Pioggia di miliardi italiani sull’Europa

di Davide Gionco, attivismo.info

Da molti anni siamo abituati alle sensazionali notizie sulla “pioggia di miliardi dall’Europa” che dovrebbero dissetare le aride terre d’Italia.
Ma se guardiamo ai dati reali la storia è un po’ diversa. Abbiamo costruito dei grafici partendo dai dati ufficiali di bilancio relativi ai fondi versati dall’Italia all’Unione Europea ed ai fondi erogati dall’Unione Europea all’Italia.

Prendendo in considerazione i dati dal 1994 (poco dopo l’entrate in vigore del Trattato di Maastricht) e il 2019, la rappresentazione è quella che segue:

 

Dopo 25 anni il conto netto è che l’Italia ha erogato, a fondo perduto, quasi 113 miliardi di euro all’Unione Europea:

Abbiamo rappresentato gli stessi dati mettendo in evidenza il valore cumulativo nel tempo:

Dobbiamo anche tenere conto del fatto che 2,3 miliardi netti erogati alla UE nel 1994 corrispondono a 3,7 miliardi del 2019, in quanto nel 1994 l’indice dei prezzi era più basso di oggi. Abbiamo quindi ricalcolato la tabella tenendo conto dell’indice ISTAT di rivalutazione dei prezzi:

Ci avevano detto che nel medio-lungo termine avremmo avuto grandi vantaggi dalla nostra adesione all’Unione Europea.
Sono passati 25 anni, ma i risultati sono stati molto diversi da quelli promessi. Peraltro che cosa ci si dovrebbe attendere da una “impresa” che per 25 anni taglia gli investimenti e la spesa corrente, per fare donazioni a fondo perduto a delle “imprese” concorrenti? Nessuno vuole negare l’importanza etica della solidarietà fra paesi più ricchi e paesi più poveri, anche a livello continentale. Ma allora ce lo avrebbero dovuto dire: l’Unione Europea non era un progetto politico per lo sviluppo economico comune dei paesi europei, ma era un fondo comune per trasferire denaro ai paesi più poveri, per farli uscire dalla povertà, al prezzo del nostro impoverimento. E’ una proposta politica che potrebbe avere un senso, ma ce lo avrebbero dovuto spiegare e chiedere la nostra approvazione, cosa che, invece, non è mai accaduta.

Dopo 25 anni e più di Unione Europea l’Italia sta scalando le classifiche della povertà, oramai solo dietro Romania, Bulgaria e Grecia:

La povertà è quasi triplicata negli ultimi 15 anni. E non disponiamo ancora dei dati, certamente catastrofici (basta leggere il Rapporto Caritas 2020) del 2020, con i danni economici causati dal coronavirus, a cui il governo non ha voluto rispondere adeguatamente.
Diciamo che forse non è l’Italia il paese ricco che doveva aiutare, a sue spese, i paesi poveri a crescere economicamente:

Ora ci annunciano la “pioggia di miliardi” del Recovery Fund che, al netto dei prestiti, potrebbero significare, finalmente, un attivo di 5-6 miliardi di euro fra quanto l’Italia paga e quanto riceve, sempre che le quote da pagare non aumentino a seguito della Brexit. Questo se tutto va bene.

Ma non chiamiamola “pioggia di miliardi”.

Se pioggia di miliardi c’è stata, lo è stata dall’Italia verso l’Europa.

E ne abbiamo pagato molto caro il conto.

Di Davide Gionco, attivismo.info

Fonte: https://www.attivismo.info/

Link all’articolo originale: https://www.attivismo.info/pioggia-di-miliardi-italiani-sulleuropa/

Pubblicato da Guido Carlomagno, ComeDonChisciotte.org

 

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Violetto
Violetto
29 Dicembre 2020 7:36

Però per completezza dell’articolo e per non schierarsi sempre da una parte, cosa ormai davvero odiosa, per dare una vera informazione completa e corretta bisogna dire anche che : “sui fondi strutturali e investimenti o European Structural and Investment Funds si può verificare che ad oggi l’Italia su 75 miliardi di euro stanziati a suo favore dal bilancio 2014-2020 ne ha decisi 54 miliardi con progetti pari al 73% del totale e spesi solo 26 miliardi pari al 35% del totale.” Quindi non solo l’Italia è contributore netto, ma non sa spendere i soldi che gli toccano indietro. https://it.businessinsider.com/fondi-europei-italia-quanti-ne-prende-problema-soluzione/ ___________ L’Italia, dopo la Polonia, è il secondo paese ad aver ricevuto più risorse: 75 miliardi, così distribuiti: 33 miliardi (44,6%), destinati al Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr); 21 miliardi (27,8%) per il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale; 17 miliardi (23,1%), destinato al Fondo sociale europeo; 2 miliardi, (3,1%) per il programma operativo per l’occupazione giovanile e infine quasi un miliardo (1,3%) per il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca. Alla fine dello scorso anno l’Italia aveva speso il 35 per cento dei fondi (26 miliardi), mentre il 73% (54,6 miliardi) era stato allocato –… Leggi tutto »

ITALIA ENSEÑA
ITALIA ENSEÑA
Risposta al commento di  Violetto
29 Dicembre 2020 8:19

Molto utile l’ informazione ed e’ vero, e’ odiosa la polemica a senso unico.

Maurizio
Maurizio
Risposta al commento di  Violetto
29 Dicembre 2020 17:24

infatti sarebbe interessante capire se le l’importo degli euro ricevuti è già al netto di quelli che non siamo riusciti a utilizzare.

Nicola Morgantini
Nicola Morgantini
Risposta al commento di  Violetto
29 Dicembre 2020 19:18

Sì, sì, per carità. Peccato che i soldi che tornano ai paesi membri devono essere spesi per gli usi e nei modi stabiliti dalla UE: usi che sono in massima parte inutili e modi che definirli farraginosi è far loro un complimento.

mingo
mingo
29 Dicembre 2020 22:42

Si sapeva e più volte è stato detto che riceviamo meno, di quello che diamo.
E aggiungo si ! Daremo più soldi alla UE perché la UK se ne andata,quanti non so, ma avevo letto che la cosa è molto sicura.