Ottobre in Grecia: primum vivere

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

“Primum vivere, deinde phiplosophari”, dicevano gli antichi, ben prima che lo dicesse Hobbes… per questo i greci accumulano provviste e fanno legna per l’inverno, giustamente ignorando le rassicurazioni dei pagliacci di Bruxelles, non si vestono più, ma “si coprono”: ogni giorno qualcuno la fa finita per i debiti, esacerbati, magari, dal non volersi vaccinare, fatto, questo, che finisce per alienare loro le simpatie (e il sostegno, anche economico) dei loro parenti più stretti; tema peraltro superato anche lì dai provvedimenti di reintegro dei sanitari sospesi, simili a quelli in via di definizione anche in Italia (ma non c’è un’agenda…no). Panagiotis ci racconta, poi, di un misterioso incidente aereo avvenuto nel 1968, probabilmente causato da un’esplosione a bordo, verosimilmente posizionata dai “soliti” servizi segreti inglesi (le cui azioni nefande in Italia conosciamo bene) nel quadro della modifica degli equilibri geopolitici a Cipro (che sarebbe avvenuta da lì a pochi anni, con l’invasione turca), inglesi che si rifiutano anche in questo caso di fornire i relativi rapporti, per quanto desecretati. Gli stessi inglesi, con gli stessi interessi, che sono stati dietro (come ormai storicamente accertato) alla sanguinosa guerra civile greca, (1944-1949) guerra che i comunisti “dovevano” perdere, per rispettare quanto stabilito più in alto. Intanto, il blog sta per raggiungere, contrariamente a quanto pensava il suo autore, i 1000 articoli pubblicati e lancerà la solita campagna di sostegno un po’ prima del solito, a novembre. Invitiamo i lettori del blog ad aderire, per quanto possibile, alle campagne di aiuto (QUI quella mensile in corso).

 

 

Da “Sbornia di legna” – Martedì 4 ottobre 2022

Ottobre all’ombra, anche se il sole tipico del paese splende ancora in alcune zone. Il gasolio è appena aumentato di 15 centesimi al litro e questo in un colpo solo, il numero di bar è diminuito ora che i turisti stanno tornando a casa per affrontare questo lungo inverno euro-atlantico (…) E ora che le nostre spiagge sono quasi deserte, l’ultima “sbornia” greca va presa più alla lettera. Chi può, ricorre alla legna per il riscaldamento: una svolta metacapitalista, iniziata con l’”avvento” della Troika dodici anni fa. Quello che è successo dopo è noto.

In questo 2022, l’Ente greco per l’energia elettrica pubblica il suo bollettino giornaliero delle interruzioni di corrente, città per città, distretto per distretto e villaggio per villaggio, interruzioni per esigenze “tecniche”. Per non parlare delle 300.000 famiglie già “programmate” per essere private dell’energia elettrica a causa delle bollette non pagate, 30.000 delle quali solo a Creta. Meta-capitalismo, senza elettricità.

(…) Così, i nostri due poveri suicidi del giorno in Grecia sono, il primo, un pensionato della città di Vólos, in Tessaglia, che si è gettato sotto gli occhi di tutti dal suo balcone come tanti altri; poi, una donna di 47 anni si è gettata dalla collina dell’Areopago, di fronte all’Acropoli… facendosi l’ultimo segno della croce.

 

Cucina e riscaldamento a legna. Peloponneso, ottobre 2022

 

Il tempo è davvero brutto. Se possibile, ci prepariamo da soli. E per iniziare… beh, considerando i nostri mezzi limitati, abbiamo fatto quello che potevamo. Abbiamo comprato un fornello e anche un riscaldamento a legna, oltre a legna d’ulivo secca, che abbiamo tagliato con una motosega.

Compreremo anche le nostre provviste, tra cui molte bottiglie d’acqua. Raccoglieremo le olive in tempo e abbiamo già delle scorte di pane secco. Ricordiamo infatti che quest’ultimo è il nostro alimento base per i bisognosi di Helladia e lo è dalla notte dei tempi. Lo immergiamo nelle zuppe, nelle insalate con olio d’oliva, nell’acqua per renderlo morbido, nel latte e così via.

In greco si dice addirittura che “mangiare pane secco e olive è il minimo indispensabile per sopravvivere”. Questo è più vantaggioso della farina, perché quest’ultima richiede energia per diventare pane o altro cibo, come ci dicono gli anziani del villaggio. Abbiamo anche tre bombole di gas per cucinare. Abbiamo anche circa 100 kg di cibo economico per gatti comprato all’ingrosso ad Atene.

(…)

Poi “localmente”, notiamo anche la presenza di molte auto immatricolate in Ucraina, tutte a più di 100.000€ l’una; gli abitanti di Poros ci dicono che “questi ucraini le fanno lavare ogni due giorni nelle due o tre stazioni di servizio che l’isola possiede”. Nel frattempo, e quasi sullo stesso tema, il Ministro della Difesa tedesco della NATO ha appena annunciato che la Grecia invierà un buon numero di veicoli blindati a Kiev. Materiale rotabile, dopotutto.

(…)

La sbornia prima dell’inverno, la legna che abbiamo già messo via, naturalmente. Perché alla nostra età e nella nostra situazione non ci vestiamo più, ci copriamo.

Legno di olivo secco. Peloponneso, ottobre 2022

 

Da “Il suicidio di una giovane dentista” – Venerdì 7 ottobre 2022

 

Il regime uccide. Chrysánthi aveva solo 36 anni. Era una dentista. Si è impiccata questa settimana. Indebitata per il prestito contratto per attrezzare il suo studio dentistico, è stata costretta alla disoccupazione forzata per quasi due anni, perché non accettava i cosiddetti “vaccini” del Regime.

Chrysánthi. Internet, ottobre 2022

 

Va detto che la sua posizione, come quella di tanti altri… invincibili, finirebbe per rovinare gli affari delle multinazionali farmaceutiche, così come quelli degli pseudo-esperti televisivi. (…) La notizia non compare su nessuno dei siti web dei media che a volte vengono ancora chiamati “grandi”, cioè gli scagnozzi pagati profumatamente dal regime totalitario per diffondere e divulgare la sua propaganda al fine di portare avanti l’etnocidio e il genocidio del nuovo secolo, cioè il nostro.

Eppure alcuni media indipendenti, o se non liberi, solo parzialmente liberi, hanno trasmesso e persino commentato la terribile notizia. “Chrysánthi non si è suicidata… perché in realtà si è trattato di un assassinio”. Per tredici mesi ha partecipato a tutte le lotte insieme a molti colleghi, medici e operatori ospedalieri che sono stati sospesi per essersi opposti al “nazismo sanitario” rappresentato in Grecia dalla banda di satanisti al comando, sotto il clan Mitsotákis.

I colleghi, tra coloro che non dimenticano, hanno osservato un minuto di silenzio in sua memoria davanti al cosiddetto Consiglio di Stato di Atene. “Non ti dimentichiamo, Chrysánthi… immortale”. Eppure. “La sfortunata donna non poteva sopportare tanti mesi senza lavoro e ha deciso di fare il suo ultimo viaggio programmato. La morte della giovane donna peserà per sempre sui dittatori sanguinari del nostro Paese.

(…) La sua collega, Zafeiría Kakalétri, ha pubblicato la sua diretta e commovente testimonianza “(…) non ha avuto alcun sostegno, se non da un familiare stretto. Perché, nella sua cerchia familiare, queste persone pensavano che lei stesse bene… pazza a non volersi vaccinare con il rischio di perdere definitivamente il lavoro. E per non nascondere nulla, Chrysánthi era anche costantemente vessata psicologicamente dai suoi… parenti.”

(…)

Opportunamente, due giorni dopo, la stampa tradizionale ha ripreso l’ultima comunicazione dello Schema. “Mentre il governo ha dichiarato la fine della pandemia prima dell’inizio dell’estate, la direzione del Ministero della Salute ha lasciato aperto lo spiraglio per il rientro degli operatori sanitari nel prossimo periodo e per l’annullamento della multa di 100 euro al mese imposta a tutti i greci over 60”.

_________________________________________

Da “Dolcezza, pioggia, patria!” – Mercoledì 12 ottobre 2022

 

Dolcezza, pioggia, casa. I nostri pescherecci rimangono spesso ormeggiati, perché il gasolio costa troppo, più di due euro al litro, soprattutto quando il pescato non è all’altezza. Il nostro turismo è finito, tranne che per le barche a vela a basso costo che noleggiamo. In questo Peloponneso semi-obsoleto, l’atmosfera è di calma piatta, ed è nell’atonia popolare che alla fine regnerà il temuto inverno escatologico occidentale.

Atene è stata liberata dai tedeschi. 12 ottobre 1944 (Internet)

 

I nostri media si sono leggermente ricordati della presunta “liberazione” del Paese nel 1944, più esattamente Atene è stata liberata dai tedeschi il 12 ottobre, ma non è mai stata liberata dagli inglesi dal 1831. Le vecchie foto dell’epoca, a colori, di questa bella giornata in piazza Sýntagma ad Atene sono comunque ammirevoli; decisamente, anche quando sbagliavano, i buoni vecchi sapevano ancora mostrarsi degni e gioiosi in quei giorni.

(…)

Solo che il nostro umile mondo dovrebbe essere ancora piccolo; in paese ci stiamo preparando a raccogliere le olive che nessuno raccoglie… per mancanza di manodopera, quando la legna è già stata tagliata, raccolta e se necessario messa via, perché nessuno crede più agli annunci dei funzionari del Regime sugli “aiuti” o sul “possibile miglioramento della situazione”. La prossima settimana inizierà la vendita di gasolio domestico… a 1€60 al litro, “aiuti” inclusi.

 

Infine, questo 12 ottobre è anche il giorno di un triste ricordo che è stato ampiamente dimenticato dai media, quello del volo 284 della Cyprus Airways. L’aereo era un de Havilland Comet e si ruppe durante un volo verso l’aeroporto internazionale di Nicosia il 12 ottobre 1967, dopo che un ordigno esplose nella cabina. L’aereo di linea si è schiantato nel Mar Mediterraneo e tutti i 66 passeggeri e l’equipaggio a bordo sono morti.

British Airways era azionista di Cyprus Airways e le due compagnie aeree avevano un accordo per cui tutti i servizi di jet di Cyprus Airways sarebbero stati gestiti da BA. Il giorno prima dell’incidente, l’aereo era decollato dall’aeroporto di Londra Heathrow e atterrato all’aeroporto internazionale Ellinikón di Atene, arrivando poco dopo le 3 del mattino ora locale del 12 ottobre. Intorno alle 4.30 del mattino l’aereo è decollato da Atene sul volo di linea Cyprus Airways per Nicosia con 59 passeggeri e un equipaggio di sette persone a bordo.

(…) Le analisi hanno rivelato tracce di esplosivi di tipo militare. Dopo questa scoperta, la teoria della collisione in volo fu scartata e… (…) l’indagine del Royal Armament Research and Development Establishment non è mai stata pubblicata integralmente

De Havilland Comet. Anni ’60 (stampa cipriota)

 

Fanoúla Argyroú, che lavora da 40 anni sugli archivi britannici relativi a Cipro, scrive che “secondo i documenti britannici declassificati, è confermato senza alcun dubbio che una bomba di tipo militare è stata responsabile dell’esplosione”.

(…)

Nel novembre 2015, Fanoúla Argyroú ha richiesto a Londra, ai sensi del Freedom of Information Act 2000, il rilascio dei (…) fascicoli della Polizia. La richiesta è stata respinta con la motivazione che “la natura del crimine rimane così grave che, se le informazioni venissero rilasciate, genererebbero un significativo interesse pubblico per un’ulteriore indagine sul crimine”.

“E che alcune delle voci e delle fotografie sono così terribili da causare disagio mentale ai parenti. La polizia desidera quindi mantenere il riserbo su questi dati fino a quando il presunto sospetto non avrà raggiunto l’età di 100 anni. (…) Altrimenti, in questo 12 ottobre, la memoria fa cilecca, la dolcezza, la pioggia, la patria quando ad Atene il suicidio del giorno è questo greco che si è gettato da un ponte… dopo aver tentato di darsi fuoco.

Il suicidio del giorno. Atene, 12 ottobre 2022 (stampa su Internet)

Da “L’autunno di un blog” –  Giovedì 20 ottobre 2022

 

Il tempo, che chiamiamo ancora storico, a volte finisce per pesare. Questo non risparmia coloro che lottano contro la tirannia dei media promuovendo la reinformazione, compresi alcuni blog autentici, come Greekcrisis – greekcrisis.fr, che molti lettori conoscono e apprezzano dal 2011. L’ho iniziato esattamente il 24 ottobre 2011; (…) Undici anni di blog… tutti uguali.

Un giorno del maggio 2010, il Fondo Monetario Internazionale, l’Unione Europea e la Banca Centrale Europea hanno fatto irruzione nella nostra vita quotidiana in Grecia. Il governo aveva appena annunciato in modo scioccante che lo Stato greco rischiava il default sui prestiti nazionali se non fosse riuscito a rifinanziarsi e aveva dovuto ammettere che le finanze pubbliche erano in uno stato disastroso.

Il FMI, l’UE e la BCE, in una santa alleanza ultraliberista, hanno immediatamente inviato i loro esperti e messo il Paese sotto la loro tutela: la Troika è stata formata e i suoi troikani sono entrati in scena. La loro “cura da cavallo” – fatta di tagli al bilancio e privatizzazioni ad ogni piè sospinto – è stata quella di mettere in ginocchio un intero popolo, completamente privato di qualsiasi potere sul proprio futuro.

L’esistenza, il comportamento individuale e collettivo, in breve l’intera società, sarebbero stati profondamente modificati. (…) Il blog non era destinato a durare, pensavo, il che può sembrare strano visti gli eventi che si sono succeduti nel corso degli anni, ma era proprio così che vedevo il suo futuro, e anche il suo dovere.

 

Protestante del primo periodo sotto la Troika. Atene, giugno 2011

 

Non avendo potuto cogliere la portata dell’Hybris, ho erroneamente creduto che alla fine la nostra forza morale e fisica avrebbe logicamente prevalso… e quindi il blog non avrebbe più avuto ragione di esistere, da lì a pochi mesi.

Beh, no. Tra il 2010 e il 2016 in Grecia si sono svolte diverse migliaia di manifestazioni, spesso promosse da partiti e sindacati per sfogare la tensione sociale. Quasi sempre la Sórosfera degli anarchici antifa, così come quegli stessi teppisti degli agenti dei Servizi greci e stranieri, avevano il compito di creare il caos organizzato. (…)  tra il 2012 e il 2015, le cosiddette forze “anti-memorandum”, quelle che “lavorano” contro la Troika, sono poi emerse, essenzialmente la presunta sinistra radicale di SYRIZA, poi, la nazista Alba Dorata, che era l’alter ego della democrazia; (…) Ora sappiamo che SYRIZA è stata preparata dai rampolli di Davos e di Soros con la gentile collaborazione della CIA, della Loggia Mondiale di Londra e delle loro filiali europee della NATO, cioè Berlino e Bruxelles. Avevo già scritto nel 2011 che l’euro non è una moneta nel senso cosiddetto economico del termine, ma un’arma politica di distruzione di massa; ora viene distrutta sotto i nostri occhi affinché il dollaro possa sopravvivere per qualche altro povero mese o anno.

Poi, nel suo lato oscuro del cretinismo, Alba Dorata, a partire dal suo leader Michaloliákos, è stata teleguidata dai servizi segreti “greci”, di cui Michaloliákos è stato informatore almeno dagli anni Novanta. Anche in carcere, i membri di Alba Dorata stanno chiaramente beneficiando delle promesse del regime, ad esempio sull’esito finale del loro destino.

Il risultato (…) è nei fatti. SYRIZA, arrivando a questo potere fantoccio, ha rispettato tutto il suo contratto. Sotto SYRIZA, la Troika insediatasi in Grecia per 99 anni, (…) la fase successiva è stata quella degli anni post-2015, che ha preparato la nomina a pseudo-potere dell’amico dei pedofili e grande promotore dell’LGBT e dell’ucronazismo in Grecia, Mitsotákis. (…) Per quanto riguarda la realtà, diciamo che tra il 2010 e il 2022 quasi un milione di greci ha lasciato il Paese, mentre dal 2015 l’invasione immigratoria, proveniente principalmente dalle reti ONU, europee e di Soros, attraverso la Turchia di Erdogan, ha sostituito parte della popolazione del Paese. E non solo i greci, perché tra i nostri vicini albanesi e bulgari che si sono stabiliti in Grecia negli anni ’90, molti sono stati costretti a partire per la Germania, la Francia, il Belgio e persino per i Paesi anglosassoni.

Come storico, non posso fare a meno di fare un parallelo con il periodo degli anni ’40 e soprattutto con la guerra civile del 1944-1949, una guerra atroce e, in breve, barbara tra comunisti e realisti. I nostri cimiteri e i nostri burroni sono pieni di morti di entrambe le parti, e tutti questi giovani greci sono mancati (…)

Con il senno di poi, sappiamo anche ciò che non è ancora ufficiale nella storia insegnata e “accettata” e per una buona ragione: i sovietici non spinsero i comunisti qui all’insurrezione armata, perché nell’ottobre del 1944 Stalin e Churchill avevano raggiunto un accordo preciso sul destino dell’Europa, e quindi la Grecia rimase sotto il patronato anglosassone. Pertanto, l’intera responsabilità dello scoppio di questa guerra civile è britannica (…)

L’obiettivo britannico era, a nostro avviso, abbastanza chiaro. Per evitare un rafforzamento geopolitico della Grecia e, soprattutto, per non restituire Cipro, un’isola la cui popolazione greca all’82% ha sempre voluto essere legata alla Grecia, fin dalle rivolte degli anni Trenta.

(…)

Il processo è stato abbastanza lungo e tuttavia abbastanza veloce dal punto di vista della storia. Ho tenuto le colonne di questo blog da solo, instancabilmente e in modo indipendente, tutto sotto le onde movimentate di Hybris. Così, il posizionamento del blog si è inevitabilmente evoluto perché, alla fine, l’esperienza è sempre la migliore scuola di vita… e forse di morte.

Il cerchio si chiude quindi, anche politicamente in ogni caso, e questo per il momento. (…)  l’attuale svolta geopolitica, che indica che la fine del mondo, o se non la fine del mondo dell’Anglosfera, è vicina (…) Notiamo anche che la famiglia Mitsotákis fa affari con la Turchia, impone alla Grecia la dipendenza energetica dalla Turchia, solo con l’elettricità importata e con il gas che arriva dall’Azerbaigian attraverso la Turchia, dopo aver ovviamente chiuso le centrali termoelettriche nel nord della Grecia che utilizzano al 100% lignite greca. Così, questa lignite viene ora esportata in Germania (…)

Un tempo… molto lontano. Ho iniziato i miei articoli con l’obiettivo di reinformare, sensibilizzare e far riflettere. Dopo più di sei milioni di pagine viste, il gioco è fatto… ma per un Paese sconfitto.

[Per] I miei valorosi clienti (…) in Grecia Altrimenti – greceautrement.fr, e sfortunatamente … non ce ne sono abbastanza, continuo a mostrare alla gente il centro di Atene, ma sempre meno. Va anche detto che Atene, come le altre capitali dell’Occidente, è prima di tutto una necropoli… (…)  Questo è anche il motivo per cui propongo Atene meno nei miei programmi, perché visitando i cadaveri si finisce nella tomba più velocemente del previsto. (…)

In geopolitica, infatti, l’autunno spesso preannuncia l’inverno, l’inverno di tutti i pericoli. E undici anni sono tanti. Per sopravvivere, il blog lancerà la sua campagna annuale di sostegno finanziario di fine anno un po’ prima del previsto, cioè all’inizio di novembre.

Riuscirà a sopravvivere in questi tempi che si dicono ancora storici, offrendo ai lettori il lato, diciamo così, un po’ originale della nostra Tragedia?

E pensare che presto dovremo festeggiare i 1.000 articoli pubblicati da ottobre 2011. Speriamo di sì… forse.

____________________________________

Da “Festa nazionale” – Venerdì 28 ottobre 2022

 

Questa Grecia devitalizzata si aspettava di nuovo le sue vacanze il 28 ottobre. Una delle commemorazioni intenzionalmente neutralizzate e minimizzate dal Regime Globale, come non molto tempo fa, con il pretesto del COVIDISMO. (…) Il 28 ottobre, “Il giorno del no”, che segna il rifiuto dell’ultimatum di Mussolini del 28 ottobre 1940 da parte di Ioánnis Metaxás, e altrettanto da parte del popolo greco (…)

Ma in questo 2022, un anno… già affogato sotto la Terza Guerra Mondiale dell’ennesima dimensione, alcuni contemporanei di Mitsotákis e della sua Atene Khazaria, pensano solo al cosiddetto weekend lungo del 28 ottobre, una questione di… calendario.

Certo, non si tratta della maggioranza della popolazione, ma piuttosto di un quarto o addirittura un quinto degli abitanti della capitale, ancora greci e forse benestanti, dei 4 milioni di anime che vivono sotto l’Acropoli turistica, e quindi sotto il sole dei satanisti.

(…) La goccia che ha fatto traboccare il vaso in Grecia è che la sera del 28 ottobre 2021 Angela Merkel, rappresentante dell’ultimo nazismo europeo, apertamente convertito all’eutanasia, era in visita ad Atene; poi, il 27 ottobre 2022, il suo successore, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, è tornato in un Paese occupato.

(…) Già nel 1942, John Foster Dulles, in qualità di presidente del Consiglio federale delle Chiese, dichiarò i veri obiettivi della guerra [NdT: la II Guerra Mondiale] nella pubblicazione “Times”, datata 16 marzo 1942, in questi termini

“Un governo mondiale, l’immediata e severa limitazione delle sovranità nazionali, il controllo internazionale di tutti gli eserciti e le marine, un sistema monetario universale, la libertà di immigrazione in tutto il mondo, la graduale eliminazione di tutte le restrizioni doganali – dazi e tasse – sul commercio mondiale e una Banca Mondiale controllata democraticamente.(…)

Ora, il giocattolo europeista degli atlantisti si sta rompendo ben presto, (…) Questa terza guerra, quindi, segue il modello della seconda e persino della prima. L’altro lato della medaglia. E per tornare alla Grecia negli anni 1940-1944 in questo 28 ottobre, ecco come Londra e i suoi addetti ai lavori, che impedirono immediatamente alla Grecia di raggiungere un compromesso con la Germania, dopo aver vinto la guerra contro l’Italia, per evitare l’intervento di Hitler nella questione. Questo è esattamente ciò che Metaxás stava cercando di realizzare per evitare che il suo Paese sprofondasse ulteriormente nella conflagrazione. Solo che Metaxás fu travolto da una strana e galoppante infezione… alla fine di gennaio del 1941, all’apice della sua gloria.

Da allora, ciò che resta del Paese reale vorrà sempre celebrare il ricordo del “NO”, quella prima vittoria greca contro le forze dell’Asse. Una commemorazione, però, che gli attuali “leader” stanno facendo di tutto per dimenticare. (…)  La mobilitazione generale e quella popolare del 28 ottobre 1940 furono una sorpresa. Alcuni germanofili che hanno servito nel regime di Metaxás non sapevano come reagire. (…)

Mobilitazione generale

 

L’apparente “paradosso” della Grecia contemporanea è che non celebra la fine della guerra l’8 maggio 1945, ma il suo inizio, il 28 ottobre 1940. Non si tratta di un atteggiamento sorprendente, tuttavia, se si considera la storia degli anni ’40 nei Balcani. Infine, notiamo che, al di là di Metaxás del 28 ottobre 1940, la Grecia ufficiale del Palazzo e del suo personale era piuttosto disfattista. Perché l’esercito dall’alto era controllato da re Giorgio II, cioè da Londra, e non da Metaxás.

(…)

Era un’epoca in cui erano coinvolti poeti, attori e persino eroi del calcio popolare. Mímis Pierrákos, famoso giocatore di calcio del Panathenaïkós, fu ucciso da una granata nel 1940 mentre scriveva una lettera alla madre. Avrebbe potuto evitare la linea del fronte, ma si è rifiutato. Suo fratello è stato ucciso mentre prestava servizio nell’aviazione.

Mimis Pierrakos, il primo a sinistra, in basso nella foto. 1939

 

(…) Olaf Scholz è arrivato in Grecia per confermare l’abbandono della sovranità greca sulle isole del Mar Egeo. In breve, questa è l’attuale fase del processo… la smilitarizzazione delle isole che la Turchia richiede, secondo il rapporto disponibile, 122 TOMA BMP-1 con tutte le loro munizioni e mitragliatrice, 15.000 proiettili da 73 mm, 15.000 razzi da 122 mm, 20.000 fucili d’assalto AK-47 Kalashnikov, 3.200.000 proiettili da 7,62 mm, 60 FIM-92 Stinger MANPAD, nonché 17.000 proiettili d’artiglieria da 155 mm… sono stati rimossi dalle isole e inviati a Kiev. Esattamente il contrario di ciò che Metaxás aveva realizzato nel 1940.

 

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ-CVM

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix