Categoria

Eurozona

Il ventennio dell’euro: i dati sul disastro economico italiano

Da Canalesovranista.altervista.org Nel 2019 si chiudeva il peggior decennio della storia dell’economia italiana, ma visto che al peggio non c’è mai fine è arrivata la crisi del coronavirus a portarci ulteriormente indietro. In attesa di riprenderci (forse) dall’ennesima crisi, il primo gennaio 2022 ricorrerà il 20° anniversario da quando l’euro divenne moneta a corso legale e il conseguente “pensionamento” della lira. Per essere pronti ad affrontare qualsiasi discussione sul tema, ecco una…

I Poteri italiani vogliono rimanere nell’Euro! Ecco la soluzione

 Sono quasi due decadi, che nel nostro paese si dibatte sulle chiare criticità che il sistema-euro presenta e le evidenze degli “orrori economici” che caratterizzano questa unione monetaria, sono ormai sotto gli occhi di tutti. Ma, pur essendo chiaro a tutti le mortali sabbie mobili in cui ci siamo infilati, ancora oggi ci ostiniamo a rimanerci dentro e niente facciamo per cercare di uscirne.

Roma: morire di debito o sfidare il commissariamento

Di ConiareRivolta.org Da troppi anni Roma versa in una situazione di disagio e abbandono, specialmente nelle sue aree più periferiche e popolari. Quel che accade a Roma è ormai arcinoto: carenza di servizi, emergenza abitativa, buche su ogni tipo di strada, spazzatura che resta non raccolta per giorni, disservizi al trasporto pubblico locale, impoverimento dell’offerta culturale. La lista sarebbe ancora lunga, ma fermiamoci qui. Come vedremo, si tratta del frutto di precise scelte politiche…

Covid in salsa greca (spoiler: come in Italia, con più migranti)

La Grecia ancora è rinchiusa, in particolare dove il patriottismo è più forte (a Salonicco, ad esempio) mentre il Governo riceve 10k euro a testa per ogni migrante che lascia entrare (oltre a 3 miliardi per tenersi i migranti che la Germania non vuole), pianifica nuove “città” per i migranti e ormai il 30% della popolazione presente nel paese non è autoctona. Panagiotis Grigoriou allarga lo sguardo citando le analisi di Dmitri Orlov e Rabbi Dynovisz che vedono lo scenario finale, ovvero la…

L’oca di Mundell e l’eurozona

Robert A. Mundell, recentemente scomparso in Italia presso la sua villa in provincia di Siena, è stato un economista canadese noto soprattutto per i suoi studi teorici sulle aree valutarie ottimali, esposti in un celebre articolo pubblicato nel 1961 “A Theory of Optimum Currency Areas”. Fu anche l’ispiratore ideologico, insieme all’economista Arthur Laffer, della cosiddetta supply-side economics, una teoria macroeconomica che ha come postulato la riduzione della pressione fiscale, la…

Caro Maddalena, la sovranità monetaria è perduta!

In un periodo caotico come quello attuale, caratterizzato da una totale incertezza per il futuro in ambito politico ed economico, c’è bisogno di mantenere i piedi ben saldi per terra analizzando i fatti così come sono e non per quello che potrebbero essere: altrimenti si corre il rischio di alimentare false speranze, soprattutto se fondate su interpretazioni fuorvianti, che minano la sacrosanta dialettica critica attorno ad al dibattito. E quello intorno alla gestione della politica monetaria e…

MMT Italia: uscire dall’Unione Europea e dall’Euro si può

Come rimuovere la catena che preclude all’Italia libertà e benessere Di Filippo Lucchese, mmtitalia.info Uscire dall’euro e dall’Unione Europea si dovrebbe, ma non si può; è su questa affermazione che si è da tempo arrestato il dibattito “ufficiale” su un tema così centrale per il futuro economico, sociale e politico dell’Italia. Si tratta di una tendenza registrata ben prima che la stucchevole ondata di conformismo europeistico indotta in questi ultimi giorni sospendesse di…

La pistola fumante

La crisi di governo sembra in via di risoluzione dopo che il governo Conte ha ottenuto la fiducia di entrambi i rami del parlamento, anche se al Senato non ha la maggioranza assoluta. Di fatto, l'esecutivo è più fragile e in queste ore, secondo quanto dicono le cronache, è a caccia di voti. Ma cosa si cela dietro una crisi che sembra così enigmatica? Si è forse tentato il colpo per un nuovo governo tecnico guidato da Mario Draghi? Questo articolo di Alberto Conti, scritto prima degli sviluppi di…

Le ragioni del crollo della produttività italiana: nanismo aziendale o nanismo politico?

di Riccardo D'Orsi kriticaeconomica.com La stagnazione dell’economia italiana ha radici profonde che precedono lo scoppio della Crisi finanziaria globale del 2007/08. Mentre il reddito pro-capite medio dell’Italia ha viaggiato a lungo sugli stessi livelli di Francia e Germania, a partire dalla seconda metà degli anni ’90, le sue performance economiche sono peggiorate drasticamente. In contrapposizione ad alcuni studi che tendevano ad ascrivere i problemi dell’economia italiana a un…

Pioggia di miliardi italiani sull’Europa

di Davide Gionco, attivismo.info Da molti anni siamo abituati alle sensazionali notizie sulla “pioggia di miliardi dall’Europa” che dovrebbero dissetare le aride terre d’Italia. Ma se guardiamo ai dati reali la storia è un po’ diversa. Abbiamo costruito dei grafici partendo dai dati ufficiali di bilancio relativi ai fondi versati dall’Italia all’Unione Europea ed ai fondi erogati dall’Unione Europea all’Italia. Prendendo in considerazione i dati dal 1994 (poco dopo l’entrate in vigore del…

Stephanie Kelton – “Il mito del deficit”: prefazione all’edizione italiana

Riportiamo la prefazione curata dalla professoressa Stephanie Kelton all’edizione italiana del libro, da lei scritto, “Il mito del deficit. La teoria monetaria moderna per un’economia al servizio del popolo” , in libreria dal 3 dicembre 2020. Traduzione italiana del volume a cura di Jacopo Foggi. Ringraziamo la Fazi Editore per la gentile concessione. Il pericolo non viene da ciò che non conosciamo, ma da ciò che crediamo sia vero e invece non lo è. – Mark Twain Care lettrici e cari lettori…

Fana Vs Fornero: Lavoro vero o nuova schiavitù?

Dibattito sul futuro che ci attende Di Federica Tonani, ComeDonChisciotte.org Si confrontano Marta Fana, economista e saggista, ed Elsa Fornero, ministro del Lavoro durante il governo Monti. Elsa Fornero sottolinea il problema di un conflitto tra generazioni nella distribuzione del reddito e nell’appropriazione dei benefici della spesa pubblica. Le scarse risorse pubbliche a disposizione dei giovani sarebbero, in questa prospettiva, il risultato di un’iniqua distribuzione a favore degli…

E’ solo una questione di volontà politica

Di Maria Luisa Visione, Siena News Lo ha ammesso candidamente Christine Lagarde che la BCE non può finire i soldi, e tantomeno fallire (1). Qualsiasi necessità di liquidità della BCE può essere soddisfatta senza mettere a rischio il sistema, in quanto la BCE è unico emittente di moneta euro. Notizia ribattuta come grande ammissione a seguito della proposta di cancellare, di conseguenza, il debito pubblico degli Stati contratto a seguito della pandemia. In realtà, che le banche…

La Cortina di Ferro continua a dividere la Russia dall’Europa

Pepe Escobar unz.com Sergey Lavrov, il ministro degli esteri russo, è il diplomatico più importante del mondo. Figlio di padre armeno e madre russa, è decisamente ad un altro livello. Qui, ancora una volta, potremmo essere in grado di capire il perché. Iniziamo parlando della riunione annuale del Valdai Club, il principale think tank russo. Qui possiamo seguire la presentazione, tutta da guardare, del rapporto annuale del Club, dal titolo "L’utopia di un mondo diverso," con la…

L’UE alla prova della pandemia. Intervista al collettivo di economisti Coniare Rivolta

Da ConiareRivolta.org Pubblichiamo il testo integrale di una intervista che abbiamo rilasciato il 9 giugno scorso a Lorenzo Pedretti. Il contributo è stato recentemente pubblicato sul periodico dell’ANPI Provinciale di Bologna, ‘Resistenza e nuove resistenze’. Quanti fondi ha stanziato l’Ue? Circa 3.400 miliardi secondo la Commissione europea (Ce), ma in realtà sono molti di meno. 2.450 miliardi provengono infatti dagli Stati membri, come gli interventi per 330 miliardi della prima fase…

La Ue getta la maschera: soldi in cambio di riforme

"LA NOTTE DELL'UNIONE" SARA' ANCORA DI AUSTERITA' Da ConiareRivolta.org Come succede ogni anno, l’estate arriva e sopisce, rasserena e sparge oblio. Poco più di un mese fa, a seguito dell’accordo raggiunto nell’ambito del Consiglio Europeo del 21 luglio, i principali mezzi d’informazione e la propaganda governativa ci raccontavano che la lunga attesa era finita e che era giunto il momento della riscossa: l’Europa si era rimboccata le maniche e metteva in campo, attraverso l’istituzione del…

Soldi in cambio di riforme? Il “Laboratorio Grecia”, un film fra le Carte di Cinema

Cosa significa ottenere soldi in cambio di riforme economiche? Cosa comporterebbe il Mes per l'Italia? Ce lo dimostra il documentario "LABORATORIO GRECIA". Un film autofinanziato e autoprodotto dal Collettivo Vox Populi e dalla redazione di ComeDonChisciotte.org. Oggi, ne parla la rivista "Carte di Cinema", edita dalla FEDIC, Federazione Italiana dei Cineclub, attraverso questo contributo editoriale a cura della critica cinematografica e psicologa dell'Arte, Paola Dei. Buona lettura. --…

Moneta creata dal Nulla, Stati indebitati e Mercati con la Mannaia

Dalla Lotta di Classe al Conflitto tra generazioni di Guido Salerno Aletta, Agenzia Teleborsa Questo è il paradigma del nuovo conflitto sociale: a) le Banche centrali creano la moneta dal nulla; b) di fronte alle crisi ricorrenti, gli Stati si indebitano enormemente per salvare l'intero sistema; c) i Giovani "pagheranno" il conto del nuovo debito, mentre i loro Padri che sono dei parassiti, beneficiano dell'assistenzialismo pubblico; d) i Mercati useranno la mannaia per punire…

Autunno caldo: il governo ha scelto di rimanere senza soldi?

L’analisi sull’andamento delle emissioni dei titoli di Stato italiani: che cosa cela il braccino corto del Tesoro nelle aste. di Giuseppe Liturri “Cash is king”. Questa frase, che non richiede traduzione, è utilizzata nel mondo degli affari per affermare che ciò che conta sono i flussi di cassa. Il resto sono chiacchiere. E, purtroppo per l’Italia, il confronto con le altre maggiori economie della Ue, basato sui dati al 30 giugno, rivela che il ministro Roberto Gualtieri continua ad…