L’uso militare nascosto della tecnologia 5G

DI MANLIO DINUCCI

voltairenet.org

L’operazione organizzata dai “Cinque Occhi” contro Huawei mira esclusivamente ad assicurarsi che in Occidente la tecnologia 5G non sia controllata da una società cinese. Come attesta un rapporto del Pentagono, questa tecnologia civile ha infatti innanzitutto un utilizzo militare.

Al Summit di Londra i 29 paesi della Nato si sono impegnati a «garantire la sicurezza delle nostre comunicazioni, incluso il 5G». Perché questa tecnologia di quinta generazione della trasmissione mobile di dati è così importante per la Nato? Mentre le tecnologie precedenti erano finalizzate a realizzare smartphone sempre più avanzati, il 5G è concepito non solo per migliorare le loro prestazioni, ma principalmente per collegare sistemi digitali che hanno bisogno di enormi quantità di dati per funzionare in modo automatico. Le più importanti applicazioni del 5G saranno realizzate non in campo civile ma in campo militare. Quali siano le possibilità offerte da questa nuova tecnologia lo spiega il rapporto Defense Applications of 5G Network Technology, pubblicato dal Defense Science Board, comitato federale che fornisce consulenza scientifica al Pentagono: «L’emergente tecnologia 5G, commercialmente disponibile, offre al Dipartimento della Difesa l’opportunità di usufruire a costi minori dei benefici di tale sistema per le proprie esigenze operative». In altre parole, la rete commerciale del 5G, realizzata da società private, sarà usata dalle forze armate statunitensi con una spesa molto più bassa di quella che sarebbe necessaria se la rete fosse realizzata unicamente a scopo militare.

Gli esperti militari prevedono che il 5G avrà un ruolo determinante nell’uso delle armi ipersoniche: missili, armati anche di testate nucleari, che viaggiano a velocità superiore a Mach 5 (5 volte la velocità del suono). Per guidarli su traiettorie variabili, cambiando rotta in una frazione di secondo per sfuggire ai missili intercettori, occorre raccogliere, elaborare e trasmettere enormi quantità di dati in tempi rapidissimi. Lo stesso è necessario per attivate le difese in caso di attacco con tali armi: non essendoci il tempo per prendere una decisione, l’unica possibilità è quella di affidarsi a sistemi automatici 5G. La nuova tecnologia avrà un ruolo chiave anche nella battle network (rete di battaglia). Essendo in grado di collegare contemporaneamente in un’area circoscritta milioni di apparecchiature ricetrasmittenti, essa permetterà ai reparti e ai singoli militari di trasmettere l’uno all’altro, praticamente in tempo reale, carte, foto e altre informazioni sull’operazione in corso.

Estremamente importante sarà il 5G anche per i servizi segreti e le forze speciali. Renderà possibili sistemi di controllo e spionaggio molto più efficaci di quelli attuali. Accrescerà la letalità dei droni-killer e dei robot da guerra, dando loro la capacità di individuare, seguire e colpire determinate persone in base al riconoscimento facciale e altre caratteristiche.

La rete 5G, essendo uno strumento di guerra ad alta tecnologia, diverrà automaticamente anche bersaglio di ciberattacchi e azioni belliche effettuate con armi di nuova generazione. Oltre che dagli Stati uniti, tale tecnologia viene sviluppata dalla Cina e altri paesi. Il contenzioso internazionale sul 5G non è quindi solo commerciale. Le implicazioni militari del 5G sono quasi del tutto ignorate poiché anche i critici di tale tecnologia, compresi diversi scienziati, concentrano la loro attenzione sugli effetti nocivi per la salute e l’ambiente a causa dell’esposizione a campi elettromagnetici a bassa frequenza. Impegno questo della massima importanza, che deve però essere unito a quello contro l’uso militare di tale tecnologia, finanziato indirettamente dai comuni utenti.

Una delle maggiori attrattive, che favorirà la diffusione degli smartphone 5G, sarà quella di poter partecipare, pagando un abbonamento, a war games di impressionante realismo in streaming con giocatori di tutto il mondo.

In tal modo, senza rendersene conto, i giocatori finanzieranno la preparazione della guerra, quella reale.

Fonte
Il Manifesto (Italia)

10.12.2019

Pubblicato da Davide

Precedente Il successo dei buoni
Prossimo Stereotipi

3 Commenti

  1. un sunto di stupidate

  2. E’ sempre così. Prima la tecnologia militare, poi le applicazioni alla vita civile. Come il Tom tom, o credevate che le carte geografiche fossero attendibili? Totalmente sballate, tutte. Le uniche serie e vere sono quelle in dotazione agli eserciti. Guardate l’Italia nelle carte normali, è posta da nord a sud ma in realtà è talmente piegata ad oriente che ci sarebbero in natura ben due fusi orari di differenza fra la Puglia e la Lombardia, tanto per dirne una.

  3. Non ho seriamente mai visto un ammontare più vasto di c****e.

    Il 5G è uno standard definito da una associazione di operatori di reti e fabbricanti di sistemi detto 3GPP (The 3rd Generation Partnership Project) evoluzione del glorioso gruppo che si incontrava negli anni ’80 ovvero lo European Conference of Postal and Telecommunications Administrations (CEPT) che poi dava vita al GSM che tutti hanno sentito ma pochi sanno che una abbreviazione di tre parole francesi 🤣  Groupe Special Mobile.

    Questo per dire che sei sai l’inglese che è la lingua franca tecnologica ti trovi *tutti* gli aspetti del 5G apertamente descritti e non vi è nulla di quanto descritto dal ?giornalista? che vaneggia di missili supersonici guidati dal 5G 😂🤣😂🤣🤣😂che infatti, hanno fatto le specifiche sulla nomadicità degli utenti supersonici. Ma te prego.

    Dai corri vai sparisci.