere decisioni separate per attrarre fondi nelle imprese in rapida crescita e ad alta tecnologia. Approveremo il sostegno al collocamento delle loro azioni sul mercato azionario nazionale, compresi i benefici fiscali sia per le aziende che per gli acquirenti delle loro azioni.

La libertà d’impresa è un elemento vitale della sovranità economica. Lo ripeto: sullo sfondo dei tentativi esterni di contenere [la crescita del]la Russia, le imprese private hanno dimostrato la loro capacità di adattarsi rapidamente ai cambiamenti dell’ambiente e di garantire la crescita economica in condizioni difficili. Quindi, ogni iniziativa imprenditoriale volta a favorire il Paese dovrebbe ricevere un sostegno.

Credo sia necessario tornare, in questo contesto, alla revisione di alcune norme di diritto penale per quanto riguarda gli elementi economici del crimine. Naturalmente, lo Stato deve controllare ciò che accade in questo settore. Non dobbiamo permettere un atteggiamento di “va tutto bene”, ma non dobbiamo nemmeno spingerci troppo in là. È necessario procedere più rapidamente verso la depenalizzazione di cui ho parlato. Mi auguro che il Governo porti avanti questo lavoro con coerenza e serietà, insieme al Parlamento, alle forze dell’ordine e alle associazioni imprenditoriali.

Allo stesso tempo, vorrei chiedere al Governo di suggerire, in stretta collaborazione con il Parlamento, ulteriori misure per accelerare il rientro in patria dell’economia. Le imprese, soprattutto quelle che operano in settori e industrie chiave, dovrebbero operare nella giurisdizione russa: questo è un principio fondamentale.

Colleghi, in questo contesto vorrei fare una piccola digressione filosofica. Vorrei soffermarmi su questo punto.

Ricordiamo quali problemi e squilibri ha dovuto affrontare l’economia sovietica nelle sue fasi successive. Per questo motivo, dopo il crollo dell’Unione Sovietica e del suo sistema pianificato, nel caos degli anni ’90, il Paese ha iniziato a creare la propria economia sulla base dei rapporti di mercato e della proprietà privata. Nel complesso, questa è stata la cosa giusta da fare. I Paesi occidentali sono stati in gran parte un esempio da seguire in questo senso. Come sapete, i loro consulenti stavano a un soldo la una dozzina e sembrava sufficiente copiare i loro modelli. È vero, ricordo che discutevano ancora tra loro – gli europei discutevano con gli americani su come dovesse svilupparsi l’economia russa.

E cosa accadde in conseguenza di ciò? La nostra economia nazionale era in gran parte orientata verso l’Occidente e per lo più come fonte di materie prime. Naturalmente c’erano diverse sfumature, ma nel complesso eravamo visti come una fonte di materie prime. Le ragioni di ciò sono altrettanto chiare: naturalmente, le nuove imprese russe che stavano prendendo forma erano principalmente orientate a generare profitto, un profitto rapido e facile, in primo luogo. Che cosa poteva fornirlo? Naturalmente la vendita di risorse – petrolio, gas, metalli e legname.

Pochi hanno pensato ad altre alternative o, probabilmente, non hanno avuto la possibilità di investire a lungo termine. Questo è il motivo per cui altre industrie più complesse non hanno fatto molta strada. Ci sono voluti anni – gli altri governi se ne sono accorti chiaramente – per interrompere questa tendenza negativa. Abbiamo dovuto adeguare il nostro sistema fiscale e fare investimenti pubblici su larga scala.

Abbiamo ottenuto un cambiamento reale e visibile. I risultati ci sono, ma, ancora una volta, dobbiamo tenere a mente le circostanze in cui si sono sviluppate le nostre principali attività. Le tecnologie provenivano dall’Occidente, le fonti di finanziamento più economiche e i mercati più redditizi erano in Occidente e anche i capitali hanno iniziato a fluire verso l’Occidente. Purtroppo, invece di espandere la produzione e acquistare attrezzature e tecnologie per creare nuovi posti di lavoro in Russia, hanno speso i loro soldi in ville, yacht e immobili di lusso all’estero.

In seguito hanno iniziato a investire nell’economia, ma inizialmente il denaro è fluito rapidamente verso l’Occidente a scopo di consumo. E poiché i loro soldi erano lì, è lì che i loro figli sono stati educati, dove era la loro vita, il loro futuro. Era molto difficile e quasi impossibile per lo Stato seguire e prevenire questi sviluppi, perché vivevamo in un paradigma di libero mercato.

Gli eventi recenti hanno dimostrato chiaramente che l’immagine dell’Occidente come rifugio sicuro per i capitali era un miraggio. Chi non è riuscito a capirlo in tempo, chi vedeva la Russia solo come una fonte di reddito e progettava di vivere soprattutto all’estero, ha perso molto. Sono stati derubati e si sono visti portare via anche il loro denaro legittimo.

