Benedetta ortodossìa

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Dopo un mese di pausa, causa un problema di salute, ritornano le cronache dalla Grecia del blog www.greekcrisis.fr di Panagiotis Grigoriou. Immersi anche ad Atene nella realtà della guerra, i greci però conservano, in virtù dei loro storici legami con l’ortodossìa, uno sguardo critico sulle vicende ucraine e sul relativo racconto che ne viene fatto dai media. Il che gli consente di meglio comprendere anche il punto di vista di Mosca sull’intera questione. Intanto, il governo Mitsotakis prende ogni pretesto per proseguire nella sua agenda di svendita del paese: ora per giustificare il disarmo delle difese sulle isole dell’Egeo (ed il conseguente cedimento alle pretese turche) si inventa perfino che le relative armi… servono agli ucraini. Del resto, serve qualcuno che faccia un “sacrificio” per tenere nel campo occidentale Erdogan.

———————————————————————

Da “Mars Attack” – Domenica 6 marzo 2022
(…) Marte, in latino, dio della guerra, identificato con l’Ares dei greci. Un tempo simbolicamente segnato dalla Pirica, la danza di guerra, particolarmente onorata a Sparta e a Creta e poi importata a Roma, (…) La Pirica si balla ancora tra i greci originari del ponte dell’Euxine verso Trapezunte… molti dei quali, espulsi dalla Turchia, vivono in Grecia dal 1922, ma anche nella regione di Mariupol e del Mare di Azov. Si sono uniti alle comunità greche locali, che hanno più di 2.500 anni.
Questi greci, o più precisamente greco-russi, contavano più di 250.000 persone prima del 2014, salvo che dopo i pogrom iniziati dalle truppe naziste di Kiev, il loro numero è sceso a 150.000, secondo le stime del momento, come quelle di Sávvas Kalenderídis. [Essi] hanno lasciato i loro villaggi.
I fatti più globali della regione, anche quelli relativamente recenti, sono sufficientemente noti per essere riassunti abbastanza accuratamente, tra gli altri da Thierry Messian. Fatti noti…
(…) secondo Thierry Messian.

Nel 2007, la CIA ha organizzato un congresso a Ternopol, in Ucraina, per riunire i neonazisti europei e i jihadisti anti-russi del Medio Oriente. Nel 2013, la NATO ha addestrato gli uomini di Dmitro Yarosh nella guerriglia di strada in Polonia. In questo modo, sono stati operativi durante il cambio di regime in Ucraina guidato da Victoria Nuland: la “Rivoluzione della Dignità”, conosciuta anche come “EuroMaïdan”. La maggior parte dei giornalisti sul posto si accorse della presenza inquietante di questi nazisti, ma le personalità occidentali che vennero a partecipare a questa -rivoluzione-, come Bernard-Henri Lévy erano ciechi. “Nei mesi successivi, la presenza di cinque ministri nazisti nel governo di transizione ha provocato i referendum di indipendenza negli oblast di Donetsk e Lugansk. Il presidente Petro Poroshenko, su consiglio degli amici di Hunter Biden, li ha organizzati in unità militari e li ha collocati al confine delle nuove Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. “Per sette anni, i gruppi nazisti hanno massacrato a caso la gente nel Donbass. Germania e Francia, garanti degli accordi di Minsk, non hanno fatto nulla. Le stesse Nazioni Unite hanno chiuso un occhio. In sette anni, questi gruppi sono cresciuti. Sono passati da centinaia di soldati a migliaia. “Su richiesta di Victoria Nuland, il presidente Zelenskyy ha nominato Dmitro Yarosh consigliere speciale del capo dell’esercito. Quest’ultimo ha riorganizzato i neonazisti in due battaglioni e gruppi urbani. Ha lanciato un attacco massiccio contro gli oblast separatisti nel fine settimana della conferenza di sicurezza di Monaco, scatenando la risposta russa. Tutti questi fatti sono indiscutibili. La risposta della Russia può essere vista come sproporzionata e inappropriata, ma non come ingiustificata.”

Victoria Nuland certamente, e aggiungeremmo, anche il suo ambasciatore di allora a Kiev, Pyatt; da allora è stato nominato ad Atene, una nomina che ha decisamente posto le basi per ciò che seguirà nell’accerchiamento della Russia, tra… Kiev e Atene. Ora lo sappiamo.

“Bisogna tener presente che la seconda guerra mondiale è stata vissuta in modo diverso in Occidente e in Oriente. In Europa occidentale, il nazismo era una dittatura che prendeva di mira le minoranze, gli zingari e gli ebrei, e li rapiva e sterminava a milioni nei campi. Nell’Europa dell’Est, il progetto era molto diverso. Si trattava di liberare uno spazio vitale sterminando la popolazione slava. Non c’era bisogno di un campo. Tutti dovevano essere uccisi. Solo nell’URSS morirono 27 milioni di persone. La Russia moderna è stata costruita sulla memoria di questa Grande Guerra Patriottica contro il nazismo. Per i russi, è inaccettabile indossare svastiche e approvare una legge razziale. (…)

Nulla è evidentemente dimenticato in questa terra di attrito nella tettonica delle culture e della geopolitica, fino alle culture della guerra e del sangue; soprattutto su questa striscia territoriale che va dall’Ucraina alla Grecia… passando per i Balcani. (…)

Villaggio greco bombardato dai nazisti di Azov. Stampa greca, marzo 2022

(…) il canale SKAI di regime ha raggiunto un greco di Mariupol rappresentante della sua comunità, alla domanda – “State lasciando la vostra casa, avete intenzione di lasciare la città?”…[questi] non ha dato la risposta che si aspettavano i cani da guardia dei giornalisti di Mitsotàkis e Pyatt: “Non possiamo uscire, perché se usciamo, i fascisti – i nazisti del battaglione AZOV – ci uccideranno”. La verità, nient’altro che la verità.
(…) E prima di tutto, questa stessa Grecia di Mitsotàkis ha appena inviato a Kiev, attraverso la Polonia, diverse migliaia di fucili d’assalto Kalashnikov, la maggior parte dei quali provengono da un sequestro di qualche anno fa… da una barca noleggiata dalla mafia ucraina, armi che erano destinate ai jihadisti del Medio Oriente. Torna al mittente.
E c’è di peggio, perché Mitsotàkis e i suoi scagnozzi hanno, secondo il rapporto di questa settimana, spogliato la difesa antiaerea delle isole greche nel Mar Egeo e non è tutto, perché questo Quisling di Atene e prima di tutto della NATO, Berlino e l’UE. questa Babele satanista, ha appena specificato “che le armi di origine russa in Grecia saranno neutralizzate e ritirate, poiché non sono essenziali per la difesa nazionale”, alcune delle quali sono già state consegnate ai militari di Kiev o ai mercenari assoldati dalla NATO.

L’accerchiamento della Russia 1998-2022

Questa… neutralizzazione riguarda i missili S-300, i sistemi Tor-M1 che costituiscono il 100% della forza contraerea di Creta e proteggono il 115 Fighter Squadron, responsabile della difesa aerea dell’Egeo meridionale e del Dodecaneso, ma anche di Cipro. Lo stesso vale per le batterie antiaeree in Tracia, vicino al confine con la Turchia, dove l’esercito greco utilizza principalmente sistemi missilistici semoventi Tor-M1.
Non è un caso che la Turchia stia tornando sui suoi passi… Non è un caso che la Turchia torni ora sul suo desiderio imperativo di “riprendersi le isole greche” nel Mar Egeo, che “la Grecia deve smilitarizzare rapidamente”. Con il pretesto ucraino, sembra che sia quasi finito il loro disarmo, perché la famiglia degli apolidi Mitsotákis ha sempre lavorato per gli anglosassoni, per i tedeschi e poi per i turchi.
(…)
Sulla stazione televisiva turca di Atene SKAI, che lavora per Pyatt, i giornalisti si scatenano. “C’è [in Grecia] una forte corrente antioccidentale e filorussa al momento che rende difficile il nostro compito.

L’ambasciata russa ringrazia i greci anonimi. Marzo 2022

Perché i greci, tra quelli che hanno ancora gli occhi aperti, credono che nel migliore dei casi la Grecia non dovrebbe essere coinvolta in questo conflitto, tanto meno contro i russi. Questo è quello che sta facendo l’Ungheria, ma anche la Turchia.

Ankara, come al solito, gioca su entrambi i lati della barricata, non ha chiuso il suo spazio aereo agli aerei russi, non ha ridotto il suo commercio con la Russia, e si è persino presentata come una potenza mediatrice tra la NATO e Mosca. (…)
Intanto, dopo i 144.000 pakistani che il Ministero dei Migranti e Soros di Atene vuole sistemare in Grecia, il ministro del Turismo si dice pronto ad accogliere 50.000 ucraini, “che lavoreranno nel settore del turismo, secondo le decisioni dell’Unione Europea”. Sì, la guerra attuale è già globale, è anche ibrida e immigrazionista, e non risparmia nessuno.
————————————————————————————————————————–

Da “Volodya tra i greci” – Giovedì 10 marzo 2022

(…) da Salonicco ad Atene, nevica da martedì, e i nostri meteorologi spiegano senza ridere che “questa nuova ondata di freddo… mescolata alla povertà e quindi alla guerra, viene direttamente dall’Ucraina”. E vedete, di questi tempi, è un po’ come rielaborare le previsioni del tempo”, aggiungono alcuni di loro. Di conseguenza, tutta la Grecia trema, tranne quelli della sua mafia cesaro-khazarista al potere ad Atene.
(…)
Al momento in Grecia ci sono solo quelli che seguono completamente la mafia della partitocrazia al potere, e quelli che vogliono liquidarla… anche fisicamente. Tra queste due posizioni, non c’è più equilibrio, è morto come la speranza politica.Il burattino di Atene preferisce quindi la resa senza guerra, piuttosto che un episodio bellico nell’Egeo iniziato dalla Turchia. Perché la situazione è tale che in caso di una catastrofe finale troppo visibile, i greci potrebbero ribellarsi.

Questa è la nostra ultima speranza… E Dio. (…)
Perché a differenza della Russia, per esempio, la Grecia, un paese piccolo e potenzialmente ricco, non ha scorte, non ha una produzione locale, non ha l’autarchia come minimo, e ancor meno uno stato, come si dice, elementare nelle sue prerogative positive. Se non per saccheggiare la ricchezza pubblica e privata della maggioranza, a beneficio della mafia dominante e dei truffatori globalisti. Come nel caso delle multe di 100 euro al mese che vengono ora imposte ai greci sopra i 60 anni che non hanno accettato i vaccini di Bourla, l’altro amico Khazar di Mitsotákis, che è ovviamente anche un venditore della Pfizer.

(…) Abbiamo anche lasciato per il momento il nostro amico Tássos de Galatás. Ha chiuso il suo negozio… senza riscaldamento per tornare a casa. Dato che usiamo la macchina solo una volta alla settimana, abbiamo colto l’occasione per comprare tre lattine di olio per riscaldamento dal benzinaio. 75 litri a 1€50 al litro. Calore che può. Questo, dopo tutto, ha rappresentato la metà dei contributi dei lettori di questo povero blog quest’ultima volta. Li ringraziamo di nuovo perché non è troppo. Altrimenti, abbiamo comprato del cibo per fare le nostre zuppe… così come lo stretto necessario per soddisfare i bisogni alimentari dei gatti.

Bisogna anche specificare che a Mimi ed Hermes di Greekcrisis, si è aggiunto abbastanza spesso Volodya, un gatto siamese, ma insomma… da qualche parte in Russia. Apparteneva a una donna della regione di Voronezh, ha vissuto in questo villaggio del Peloponneso fino a un anno fa. Essendo morto il suo marito greco, ha preferito tornare nella sua patria, la Russia. Ma Volodya è rimasto… e quando Volodya insiste, sa sempre perché.

