Spiaggia in Attica. Maggio 2020, stampa greca

De-confinamento o diversivo?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

In Grecia come da noi i media spingono la paura e demonizzano le persone che tornano a socializzare, a dispetto dei numeri, ma forse sono solo manovre diversive, mentre il governo porta, a notte fonda, migranti dalle isole sul continente, trovando a volte la resistenza degli abitanti. I Greci vogliono il ritorno alla normalità e allo stesso tempo lo temono: condizionati da settimane di propaganda, non vogliono i turisti, gli stessi turisti che potrebbero rimettergli quattro soldi in tasca. Intanto l’invasione (di questo si tratta) da parte dei “profughi” orchestrati dalla Turchia va avanti, aiutata nientepopodimenoche … da una “costola” dei Caschi Bianchi, ONG nota per le manipolazioni e falsità diffuse sulla situazione in Siria, la quale dichiara che la Grecia è “la nostra nuova terra”. Lo è di sicuro per la COSCO, compagnia cinese che si prepara a sventrare il porto del Pireo, di cui è diventata proprietaria con la benedizione della Corte Suprema di Grecia, il cui presidente di allora, Katerína Sakellaropoúlou, ora – guarda caso – è Presidente della Repubblica… (dimenticavo: è donna, quindi tutto bene). Verso la fine del mese, la riapertura è stata totale, pur senza ancora i turisti (che ricominceranno ad essere ammessi dal 15 giugno, tranne che quelli italiani): il governo concede aiuti condizionati al divieto di non licenziare, ma se non ci sono incassi, gli aiuti non servono: i caffè riaprono, ma non ci va nessuno. Gli aiuti della UE saranno condizionati ed i greci sanno bene che sarà l’ennesima scusa per nuove rinunce e nuovi viaggi della Troika ad Atene. Sul confine turco, intanto, pezzi di terreno greco sono ormai in mano ai “migranti”, cioè ai turchi, ma nessuno lo sa.

 

 

Da “Nativismo confinato” – pubblicato Venerdì 8 maggio 2020

Articolo originale QUI

(…) Maggio di papaveri e luce. Il graduale deconfinamento permette già oggi di passeggiare nei dintorni e di aprire le chiese, dopo la loro chiusura forzata e tanto criticata. Piccole cappelle in una natura rigogliosa, l’ambiente sembra idilliaco.

Piccola cappella. Peloponneso, maggio 2020

Già sotto il confino, quelli del paese reale avevano imbiancato queste piccole cappelle dei campi e dei promontori. Non si incontrano mai le folle, ed è in questi luoghi che si trova l’essenza dell’anima del paese e i momenti di serenità. (…) al momento la stampa dominante sta cercando di… di vendere come grande evento i raduni di giovani con le lattine di birra tenute in una mano (…) ad Agía Paraskeví, un sobborgo della classe medio-alta vicino ad Atene, da due a trecento giovani hanno lottato per l’occupazione del posto per due notti di fila, di fronte alle forze di polizia inviate sul posto, che hanno persino lanciato le loro solite granate lacrimogene per sgombrare la piazza.

(…) Tuttavia, l’evento è più subdolo di quanto non appaia a prima vista. (…) perché ad Agía Paraskeví l’iniziativa per l’occupazione della piazza appartiene ai rappresentanti locali eletti di Antarsýa, una formazione parapolitica della cosiddetta estrema sinistra, come sappiamo dallo sciroppo… di Sóros, in Grecia come altrove. Lo scopo della manovra è quindi duplice, in primo luogo per distogliere l’attenzione dei greci da certi altri eventi, reali e importanti, ovvero la colonizzazione in corso del Paese da parte dei migranti e, se necessario, dei soldati islamisti di Erdogan, quelli che il governo del filo-Soros Mitsotákis installa nelle ore piccole ovunque ritenga opportuno nella Grecia continentale dalle isole, senza la minima consultazione popolare e contro la volontà della stragrande maggioranza del Paese… (…)

E ora il paese reale si sta ribellando come ci si aspettava, ancora una volta. Appena usciti parzialmente dalla prigionia, i greci si mobilitano come ad Árnissa, una città della regione di Pella, nella Macedonia greca, il 6 maggio. Così, quando la polizia è arrivata sul posto verso le due del mattino scortando un autobus pieno di migranti trasferiti da Lesbo, ha immediatamente affrontato gli abitanti, che erano fermamente decisi a non permettere ai migranti di stabilirsi in un albergo della loro città. Questa è proprio l’ultima reazione possibile per un popolo prima tradito e poi messo all’angolo, di fronte al fatto compiuto (…) [da] una classe politica che dichiara guerra al nativismo, secondo anche una dichiarazione di Mitsotákis. Per gli abitanti, inevitabilmente autoctoni, il loro unico e ultimo modo di affrontare il palese tradimento della classe politica è quello di difendere il loro territorio, e ad Árnissa hanno così in parte bruciato l’albergo in questione, stampa locale del 6 maggio 2020.

Gli abitanti hanno dato fuoco all’hotel in questione. Árnissa, maggio 2020, stampa greca
Giovani in piazza ad Agía Paraskeví. Maggio 2020

Gli agenti di Sóros, sia in strada che al governo, giocano poi a questo pietoso gioco di fabbricare il pretesto per innescare nuove misure restrittive, “dato che i giovani non rispettano le regole”. (…) Non è a causa del coronavirus che una tale misura può essere scelta, ma per vietare la mobilitazione degli abitanti durante i trasferimenti sempre di notte, di questi strani convogli in questa epoca decisamente nuova di nativismo confinato. Solo che i greci non si sono più lasciati sfruttare e che la via era stata indicata da Lesbo e da Chios lo scorso febbraio (…) i poliziotti e gli autobus che trasportavano i migranti hanno dovuto lasciare Árnissa di fronte alla determinazione popolare, e finalmente si sono stabiliti altrove, naturalmente in fretta e furia.

“(…) Lasciate che i 300 parlamentari si portino a casa queste persone”, parole inequivocabili di un abitante nativo non ambiguo.

(…) quasi il 65% degli hotel probabilmente non aprirà quest’estate, mentre una buona parte di essi potrebbe poi finire per svendersi dopo il fallimento, a beneficio dei rapaci del mondo, ovviamente. Per il metacapitalismo di Sóros e Bill Gates è anche questo. Sostituire i cittadini a lungo termine, poi saccheggiare la proprietà pubblica e privata delle nazioni in un’incursione senza precedenti, e infine … ridurre drasticamente e arbitrariamente la popolazione del pianeta, dopo averla sottoposta al totalitarismo del feudalesimo digitale.

(…) sotto l’ancora rigida reclusione della scorsa settimana, gli abitanti del villaggio erano piuttosto estasiati dallo spettacolo delle foche che si avvicinavano così vicino alla riva e al piccolo porto.

Le foche sono tornate quasi ogni giorno, nonostante la ripresa della pesca da parte dei dilettanti sia di nuovo consentita. Va detto che quest’anno c’è abbastanza pesce e per ora ce n’è abbastanza per tutti. Lo sanno anche i nostri gatti, animali adespoti per eccellenza.

Le foche

Da “Epidemocrazia” – pubblicato Giovedì 14 maggio 2020

Articolo originale QUI

Il mese di maggio è ben avviato. (…) L’estate ante portas e ora le spiagge dell’Attica intorno ad Atene sono già affollate. È finalmente il momento delle prime nuotate, (…) per il resto, l’economia rimane in stallo, mentre la banda dei Mitsotákis ai controlli prepara un arsenale legale completo, proprio per vietare future manifestazioni e raduni… con il pretesto di minacce per la salute. Va detto che il motto nazionale in Grecia è “libertà o morte”, ma è della morte della libertà che si parla già, e il pretesto si trova presto.

Spiaggia in Attica. Maggio 2020, stampa greca

Il paese reale si sta preparando per il suo completo deconfinamento a tutti i costi, con la paura nella pancia. Prima c’è la metà dell’economia cancellata dalla mappa vitale della società greca, e poi c’è il diffuso timore di un ritorno potenzialmente costante del confinamento, così come della malattia. Perché in Grecia e per il momento non si può parlare di pandemia per una malattia che ha causato la morte di 150 persone in tutto.

(…)

Il governo impone misure insostenibili ai professionisti del turismo e della ristorazione, (…) e più della metà dei greci non vogliono che la stagione turistica apra quest’anno. La paura della morte, la paura nella pancia… e la paura di una pancia vuota, ovviamente si alimenteranno a vicenda, si chiama altrimenti la meccanica sociale sapientemente orchestrata, o, come imporre il totalitarismo dopo aver tetanizzato i popoli, rendendoli incapaci di intraprendere qualsiasi azione di salvataggio su larga scala.

A parte il fatto che la doccia fredda è già iniziata, estate o meno. Gli abitanti sono ora sufficientemente informati, alcuni hanno persino spento il televisore. (…) Il problema non è il virus in sé, ma il nostro rapporto con la morte e, soprattutto, il regime metapolitico che la gestione e persino i gesti intorno al virus stanno imponendo.

Ecco perché le notizie ufficiali, sterilizzate e propagandistiche, non dicono una sola parola sui pericoli e gli eventi reali, dalla soppressione delle ultime libertà alla colonizzazione del Paese da parte dell’invasione migratoria. (…) Nella serie di eventi gravi ma occulti, c’è la recente presenza, almeno ufficialmente in Grecia, all’interno del campo per migranti – invasori da Mória a Lesbo, di una ONG chiamata “Caschi Bianchi Moria”, ovviamente legata ai disastrosi Caschi Bianchi – islamisti. Già in Siria e secondo Thierry Meyssan, “tra i sette gruppi jihadisti … ci sono i Caschi Bianchi, noti come la Protezione Civile siriana. Questa ONG presumibilmente umanitaria è stata creata ed è guidata da un ufficiale dell’MI6 cresciuto dalla regina Elisabetta nel 2016 come ufficiale dell’Impero britannico, James Le Mesurier. Questa organizzazione sta disseminando i media di immagini scioccanti che dovrebbero dimostrare i presunti crimini del regime e che spesso si sono rivelati pura propaganda. La partecipazione di questa ONG ai combattimenti è stata attestata. Il Ministero della Difesa russo l’ha descritta come vicina ad al-Qaeda. I Caschi Bianchi sono finanziati da Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti”.

In Grecia e a Lesbo, secondo il rapporto pubblicato e raccolto da alcuni siti di analisi, questa ONG è già stata scoperta grazie alla sua pagina su FB. Va notato che, come sono stati scoperti, hanno frettolosamente rimosso una delle fotografie sulla loro pagina, in cui si leggeva che Mória e Lesbo “è la loro nuova terra”. Tranne per il fatto che questa pagina è già stata duplicata dagli utenti di Internet.

La foto rimossa dall’Ong islamista dalla sua pagina FB. Stampa greca, maggio 2020

(…) L’organizzazione sembra aver iniziato le sue attività all’inizio di marzo, solo pochi giorni dopo il tentativo di invasione al confine del fiume Evros, quando la Grecia ha chiuso le frontiere. Queste persone fanno riferimento al nome Caschi Bianchi come a un cosiddetto tributo all’omonima organizzazione in Siria (…) Molti dei membri di questa pagina dichiarano la Turchia come luogo di residenza, più di 20 membri”.

(…) Poi bisogna chiedersi: “Com’è possibile che i profili e i gruppi abbiano tutti la stessa data di creazione sui social network?

(…) la sfera mediatica delle TV spazzatura, che recentemente ha ricevuto quasi 20 milioni di euro di aiuti da Mitsotákis, farà sempre credere alla gente che il nostro unico problema è il coronavirus, (…) Notizie che non si trovano, se non su Internet (…)

“La COSCO, che ha trasformato il porto del Pireo in un protettorato cinese, si prepara a distruggere questo magnifico spazio marittimo per costruire una rete di enormi moli a cui ormeggiare gigantesche navi da crociera di interesse cinese. È inoltre prevista la costruzione di uno o due edifici a più piani su queste banchine come annesso ai terminal, ancora collegati all’imbarco e allo sbarco di migliaia di passeggeri”.

