navigazione Tag

Gazprom

Gazprom taglia il gas in Danimarca e Germania

Oggi, mercoledì 1 giugno, Gazprom ha annunciato di aver interrotto le sue forniture di gas naturale alla Danimarca, che così diventata il quinto Paese ad essere tagliato fuori dagli approvvigionamenti, in seguito al rifiuto del suo maggiore grossista di energia Orsted di pagare in rubli. "Alla fine della giornata lavorativa del 31 maggio, Gazprom Export non aveva ricevuto il pagamento delle forniture di gas di aprile da Orsted Salg & Service", ha spiegato la società russa in un…

ENI: avviata l’apertura dei conti presso Gazprom Bank

Con un comunicato pubblicato sul suo sito martedì 17 maggio, ENI ha reso noto di aver avviato in via cautelativa la procedura per l’apertura dei conti presso Gazprom Bank, "in vista delle imminenti scadenze di pagamento previste per i prossimi giorni". L'azienda ci tiene a ribadire che l'apertura dei due conti correnti, uno in euro ed uno in rubli, è stata voluta da "Gazprom Export secondo una pretesa unilaterale di modifica dei contratti in essere, in coerenza con la nuova procedura per il…

GAS: 20 società europee hanno aperto conti in Gazprombank

Altri dieci acquirenti europei del gas russo hanno aperto conti con Gazprombank per poter effettuate il pagamento come richiesto da Putin a fine marzo, scrive Bloomberg citando una fonte anonima a conoscenza dei fatti. In precedenza già dieci società avevano fatto tale scelta e ora altrettante si sono unite a loro, per un totale di 20 società che hanno compreso che senza gas russo le cose sarebbero precipitate pericolosamente. "Un totale di venti società europee hanno aperto conti, mentre…

GAS: La Germania ha accettato lo schema di pagamento russo

Come riferisce in esclusiva Reuters, la società tedesca VNG ha accettato il metodo di pagamento del gas imposto da Mosca e ha aperto un conto presso Gazprombank. "Pagheremo l'importo della fattura, che sarà ancora denominato in euro, sui conti di Gazprombank secondo la procedura prevista, al fine di garantire da parte nostra il pagamento tempestivo al fornitore", ha detto la società con sede a Lipsia, considerata il terzo importatore di gas naturale e la settima azienda energetica in…

L’Europa ha aumentato le importazioni di gas russo

In questi primi giorni di maggio l'Europa ha aumentato notevolmente le importazioni di gas rispetto ad aprile, ha affermato Alexey Belogoriev, viceDirettore capo per l'energia presso l'Istituto di Energia e Finanza (IEF). "Dal 1° maggio, c'è stato effettivamente un aumento esplosivo delle forniture di gas russo via gasdotto all'UE, rispetto ai livelli molto bassi di aprile. Per esempio, le consegne alla Finlandia, secondo ENTSO-G, sono aumentate di 4,8 volte tra il 30 aprile e il 4 maggio. Le…

La Polonia acquista gas russo dalla Germania

Dopo le interruzioni delle forniture a Polonia e Bulgaria, oggi, giovedì 28 aprile, Gazprom ha annunciato che Varsavia sta continuando a usufruire del gas russo, attraverso l'attivazione del flusso inverso del gasdotto che la collega alla Germania, alla quale il gas sta continuando ad arrivare. "Questa settimana la Polonia ha rifiutato di pagare il gas russo secondo le nuove condizioni, in rubli. È stato annunciato in pompa magna che non avevano più bisogno del gas russo e che non l'avrebbero…

Gazprom taglia le forniture a Polonia e Bulgaria

Come annunciato questa mattina sul suo canale Telegram, Gazprom ha interrotto le forniture di gas a Polonia e Bulgaria a causa del rifiuto dei due Paesi di pagare rispettando le nuove modalità decise da Putin il 31 marzo. Gazprom ha sospeso completamente le forniture di gas a Bulgargaz (Bulgaria) e PGNiG (Polonia) a causa del mancato pagamento in rubli. Alla fine della giornata lavorativa del 26 aprile, Gazprom Export non ha ricevuto i pagamenti per le forniture di gas di aprile da Bulgargaz…

Ex cancelliere tedesco in corsa per il CdA di Gazprom

Si chiama "meccanismo della porta girevole" ed è stato spiegato ottimamente nel libro Lobbying. È una metafora di come politica e lobbismo si mescolino continuamente nei palazzi del potere, con politici che a fine mandato diventano portatori di interessi economici e lobbisti che invece si vanno a sedere sulle poltrone dei palazzi istituzionali. Premessa importante per inquadrare la notizia riportata. Ieri è balzato agli oneri della cronaca internazionale che l'ex cancelliere tedesco…

Frozen Deutschland

Pepe Escobar strategic-culture.org Anche se"cerebroleso" come la NATO (copyright Emmanuel Macron), nessuno ha mai perso qualcosa di valore scommettendo sull'incompetenza, la ristrettezza mentale e la codardia dei "leader" politici di tutta l'UE atlantista. Ci sono due ragioni principali per l'ultimo sgambetto dei legulei Tedeschi, la sospensione della certificazione del gasdotto Nord Stream 2. 1. La ritorsione, direttamente contro la Bielorussia e la Russia, "colpevoli" del vergognoso…

La guerra mondiale del gas: il bello deve ancora arrivare!

Dmitry Orlov cluborlov.wordpress.com Il prezzo spot del gas naturale in Europa ha appena superato il livello, psicologicamente importante, dei 1000 dollari per mille metri cubi, o un dollaro al metro cubo. Questo ha già avuto alcuni risultati significativi in tutta Europa. Nel Regno Unito, gli impianti che producono fertilizzanti non possono funzionare a questi prezzi e hanno chiuso. Questo causerà, a tempo debito, un'inflazione nei costi dei prodotti alimentari, ma l'effetto immediato sarà…

Nulla è cambiato nel destino del Donbass

DI DMITRIJ SEDOV fondsk.ru E che dire del transito del gas russo attraverso l'Ucraina dopo Capodanno? I media hanno caratterizzato con moderazione l'incontro del "Quartetto Normandia" a Parigi il 9 dicembre come un certo progresso, dato che gli Accordi di Minsk hanno ottenuto l’uscita da un lungo stato di "congelamento". Gli incontri dei quattro Capi di Stato sulle questioni della conciliazione della crisi ucraina sono ripresi. È stato ribadito il ruolo fondamentale degli Accordi di…

Il Nord Stream 2 supera il traguardo danese

Jim Dean journal-neo.org "Con un gentiluomo sono sempre un gentiluomo e mezzo e con un mascalzone cerco di essere un mascalzone e mezzo" ... Otto von Bismark, statista prussiano. Il Nord Stream 2 ha ottenuto dal governo danese il via libera per connettersi al terminale terrestre di Lubmin, in Germania. La decisione è stata presa in modo melodrammatico dai Danesi, un tracciato appena al di fuori delle proprie acque territoriali, in una zona considerata esente da rischi…

Poroshenko esce, Zelenskij entra. Cambieranno le cose in Ucraina?

DI TOM LUONGO strategic-culture.org Il danno incalcolabile che è stato arrecato al territorio per cinici obiettivi geopolitici non potrà mai essere annullato, ma potrà arrestarsi. Con l'arte che emula la vita, le elezioni presidenziali in Ucraina si sono concluse con Volodymyr Zelenskij che ha acquisito una grande maggioranza, rispetto a Petro Poroshenko in carica. Quindi, andiamo dritti al punto. Questo cambierà qualcosa? L'Occidente ha versato un sacco di soldi e tempo per…

Il gas russo e le elezioni ucraine

DI PETR ISKENDEROV  fondsk.ru L'Ucraina ha bisogno di forniture dirette di gas dalla Russia I risultati del primo turno delle elezioni presidenziali in Ucraina prefigurano una lotta ad alta tensione nelle prossime due settimane e mezzo. E uno dei punti importanti di questa lotta sarà la questione della futura cooperazione con la Federazione Russa nel campo dell'energia, in particolare, la salvaguardia delle forniture del gas russo e il suo transito attraverso il territorio ucraino…

La partita della Russia in Libia – Ecco il piano di Vladimir Putin

LORENZO VITA occhidellaguerra.it Non si può avere un ruolo di primo piano in Libia, senza passare per la Russia. È questa una delle poche certezze che si hanno nel caos che pervade il paese nordafricano. La strategia di Vladimir Putin, nel difficile scacchiere libico, è sempre stata particolarmente silente. Il Cremlino, dopo la caduta di Muhammar Gheddafi, si è mosso con prudenza, consapevole che la fine del colonnello ha avuto un effetto disastroso sulla costruzione della…

USA e “Trimarium”: tutto ruota attorno al gas

Di SERGEJ PAVLENKO fondsk.ru La Polonia continua a considerarsi il principale centro anti-russo e filo-americano d’Europa Il 17-18 settembre, Bucarest è diventata la sede dove si è concentrato un gran numero di VIP: nove Presidenti, due Presidenti di Parlamento, un Primo Ministro, due Ministri degli Esteri, il Presidente della Commissione Europea e inoltre il Ministro dell'Energia statunitense. Queste persone si sono riunite per prendere parte al summit degli Stati di "Trimarium" o -…

Una pausa di mezza estate

DI DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com 58ºN è la latitudine a cui trascorriamo le nostre estati. Siamo 3º a sud (e 120º ad ovest) di Anchorage, Alaska. Il tempo qui è subtropicale, da settimane. Un paio di pantaloncini  (lavati ogni giorno saltando nel fiume) bastano come vestiario. Saltare nel fiume è ancora rinfrescante, anche se è abbastanza caldo da poterci passare mezza giornata senza rischiare il raffreddore. Le temperature diurne oscillano attorno ai 27°C; il massimo di domani è…

Naftogaz dell’Ucraina rivendica la vittoria per 2,5 miliardi di Dollari nella battaglia legale con Gazprom

FONTE: RadioFreeEurope /RadioLiberty La società dell’energia ucraina Naftogaz ritiene che il colosso del gas statale russo Gazprom dovrà versare 2,56 miliardi di Dollari, dopo che un tribunale svedese ha deliberato a favore di Naftogaz, nella fase finale di una lunga battaglia legale. Il Ministro ucraino delle infrastrutture, Volodymyr Omelyan, ha accolto favorevolmente la decisione del 28 febbraio, definendola su Facebook una "vittoria a Stoccolma". Nel giugno 2014, la Gazprom e la…

Sanzioni di merda

DI DMITRY ORLOV Club Orlov Quale che sia la divinità pagana responsabile del tempo di questo inverno, questa sembra che stia prendendo in giro gli americani. Non credete nel riscaldamento globale? Bene, perché allora i moscoviti non possono godersi la rara vista dei salici in fiore a gennaio lasciando voi a congelare? Il risultato è stato brutale. Non solo le temperature molto basse, in una regione dove alcune persone sembrano credere che un berretto da baseball si qualifichi come…

La (ri)russificazione del Mediterraneo

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Sin dai tempi delle guerre napoleoniche, la storia insegna che le offensive contro i russi terminano puntualmente con un loro balzo in avanti: non fanno eccezione le “Primavere Arabe” e l’ISIS che, scatenati anche in chiave anti-russa, si sono trasformati in una paradossale avanzata di Mosca in tutto il Medio Oriente. Dall’Algeria all’Iraq, dalla Siria all’Egitto, la Russia sta assurgendo, proprio come negli anni ’60, a stella polare per…