A un certo punto ho fatto una battuta – molti forse la ricordano ancora – dicendo agli imprenditori russi che si sarebbero ammalati correndo da un tribunale all’altro e da un ufficio all’altro in Occidente per cercare di salvare i loro soldi. Ed è esattamente quello che è successo.

Vi dirò una cosa molto semplice, ma davvero importante. Credetemi, nessun cittadino comune del nostro Paese si è sentito dispiaciuto per coloro che hanno perso i loro beni in banche estere, i loro yacht o i loro palazzi all’estero, e così via. Nelle loro conversazioni casalinghe, tutti hanno ricordato le privatizzazioni degli anni ’90, quando le imprese costruite da tutta la nostra nazione sono state vendute per quasi niente e le cosiddette nuove élite hanno sfoggiato il loro stile di vita sfarzoso.

Ci sono altri aspetti fondamentali. Negli anni successivi alla dissoluzione dell’Unione Sovietica, l’Occidente non ha mai smesso di cercare di incendiare gli Stati post-sovietici e, soprattutto, di eliminare la Russia come la più grande porzione sopravvissuta della storia del nostro Stato. Hanno incoraggiato i terroristi internazionali ad aggredirci, hanno provocato conflitti regionali lungo il perimetro dei nostri confini, hanno ignorato i nostri interessi e hanno cercato di contenere e sopprimere la nostra economia.

Dico questo perché le grandi imprese in Russia controllano aziende strategiche con migliaia di lavoratori che determinano il benessere socio-economico di molte regioni e, quindi, lo stato generale delle cose. Quindi, ogni volta che i leader o i proprietari di queste imprese diventano dipendenti da governi che adottano politiche ostili alla Russia, questo rappresenta una grande minaccia per noi, un pericolo per il nostro Paese. È una situazione insostenibile.

Sì, ognuno ha una scelta. Alcuni possono scegliere di vivere in una villa sequestrata con un conto bloccato, cercando di trovare un posto per sé in una capitale occidentale apparentemente attraente, in un resort o in qualche altro luogo confortevole all’estero. Chiunque ha il diritto di farlo e noi non lo violeremo mai. Ma è ora di capire che in Occidente queste persone sono sempre state e rimarranno sempre degli stranieri di seconda classe che possono essere trattati in qualsiasi modo, e il loro denaro, le loro conoscenze e i titoli acquisiti di conti, pari o sindaci non saranno di alcun aiuto. Devono capire che lì sono persone di seconda classe.

C’è un’altra opzione: restare nella propria Madrepatria, lavorare per i propri connazionali, non solo per aprire nuove imprese ma anche per cambiare la vita intorno a sé nelle città, nei paesi e in tutta la Nazione. Ci sono molti imprenditori di questo tipo, veri e propri combattenti nella nostra comunità imprenditoriale, e a loro è legato il futuro della nostra attività. Tutti devono sapere che le fonti della loro prosperità e del loro futuro possono essere solo qui, nel loro Paese natale, la Russia.

Se lo capiranno, creeremo un’economia molto forte e autosufficiente che non rimarrà in disparte nel mondo, ma sfrutterà tutti i suoi vantaggi competitivi. Il capitale russo, il denaro guadagnato qui, deve essere messo al servizio del Paese, del nostro sviluppo nazionale. Oggi vediamo un enorme potenziale nello sviluppo delle infrastrutture, nel settore manifatturiero, nel turismo nazionale e in molti altri settori.

Vorrei che coloro che si sono scontrati con i costumi predatori dell’Occidente ascoltassero ciò che ho da dire: andare in giro con il cappello in mano a chiedere l’elemosina dei propri soldi non ha senso e, soprattutto, non porta a nulla, soprattutto ora che ci si rende conto con chi si ha a che fare. Smettetela di aggrapparvi al passato, di ricorrere ai tribunali per riavere almeno qualcosa. Cambiate le vostre vite e i vostri lavori, perché siete persone forti – mi rivolgo ora ai nostri imprenditori, molti dei quali conosco da anni, che sanno cosa fare nella vita.

Lanciate nuovi progetti, guadagnate denaro, lavorate sodo per la Russia, investite in imprese e posti di lavoro, aiutate le scuole e le università, la scienza e la sanità, la cultura e lo sport. In questo modo, aumenterete la vostra ricchezza e conquisterete anche il rispetto e la gratitudine del popolo per una generazione a venire. Lo Stato e la società vi sosterranno sicuramente.

Consideriamo questo come un messaggio per la vostra azienda: muovetevi nella giusta direzione.

 

Fine della quinta parte – Sesta parte

Link: http://en.kremlin.ru/events/president/transcripts/70565

Traduzione (IMC) di CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix