Nulla accade per caso, neanche in Grecia

Convulsioni geopolitiche e oblìo diffuso in salsa vaccinale nella vicina Grecia

Le riaperture greche di maggio assomigliano sinistramente a quelle italiane: coprifuoco, pub aperti, ma niente musica. Il novero degli argomenti “ammessi” nelle conversazioni pubbliche è sempre più ristretto. Nelle piccole città si costruisce per la venuta dei futuri sopravvissuti all’austerità che verranno a cercare rifugio in quella campagna, che nel frattempo viene a sua volta inserita nel processo di privatizzazione spinta a favore degli interessi stranieri, meglio se tedeschi. Così, mentre la UE proibisce di usare la lignite locale, impone alla Tessaglia l’installazione di pale eoliche di fabbricazione tedesca. Non resta che resistere, aiutandosi l’un l’altro finchè si può. Intanto, in Tessaglia, c’è un sito che, forse, è il più antico resto di insediamento umano di tutto il pianeta, abitato 130.000 anni fa, i cui luoghi non sono più esplorati né sono visitabili, non ci sono scavi né ricerche: l’eternità è a portata di mano, ma dà fastidio… meglio restare immersi nella contingenza del quotidiano, occupati a sopravvivere, in vista di quel “Grande Reset” i cui architetti hanno preparato il terreno da molti anni anche in Grecia (nella foto in evidenza: Schwab premiava un giovane Mitsotakis già nel 2003), con una serie di manovre convergenti su più fronti: lavoro, sanità, previdenza, distruzione della classe media, immigrazionismo fuori controllo e, oggi, Covid e vaccini obbligatori… ricorda qualcosa?

DaCaffè e terrazze” – Lunedì 3 maggio 2021

Il cielo si sta finalmente aprendo un po’. Lunedì 3 maggio, alle 6 del mattino, abbiamo trovato [aperte] le terrazze dei caffè dopo sei mesi di chiusura. Il regime ha… molto gentilmente concesso ai suoi sudditi, [ciò] che era parte integrante dei diritti fondamentali realmente esistenti qualche mese fa. (…) Riaprendo, ricordiamo, sotto condizioni, i loro clienti devono lasciare il posto intorno alle 22:30 perché il coprifuoco inizia alle 23:00, invece delle 21:00 dallo scorso novembre. (…) Tuttavia, è importante notare che tutti i ristoranti che sono riaperti condizionatamente devono operare senza musica. Quindi niente CD graffiati, niente piccole ensemble locali di musica popolare. È noto che il Regime non ha perso l’occasione di riaffermare ciò che proclama così spesso a gran voce: “Stiamo effettivamente riaprendo per i turisti”.
(…)
In un villaggio di Chios, gli abitanti hanno ostinatamente osservato l’usanza di bruciare l’effigie di Giuda… il traditore, durante la settimana santa. Una pratica in gran parte scomparsa perché storicamente perseguitata in Grecia dagli iniziati in carica dal secolo precedente.

Ma a Chios, gli abitanti di questo piccolo villaggio hanno aggiunto un’immagine di Mitarákis, il ministro dei migranti, come una testa al loro Giuda. Questo noto insider è anche il parlamentare eletto dell’isola… perché c’è chi ha votato per lui. (…)

Giuda e… Mitarákis. Chios, maggio 2021 (stampa locale)

(…)
[Racconta il] proprietario del caffè. “Mi sento obbligato… a fare un’iniezione [di vaccino], altrimenti non posso lavorare. Senza i miei clienti, non aprirò mai più dopo la prossima chiusura, ormai si sa… chiuderanno di nuovo tutto dopo l’estate. Mi stanno obbligando a fare il vaccino Astra. Non lo voglio. Avrei preferito quello della Johnson & Johnson, ci dicono che è disponibile… ma ecco, non lo offrono. È come l’aiuto del governo, non ne abbiamo ancora visto nessuno.


Da “Ricetta cilena” – Mercoledì 5 maggio 2021
(…)
Al caffè del porto, il barometro sociale è piuttosto basso. La vaccinologia domina le menti attraverso un universo narrativo a senso unico come non abbiamo mai conosciuto in Grecia durante i dieci anni… sotto la Troika. (…) L’ingegneria sociale non è nuova, quindi trionfa. Come altrove, per citare solo l’esempio del Cile, “altri modi di creare il comportamento di massa desiderato attraverso la paura sono stati cercati e hanno fatto miracoli”.
(…)
L’ultimo sviluppo è che il regime minaccia ora apertamente di non permettere più ai suoi sudditi la libertà di movimento… già concessa ai turisti e ai migranti illegali. Con l’apertura ufficiale del turismo fissata per il 15 maggio, i greci potrebbero non recuperare la piena libertà di movimento, “perché i turisti sono un’altra cosa. Questo è suggerito da Georgiádis, l’ex antisemita, ministro del commercio (…)
E nel frattempo, 182 invasori sbarcarono a Kalamáta… scortati dalla guardia costiera greca. (…) Per inciso, questi illegali legalizzati de facto sono in gran parte COVID-19 positivi, ma non importa. (…) I politici stanno eseguendo… quindi eseguono. Non solo in Grecia, perché la questione rimane la stessa in tutto l’Occidente e anche agli antipodi. (…) Ed è così la cecità totale di fronte alla volontà del Regime di impadronirsi delle nostre libertà utilizzando tutti i mezzi per portare l’instaurazione di una società planetaria igienista e totalitaria, dalla Grecia… al Cile.
(…)
L’incidente perpetuo… come unica prospettiva umana possibile. Ciò che Steven Yates osserva dal “suo” Cile è altrettanto valido in Grecia. “In un certo senso, è stato tutto molto affascinante da guardare – come può esserlo un incidente ferroviario ad alta velocità”.
(…)
“Il Cile potrebbe essere il prossimo paese ad adottare un sistema di passaporto verde in stile israeliano, che probabilmente includerebbe passaporti vaccini e, a proposito, sì, Israele ha messo gli occhi sul Cile; non siete sorpresi? I passaporti vaccinali sono stati accolti con resistenza altrove, ma sono sicuro che li vedremo perché la classe dirigente li richiede a gran voce”.
“I passaporti sono modi meravigliosi per controllare la popolazione nel frattempo. Da quello che ho visto, l’idea potrebbe anche ricevere un applauso qui! Le masse cilene saranno state informate… dal loro governo e dai media che possono tornare alle loro vite e iniziare a ricostruire la loro economia”.


Da “Historia Animalium” – Giovedì 13 maggio 2021

Il regime ha finalmente aperto il paese ai cittadini… nell’occasione inaspettata dell’arrivo ufficiale dei primi turisti, dal 15 maggio. Il coprifuoco è dunque rimandato a mezzanotte e mezza, mentre i viaggi tra le diverse regioni del paese reale sono nuovamente autorizzati, a partire dal 14 maggio. Tranne che per andare alle isole, prima di imbarcarsi, è necessario presentare un test COVID negativo o altrimenti un certificato di vaccinazione. “Per il momento, questa misura non sarà applicata per i viaggi verso la Grecia continentale”, ci rassicurano.
(…) nemmeno aspettare la nostra più che mai provvisoria libertà decretata dal Regime, basta visitare ciò che già ci circonda per capire come, per esempio, tutti i villaggi dell’interno e ai piedi delle montagne, siano rimasti a lungo praticamente senza abitanti. Case e altrettante rovine in vendita, dal Peloponneso alla Tessaglia, in montagna e anche in aperta campagna, c’è tutto.

Villaggio nell’entroterra. Peloponneso, maggio 2021

I paesaggi sono sempre splendidi, e gli stranieri, così come alcuni greci, che tra l’altro sono ricchi, comprano case lì… in preparazione dei prossimi confinamenti. Lasciare la città a tutti i costi per chi può, è diventato l’ultimo slogan in voga dopo il Grande Reset. Salva te stesso.
E, siccome i supermercati non hanno ancora inghiottito tutto e la vendita locale non è totalmente regolata dal Regime, gli ultimi contadini che ancora coltivano, offrono ancora la loro frutta e verdura per la “vendita selvaggia” ai lati delle strade di campagna. Immagini per risonanza popolare.

L’ultimo dei contadini. Peloponneso, maggio 2021

(…) Il filosofo Günther Anders vedeva già “nell’impresa di sterminio nazista, non un incidente storico, ma il prodotto di una modernità segnata da un lato dal divario tra ciò che l’uomo è capace di fare e ciò che è capace di pensare, e dall’altro dalla divisione del lavoro che, spinta all’estremo, tende a trasformare gli uomini e il mondo stesso in macchine”. Questo è il significato del Grand Reset… come anticamera del transumanesimo per alcuni… e dell’eutanasia per altri.


Da “Campagna coltivata” – Sabato 22 maggio 2021

(…) Nella città vicino a Tríkala, mentre alcuni dei vecchi immobili non possono ancora essere venduti, si stanno costruendo nuovi condomini per i ricchi e per coloro che lasciano Atene e Salonicco per la campagna. Dopo un decennio senza un solo edificio, solo tra il 2019 e il 2021, vi sono stati costruiti quasi venti edifici, e anche la stampa locale se ne sta accorgendo.
E per quanto riguarda i terreni agricoli, già concentrati su un numero storicamente piccolo di agricoltori per la scala locale, sono ora ambiti da multinazionali e anche da fondi rapaci.

Edificio in costruzione. Tríkala, maggio 2021

Nel villaggio, molte case non sono più abitate, a causa dell’invecchiamento della sua popolazione e dell’esodo dei giovani… verso la Germania. (…) I giovani che sono rimasti nel villaggio e riescono ancora a produrre e vendere qualcosa di concreto… valorosamente circondati da polli e lattughe, si proclamano già… vincitori del tempo presente. “Meno male che non siamo partiti… per vivere confinati, grazie alle indennità di Solingen o Wuppertal, e per di più… sotto la pioggia”.
(…) Quelli di noi in paese, che lavorano per esempio nella pubblica amministrazione, ci parlano della fulminea accelerazione del processo di privatizzazione, direttamente o indirettamente, dei servizi statali. “Siamo quattro agenti che lavorano nel nostro servizio invece dei sedici di qualche anno fa. E per quanto riguarda la consegna della posta, è un ritorno ai ritardi degli anni 50.

Anche gli animali… sono colpiti. “Molte delle prerogative del servizio veterinario statale, tra cui il controllo dei macelli e la vaccinazione del bestiame, sono quindi offerte a subappaltatori privati. Lo stesso vale per l’informatica. Nel migliore dei casi, i dirigenti del servizio civile che rimangono al loro posto sono lì per… contattare i fornitori privati di servizi in caso di problemi… e poi altri”.
(…)
Tuttavia, si commenta prontamente il grande incendio su un fronte di più di cinquanta chilometri che da tre giorni sta devastando una delle ultime foreste intatte rimaste vicino alla capitale. E seguendo l’esempio di una certa stampa su Internet, i tessalonicesi si permettono un certo avvicinamento. La cartografia della zona bruciata corrisponde molto esattamente a quella dell’installazione di mulini a vento e miniere, attività industriali pianificate dal potere ma sempre contestate dagli abitanti e non solo da loro.

In questi giorni, tutta la Grecia è soggetta al dettato della para-ecologia totalitaria. La Germania impone ad Atene la chiusura delle centrali termiche che funzionano a lignite greca nel nord del paese, mentre Berlino importerà la stessa lignite greca… inaugurando nuove centrali sul suo suolo. Dipendente d’ora in poi per la sua energia dagli altri paesi balcanici, o addirittura dalla Turchia, la Grecia, sotto la casta di politici fantoccio, si vede così imporre un gigantesco programma di impianti eolici, fabbricati in Germania.
(…)
Così in Tessaglia, dove questi progetti New Age si scontrano sempre con la determinazione degli abitanti che non vogliono accettare la distruzione delle loro montagne, alcuni vedono nell’incendio tra Corinto e Atene un avvertimento anche di tipo mafioso. “È per dirci: accettate i mulini a vento o vi bruceremo”.
(…)
In Tessaglia, le cicogne sono tornate e il mais cresce ancora (…) ma almeno siamo ancora in qualche modo in contatto con la natura, anche in termini di aiuto reciproco tra gli abitanti dei villaggi.
La gente si è abituata, sviluppando il più possibile le proprie strategie locali e individuali.
Anche i nostri due gatti di Greek Crisis, Hermes e Mimi, ne beneficiano. Campagna… coltivata!


Da “La pietra di Dio” – Martedì 25 maggio 2021

L’eternità è a volte a portata di mano. Questa è l’impressione data da certe tracce della nostra umanità, in un mondo attuale… piuttosto occidentale, che crediamo stia precipitando verso l’Apocalisse. Ultimo fermo immagine in Tessaglia, ed ecco che non lontano dalle famose Meteore e dai loro monasteri, una specie di… Uluru, di Ayers Rock di Tessaglia domina il posto. Il suo nome, che è anche quello del villaggio costruito ai suoi piedi, non è stato scelto a caso: Theopetra, “Pietra di Dio”.

Vista di Meteora da Theopetra. Tessaglia, maggio 2021

Questo inselberg che domina significativamente i dintorni è certamente più piccolo del famoso Ayers Rock in Australia, salvo che ingloba allo stesso tempo una grotta formatasi all’inizio del Cretaceo superiore, circa centotrentasettemila anni prima del nostro tempo. E la cosa sorprendente è che la grotta, sotto… la nostra Pietra di Dio, creata in pietra calcarea, è stata abitata fin dal Paleolitico medio, sempre… centotrentamila anni fa.
E veniamo a sapere, grazie agli archeologi, che “la grotta è probabilmente il sito di una delle più antiche costruzioni umane sulla Terra, perché i risultati indicano che il rifugio fu abitato 130.000 anni fa, prima dai Neanderthal”.
(…)
“Le ultime scoperte mostrano che circa 43 persone vivevano nella grotta Theopetra durante il neolitico. Gli esperti potrebbero anche confermare che mangiavano grano, orzo, olive, legumi e carne nella loro dieta”.
(…) la grotta è servita come rifugio per le persone per migliaia di anni, ed è molto probabile che ci siano stati periodi in cui l’hanno lasciata, a seconda delle condizioni meteorologiche del momento, dato che il clima è cambiato più volte durante queste migliaia di anni.”

Cranio umano di 16.500 anni fa. Museo Theopetra, maggio 2021

“Gli archeologi hanno scoperto un muro di pietra che un tempo chiudeva parzialmente l’ingresso della grotta. Usando un metodo di datazione relativamente nuovo conosciuto come -Luminescenza Otticamente Stimolata-, gli scienziati sono stati in grado di datare questo muro a circa 23.000 anni fa”.
“L’età del muro ha portato i ricercatori a supporre che sia stato costruito dagli abitanti delle caverne per proteggersi dal freddo. È stato affermato che è la più antica struttura artificiale conosciuta in Grecia, e forse nel mondo”.

Grotta Theopetra. Tessaglia, maggio 2021

(…) “A causa della sua importanza per la preistoria dell’Europa sud-orientale, la grotta è diventata un sito archeologico aperto ai visitatori, mentre i suoi reperti sono esposti al Centro di documentazione e formazione della grotta Theopetra – museo all’ingresso del villaggio, non lontano dalla grotta.”

In questo maggio 2021, il piccolo museo ha appena riaperto… dopo il suo letargo, sotto l’ultimo confino che, come sappiamo, è durato in Grecia quasi sette mesi. E poi, lo mettiamo in prospettiva. Non è nemmeno una frazione di secondo rispetto ai 130.000 anni di presenza umana su questa terra di Tessaglia. Solo che qui, non si può relativizzare così facilmente questa lunga chiusura del sito, e dire, il suo abbandono o, l’arresto dei lavori così come gli scavi. Al museo, gli impiegati comunali erano imbarazzati. “Non ne sappiamo molto di più, è complicato”.
Sembra che la profondità della storia di questa terra greca… sarebbe forse imbarazzante per alcuni. Così ci siamo accontentati di una visita all’ingresso della grotta…

Grotta chiusa. Theopetra, maggio 2021
Theopetra, la Pietra di Dio. Tessaglia, maggio 2021

Da “La mano del diavolo” – Lunedì 31 maggio 2021

(…) I criminali al timone eseguono gli ordini… in tutte le stagioni, quando per esempio il ministro degli esteri turco in visita nella Tracia greca provoca di nuovo come al solito, prima di essere accolto ad Atene a braccia aperte dal suo omologo “greco”. (…) L’inviato di Erdogan ha rivendicato ancora una volta l’intera minoranza musulmana della Tracia “come turca”, e a Komotiní, tra la popolazione di lingua turca, i giornalisti di Atene non sono stati ammessi nella stanza di una scuola visitata in territorio greco da… l’ospite turco. Ma a Xánthi, l’altra grande città della regione, gli abitanti della minoranza Pomak, per voce del presidente della loro comunità, hanno dichiarato che il ministro turco non è benvenuto nella loro casa.
“Siamo greci e musulmani, siamo i discendenti degli antichi Traci che sono stati islamizzati ad un certo punto della nostra storia, e la Turchia ha sempre voluto turchizzarci con la forza. I nostri antenati si sono sacrificati nelle guerre contro gli ottomani e oggi la propaganda di Ankara, le intimidazioni e la brutalità contro di noi da parte degli agenti di Ankara e dei Lupi Grigi, sono inaccettabili. Pertanto, il ministro turco è dichiarato persona non grata ai nostri villaggi Pomak in Tracia.

Scolari Pomaici durante la festa nazionale. Tracia, 2020 (stampa nazionale)

Così ai nostri compagni Pomaici è stato ricordato… l’ovvio. La geopolitica attuale della regione ha tanto a che fare con la strumentalizzazione della minoranza musulmana turcofona della Tracia, quanto con l’islamizzazione della Grecia da parte di questi migranti, portatori… da vicino o da lontano, dei piani nazionalisti di una Turchia storicamente aggressiva nella sua conquista dei Balcani, che sogna alla luce del sole, come sappiamo. La Turchia, ma anche gli addetti ai lavori occidentali e i burattinai planetari, tra Bruxelles, Berlino, Londra e Washington.
Questo è ciò che il governo xenocratico di Mitsotàkis ammette ampiamente, perché ha già ceduto metà dell’Egeo alla Turchia… (…) Naturalmente, questo immenso pericolo esistenziale, addirittura mortale per la nazione greca è oscurato dai media, e dagli “intellettuali” globalisti di Atene, nutriti di cagliata europeista… E per quanto riguarda i greci, essi praticano in gran parte il grande sonno polifasico europeista(…) Quindi, encefalogramma piatto… mentre le spiagge si riempiono per prendere il sole e a maggio il paese è ancora in fiore.
(…)
E i primi turisti sono qui, sotto il grande sole che già accarezza la pelle del… Cadavere greco. Tra moussaka, memoria e oblio, hanno finalmente potuto lasciare la loro prigione confinaria, credendo che sia temporanea. Questo è ciò che molti greci credono, ma certamente a torto.
(…) il ministro Hardaliás, insiste sul divieto della musica nei ristoranti greci. Il popolo deve consumare la sua morte in silenzio, senza cantare o ballare. Zorbá il greco, non c’è più.
(…) Più della metà degli alberghi di Atene restano chiusi, i turisti scarseggiano, i commercianti siedono davanti ai loro negozi in attesa della loro… sepoltura commerciale (…) Il regime sta diventando più duro, (…) gli ultimi diritti del mondo operaio sono già aboliti, la settimana lavorativa di otto ore, le vacanze pagate, così come il diritto di sciopero, tutto passa attraverso il mulino del Grande Reset.

Per quanto riguarda l’immigrazionismo, che è una componente utile dell’attuale regime totalitario, (…) Le proiezioni, o piuttosto le confessioni fatte dagli esecutori al timone, indicano l’installazione programmata in Grecia di un milione di invasori, radio Crash, 31 maggio. Questi stessi dirigenti confessano che già “la Grecia ospita quasi due milioni di migranti illegali”, e tutti capiscono allora che il paese con una popolazione di dieci-undici milioni, ospita facilmente tre-quattro milioni di non greci. Inutile dire che la continuazione… di questa invasione organizzata contro il parere dei greci, avrà come risultato, in meno di dieci anni, di rendere i cittadini… una minoranza sul suolo greco.

Un certo vuoto. Atene, maggio 2021

“Combatteremo il nativismo” aveva inoltre dichiarato Mitsotákis nel 2019. (…) Solo che i media non ne parlano e che nella mente degli spettatori storditi c’è spazio solo per i vaccini e per il totalitarismo con pretese sanitarie.

Claus Schwab ha premiato Mitsotákis nel 2003. Internet in Grecia nel 2021
Il Grande Reset di Claus Schwab nell’ufficio di Mitsotákis. Atene, 2020 (stampa nazionale)

Questa storia è in realtà piuttosto vecchia. Riscopriamo per esempio che Claus Schwab aveva già… premiato i “promettenti” giovani Mitsotàkis nel 2003, perché queste persone hanno fatto molta strada. No, beh, non vediamo nessuna cospirazione; solo che la casta degli sterminatori ha semplicemente preparato il terreno per i suoi scagnozzi, che possono essere stupidi come Mitsotàkis, ma che importa? Non ha davvero importanza. Vent’anni dopo, Mitsotákis e i suoi simili sono installati ovunque, e la gente sta subendo un lavaggio del cervello sufficiente a non muoversi… tranne che per andare in spiaggia, quando ancora possono.

(…)

E per quanto riguarda la Grecia, si tratta della sua trasformazione finale in un protettorato barbaro e completamente controllato, attraverso il completamento e il consolidamento dei loro sogni geopolitici, basati tanto sugli interessi quanto sulla pura irrazionalità. (…) Tutto è annunciato, o quasi. Quasi 600 milioni di euro saranno spesi per la costruzione di un centinaio di città musulmane in Grecia, che è già in corso. Tranne che nei nostri quartieri, alcuni dei nostri vicini e amici, vaccinati o no, non hanno altra preoccupazione che la vaccinazione della popolazione greca.
(…)
Mitsotàkis ha, inoltre, dichiarato apertamente la fine della piccola impresa” e, nella stessa settimana, ha dichiarato, come abbiamo appena sentito, che se i tedeschi gli daranno la necessaria compensazione finanziaria, non esiterà a trasformare la Grecia nella terra promessa d’Europa per gli immigrati illegali e, alla lunga, a riportare il paese allo status di una piccola provincia ottomana.
(…) La Chiesa greco-ortodossa è a sua volta a brandelli, fedele com’è… al suo tradimento di stato che le è proprio dai tempi della bavarocrazia di Atene. La pressione interna è così grande che un Igoumene, in altre parole il superiore di un monastero ortodosso, è stato appena minacciato direttamente dal “suo” Metropolita, il Vescovo della sua regione. “O ti fai vaccinare nelle prossime 24 ore, o farò tutto il possibile per cacciarti dal tuo monastero”. Il nostro Higoumene finisce per dedurre che “c’è in questa triste vicenda… la mano del diavolo perché insistano in questo modo”, e questo è solo un episodio tra i tanti che ci sono attualmente in Grecia, perché io sono il testimone diretto dei fatti… senza poter dire di più, naturalmente.

PROMEMORIA PER I NOSTRI LETTORI:
Il blog vive delle vostre donazioni. Se te lo puoi permettere, per favore sostienici. Grazie!

 

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ – CVM

0 0 voti
Valuta l'articolo
Sottoscrivi
Notifica di
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tipheus
Active Member
4 Giugno 2021 , 12:55 12:55

La Chiesa ortodossa può essere infiltrata e corrotta, ma ha una forza che la Chiesa cattolica non ha. Il Cattolicesimo è per dogma unito dalla fedeltà al papa; l’Ortodossia è unita dalla fedeltà a una tradizione. Se l’arcivescovo di Atene viola la tradizione corrompe una cosa terrena, la chiesa come organizzazione, ma può essere sempre considerato un intruso. Se un papa corrompe la dottrina non c’è niente da fare: in punta di diritto canonico ha ragione lui.

VincenzoS1955
Active Member
Reply to  Tipheus
4 Giugno 2021 , 15:00 15:00

A proposito di cattolicesimo e con un marcato riferimento alla sua casta, il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, già presidente della Conferenza episcopale tedesca dal 2014 al 2020 (che sia un lontano parente del famoso filosofo Karl?) ha presentato le sue dimissioni con una lettera al Papa che inizia così: “Indubbiamente la Chiesa in Germania sta attraversando dei momenti di crisi” esordisce Marx nella lettera al Papa. “La crisi viene causata anche dal nostro personale fallimento, per colpa nostra. Questo mi appare sempre più nitidamente rivolgendo lo sguardo sulla Chiesa cattolica in generale e ciò non soltanto oggi, ma anche in riferimento ai decenni passati. Mi pare – e questa è la mia impressione – di essere giunti ad un ‘punto morto’ che, però, potrebbe diventare anche un punto di svolta secondo la mia speranza pasquale[…]”
Allego l’articolo: https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/germania-cardinale-marx-presenta-le-dimissioni-al-papa.
Per concludere e secondo il mio parere, la Chiesa cattolica è una delle principali sostenitrici del colossale inganno politico legato alla COVID-19 e nulla accade per caso: c’è del marcio in “Danimarca” e anche la casta cattolica (da secoli meretrice del potere) vuole “resettarsi” con la farsa del coronavirus.

Last edited 9 giorni fa by VincenzoS1955
Rugge
MOD
Active Member
Reply to  VincenzoS1955
4 Giugno 2021 , 18:19 18:19

“la Chiesa cattolica è una delle principali sostenitrici del colossale inganno politico legato alla COVID-19” La parte di Bergoglio, quella che Viganò definisce “Deep Church” sicuramente si. L’ex Cardinale Marx appartiene all’altra parte, probabilmente.

VincenzoS1955
Active Member
Reply to  Rugge
4 Giugno 2021 , 18:48 18:48

Ovviamente è sottinteso “con le dovute (ma rarissime) eccezioni”.

Last edited 9 giorni fa by VincenzoS1955
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x