Browsing Tag

banche

Come rompere le ginocchia dei sociopatici di Wall Street prima che sia troppo tardi: un nuovo Ferdinand Pecora

Di Matthew Ehret, Canadianpatriot.org È più che un po’ deprimente considerare l’imminente crollo sistemico che preme immanentemente sul nostro mondo attuale. Dalla fluttuazione del dollaro USA nel 1971, un sistema economico industriale occidentale un tempo orgoglioso e produttivo è stato  sempre più spogliato dalla deregolamentazione bancaria, dall’esternalizzazione, dal lavoro a basso costo e dal monetarismo in un culto del post industrialismo che ha distrutto il mondo morale ed…

Shock Doctrine: le grandi banche chiedono la deregolamentazione di Wall Street per “combattere il Coronavirus”.

Le crisi sono state spesso il momento ideale per le elites per imporre la propria agenda senza la noia di avere i riflettori addosso, come Naomi Klein spiega bene nel suo bestseller Shock Doctrine. Negli Stati Uniti la lobby bancaria, un colosso che rappresenta tutte le maggiori banche operanti sul suolo USA,  si sta muovento con tempismo perfetto non appena si è presentata l'opportunità coronavirus. Le banche chiedono infatti un'immediato annullamento di requisiti di capitale per poter prestare…

Sul denaro contante

DI PAOLO CARDENA' facebook.com Nella vita comune, l'utilizzo del denaro contante è una delle cose più normali che esista. La possibilità di utilizzare denaro contante, per compensare transazioni commerciali, costituisce elemento di libertà di ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo. Quotidianamente, avvengono milioni e milioni di transazioni che hanno come contropartita l'utilizzo del denaro contate, senza il quale, con ogni…

Debito pubblico, come me anche il Financial Times auspica una moneta complementare per l’Italia

DI ENRICO GRAZZINI ilfattoquotidiano.it “La soluzione più ovvia all’insostenibilità dell’Italia nella zona euro sarebbe la ristrutturazione del suo debito pubblico. Ma i governi della zona euro non sono preparati a questa possibilità. E’ invece più probabile che valute parallele, titoli di debito non convenzionali o addirittura criptovalute offriranno l’opportunità per un’uscita non ufficiale (dell’Italia dai vincoli dell’euro, nda). In tal modo si scoprirà che si può essere dentro…

Il movimento giallo di Francia verso la «manifestazione finanziaria»

DI MASSIMO BORDIN micidial.it Dopo l’ennesimo, gigantesco flashmob a Parigi e Bourges, i gilet gialli francesi svelano in queste ore il contenuto della prossima protesta: scatenare una corsa in banca con un prelievo di contanti coordinato a livello nazionale. “Minacciando il sistema finanziario francese – dicono i manifestanti – possiamo forzare pacificamente il governo a far passare le nostre riforme”. “Se le banche si indeboliscono, lo stato si indebolisce immediatamente”, ha detto…

È un problema di sicurezza nazionale

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Realizzare un sistema di banche pubbliche non è una mera questione di scelte politiche, ma è un problema di sicurezza nazionale. Ve lo spiego con il classico esempio del corpo umano, perchè così lo capiscono anche i bambini. Il corpo umano ha bisogno di sangue per scambiare i nutrienti tra le cellule e gli organi. Allo stesso modo lo Stato ha bisogno di soldi per scambiare beni e servizi tra i cittadini e le aziende. Ora, chi conosce le…

Lo Spread fa bene alle banche

DI GIOVANNI ZIBORDI cobraf.com Nel 2011 ci fu la famosa “Crisi dello Spread” che portò alla sostituzione del governo Berlusconi che si dimise con quello di Mario Monti. Lo Spread era salito a 500 punti cioè il rendimento dei Btp era salito fino al 7% (contro un rendimento dei Bund tedeschi intorno al 2%). Bene, dopo l’arrivo di Monti la BCE prestò 400 miliardi alle banche a tasso zero perchè comprassero BTP (operazione “LTRO”) e poi BCE più Bankitalia comprò altri 360 mid di BTP…

IL VERO GOLDFINGER: quel banchiere londinese che ha spezzato l’ordine finanziario mondiale

DI OLIVER BULLOUGH theguardian.com La vera storia del modo in cui la City ha inventato la banca “offshore”. Ogni anno in Gennaio, in occasione del forum economico mondiale di Davos, Oxfam (1) ci spiega come le persone più ricche del mondo diventano ancora più ricche. Nel 2016, il loro rapporto indicava che le 62 persone più ricche al mondo possedevano la stessa ricchezza della metà inferiore della popolazione mondiale. Quest'anno, il numero era sceso a 42, ovvero tre dozzine e mezza di…

Prove tecniche per l’attacco monetario d’autunno

DI MASSIMO BORDIN micidial.it Troppa confusione viene alimentata quando una valuta scende in modo burrascoso. Nel caso della lira turca, poi, si sprecano i moralismi contro la politica di Erdogan. La lira turca non sta precipitando perchè Erdogan è un pericoloso oscurantista, ma perchè qualcuno sta “vendendo” Turchia. Questo “qualcuno” lo fa perchè è bello speculare al ribasso. Accadde con il rublo 4 anni fa, ad esempio. I trader dicono, non a caso, che si…

Il mondo senza contanti è una truffa – e dietro c’è la grande finanza

DI BRETT SCOTT theguardian.com In tutto il mondo occidentale le banche stanno chiudendo sportelli bancomat e filiali. In questo modo stanno cercando di spingerci a utilizzare i loro sistemi di pagamento digitali e i loro servizi di digital banking. Proprio come Google vuole che tutti accedano e navighino nel più ampio mondo di Internet attraverso il suo portale di ricerca, che è controllato privatamente, così le istituzioni finanziarie vogliono che tutti possano accedere e navigare nel più…

Nassim Nicholas Taleb non ha mai preso a prestito un centesimo in tutta la sua vita

DI ADRIENNE WESTENFELD esquire.com L’opinione dell’autore di “The Black Swan” e di “Skin in the Game” su quella che è la vera libertà finanziaria La gente chiede le mie previsioni sull’economia quando dovrebbe chiedermi che cosa ho nel mio portfolio. Non fate previsioni sugli avvenimenti futuri se siete fuori dalla portata delle loro conseguenze. In francese si usa la stessa parola per portafoglio e portfolio. Io non ho mai, e dico mai, preso in prestito neanche un centesimo.…

Il Decalogo “Orwell Associati”: il viatico per altri Mario Monti

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Il Decalogo consegnato dal Professor Della Cananea è un'opera di imprinting, un messaggio che chi controlla il 5 Stelle utilizza per riconsegnare ideologicamente i cervelli degli italiani ai tecnici (siano essi economisti, banchieri o giudici); si vuole riportare indietro le lancette al 2011 senza che nessuno se ne renda conto, una dinamica geniale ed orwelliana non c'è che dire, in pieno stile Grande Fratello e mascherata dal volto umano di Di Maio.…

La piovra del rating: ecco chi ha vinto (davvero) le elezioni

FONTE: LIBREIDEE.ORG La questione cruciale elusa da tutti: l’Italia non ha più alcuna sovranità. Come stabilito all’estero nei piani alti del sistema di dominio, la colonia Italia ha votato con una legge truffaldina (incostituzionale) e ora si ritrova alcuni aspiranti inquilini di Palazzo Chigi senza arte né parte, razzisti e analfabeti funzionali che in economia si sono affidati ai soliti esperti allineati di regime. Così dalla padella del piddì si cadrà nella brace. Le agenzie di rating,…

L’imbroglio del Plunge Protection Team

DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org Dopo una grande ed improvvisa perdita di valore, gli ultimi due giorni hanno ridato guadagni agli indici azionari (anche se oggi con una caduta in tarda giornata). Cos'è successo? Il mercato ha starnutito, tossito o qualcosa è stato mal interpretato ed oggi percepito sotto una luce diversa? A mio parere, ecco cos'è successo: Il Plunge Protection Team, come già fatto in precedenti cadute del mercato azionario, o la Federal…

5 cose che ho imparato da Davos 2018

DI HUW VAN STEENIS weforum.org L'atmosfera di Davos 2018 è stata la migliore degli ultimi dieci anni. La crescita globale contemporanea, l'impennata dei mercati, la politica monetaria allentata ed alcune politiche a favore delle imprese stanno accendendo gli spiriti. Il sentimento era così buono che anzi alcuni ne erano frastornati, forse lo era anche troppo. Mentre Trump, Macron e Modi catturavano i titoli dei giornali, sono stati altri temi - le implicazioni dell'A.I., la Blockchain,…

Perché una recessione americana è inevitabile – in 15 secondi

DI PEPE ESCOBAR facebook.com Da un report interno di una delle mie migliori fonti tra le banche newyorchesi: "La nostra previsione che quest'anno la Fed alzerà i tassi tre volte si basa su ciò che ci aspettiamo che faranno, non su ciò che dovrebbero fare. È molto probabile che la Fed alzerà troppo i tassi - rendendo il dollaro ancora più costoso - e che lo stimolo fiscale che tutti si aspettano deluderà o non avverrà con la quantità o l'efficacia che la gente spera. Il risultato sarà…

Ci siamo costruiti una “gabbia monetaria”

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org La guerra monetaria e finanziaria che stiamo inconsapevolmente combattendo, è impossibile da vincere se non ci liberiamo della "gabbia monetaria" che ci siamo costruiti e che riduce la nostra libertà di azione. Il forte e chiaro NO al referendario costituzionale del 4 dicembre, ha per il momento scongiurato il rischio di peggiorare la nostra situazione, con nuove progressiva cessione di sovranità da parte dello Stato italiano a vantaggio di entità…

CHI CREA IL DENARO CHE USIAMO ?

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Da qualche mese il sistema bancario è sotto l'occhio del ciclone, le persone hanno cominciato a rendersi conto che nel bene e nel male, è lì che si annidano molti dei problemi che abbiamo, ma nessuno capisce perché. La questione ha cominciato a chiarirsi soprattutto quando per la prima volta nel 2012, Sir Marvyn King, Governatore della Bank of England, ha ammesso che nella creazione di denaro, il ruolo di gran lunga maggiore viene svolto…

A CHI DOBBIAMO RESTITUIRE IL DEBITO PUBBLICO ?

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org Ci siamo talmente abituati alla crisi economica, che facciamo fatica ad immaginare che possa esistere una società che non ne sia caratterizzata. Sono anni che ci ripetono che il debito pubblico è insostenibile e che dobbiamo seguitare con politiche di austerity perchè in questo modo riusciremo a risolvere il problema : ma nonostante i grandi sacrifici a cui ci sottoponiamo, la situazione invece che migliorare, peggiora. Tutti gli Stati…