(…) un intero passato storico e archeologico andrà perduto per sempre. Senza dimenticare la tomba di Temistocle, sappiamo che alcuni archeologi insistono che sarebbe in questa posizione del porto. (…) “, stampa su Internet, maggio 2020.

Va notato che l’Alta Corte di Giustizia ha legalizzato… l’appetito di COSCO nel 2019, sotto la presidenza di Katerína Sakellaropoúlou, stampa greca, il 7 giugno 2019, appena un mese prima della sconfitta di SYRIZA alle elezioni legislative del luglio dello stesso anno. Nel marzo 2020, Sakellaropoúlou (…) è stata naturalmente scelta da Mitsotákis e Tsípras nel “Parlamento” per essere l’attuale Presidente della Repubblica, ovviamente con la benedizione della sfera di Sóros, Bruxelles e Berlino. L’una cosa probabilmente spiega l’altra.

Tsípras alla firma con i dirigenti della COSCO. Stampa greca, aprile 2016

Nessuno può biasimare la Cina per aver difeso i suoi interessi. (…) Così come gli aeroporti greci sono stati gradualmente venduti ai tedeschi e, dopo la “governance” di Simítis (…) e così via (…).

(…) La barzelletta è andata avanti troppo a lungo dall’assassinio del nostro ultimo governatore Hellène Kapodístrias nel 1831; un grande statista che ha anche avuto un ruolo di primo piano nella riorganizzazione istituzionale della Svizzera e nell’affermazione della sua neutralità permanente. Sono in corso eventi gravi, su questo ritornerò. Libertà o morte!


Da “Visitate la Grecia per scoprire la verità!” pubblicato Giovedì 21 maggio 2020

Articolo originale QUI

 

Il deconfinamento greco è ormai totale, con la notevole eccezione di alcune isole… e dell’economia. I caffè e le taverne saranno riaperti questo lunedì 25 maggio, ovviamente a determinate condizioni. Già la vendita di bevande alcoliche e musica da bar è vietata sulle spiagge e i nostri tanto attesi turisti, dopo la graduale apertura delle frontiere a partire da giugno, dovranno poi, come i greci, seguire, se possibile, le cosiddette regole della nuova regressione sociale… dopo essere stati ammassati sugli aerei. Follia moderna!

Deconfinamento quindi graduale. Dal vicino Peloponneso è ora possibile raggiungere l’isola di Póros … con un valido motivo; tuttavia, le piccole navette devono trasportare solo due passeggeri alla volta invece di venti(…) Una strana atmosfera e l’incertezza sia da parte dei capi che dei dipendenti sul prossimo futuro del turismo, così come il presunto ritorno della malattia. (…)

“Visitare la Grecia per conoscere la Verità”, alla maniera del timbro postale che avrebbe portato il francobollo dell’Ufficio Postale, era in quel lontano maggio 1970 quando, sotto il regime dei Colonnelli, il poeta Séféris aveva ritagliato questo motto dalla busta e lo aveva fatto scivolare nel suo taccuino personale, aggiungendo semplicemente un punto esclamativo. Da notare che durante la dittatura dei colonnelli, tra il 1967 e il 1974, il poeta ruppe il silenzio il 28 marzo 1969 nella sua famosa dichiarazione alla radio della BBC quando ricordò “che la giunta era un disastro per il Paese e che nuove disgrazie erano da temere”. Seferis intuì l’invasione di Cipro da parte della Turchia, mentre il regime si appropriò del titolo di Ambasciatore Onorario di Seferis, privandolo del passaporto diplomatico.

Visitate la Grecia. Diario di Seferis, 14 maggio 1970.

(…)

Turbine eoliche in trasporto eccezionale. Beozia, maggio 2020
Repressione a Tinos. Stampa greca del 20 maggio 2020

È in questa parte del gioco chiamata deconfinamento dei sottomessi, che le forze dell’ordine sono state nuovamente inviate a Tinos, la bella Cicladica, per picchiare gli abitanti e i loro rappresentanti eletti locali che si oppongono alle turbine eoliche. Secondo il rapporto della stampa greca, le unità di polizia hanno scortato le macchine per il movimento della terra di fronte alla rabbia e ai blocchi degli abitanti. (…) le cosiddette leggi sanitarie servono come ulteriore e poi comodo pretesto per reprimere i greci ad ogni occasione.

(…) questa settimana una certa Grecia, ha commemorato il genocidio dei greci pontici da parte dei turchi, durante e dopo la prima guerra mondiale. “Il genocidio greco è l’assassinio sistematico di 350.000 greci sotto il dominio ottomano in Anatolia e dopo il 1914-1923 a causa della loro religione ed etnia ortodossa. Il genocidio greco pontico fa parte del movimento genocida iniziato dall’Impero ottomano sulle popolazioni assire e armene”.

“Questo genocidio è iniziato dal governo dell’Impero Ottomano e dal movimento nazionale turco contro la popolazione indigena greca dell’Impero e comprende massacri, deportazioni forzate con marce della morte, annegamenti di massa, esecuzioni sommarie, esecuzioni arbitrarie e distruzione di monumenti culturali, storici e religiosi. La maggior parte dei sopravvissuti fugge in Grecia, che rappresenta più di un quarto della popolazione della Grecia continentale, o nel vicino Impero russo”.

Il genocidio dei greci del Ponto. Internet greco

La memoria delle 353.000 vittime della barbarie storica turca è stata evocata in Grecia, come ogni anno il 19 maggio. In piazza Sýntagma ad Atene e di fronte alla Tomba del Milite Ignoto, quelli delle associazioni Pontiche così come le Guardie Evzones nel costume tradizionale dei Greci del Ponto (…) Mitsotákis, il burattino xenocratico fedele a se stesso, a Sóros e al linguaggio novecentesco dei politici metastatizzati, ha ritenuto opportuno nel suo messaggio ufficiale evocare la memoria dei Pontici senza usare una volta la parola Turchia. Come se i greci del ponte fossero stati massacrati in questo modo dagli extraterrestri. (…)

Memoria del genocidio dei greci pontici. Atene, 19 maggio 2020, stampa greca

(…) “Contrariamente al modello di tolleranza mitizzato dall’irenismo contemporaneo, lo sfruttamento dei popoli al loro interno e il ricatto del massacro o della deportazione di queste stesse popolazioni verso l’esterno, in altre parole l’uso indifferenziato di materiale umano a fini di egemonia politica, sono stati una pratica costante [della Turchia]. Saltando le epoche e i regimi, si estese dalla costruzione ottomana alla ricostruzione turca e prevalse sotto Atatürk come sotto Erdogan”.

(…)

Il deconfinamento greco è in procinto di essere totale, il paese si sta poi muovendo il più possibile, sia in patria che nel corso della storia.

Mitsotákis, nel suo discorso televisivo del 20 maggio, dedicato in gran parte al turismo, ha dichiarato la sua sicura e sicura ripartenza. “La nostra arma è il passaporto per la sicurezza, l’affidabilità e la salute che il nostro Paese si è guadagnato. “


Da “Caffè e terrazze” pubblicato Lunedì 25 maggio 2020

Articolo originale QUI

Piccola vittoria, grande gioia. Chiese, caffè e taverne hanno riaperto dopo due mesi e mezzo di chiusura. La nostra socievolezza è tornata (…) ci accontenteremo, perché sappiamo come cavarcela nell’unico e solo modo ereditato dagli anziani. Incontrare, scambiare, agire e se possibile… lavorare. Contro ogni previsione.

In questo Peloponneso… vecchio come il mondo, sono tornati gli habitué del miglior caffè del porto. (…)

“Bentornato a casa, salute e forza agli amici”. Le discussioni ruotano inevitabilmente intorno… al vaso rotto della normalità. “La nostra vita normale è finita… almeno per quest’anno. Poi temiamo il ritorno dei turisti, ci sarà inevitabilmente tra di loro chi si ammalerà. (…) Non ci libereremo dei diavoli così facilmente, te lo dico io”.

Bella riunione, però. I nonni che escono dopo dieci settimane di reclusione raccontano quanto sono stati protetti dai loro figli e nipoti (…) “Avete visto, nel Nord Europa e altrove, i governi hanno quasi ucciso i loro vecchi. Forse non potevano fare altrimenti”. (…) il ricongiungimento forzato di alcune famiglie si è basato sull’unico reddito regolare e quindi disponibile, quello dei pensionati. Questo spiega anche il fenomeno.

La socialità dei luoghi pubblici. Tessaglia, maggio 2020

(…)

Al confine con la Turchia sul fiume Evros, l’esercito di questa Turchia islamo-totalitaria di Erdogan, secondo alcuni rapporti, ha approfittato per circa due settimane dell’abbassamento del livello dell’acqua per occupare una striscia di 16.000 metri quadrati di terra greca. Quello che il ministro degli Esteri di Atene, Dedias, prima ha nascosto ai media e poi ha minimizzato la vicenda dichiarando “non stiamo combattendo una guerra per pochi metri di terra”.  (…) In questo Peloponneso, abituato ai visitatori (…) molti hotel non apriranno. “Mio cugino che lavora a Rodi in una posizione di responsabilità nella zona mi dice che il suo albergo farà lo stesso. Il rischio è enorme, il costo di gestione dell’hotel non è più sopportabile e soprattutto gli ospiti non verranno. Inoltre, i tour operator chiedono un’ulteriore riduzione dei prezzi, mentre il governo concede alcuni aiuti al settore alberghiero e della ristorazione e ad altre aziende solo a determinate condizioni. Soprattutto quando gli imprenditori devono impegnarsi a non licenziare i lavoratori fino a ottobre. Bella questa… Pochi imprenditori sono caduti in questa trappola… perché il futuro è chiaramente insostenibile”.

(…)

Il capitano Yánnis ci ha mostrato, oltre al suo gatto, una curiosa creaturina del fondo del mare, che stamattina è stata tirata su con le sue reti. “È la prima volta che vedo una bestiolina così strana”. Piccolo raduno, foto e altre domande. Il capitano si fa il segno della croce e ributta la bestia in mare. È un bello spettacolo… in un momento come questo.

La strana bestia uscita dal mare. Peloponneso, maggio 2020

(…) Per il geopolitico e docente dell’Accademia degli Ufficiali, Konstantinos Grívas, le maschere sono cadute. (…) “C’è chiaramente un potente e attivo partito turco non ufficiale, che attraversa addirittura l’intero sistema politico greco, va detto, finalmente le maschere sono cadute. Inoltre, comporta anche il popolamento del Paese da parte di questi immigrati musulmani e la creazione di zone grigie nelle isole e nella Grecia continentale, che la Turchia sta già apertamente rivendicando. (…) I nostri politici stanno collaborando con il nemico in questo modo, (…) un giorno, non così lontano, dovranno affrontare le proprie scelte, e questo non accadrà… non diciamo con calma. Se non fosse che alla fine emergerà un nuovo sistema politico, è inevitabile”.


Da “Complotto” pubblicato Venerdì 29 maggio 2020

Articolo originale QUI

Nel paese deconfinato le terrazze rimangono spesso vuote. Terrazze del caffè come terrazze private (…) Chiese finalmente aperte al paese reale, ci si fa il segno della croce, si invoca San Giorgio e San Cipriano come si scruta l’orizzonte dei fatti e dei gesti. L’economia non riparte come prima, il futuro avanza ancora più mascherato del solito. Secondo i media, la frequentazione di ristoranti e caffè è in caduta libera. Prima le persone sono impoverite, poi hanno sviluppato abitudini di reclusione, e infine c’è la paura di COVID-19, o meglio del futuro.

(…) Al caffè del porto, frequentato da coloro il cui reddito non è stato influenzato dall’attuale covidismo, commentano e ricordano il passato per mancanza di un futuro chiaro. (…) I giovani lavorano al meglio quando gli anziani contano le loro rendite. I vecchi marinai della vecchia marina mercantile sperano ancora di avere diritto a una pensione decente, vale a dire poco più di mille euro al mese, quando gli altri dipendenti privati cadranno inevitabilmente in conti di farmacista con le loro future piccole centinaia di euro. Dieci anni di occupazione da parte della troika e della casta dei profittatori ad Atene hanno abbassato notevolmente la dignità dei lavoratori tanto quanto la speranza. Ci accontenteremo di poco, ma quanto poco?

Il vecchio paese sta pensando e si sta scavando la fossa. Mentre Mitsotákis, l’amico di Sóros, sta dicendo ai media, su sua richiesta, che c’è molto di cui gongolare nei fondi per la ripresa proposti dalla Commissione europea, di cui 32 miliardi sarebbero destinati alla Grecia, in parte sotto forma di prestiti. Al caffè, le opinioni su questo argomento sono chiare. “Si inventeranno un nuovo memorandum, una troika allargata e occasionalmente, soprattutto a volte, ingrasseranno gli amici storici dei politici isterici”.

(…) L’invasione organizzata dalla Turchia, dall’ONU e dalle ONG nei Sóros, volta a espropriare i greci della loro terra e dei loro diritti, sta seguendo il suo corso. La stampa elettronica patriottica riporta, ad esempio, il processo a due personalità di spicco dell’Ong di Soros, arrestate a Lesbo nel 2018, con ottime ragioni. (…) Inutile dire che l’intero Gotha immigrato dell’ecosistema di Sóros si sta mobilitando per difendere i suoi soldati. Human Rights Watch, i Verdi, così come i partiti della Sinistra dell’Euro-sistema.

La loro linea di difesa(…) [è che] sono tutti rifugiati, il loro diritto a spostarsi non dovrebbe essere considerato un reato, anche quando il loro trasferimento è essenzialmente effettuato da reti di una vera e propria tratta di schiavi (…) non importa se, per salvare gli intrusi, l’organizzazione ERCI ha sostituito le autorità greche ufficiali nel controllo e nella sorveglianza delle frontiere, o se ha avuto contatti con le reti di trafficanti, o anche se ha monitorato da vicino e illegalmente le attività del porto come quelle di FRONTEX. (…) Alla fine, la pressione internazionale ha dato i suoi frutti. Nel dicembre dello stesso anno, queste persone condannate alla custodia cautelare sono state rilasciate dietro pagamento di una cauzione, (…) Il governo si prepara a svuotare parzialmente i campi rilasciando già 16.000 migranti riconosciuti come rifugiati nella natura morta della società greca, solo per riempire di nuovo il vaso e così via, televisione greca, 27 maggio. Tranne che per l’installazione di nuovi campi, le piccole città, in mancanza della colonizzazione del paese, incontrano ovunque l’opposizione degli abitanti e dei rappresentanti eletti locali e regionali, come accade ad esempio a Grevená, nella Macedonia greca, stampa del 28 maggio.

(…)

Nel paese deconfinato, i limoni cadono dagli alberi e i vecchi usi aspettano ancora il loro momento per tornare . Abbiamo fatto molta strada.

PROMEMORIA AI NOSTRI LETTORI:

Il blog vive grazie alle vostre donazioni. Se ve lo potete permettere, vi preghiamo di sostenerci. Grazie!

 

 

Pubblicato da Franz-CVM

Bancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com
Precedente Il Piano Colao. Arriva la shock economy di Friedman (e senza golpe militari)
Prossimo A carte scoperte, Pechino lancia la sua sfida per soppiantare la leadership Usa: è ora di scegliere con chi stare