Hermes e Volodya

(…) I nostri agricoltori lanciano l’allarme in questo momento, i fertilizzanti sono troppo cari quando non scarseggiano, così come molte medicine per gli animali e altrettante per l’uomo, senza dimenticare la prevedibile carenza di mangimi per il bestiame. Dopo le stronzate dei democratici… ora c’è già carenza di mangime.


Da” Uscieri e matrone”- Domenica 13 marzo 2022

Neve, pioggia e vento. I greci sono freddi perché sono impoveriti, amorfi e disperati, dopo la guerra a bassa tensione che stanno soffrendo da più di dieci anni. E hanno perso questa guerra. Dieci anni fa, vivevamo in un appartamento in un edificio riscaldato ad Atene. Poi è arrivato il 2012, l’anno cruciale in cui più della metà delle cavie greche ha smesso di usare il riscaldamento centrale. Da allora, l’anchilosi si è impadronita del corpo e dell’anima. Questa è una ragione in più per i greci per dire… che questo degrado e anche depravazione della loro vita che rimane, non è stato causato da Vladimir Putin.

Usando tutte le risorse

(…) Solo in due mesi quest’anno, ci sono stati più di 25 morti, “a causa del cattivo riscaldamento”, tanti quanti in tutto il 2014 per esempio, secondo un’indagine condotta dai Vigili del Fuoco a livello nazionale. Naturalmente, parlare di “cattivo riscaldamento” è un eufemismo imposto dalla neolingua del Regime, per non dire un lento genocidio per impoverimento. Ma siamo abbastanza abituati agli eufemismi, come l’impoverimento.

Ora, ha nevicato questa settimana fino al Peloponneso costiero così frequentato dai turisti del nord Europa ogni estate, e i nostri meteorologi spiegano che “questo inverno è il più freddo del decennio”. Solo che dieci anni fa il gasolio da riscaldamento costava 40 centesimi al litro, mentre oggi costa più di 1,50 euro, e questo è solo l’inizio del RESET… più l’elettricità, il cui prezzo è raddoppiato in soli sei mesi.

(…) ad Atene o a Patrasso (…) tutti i segnali e gli allarmi attuali sono in rosso (…) quasi dieci anni fa è stata presa la decisione di distruggere più della metà di ciò che il nostro paese aveva ancora in termini di pescherecci tradizionali. Questo fu l’inizio della fine per la pesca di sussistenza, e quindi, a lungo termine, il preludio alla carestia, sotto gli effetti possibili e combinati del crollo economico “tecnico”, così come della guerra a geometria variabile. (…) alcune catene di supermercati in Grecia, che proprio questa settimana hanno limitato l’acquisto di farine a base di grano. “Non più di tre pacchetti per cassa”. Siamo stati avvertiti.

“Non più di tre pacchetti”. Grecia, marzo 2022 (stampa nazionale)

(…) bisogna dire che gli ordini e i prezzi non seguono più [le normali dinamiche], e per non fare brutte figure, il cosiddetto “libero mercato” all’ingrosso si è già trasformato in Grecia, come nel resto d’Europa, in un mercato nero più mafioso che mai. Come nei più grandi momenti di questo contrabbando che gli specialisti accademici chiamano ancora a volte… “il sistema economico”. Bisogna anche dire che la nostra situazione attuale è sempre più simile alla pirateria ordinata dall’alto.

Oggi, questi iniziati metamondiali pensano di aver raggiunto la fase finale del nostro sterminio, che è, se necessario, medicalmente assistito, quando la loro cospirazione permanente diventa sempre più visibile perché è chiaramente annunciata, per esempio sotto forma di Agenda 2030.

Eppure molti europei (…) si dirigono volentieri verso il macello. Perché la loro morte è forse tanto una questione di… piuttosto una morale cabalistica, o interpretata come tale. I goym devono sacrificarsi, il che rende più facile per gli iniziati… che lavorano per lo spopolamento del pianeta. Una testimonianza attuale, lasciata su un sito web greco mainstream… da un goym, sotto forma di commento.

“Buongiorno. Come sembra che dormiamo il sonno dei giusti; eppure, nel frattempo, alcuni stanno scavando la nostra tomba davanti ai nostri occhi. Il profitto, l’usura e il ricatto hanno raggiunto proporzioni enormi in tutto il mercato. Esempio: 200 tonnellate di mais prepagato non sono state consegnate perché il fornitore non le aveva. I suoi camion si sono fermati al confine bulgaro prima di entrare in Grecia e sono tornati indietro, diretti in Germania, perché altri grossisti pagavano 50 euro in più a tonnellata. Il carico era destinato a un amico che alleva maiali.
“Per me è lo stesso. Per le panetterie, lo stesso. Lo stesso vale per le pasticcerie. Ovunque si sente lo stesso ritornello. E questo succede in tutta la cosiddetta Europa civile, con gli anglosassoni che fanno girare in tondo tante navi, tanto che gli accordi sulla vendita di farina e cereali non vengono più rispettati in tutta Europa.
(…)  Eppure non c’è praticamente nessun problema di scarsità al momento, è solo panico, e nessuno intende vendere ai prezzi stabiliti, ma a quelli effettivamente imposti dal… grande mercato nero. Un mercato nero, al suo meglio… paneuropeo. Vergogna”.

“Per quanto riguarda il ministro in questione, dorme ad Atene, e presto tutti noi avremo perso le nostre case per pignoramento. Noi, cioè gli imprenditori alimentari. Giuro sulle ossa dei miei genitori che quello che sto scrivendo qui è solo la parte visibile di quello che sta succedendo in questo momento, che colpisce il mercato delle materie prime, di cui l’industria alimentare ha tanto bisogno per esistere.

“Hanno letteralmente il coltello alla gola. Che escano anche loro a dirlo pubblicamente, i nostri pasticceri, i nostri panettieri, così come tutti gli altri, perché non possono che confermare quello che sto dicendo. (…) i ministri… attualmente ad Atene, ci dicono poi questa settimana senza nemmeno la minima spudoratezza, “non guidate più, l’automobile non è fatta per i poveri, restate in una sola stanza in casa, usate il forno elettrico per i vostri pasti perché è tanto una fonte di calore, quando non avete i mezzi… dovete lavarvi una volta alla settimana in inverno”, e così via.

La NATO ha appena ordinato al burattino Mitsotàkis di restituire la Grecia alla Turchia il più presto possibile. (…) Mitsotákis si sta precipitando a Costantinopoli questa domenica 13 marzo per incontrare Erdogan, in seguito a un segnale urgente ricevuto dagli USA (…) E a questo proposito, il rappresentante del partito di governo della Turchia ha detto dei “colloqui – che tutte le richieste turche sulla Grecia sarebbero state affrontate durante l’incontro tra Mitsotákis e Erdogan. -Il dossier greco è voluminoso. (…) l’amministrazione Biden vuole ora, nella fretta di riportare la Turchia completamente nel campo occidentale, mentre il conflitto USA-Russia si intensifica. E per ottenere questo, la Grecia deve, come Ifigenia, essere sacrificata, concedendo le concessioni che la Turchia chiede nell’Egeo e in Tracia.

(…) Secondo la stampa statunitense, fonti del Pentagono hanno appena detto ai giornalisti che Washington è impegnata a fornire al governo di Kiev “il tipo di capacità di cui sappiamo che gli ucraini hanno bisogno e che stanno usando molto bene”. L’Ucraina ha chiesto, tra le altre cose, il sistema terra-aria S-300″, ha detto un alto funzionario europeo che è a conoscenza della situazione.

E sappiamo che i paesi che possiedono questi missili S-300 sono Slovacchia, Bulgaria e Grecia. Ecco come muore l’ultimo mito della difesa nazionale greca (…)
I greci, quello che resta di loro in ogni caso nel loro paese reale, sperano solo che la Russia intenda opporsi radicalmente o almeno parzialmente, a questa volontà… della pirateria occidentalista, e che consiste nel saccheggiare tutto e prima di tutto l’Europa, anche se ciò significa uccidere l’intero pianeta.
(…)
La fase di liquidazione, così ben condotta in Grecia sotto il memorandum della Troika, sta diventando la regola in tutta l’Europa occidentale. Le nazioni altrettanto moribonde dell’Ovest del continente seguono la stessa strada… quella del mattatoio

Da “Festa nazionale” – Sabato 26 marzo 2022

(…) Un breve promemoria. Sono passati 201 anni dalla rivolta dei greci contro la tirannia dei turchi e del loro impero. Ma nel 2022, i burattini del regime di Atene (…) si sono in gran parte astenuti dalle commemorazioni, tra ministri, funzionari eletti e altri parassiti della partitocrazia, e (…) [ne] hanno mascherato il significato così come il messaggio della parata militare e scolastica, in un carnevale new age di “multicultura”, direttamente dalle fogne escatologiche di Coudenhove-Kalergi e Soros.

Il Regime mostrava così tutto il suo wokismo in prima pagina… per questa giornata nazionale del 25 marzo quando, per esempio, tutti i media trasmettevano la foto di un soldato che portava un bambino africano vestito da Evzone, il vestito tradizionale degli insorti del 1821. L’obiettivo era quello di mostrare ai greci che devono essere sostituiti fino alla fine.

(…)

Un carnevale “multiculturale”, senza la minima menzione dell’occupazione turca, almeno ufficialmente quest’anno e sotto l’Acropoli. E sappiamo perché gli Stati Uniti e, di fatto, Londra, la grande loggia del mondo, hanno ordinato ai burattini di Atene di consegnare il Mar Egeo, la Tracia e presto Cipro alla Turchia.

 

Bambino africano vestito da Evzone. Atene, 25 marzo 2022 (Stampa su Internet)

(…)

Il processo è vecchio e lungo, poiché va avanti dall’assassinio del loro governatore Ioánnis Kapodístrias nel 1831. Così, la Rivoluzione nazionale greca dal 1821 al 1828 è stata confiscata, tradita, e la sua storia, inoltre, rimane ancora falsificata, a beneficio della xenocrazia occidentale, soprattutto degli inglesi con la gentile collaborazione dei burattini “greci”.

Perché la Grecia sotto Kapodístrias, che qualche anno prima era stato ministro degli esteri dello zar, avrebbe senza dubbio equilibrato meglio la sua geopolitica, tra San Pietroburgo e Parigi o Mosca e Londra, per non dire altro. È stata una perdita di tempo, ed eccoci qui, immersi nella storia di un paese ufficiale che ha vomitato i suoi eroi e la loro memoria, per due secoli pieni di bugie.

Poi, in questo 2022 apocalittico, c’è l’Ucraina, la sua guerra che imperversa lì, e ancora gli stessi lacchè di Londra come ad Atene, che sputano il loro veleno contro i russi. (…) Varvitsiótis, vice ministro degli Esteri, figlio e nipote di un ministro, un parassita incompiuto, perché ancora più stupido degli altri, ha appena dichiarato “che in realtà, tutte queste sanzioni decise contro la Russia, hanno un solo obiettivo, un obiettivo di guerra naturalmente, cioè il cambiamento di regime a Mosca e la caduta di Putin”.

(…) la piccola frase pronunciata da questo grande cretino fece scalpore all’estero, costringendo Varvitsiótis a cercare di correggere la mira, ma invano. (…)

Nel frattempo, però, la realtà li raggiunge, quando non si conta in gigabyte ma in sacchi di farina (…) l’acquisto di farina e oli vegetali è limitato nei negozi e il grande problema del momento non può più essere nascosto. D’ora in poi, si chiama carenza e anche alto costo della vita.

(…) questa settimana, il regime ha approvato una legge che impone a tutte le imprese che immagazzinano fertilizzanti, farina, mais, grano, avena e oli vegetali di dichiarare entro due giorni le quantità esatte che possiedono, così come i loro vari siti di stoccaggio. “Qualsiasi inosservanza di questo ordine comporterà una multa da 1.000 a 100.000 euro, a seconda della gravità dell’infrazione.

E poiché dobbiamo guadagnare tempo prima che il Reset si diffonda, i burattini di Atene hanno ovviamente ricevuto l’ordine di fare marcia indietro, anche solo di nome, sulla componente vaccinale del totalitarismo attuale. (…) Improvvisamente, il regime ha annunciato un congelamento delle misure di vaccinazione contro i covid per il periodo dal 15 aprile al 15 settembre dell’anno in corso.

“Questo perché l’emergenza sta svanendo, perché stiamo aspettando i turisti e perché in autunno, quando la pandemia ricomincerà, avremo anche altri nuovi vaccini. Il pass sarà quindi messo in attesa, e la multa mensile di 100 euro per i non vaccinatori oltre i 60 anni sarà sospesa durante lo stesso periodo. “Sospeso, non abolito”, viene specificato dal governo (…) Ricordiamo qui che l’autorità fiscale greca è, da quando la Troika sotto Tsipras, una specie di società per azioni straniera di proprietà dei rapaci e di altri truffatori globalisti, una società la cui sede nascosta è a Bruxelles e che non può in ogni caso essere controllata dal “Parlamento” o dal Ministero.

(…) Ricordiamo allora che l’emancipazione della Russia, già monetaria, e con essa quella di una parte del mondo, compresa la Cina a lungo termine, spiega sufficientemente gli obiettivi di questa terza guerra mondiale, perché ricorderemo che, per esempio, il visionario Gheddafi aveva a suo tempo immaginato un’analoga emancipazione a beneficio dei popoli dell’Africa, e poi l’Occidente, come sappiamo, lo assassinò freddamente.

(…) Biden, bisogna dirlo, è un povero personaggio della famiglia dei satanizzati e dei drogati, il cui figlio ha concluso occupazioni molto fruttuose con i nazisti dell’Ucraina… investendo con l’altro bastardo Soros, nei succosi affari dei laboratori New Age, nell’allestimento di armi biologiche.

(…) Tuttavia, la differenza tra i greci e le molte altre nazioni del magma europeista e atlantista è che nella terra d’Hellas, il 30% della popolazione non ha voluto farsi vaccinare, il 60% è a favore della neutralità di fronte al conflitto in Ucraina e poi condanna il coinvolgimento molto energico della cricca Mitsotákis con gli alleati del khazar Zelenski, mentre un altro terzo della popolazione si dichiara apertamente a favore dei russi.

E per quanto riguarda il terrore dei vaccini, quando nel dicembre 2021 il Regime ha colpito i 600.000 greci over 60 non vaccinati con una multa mensile di 100 euro, da allora 150.000 di loro hanno ceduto al ricatto e il resto no. E di questi ultimi, solo il 14%, come ammette anche la stampa mainstream, ha pagato le multe.

Certo, non si tratta di una grande resistenza, ma gli addetti ai lavori e i loro scagnozzi sanno che non hanno, come si dice, il controllo assoluto delle mentalità in tutto il paese… e questo non è affatto insignificante.

(…)

L’ultimo Occidente, è forse infine, quello dei russi. È proprio questo popolo che l’altro Occidente metastatizzato intende schiacciare, dopo aver schiacciato tante altre nazioni. È in questo senso che Madeleine Albright aveva dichiarato, a suo tempo, “che uccidere diverse centinaia di migliaia di bambini iracheni era una necessità”. Eppure l’ebrea Albright era stata addirittura salvata con i suoi genitori da una famiglia serba negli altri anni nazisti dell’Europa intorno al 1943, il che non le impedì di bombardare la Serbia nel 1999 e di gioire.

È appena morta, proprio nello stesso periodo dell’anno in cui sono iniziati i bombardamenti della NATO sulla Serbia. “Non la piangeremo. Che liberazione la Albright e che vada al diavolo”… come dice Zóis Béglis, ex medico militare e leader del movimento dei patrioti “Ellas 21”.

PROMEMORIA PER I NOSTRI LETTORI:

Il blog vive delle vostre donazioni.

Se ne avete i mezzi, per favore sosteneteci. Grazie per il vostro sostegno!

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x