Home / Archivi etichette: Mitsotakis

Archivi etichette: Mitsotakis

Grecia invasa… è solo l’inizio?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr La fine dell’autunno in Grecia è caratterizzata dall’intensificarsi dei flussi migratori in ingresso, non più solo nelle isole, ormai sature, ma direttamente sul continente. Sono giovani, in forze, dotati di cellulare, spesso inviati direttamente dalla Turchia, con evidenti finalità di destabilizzazione del mai amato vicino ellenico. La propaganda dilagante non ferma le reazioni popolari, che si fanno sentire un po’ ovunque, anche perché le disposizioni (ufficiali e non) dicono in sostanza che i nuovi arrivati devono …

Leggi tutto »

Goodbye Grecia

DI  PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Il mese di ottobre ha visto il “nuovo” governo di Mitsotakis entrare nel vivo dell’agenda per la cui realizzazione è stato pensato, in perfetta continuità con quello precedente. Il fronte principale? I migranti, che affluiscono copiosi dalle isole al continente, mentre la Turchia organizza addirittura ponti aerei per ammassare potenziali profughi alla frontiera greca. Una volta arrivati, trasportati dalla Marina militare, si riversano negli ospedali, dove hanno la precedenza sui malati locali (che vengono lasciati morire …

Leggi tutto »

Quanti migranti può accogliere l’Europa?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr La Grecia entra nell’autunno dove trova le prime avvisaglie del nuovo governo Mitsotakis, prima fra tutti una strisciante ulteriore apertura delle frontiere greche ai flussi migratori favoriti dai ricatti della vicina Turchia. E, se non ci stanno più nelle isole, il governo che fa? Li manda in Macedonia con tutto spesato, compresa la carta prepagata da Soros, chissà che non annacquino un po’ il nazionalismo di quelle regioni. Intanto si preparano ulteriori dismissioni di importanti asset …

Leggi tutto »

Alternanza senza alternative. (Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia)

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia. Da “Ha votato!” pubblicato lunedì 8 luglio 2019 Articolo originale QUI Presunto paese, presunto voto. L’alternanza senza alternative, con gli occhi sbarrati o meno, di Kyriakos Mitsotakis e Aléxis Tsipras subito dopo il passaggio del cosiddetto potere, lunedì 8 luglio. Atene a 40 gradi Celsius è fatto di stagione. Quasi il 43% di astensione ed ecco “questa chiara vittoria” della Nuova Democrazia con una percentuale di poco meno del …

Leggi tutto »

Queste parole di Bini-Smaghi sono esemplari

DI ANDREA ZHOK facebook.com Il mediatore al ribasso Tsipras era ancora troppo poco ‘market-friendly’ (dopo tutto non hanno ancora venduto il Partenone), ma ora i mercati gioiscono perché immaginano ulteriori golose privatizzazioni promesse da Mitsotakis. Giù, giù, fino a quando la Grecia sarà diventata una semplice espressione geografica (il sogno di tutti i ‘no borders’, che si tratti di muovere liberamente capitali o forza-lavoro). La Grecia è diventata la cavia di laboratorio che l’euroliberismo vuole mostrare al mondo come esempio …

Leggi tutto »

Avanti il prossimo

Politici all'interno

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Oggi, Domenica 7 luglio la Grecia torna a votare: elezioni parlamentari, indette da Tsipras dopo il disastro delle recenti europee, che segneranno probabilmente l’avvicendamento delle forze al Governo, con il ritorno al potere del centro-destra di Mitsotakis e del partito “Nuova Democrazia”. Nuove maschere per continuare lo stesso balletto, nessuno si fa illusioni, in Grecia. Varoufakis tenta di rimettersi in sella, portando avanti la più pura e incontaminata linea politica 100% Soros compatibile. E sì che …

Leggi tutto »

Primavera austera e nuovi scrocconi

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Marzo di inizio primavera, in Grecia. Tempo buono e pessima vita per i greci. Greekcrisis ci racconta dei tentativi di normalità degli ateniesi: il 30% che ancora arriva a fine mese, che scappa dalla città, ed il restante 70% no, tranne chi è già scappato negli anni scorsi (il 5%della popolazione). Chi ha protestato nei primi anni della crisi (2011-2012) ora non scende più in piazza, mentre i capi di quelle proteste si sono accasati in …

Leggi tutto »