Incrociatori lanciamissili russi in Mediterraneo

Forza di contrasto per i gruppi di portaerei statunitensi, francesi e italiani.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Sam LaGrone – USNI News – 22 febbraio 2022

 

(Aggiornato con una dichiarazione del capo delle operazioni navali Adm. Mike Gilday.)

 

Tre incrociatori russi con missili guidati sono stati schierati nel Mar Nero e nel Mar Mediterraneo per contrastare tre gruppi d’attacco di portaerei della NATO, causando preoccupazione nel Pentagono, ha detto a USNI News martedì un funzionario della difesa degli Stati Uniti.

A partire da lunedì, i tre incrociatori di classe Slava stavano operando nel Mar Egeo e dintorni; la RTS Moskva (121) nel Mar Nero, RFS Varyag (011) a sud dell’Italia e RTS Marshal Ustinov (055) al largo della costa della Siria, vicino alla base navale della Russia a Tartus.

La Moskva è basata nel Mar Nero, mentre la Marshal Ustinov viaggiava dalla Flotta del Nord e la Varyag dalla Flotta del Pacifico. La Ustinov e la Varyag sono entrate nel Mediterraneo da estremità opposte all’inizio di questo mese.

Le tre classe Slava, da 11.500 tonnellate, sono state progettate intorno a lanciatori che possono contenere 16 missili da crociera antinave SS-N-12 Sandbox – ciascuno delle dimensioni di un grosso palo telefonico. Sviluppati negli anni ’70, gli Slava e i Sandbox sono stati progettati per affrontare le portaerei degli Stati Uniti e della NATO bersagliandole con una raffica di missili da crociera ad alta velocità per affondare le navi.

La posizione degli incrociatori intorno all’Egeo è una complicazione per i gruppi d’attacco delle portaerei statunitensi, italiane e francesi che hanno operato nel Mediterraneo nelle ultime settimane.

Posizione delle tre unità russe al 21/2 scorso.

 

La USS Harry S. Truman (CVN-75), la sua scorta e il Carrier Air Wing 1 sono stati incaricati dal Segretario alla Difesa Lloyd Austin dalla fine di dicembre di rimanere nella regione, mentre le tensioni tra l’Occidente e la Russia si sono infiammate per la presenza di truppe russe ammassate al confine russo. La portaerei F-35B della Marina italiana ITS Cavour (CVH-550) e la portaerei della Marina francese FS Charles de Gaulle (R 91) e le loro scorte sono anche operative nel Mediterraneo.

Mentre i russi hanno ammassato risorse navali nel Mediterraneo e nel Mar Nero, gli Stati Uniti hanno aggiunto incrociatori e cacciatorpediniere con missili guidati alla 6a Flotta. A partire da martedì, gli Stati Uniti hanno circa una dozzina di navi da guerra con missili guidati che operano nella regione, secondo USNI News.

Quattro cacciatorpediniere della costa orientale – USS Donald Cook (DDG-75), USS Mitscher (DDG-57), USS The Sullivans (DDG-68) e USS Gonzalez (DDG-66) – hanno lasciato gli Stati Uniti il mese scorso come unità indipendenti.

Durante il loro schieramento, parteciperanno a una serie di attività marittime a sostegno della Sesta Flotta degli Stati Uniti e dei nostri alleati della NATO”, ha detto la Marina a USNI News.

Queste navi si sono unite alle USS Ross (DDG-71), USS Roosevelt (DDG-80), USS Porter (DDG-78) e USS Arleigh Burke (DDG-51), e alle scorte del CSG Harry S. Truman.

Mentre le armi russe sembrano imponenti, gli incrociatori e i cacciatorpediniere Aegis hanno sistemi di difesa missilistica più sofisticati che superano le armi russe degli anni ’70 e ’80. Il rischio per le navi degli Stati Uniti e della NATO, secondo USNI News, è se i difensori missilistici venissero sopraffatti dal numero di missili che i russi possono lanciare e le navi degli Stati Uniti e della NATO rimanessero a corto di intercettori,.

La scorsa settimana, il capo delle operazioni navali Adm. Mike Gilday ha detto che la Marina degli Stati Uniti era pronta a “interagire” con la Marina russa nella regione.

Operiamo dentro e intorno ai russi e ai cinesi tutto il tempo. Quindi questo non è niente di nuovo“, ha detto venerdì quando gli è stato chiesto degli incrociatori russi dai giornalisti.

Data la situazione attuale, la possibilità di errori di calcolo è maggiore. Questo è il motivo per cui ci addestriamo ad uno standard molto elevato in modo che quando ci troviamo le nostre navi in situazioni come questa, agiamo in un modo che non è provocatorio e comunichiamo molto chiaramente che non siamo cowboy là fuori. Le nostre intenzioni sono di essere professionisti responsabili“.

Nel frattempo, come risposta alla dichiarazione della Russia che le regioni ucraine di Donetsk e Luhansk sono repubbliche indipendenti, il Pentagono sta inviando più forze al fronte orientale della NATO.

Queste forze includono un battaglione di fanteria di 800 truppe diretto verso i paesi Baltici, il riposizionamento di otto F-35 Lighting II Joint Strike Fighters più a est, 20 elicotteri d’attacco AH-64 che si spostano nella regione baltica e 12 elicotteri AH-64 diretti in Polonia, secondo un alto funzionario della difesa.

 

Link: https://news.usni.org/2022/02/22/russian-navy-cruisers-positioned-to-counter-u-s-french-and-italian-carrier-groups-in-the-mediterranean

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x