Home / Attualità / Chiesa e Stato? Dare a Cesare è l’unica garanzia di legalità

Chiesa e Stato? Dare a Cesare è l’unica garanzia di legalità

DI CARLO NORDIO

ilmessaggero.it

Quando, alcuni mesi fa, scrivemmo su queste pagine che l’iniziativa di alcuni sindaci di violare le leggi in materia di immigrazione costituiva un pericoloso precedente per la certezza del diritto e per la stessa credibilità dello Stato, mai avremmo immaginato di ricevere una così stupefacente e dolorosa conferma in termini assai più gravi e con conseguenze ben più laceranti. Perché il gesto del Cardinale Krajewski è così nuovo e inatteso da lasciare quasi senza parole.

Tuttavia, superati i primi attimi di sgomento, possiamo provare a delinearne le caratteristiche e immaginarne gli effetti. Naturalmente spetterà alla magistratura ricostruire la vicenda, definendo l’eventuale reato e la connessa procedibilità. Ma, indipendentemente dall’aspetto penale, il comportamento del porporato costituisce una flagrante violazione di legge. E fin qui potremmo inserirlo in quel pericoloso indirizzo, di anteporre alle norme vigenti i propri convincimenti morali, che ha ispirato il sindaco di Riace e i suoi – per fortuna pochi – colleghi.
Ma Krajewski non è un sindaco, e nemmeno un parroco di campagna. In quanto cardinale residente a Roma, nonché elemosiniere del Papa, è a tutti gli effetti cittadino dello Stato Vaticano.
Uno Stato eretto con il Trattato tra la Santa Sede e Mussolini nel 1929, a seguito del quale è stato riconosciuta a questo nuovo soggetto non solo la sovranità, ma una serie di privilegi di cui non godono le altre Nazioni. E’ noto che, a fronte del plauso rivolto dalla Chiesa all’“uomo della Provvidenza” ( ma non si era detto che il Duce non aveva mai fatto niente di buono?) molti laici, a cominciare da Benedetto Croce, si opposero a questa sorta di compromesso confessionale che, tra polemiche anche più accese, fu confermato dagli articoli 7 e 8 della nostra Costituzione. Ma quale che sia il giudizio su questa scelta adottata per garantire – come si disse – la pace religiosa, è certo che il Vaticano continua a godere di prerogative del tutto originali cui corrisponde, o dovrebbe corrispondere, una particolare sensibilità verso le nostre istituzioni. Sensibilità che ora è stata grossolanamente smentita.

Non vi è, ovviamente, alcuna scusante etica per questa deplorevole violazione. Pare infatti che l’agile elemosiniere si sia addirittura calato nella buca per togliere i sigilli. Ora, se avesse voluto soccorrere gli occupanti abusivi che avevano accumulato trecentomila euro di bollette, avrebbe avuto varie opzioni non solo più corrette, ma anche più durature e meno pericolose per la sua incolumità: da quella più ovvia di offrirsi personalmente di saldare il conto, a quella ancora più encomiabile di fornire evangelico riparo nei vari immobili di cui il Vaticano dispone. Questa banale osservazione non ha nulla di anticlericale. Al contrario, esprime l’amara preoccupazione che possa riemergere quel conflitto, che periodicamente spinge i laici più intransigenti ad “allargare il Tevere” sino a renderlo un invalicabile oceano.

Ed è questo il punto più grave della questione. Se il Vaticano smentirà senza riserve l’operato del suo funambolico cittadino, la questione potrà dirsi politicamente chiusa, anche se resterà il disastroso precedente, ben più serio di quello dei nostri soccorrevoli sindaci. Se invece dovesse solo sorgere sospetto che il gesto del presule non è stato un ispirato momento di esaltazione coribantica, ma un ‘iniziativa concordata o approvata altrove, il nostro Stato dovrà prenderne atto, perché una sua inerzia supina suonerebbe come un’ intollerabile ammissione di codarda subalternità. E allora quegli argini di legalità che erano stati già minati dal buonismo dei sindaci crollerebbero del tutto, facendo dilagare le più bizzarre e funeste iniziative giustificate, si fa per dire, dalle più singolari e opinabili invocazioni solidaristiche. E il principio evangelico del “Date a Cesare quel che è di Cesare ”, finora felicemente coniugato con quello altrettanto saggio della “Libera Chiesa in libero Stato” sarebbero travolti da un logorante conflitto di cui proprio non si sente il bisogno.

 

Carlo Nordio

Fonte: www.ilmessaggero.it

Link: https://www.ilmessaggero.it/editoriali/carlo_nordio/editoriale_nordio-4487102.html

13.05.2019

Pubblicato da Davide

24 Commenti

  1. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Al di la di tutte le considerazioni che gli “aspetti” di questa vicenda possono far nascere penso che il porporato abbia fatto bene……
    C’è da chiedersi invece quali siano veramente le recondite preoccupazioni dell’autore dell’ articolo” e/o di chi lo manda a scrivere.

  2. Il gesto dell’elemosiniere pontificio Konrad Krajewski, che ieri ha riattaccato la luce in un palazzo occupato di Roma, spacca la politica. Nello stabile, che si trova nel centro di Roma e a quanto sembra ospita anche un locale notturno, vivono 450 persone, delle quali 180 famiglie e 98 minori. Per il 30 per cento si tratta di italiani.,“……..

    Ah, ecco perché lo ha fatto! Se fosse stato occupato solo da italiani potevate scommettere che non si sarebbe scomodato. Eh già Bergoglio è ormai il Papa dei migranti, degli italiani o degli europei non gli interessa più un fico secco. E il fatto che la maggior parte dei migranti dia musulmana non lo disturba affatto.
    Ha ragione Antonio Socci : il cattolicesimo si sta suicidando.

  3. Bene ha operato il Cardinale Krajewski. Per superare l’immondo e kriminale stato di cose occorre agire fottendosene di regole e leggi che attentano alla dignità e alla salute umana in qualunque angolo della terra. Per uscire da questo sistema disumano e disumanizzante, occorre “forzare l’orizzonte” e spendersi in prima persona senza se e senza ma. “Forza Maggiore, Stato di Necessità”, benessere e felicità debbono, sempre e comunque, prevalere sugli interessi di questo o quell’ente pubblico o privato dir si voglia. I tanti farisei pesino la positività dell’azione e ignorino ogni altra paraculesca considerazione. “Ciò che si fa per amore va sempre al di la del bene e del male”. Col sangue agli occhi e il cuore pieno di amore.

  4. Lo Stato Vaticano è il risultato di un brutto scherzo giocato agli italiani dai francesi ai tempi della Repubblica Romana, un handicap che ha impedito la liberazione di tutto il territorio italiano ed un percorso di vera autonomia come Stato Unitario, si tratta di un costo altissimo e permanente dal punto di vista economico, ma ancora di più sotto il profilo dell’autonomia politica, che in conseguenza delle sempre puntuali intromissioni da parte dei prelati non si è mai raggiunta definitivamente, inoltre la chiesa cattolica ha sempre giocato dalla parte del grande capitale, quando serviva sostenendo persino il fascismo e comunque sabotando ogni lotta volta all’emancipazione delle classi lavoratrici, oggi che il grande capitale non ha più bisogno di mandare squadracce a intimorire i lavoratori la chiesa cattolica offre in modi diversi la sua supplenza ai progetti liberisti, sostenendo la sostituzione etnica su tutto il continente europeo, la nuova fase dell’annichilimento psichico di massa la vede in prima linea nel sostenere un ribaltamento delle norme etiche in contrasto stridente con le norme a cui si è sempre riferita come religione, però è una bella notizia per chi intelligentemente l’ha sempre considerata ancella del potere e non certo ente caritatevole e benefico, bastava pesare le enormi ricchezze materiali per capirlo però non a tutti bastava, oggi con questo schieramento dalla parte dei regimi liberisti transnazionali a nessuno potrà più sfuggire la vera dottrina di questa congrega di ricchissimi uomini d’affari imporporati.

  5. La reazione “minima” dovrebbe essere l’applicare al buon cardinale le leggi e regolamenti vigenti.

  6. Mi sono perso, in mancanza di energia elettrica l’essere umano è spacciato?Sicuramente chi utilizza macchine in ambito sanitario ha bisogno di energia ma altrimenti non vedo il problema.

  7. Non riesco a capire bene come sia stato effettuato il “riallaccio”. I contatori di oggi consentono sia la telelettura che il teledistacco da parte della centrale. Solitamente non è necessario alcun intervento fisico per la disconnessione e la riconnessione. Forse nello stabile i contatori erano vecchi e non potevano essere riconnessi.
    Leggendo in dettaglio, mi sembra di capire che siano stati forzati i sigilli di una cabina elettrica e sia stata ridata corrente da un interruttore generale. Ma resta il fatto che i singoli contatori dovrebbero essere disattivabili.

  8. Bergoglio e i suoi vogliono farsi passare per progressisti, ma quando era arcivescovo di Buenos Aires negli anni ottanta e verso la fine del decennio il parlamento argentino approvò il matrimonio tra persone dello stesso sesso scrisse una lettera pastorale ai conventi femminili della diocesi affinchè pregassero contro quella blasfemia.
    Che sia stato manipolato è evidente, è un agente atlantico come lo erano Marcinkus e Wojtila (amico di Brezinski), si è comportato come gli ordinavano Obama e la Clinton, a loro volta ispirati da Soros, passando da conservatore a globalista, considerando che il papato è ricattabile da quando mise le sue ricchezze liquide nelle mani dei Rothshild fin da quando Napoleone lo cacciò da Roma.
    E sono ancora nelle loro mani.

  9. Nordio non ha menzionato un aspetto interessante relativo agli artt. 7 e 8 Cost. Durante il dibattito dell’Assemblea Costituente relativo ai rapporti con le religioni, vi era una stragrande maggioranza (tutti eccetto la dc) favorevoli ad un vero Stato laico. Peccato che il compagno Togliatti, che degli interessi dell’Italia e dei lavoratori italiani se ne fotteva altamente, per ingraziarsi l’elettorato cattolico fece un bell’inciucio con De Gasperi e così vennero approvati i due famigerati articoli che ancora oggi danno vergognosi privilegi allo Stato pontificio ed ai cattolici.Per altro lo stesso compagno, per ingraziarsi le classi sociali che avevano appoggiato il fascismo, firmò l’amnistia ai criminali neri. Tanto per meglio illustrare la politica di mero interesse immediato di bottega del pci e di totale disprezzo delle conseguenze di lungo respiro che sono sotto gli occhi di tutti. Detto questo è evidente che nulla verrà fatto contro il cardinale, come nulla venne fatto contro il criminale Marcinkus o contro i preti pedofili che, a quanto pare, esistono solo all’estero.

  10. Ma scusate va benissimo! È un precedente perfetto. Da domani ognuno di noi si accorda con gli altri del palazzo per non pagare più le bollette. Quando ci staccano la luce chiamiamo un pretonzolo un diacono un frate che ce la riattacca (magari coadiuvato da un tecnico) e benedice il tutto nel nome del signore Gesù Cristo misericordioso e siamo a posto.

  11. Date a Cesare quel che è di Cesare oggi suonerebbe un pò come restituite i foglietti di carta alla bce.Che Gesù fosse un sovranista?Corsi e ricorsi storici …

  12. Qualcuno mi riassume in poche parole che ha fatto sto tizio?

  13. La Chiesa e chi c’è dentro ha sempre ragionato così: il mondo si divide in due categorie, chi deve aiutare e chi deve essere aiutato.

    Nello specifico, gli italiani devono sempre aiutare, gli immigrati e i nomadi devono sempre essere aiutati. Perché i primi sono fortunati a prescindere, i secondi disgraziati a prescindere.

    Per questo, per la Chiesa e chi la frequenta, è giusto che i primi vengano subissati di tasse, anzi si devono sentire in colpa se non si autotassano ancora di più facendo la carità, mentre i secondi possono giustamente vivere di elemosine.

    E ovviamente è giudicata “cosa buona e giusta” che la Chiesa e chi collabora con lei campi facendo la cresta su questo passaggio di offerte.

  14. Conte riapre i porti alle ONG salvagente, il sindaco di Riace tiene una prolusione alla Sapienza di Roma, il cardinale ridà la luce elettrica agli occupanti abusivi, la corte europea sentenzia che non si può respingere un clandestino anche se ha commesso gravi reati, se nel suo paese rischia qualcosa di brutto (a questo proposito bisognerebbe consigliare agli avvocati di Assange di appellarsi a questa sentenza per evitare l’estradizione negli USA dove c’è la pena di morte, prima che venga formalizzata la Brexit). Ho l’impressione che sia in atto un tentativo di modificare il paradigma sociale da stato di diritto a società fondata sul cuore, il buonismo (a senso unico) prevale sul diritto e per chi non lo accetta si attiva la psicopolizia col manganello del politicamente corretto. La vedo dura per Salvini far passare il decreto sicurezza bis.

  15. A proposito del cardinale elettrico e di Bergoglio c’è da dire che l’interpretazione del detto evangelico date a Cesare quel che è di Cesare pare sia stata un pò forzata, dato che il cardinale a dato a Cesare quel che era di Antonio e anche l’interpetazione bergogliana della parabola del buon samaritano lascia un pò a desiderare, visto che i poveri disgraziati raccolti in mare li ha lasciati all’oste (l’Italia) per essere curati, ma si è dimenticato di pagarlo (l’oste) contrariamente a quanto fatto dal buon samaritano, come racconta Luca 10,25-37

  16. Ma lo stabile ex Inpdap di Roma di chi e’proprieta’, qualcuno lo sa? Perche in questa faccenda il proprietario ha qualche responsabilita’.

  17. Carlo Nordio è un insigne giurista, un uomo di grande cultura e di grande coerenza. Considerato dalle toghe rosse da sempre il loro più acerrimo nemico all’interno della magistratura, la toga nera per eccellenza. Invito cortesemente tutti voi, qualora vi sia sfuggita, ad ascoltare la sua intervista in cui precisa con un ineccepibile ragionamento giuridico come dovrebbe essere la legittima difesa in uno stato liberale. In questa occcasione ci spiega invece, sempre in punta di diritto e con grande coerenza, quali siano i limiti di azione della Chiesa e dello Stato Vaticano nei confronti di un altro stato sovrano, limiti appunto ampiamente superati dalla toga rossa vaticana. Come faceva giustamente notare un lettore, la corrente è stata riallacciata unicamente perche’ la maggioranza degli abitanti del palazzo erano stranieri e clandestini. Fossero stati italiani sarebbero ancora prigionieri delle tenebre. Ormai il Pontificato di Bergoglio e dei suoi seguaci, tra cui il cardinale in questione, si è ridotto al solo slogan “Porte aperte per tutti gli stranieri in Italia ma non nelle proprietà vaticane”. E non mi stupisco che una congrega di illustri studiosi e prelati vaticani abbia scritto una lettera accusando questo Papa di eresia: in effetti sostenere che cristianesimo e marxismo poggino sugli stessi presupposti ideologici è un’eresia, non sono necessari studi particolarmente accurati per capirlo.

  18. Mi sembra di vivere in Palestina,con gli ebrei in questo caso il vaticano,che fà qualsiasi cosa voglia,tanto sà di non essere punito.

  19. Questo si prodiga di fare un’azione alla Masaniello, ma sulle cause a monte che opprimono il popolo si girano sempre dall’altra parte.

  20. Morale della favola: la corrente a quegli assistiti occupanti case degli altri li’, tocca ad ognuno di noi pagarla visto che e’ del comune! Noi che, magari, dobbiamo fare sacrifici per pagare la nostra! Quel prete sarebbe stato caritatevole se avesse pagato lui le bollette ma le ha rimesse a noi, come” i nostri debiti”!

  21. Tutte cazzate!

    Vero che in quel palazzo abitano famiglie con bambini.
    Però si dimentica di dire che si tratta di un palazzo occupato dove esistono attività abusive come ristoranti, discoteche, etc
    Tutto in nero, senza controlli, senza pagare tasse, nulla.

    E le persone “ospitate” pagano affitto in nero agli occupanti!

    Fatemi capire: in Italia causa crisi hanno chiuso decine di migliaia di attività, e a questi oltre che lavorare in nero si permette di riattivare le utenze?

    Ma provateci voi…

    Stanno chiudendo i contatori di normali famiglie (acqua , luce egas) per ritardi nel pagamento di una sola bolletta.

    Però è importante che si possa continuare a tener perta la discoteca abusiva!

    https://www.ilmessaggero.it/AMP/pay/spin_time_labs_palazzo_occupato_ultime_notizie-4487088.html?__twitter_impression=true

    Il vice-sindaco, Luca Bergamo qui si è visto per un convegno, insieme

    alla presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi: quando c’è un

    problema, Tarzan si rivolge a loro. Da qualche tempo, vi hanno trovato

    casa anche i ragazzi di Scomodo, che qui hanno organizzato uno dei loro

    party memorabili: nella stessa notte in cui ad Ancona si consumava la

    tragedia della “Lanterna Azzurra”, nel piano interrato entravano

    rombando delle moto. La proprietà ha presentato almeno cinque esposti

    alla Procura, oltre ad aver sollecitato più volte la Prefettura a

    intervenire. Qualche mese fa la beffa: i vigili hanno inviato una

    missiva alla Investire Sgr, sollecitandola a “tutelare” il decoro del

    porticato dello stabile, occupato da alcuni clochard. «Quel palazzo è

    una bomba ad orologeria: non ci sono uscite di emergenza, e nei weekend,

    nella discoteca entrano centinaia di persone», dicono i residenti,

    ormai sempre più rassegnati.

    https://www.ilmessaggero.it/roma/news/occupazioni_via_santa_croce_di_gerusalemme_affari_nero_ultime_notizie-4489486.html

    Le case famiglia del Campidoglio? No. Meglio restare nel palazzo

    occupato, che in barba alla legalità, tra bottiglie di vino barrique

    vendute a 15 euro l’una e rave party rigorosamente a pagamento,

    macina incassi a sei cifre. Tutto al nero, ça va sans dire. Prima che

    l’elemosiniere del Papa riattaccasse la luce col blitz dell’altro ieri,

    agli abusivi di via di Santa Croce in Gerusalemme avevano fatto visita

    gli operatori della Sala sociale del Comune di Roma.

    Le case famiglia del Campidoglio? No. Meglio restare nel palazzo
    occupato, che in barba alla legalità, tra bottiglie di vino barrique
    vendute a 15 euro l’una e rave party rigorosamente a pagamento,
    macina incassi a sei cifre. Tutto al nero, ça va sans dire. Prima che
    l’elemosiniere del Papa riattaccasse la luce col blitz dell’altro ieri,
    agli abusivi di via di Santa Croce in Gerusalemme avevano fatto visita
    gli operatori della Sala sociale del Comune di Roma.

    LEGGI ANCHE: Cardinale sotto inchiesta per il blitz «Un tecnico lo ha aiutato»

    LEGGI ANCHE: Spin time Labs tra alloggi a pagamento, discoteca e ristorante: per gli abusivi quell’immobile è un business

    Spediti lì dalla sindaca Virginia Raggi, gli assistenti sociali hanno
    offerto alle famiglie con bambini, agli anziani e a chiunque fosse
    considerato in stato di «fragilità» potenziale una sistemazione sicura,
    all’interno del circuito di accoglienza del Campidoglio. Posti letto in
    strutture dedicate o in case famgilia. Risposta degli occupanti: no
    grazie. Restiamo qui. Evidentemente i «rischi igienico-sanitari»
    strombazzati fino a poco prima, erano evaporati, giusto il tempo di
    rimandare indietro gli operatori comunali. Poi sono ricomparsi, nella
    propaganda della protesta. E hanno riecheggiato anche negli show
    allestiti negli ultimi giorni. Almeno quelli, gratuiti. Molti altri no.

  22. Caro Truman.
    Leggendo i commenti sotto, sei soddisfatto del cambio generazionale e politico dei lettori di CDC ? Secondo te è rimasto qualche d’uno di ” sinistra ” su CDM.? Intendo sinistra vera eh. Penso che Davide fu profetico nel 2016 quando voleva chiudere CDM.

  23. Ma il proprietario come mai permetteva che occupassero la sua proprieta’? Forse avra’ avuto delle convenienze? E’ tutta sua la colpa……e che c’entrava un prete elettricista? Chi ce lo ha mandato? Non ho seguito bene la cosa, ma qualcosa non mi torna….se qualcuno me la spiega, lo ringrazio in anticipo.

  24. Questi non solo hanno strappato gli infami e infelici Patti Laternanesi ma agiscono come se fossimo ai tempi di Pio IX e dello Stato temporale. Inutile dire che è urgente il ritorno di Garibaldi e una nuova Porta Pia per dare un altro solenne calcio in c. a questi infami.