La politica di pace della Russia incoraggia la guerra

Paul Craig Roberts – The UNZ Review – 27 febbraio 2021

 

Il 25 febbraio il ladro di elezioni ha ordinato un attacco aereo statunitense sulla Siria che ha ucciso 17 iraniani. Gli attacchi statunitensi e israeliani contro la Siria sono in corso da anni senza altre conseguenze che le denunce siriane e russe delle violazioni del diritto internazionale da parte di Stati Uniti e Israele. Chiaramente, l’agenda USA/israeliana ha la priorità sul diritto internazionale. Si potrebbe pensare che dopo tutti questi anni, il Cremlino avrebbe dovuto accorgersene e smettere di suonare come un disco rotto.

Dopo anni di esitazione, la Russia ha finalmente permesso alla Siria di ottenere i missili S-300, che, se si permette ai siriani di usarli, sarebbero in grado di prevenire gli attacchi statunitensi e israeliani. Poiché i missili non vengono mai usati, Washington li considera solo un altro bluff di un governo russo codardo che non vuole combattere.

Andrew Korybko, un analista politico americano di stanza a Mosca, cerca di trovare una politica russa nella protezione russa contro gli attacchi statunitensi e israeliani in Siria. Korybko riconosce che la Russia mentre considera ufficialmente gli attacchi israeliani e statunitensi sul territorio siriano come violazioni del diritto internazionale, “non fa mai nulla per fermarli“. Egli indica “il fatto oggettivamente esistente e facilmente verificabile che gli S-300 non sono mai stati utilizzati nemmeno una volta per difendere la Siria da quando sono stati inviati lì alla fine del 2018 per questo scopo esplicito” come prova che Mosca sta “facilitando passivamente questi attacchi.”

Korybko ipotizza che la tolleranza del Cremlino degli attacchi fa parte di un “grande ‘atto strategico di bilanciamento’ russo che cerca di promuovere una cosiddetta ‘soluzione politica di compromesso’ al conflitto del paese, che prevede l’eventuale ritiro delle forze iraniane e dei loro alleati, come Hezbollah, con la contropartita di Israele e Stati Uniti che fermano la loro aggressione convenzionale contro la Repubblica araba“.

In altre parole, Korybko suggerisce una complicità del Cremlino con Israele nel cacciare l’alleato iraniano della Siria: “il Cremlino continua a negare alla SAA il diritto di usare gli S-300 allo scopo di difendere i suoi alleati dagli attacchi israeliani e americani contro di loro. Questa osservazione suggerisce fortemente che la Russia sta perseguendo una strategia machiavellica in cui spera ufficiosamente che gli attacchi israeliani e americani portino al ritiro forzato di Iran e Hezbollah dalla Siria“. https://www.globalresearch.ca/why-isnt-alt-media-asking-about-s-300s-biden-latest-strike-syria/5738437

Se Korybko ha anche solo parzialmente ragione, [ciò significa che] il Cremlino non capisce l’aggressione americana e israeliana. L’incapacità del Cremlino di capire il nemico è ciò che porterà alla guerra, non l’impiego da parte della Siria degli S-300 per difendere il proprio territorio dagli attacchi.

Se va bene attaccare gli iraniani e Hezbollah in Siria, Washington concluderà che va bene attaccare gli iraniani in Iran, e Hezbollah in Libano. Questo espanderà la violenza e l’instabilità invece di ridurla. Hezbollah è tutto ciò che impedisce un’altra invasione israeliana del Libano e la spartizione di quel paese. La posizione russa in Medio Oriente è così debole che incoraggia più attacchi USA/Israele.

In altre parole, invece di disinnescare la situazione, la politica del Cremlino la infiamma.

Inoltre, cosa ne viene ai russi dal cacciare gli alleati iraniani ed Hezbollah dalla Siria? Se ne avvantaggiano solo gli interessi di Washington e di Israele. La politica della Russia, come postulato da Korybko, implica che la Russia è d’accordo sul fatto che l’Iran e Hezbollah devono essere frenati. Pertanto, Hezbollah può essere attaccato in Libano come in Siria, e gli iraniani possono essere attaccati in Iran come in Siria. La politica della Russia come dipinta da Korybko può essere solo un fallimento.

Washington e Israele continueranno i loro attacchi, perché sanno che non ci saranno conseguenze se non a parole.

Il Cremlino deve considerare quale politica è la meno rischiosa: continuare a sparare parole inefficaci o missili che rendono gli attacchi costosi. Il modo più semplice e sicuro per stabilire la pace in Medio Oriente è l’annuncio di un patto di mutua difesa russo/cinese/iraniano/siriano, esattamente come per la NATO, per la quale un attacco a uno è un attacco a tutti.

All’accusa che questo porterebbe alla guerra si può rispondere con una domanda: perché allora la NATO non ha portato alla guerra? Se è probabile che la guerra sia il risultato di un attacco, un aggressore pensa più di una volta ad attaccare. Finché l’aggressione è tollerata, cresce fino a quando deve essere contrastata. Questa è stata la narrazione ufficiale della Seconda Guerra Mondiale per tre quarti di secolo.

Il Cremlino dovrebbe iniziare a capire che il 90% della politica statunitense in Medio Oriente è determinata da Israele e dagli agenti statunitensi di Israele, i neoconservatori sionisti. Il regime di Biden ne è pieno. Israele vuole il Grande Israele, e i neoconservatori vogliono l’egemonia statunitense in Medio Oriente per dare a Israele ciò che vuole. Israele ha rubato lentamente e pazientemente la Palestina per decenni e ora vuole muoversi più velocemente. La distruzione dell’Iraq e della Libia da parte di Washington ha portato avanti il piano. La distruzione della Siria era in cantiere fino a quando la Russia è intervenuta e l’ha impedita. Ma la Siria è ancora in parte un paese diviso, e la Siria, Hezbollah nel Libano meridionale, e l’Iran sono gli ostacoli rimanenti all’egemonia statunitense e israeliana in Medio Oriente. Se questa egemonia viene raggiunta, la Russia può aspettarsi la sovversione di Washington dei musulmani nella Federazione e nelle ex repubbliche sovietiche asiatiche.

Come il generale americano Tod D. Wolters ha detto di nuovo ai russi tre giorni fa, apparentemente senza effetto, gli Stati Uniti considerano la Russia come “una minaccia esistenziale duratura per gli Stati Uniti” ( https://www.paulcraigroberts.org/2021/02/26/americas-absurd-foreign-policy/ ).

Sarà l’incapacità della Russia di accettare questo dato di fatto che porterà alla guerra.

 

Link: https://www.unz.com/proberts/russias-policy-of-peace-is-encouraging-war/

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte