Una nazione carceraria

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

Larry Romanoff
unz.com

Oltre alla tortura e alla democrazia, c’è un altro ambito in cui gli Stati Uniti possono affermare di essere leader mondiali: la popolazione carceraria. L’America ha solo il 4% della popolazione mondiale, ma ha il 25% dei detenuti nelle carceri, con più di una persona su 30 in prigione, in libertà condizionale, in libertà vigilata o in sorveglianza correzionale [1][2]. Ciò significa che negli Stati Uniti circa una persona su tre ha precedenti penali. Gli Stati Uniti hanno più detenuti dei primi 35 Paesi europei messi insieme e, con poco più di 300 milioni di persone, hanno nelle carceri un numero assoluto di detenuti superiore a quello della Cina, che conta 1.400 milioni di abitanti. Il tasso di incarcerazione in Cina e nei Paesi europei è in media di circa 100 [detenuti ogni 100.000 abitanti], mentre negli Stati Uniti è quasi 8 volte superiore. Di fatto, il tasso di incarcerazione degli Stati Uniti è più alto di quello dei Paesi elencati da Amnesty International come Paesi con problemi urgenti in materia di diritti umani.

Anche Hillary Clinton è d’accordo [3]:

“È un dato di fatto che gli Stati Uniti hanno meno del 5% della popolazione mondiale, ma hanno quasi il 25% della popolazione carceraria totale del pianeta. I numeri di oggi sono molto più alti di quelli di 30 o 40 anni fa, nonostante il crimine sia ai minimi storici.” Hillary Clinton, discorso sulla giustizia penale alla Columbia University, 29 aprile 2015.

La privatizzazione delle carceri

Tra la fine degli anni ’30 e gli anni ’40, con la cessazione dei programmi di locazione dei detenuti, il tasso di incarcerazione e il numero di prigionieri negli Stati Uniti erano rimasti bassi e abbastanza costanti. Poi, durante la presidenza di Reagan, dal 1981 al 1989, aveva preso l’avvio “la Grande Trasformazione,” la privatizzazione dei beni e delle infrastrutture pubbliche e il sistema carcerario americano si era espanso rapidamente, moltiplicando il tasso di incarcerazione di circa 10 volte e i bilanci pubblici di 20. Questa esplosione della popolazione carceraria non era stata una risposta all’aumento della criminalità, ma era interamente dovuta ai cambiamenti nelle leggi sulle condanne e nelle politiche giudiziarie derivanti dalla creazione, pianificata in modo surrettizio, di un sistema commerciale di schiavitù legalmente sanzionata.

Alcuni analisti sociali si lamentano del fatto che questa politica sia continuata nonostante l’evidenza che essa non garantisca la sicurezza pubblica, ma la sicurezza pubblica non è mai stata il problema e l’esame di queste statistiche è una ricerca inutile. Gli analisti che esaminano la breve storia recente del sistema penale degli Stati Uniti spesso si concentrano sulle cose sbagliate, cercando spiegazioni logiche e giustificazioni per l’enorme aumento dei tassi di incarcerazione. Ma questi esami sono fuorvianti perché gli analisti non colgono il punto essenziale: non è mai stata dimostrata la necessità dei cambiamenti apportati al sistema giudiziario pubblico. I cambiamenti erano partiti esclusivamente come una proposta commerciale, il tutto nell’ambito di un’enorme cospirazione per accaparrarsi i profitti insiti in un sistema carcerario privatizzato.

La verità è che a Reagan, così come a molti senatori e membri del Congresso, era stato presentato un piano per saccheggiare il tesoro pubblico a beneficio di poche persone destinate a rimanere nell’ombra. Si trattava di una cospirazione guidata interamente dall’avidità e dal razzismo, deliberatamente progettata per criminalizzare il colore della pelle e trarre profitto dalla povertà, soprattutto ripristinando il disumano sistema di locazione dei detenuti. Si trattava di una cospirazione per raccogliere milioni di neri, latinoamericani e bianchi poveri, persone con poca istruzione, nessun patrimonio o prospettiva di lavoro, considerate di nessun contributo per la società, e convertirle in “beni” aziendali, ciascuno del valore di 50.000-75.000 dollari l’anno da prelevare dalle casse pubbliche. Il primo passo era stato la legge per la creazione delle prigioni private.

Giudici, politici ed altri criminali

Nella maggior parte degli Stati Uniti, i giudici sono eletti dalla popolazione, così come molti sceriffi, e le loro campagne vengono sostenute e finanziate dalle aziende carcerarie che, [all’epoca] avevano speso più di 50 milioni di dollari per fare pressioni e corrompere i legislatori federali e statali che avrebbero appoggiato la loro agenda per la privatizzazione delle carceri. Questi proprietari invisibili delle aziende carcerarie avevano poi esercitato forti pressioni per ottenere drastici cambiamenti nel sistema della giustizia penale, senza alcun motivo se non quello di riempire le loro prigioni private, diventate subito oscenamente redditizie. Questi cambiamenti includevano l’istituzione di pene minime obbligatorie anche per reati minori e una politica immigratoria che permettesse l’arresto di chiunque non fosse in grado di dimostrare di essere entrato legalmente negli Stati Uniti. Avevano esercitato forti pressioni per garantire pene severe anche per reati banali e per la criminalizzazione di trasgressioni minori, soprattutto per i reati connessi all’uso di droghe leggere, e questo è il motivo per cui queste stesse persone erano state così irremovibili nell’inasprire la “guerra alla droga,” totalmente fittizia.

Grazie ai loro sforzi, a partire dagli anni ’80, le condanne all’ergastolo senza condizionale sono cresciute in modo esponenziale anche per reati banali, in parte perché i pubblici ministeri ora presentano accuse multiple per un singolo reato, considerando ad esempio ogni e-mail inviata da un criminale come un crimine separato, ognuno con una propria condanna obbligatoria. L’ergastolo viene tranquillamente comminato per il furto di una bicicletta o di una giacca. “Questa cospirazione è stata la forza dietro le leggi dei ‘tre reati e sei fuori’ di alcuni Stati, che spesso portano a condanne all’ergastolo per crimini senza vittime e che comportano il furto di solo pochi dollari” [4][5].

In un caso riportato dal Guardian [6], un uomo aveva preso una giacca in un grande magazzino di New Orleans ed era uscito senza pagarla. Era stato condannato per taccheggio e mandato nel carcere di Angola, in Louisiana. Questo accadeva 16 anni fa. Oggi è ancora incarcerato ad Angola e vi rimarrà per il resto della sua vita naturale, essendo stato condannato a morire in carcere. Il tutto per il furto di una giacca del valore di 159 dollari. “Fino ai primi anni ’70, le sentenze di ergastolo senza condizionale erano praticamente sconosciute. Ma sono esplose nell’ambito di quella che l’ACLU definisce “l’ossessione americana della fine del XX secolo per l’incarcerazione di massa e le pene estreme e disumane.” L’autrice del rapporto, Jennifer Turner, afferma che oggi gli Stati Uniti sono “praticamente soli nella loro volontà di condannare a morte dietro le sbarre i delinquenti non violenti.”

Le prigioni private

Queste pene aggravate in modo irrazionale fanno tutte parte del vasto piano di quelle poche persone invisibili per creare un’enorme classe criminale composta da neri e poveri, e per trarre enormi profitti dall’erario pubblico controllando l’incarcerazione e l’affitto di questa nuova classe di persone che, a tutti gli effetti, sono schiavi indigenti. Il nuovo sistema è profondamente razzista ed è la causa principale della profilazione razziale, ormai comune, di neri e latini. La polizia è parte del processo, la prima linea di soldati che fa affluire queste nuove risorse aziendali nel sistema carcerario privato. Non è un caso che circa l’80% della popolazione carceraria degli Stati Uniti sia costituita da neri e latini poveri; queste persone sono state selezionate da questa cospirazione per il profitto privato come vittime insignificanti usa e getta . Sono le stesse persone, gli stessi “poveri in eccesso” che, qualche secolo prima, erano stati spediti con la forza come schiavi dall’Inghilterra all’America, lo stesso sistema che aveva praticamente spopolato l’Irlanda, e per le stesse ragioni.

In alcuni casi, queste aziende vengono assunte per gestire le prigioni statali e federali, ricevendo una “commissione di gestione” di 50.000 dollari per ogni detenuto, che poi “danno in affitto” per altri 20.000 dollari ciascuno. Molte aziende hanno contratti che garantiscono il pagamento per la piena occupazione della struttura carceraria, il che significa che vengono pagate anche se le celle sono vuote. Inoltre, i contratti prevedono che ogni giorno almeno 35.000 immigrati (messicani e non) privi di documenti debbano essere ospitati in queste carceri private [7][8][9]. I profitti sono ancora più elevati grazie alla sottoalimentazione dei detenuti e alla fornitura di cibo di bassa qualità, all’assunzione di personale non qualificato e al grave sovraffollamento, al punto che molte carceri praticano doppi e persino tripli turni, il che significa che i detenuti dormono a turno, condividendo gli stessi letti e le stesse celle. Queste e molte altre disposizioni gonfiano gravemente i profitti del sistema carcerario privato.

Questo è ciò che viene chiamato “partenariato pubblico-privato” tra il governo e i capitalisti che controllano lo Stato segreto. La democrazia al suo meglio [10]. La Corrections Corporation of America (CCA) è l’azienda più grande nel settore della gestione delle carceri private, con oltre il 50% del mercato, e gestisce circa 70 prigioni [11]. Il suo amministratore delegato ha ricevuto in pochi anni un compenso di oltre 22 milioni di dollari, molto più di quanto avrebbe potuto ricevere un qualsiasi dipendente pubblico.

Come ha osservato chiaramente un autore, “anche ignorando i terribili costi umani e sociali di una simile politica, negli Stati Uniti l’incarcerazione comporta un enorme costo finanziario, pari a più di 80 miliardi di dollari all’anno. In America, dal 1980, la spesa per le carceri è cresciuta del 1.500%, mentre quella per l’istruzione superiore è crollata. La California, con uno dei tassi più alti di incarcerazione e un sistema carcerario privato, spende circa 50.000 dollari per detenuto all’anno, ma solo 8.000 dollari per studente per l’istruzione superiore, spendendo in totale circa il doppio per incarcerare le persone che per istruirle. Negli ultimi 30 anni, la California ha costruito una sola università e 20 prigioni.” Secondo la rivista Atlantic, la California ha oggi il più grande sistema carcerario del mondo occidentale industrializzato, un sistema del 40% più grande del Federal Bureau of Prisons” [12]. Politifact riesce a confondere molto male questo dato, contando gli edifici extra del campus come “università” separate e omettendo molte delle prigioni [13]. Altri non sono d’accordo [14].

Bonnie Kerness, in uno studio sulle carceri statunitensi [15], ha scritto:

“La gente mi ha detto che il sistema di giustizia penale non funziona. Sono arrivata a credere che funzioni perfettamente, proprio come la schiavitù, per una questione economica e politica. Com’è possibile che un quindicenne di Newark, che il Paese considera inutile per l’economia, che non ha alcuna speranza di trovare un lavoro o di permettersi l’università, possa improvvisamente rendere dai 20.000 ai 30.000 dollari all’anno una volta intrappolato nel sistema giudiziario penale? L’espansione delle carceri, della libertà vigilata, dei tribunali e dei sistemi di polizia ha dato vita ad un’enorme burocrazia… con una cosa in comune: uno stipendio guadagnato tenendo in gabbia degli esseri umani. La criminalizzazione della povertà è un’attività lucrativa e abbiamo sostituito la rete di sicurezza sociale con una rete di sorveglianza. Tutta questa nuova serie di pratiche accettate dalle forze dell’ordine è stata progettata per continuare ad alimentare il sistema carcerario che genera denaro e che ha al suo centro la neo-schiavitù, spazzando via i poveri e le persone di colore.”

La sua valutazione è corretta al 100%, e non sono solo le carceri per adulti, ma anche le strutture minorili ad aver ceduto alla corruzione di massa, visto che di recente ci sono stati casi giudiziari in cui i giudici hanno accettato enormi somme di denaro dalle aziende carcerarie per imprigionare arbitrariamente nei loro istituti migliaia di minori. Il risultato netto di questa immensa avidità è che – secondo le statistiche dell’FBI – circa 80 milioni di persone, ovvero circa un terzo di tutti gli adulti americani, hanno oggi precedenti penali, per arresto o condanna, o per entrambi. Nell’intera storia registrata del mondo, non esiste e non è mai esistito alcuno Stato di polizia autoritario in cui un terzo dell’intera popolazione fosse stato in prigione. Questo è ciò che Chris Hedges ha definito “una manifestazione grottesca del capitalismo aziendale.” Solo in America, il luogo di nascita della “libertà.”

Cattivo e finito, ma non del tutto

“Abbiamo visto carceri private colpite da uno scandalo dopo l’altro. Ad esempio, nel 2016 l’istituto penitenziario di Walnut Grove (gestito dalla già citata MTC) era stato chiuso dopo che un giudice federale aveva rivelato che “l’istituto dipinge un quadro di orrore tale da non dover essere possibile in nessun altro luogo del mondo civilizzato,” tra cui stupri dei detenuti più giovani da parte dei detenuti più anziani e guardie che negavano l’assistenza medica ai detenuti e avevano rapporti sessuali con loro [16].

Un rapporto del 2016 del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) affermava che le strutture federali gestite privatamente sono meno sicure, meno protette e drasticamente più punitive delle prigioni federali gestite pubblicamente. Le aggressioni tra detenuti erano state quasi il 30% in più nelle carceri private. In seguito a questo rapporto, il Dipartimento di Giustizia aveva annunciato l’intenzione di porre fine ai contratti con gli operatori penitenziari privati, ritenendo le strutture meno sicure e meno efficaci. Nel 2016, con l’elezione del Presidente Trump, i prezzi delle azioni delle società carcerarie private CoreCivic e GEO erano saliti alle stelle. Un anno dopo, nel 2017, il Dipartimento di Giustizia, sotto la guida del procuratore generale Jeff Sessions, aveva annullato la decisione di non utilizzare le carceri private. Nel 2018, le aziende carcerarie private avevano donato 1,6 milioni di dollari in contributi per le elezioni di mezzo termine. “CoreCivic (ex Corrections Corporation of America), il più grande operatore di carceri private negli Stati Uniti, in meno di 20 anni ha visto le sue entrate aumentare di oltre il 500%, passando da circa 280 milioni di dollari nel 2000 a 1,77 miliardi di dollari nel 2017” [17].

Il “giardinaggio” della polizia – Piantare la droga

In un caso, che è tipico della corruzione ufficiale dello Stato e dei pagamenti sottobanco fatti per alimentare il sistema carcerario privato, si è scoperto che una laureata in chimica dello stato del Massachusetts aveva falsificato migliaia di test tossicologici e di altro tipo, quasi certamente con la conoscenza e la partecipazione dei pubblici ministeri e dei giudici. I risultati erano stati catastrofici, e i giudici hanno affermato che le sue false testimonianze potrebbero aver ingiustamente fatto incarcerare ben 40.000 persone nel corso degli anni[18]. I giudici hanno espresso il timore che questo comportamento fraudolento non fosse affatto unico e limitato a questa donna, ma che fosse endemico in tutto il sistema giudiziario statunitense. Migliaia di persone condannate ingiustamente sono già state scarcerate, ma probabilmente passeranno molti anni prima che questo caso si concluda. Un giornalista statunitense affermato in un suo articolo che gli Americani sarebbero dei pazzi ad avere fiducia nell’integrità del loro sistema giudiziario e che per questa tragico fatto possiamo incolpare l’avidità derivante dalle decine di miliardi di dollari legati alla privatizzazione del sistema carcerario statunitense.

Altri casi simili riguardano la polizia dello Stato di New York, la polizia del Texas ed altre in molte località; forze di polizia che si erano inventate nuovi metodi per far guadagnare il sistema carcerario privato. In alcuni casi, la polizia macinava pezzi di cartongesso (intonaco), li confezionava in sacchetti, poi fermava le auto a caso, effettuava perquisizioni illegali, lasciava cadere i sacchetti di intonaco macinato nelle auto e arrestava il conducente per possesso illegale di droga [19][20][21][22]. Secondo quanto riportato, molte centinaia, se non migliaia, di automobilisti innocenti sono stati condannati in modo fraudolento grazie a questo schema, fino a quando un “coraggioso difensore d’ufficio” ha chiesto che le “prove” venissero presentate al tribunale e sottoposte a verifica. La frode è stata quindi smascherata e si è scoperto che i tribunali e i pubblici ministeri avevano partecipato alla condanna per ricevere i “bonus” legati agli alti tassi di incarcerazione.

Bambini in cambio di denaro

Nel 2008, in Pennsylvania si era verificato un enorme scandalo di “bambini in cambio di denaro” [23][24], in cui i giudici avevano accettato milioni di dollari in cambio di un accordo per imporre condanne indebitamente dure e ingiustificate ai minori portati davanti a loro, al fine di gonfiare il numero di detenuti redditizi in due centri di detenzione di proprietà privata. Gli adolescenti venivano deferiti a questo tribunale per reati banali come l’offesa a qualcuno su Twitter o la “violazione di domicilio” in un edificio libero e abbandonato, e venivano condannati a lunghi periodi di detenzione. Dopo un’indagine ordinata dalla Corte Suprema dello Stato, centinaia di condanne erano state annullate, ma il danno era già stato fatto [25][26][27].

Non si tratta solo della violazione dei diritti umani di questi individui, anche se è più che ovvio che essi subiscono violazioni gravi. Questa farsa si sta compiendo su una scala così massiccia, coinvolgendo milioni di persone, da costituire essa stessa un crimine contro l’umanità. Sotto l’influenza politica e finanziaria dei seguaci invisibili di Bernays, gli Stati Uniti sono scesi molto più in profondità nel loro pantano di deformità morale e ora mandano in prigione ancora più persone, per un numero ancora maggiore di reati diversi, per periodi di tempo ancora più lunghi, di qualsiasi altra nazione.

Il lavoro dei detenuti

Qui, come in pochi altri luoghi, possiamo vedere così chiaramente gli effetti della privatizzazione dei profitti e della socializzazione dei costi. Questa nuova e vasta classe criminale, lasciata a se stessa, contribuirebbe assai poco all’economia, ma, allo stesso modo, causerebbe solo un piccolo salasso finanziario. Con l’introduzione del sistema carcerario privato e la creazione da parte del sistema giudiziario della classe criminale che lo alimenta, ognuno di questi individui produce ora dai 50.000 ai 75.000 dollari all’anno di entrate per queste società private, la maggior parte di questi profitti viene drenata dalle entrate fiscali del governo – dalle casse pubbliche. Il governo degli Stati Uniti ha cospirato con questi pochi individui per creare un sistema nascosto con il quale è possibile saccheggiare l’erario pubblico di molte decine di miliardi di dollari all’anno con la scusa di essere “duri contro il crimine.”

Una grande percentuale di questi detenuti diventa manovalanza galeotta che lavora in fabbriche che producono hardware per l’esercito e la polizia, tra cui il 100% degli elmetti, circa il 50% di tutti i giubbotti antiproiettile [28], quasi il 100% di tutte le vernici e i pennelli, quasi il 40% di tutti gli elettrodomestici e circa il 25% di tutti i mobili per ufficio degli Stati Uniti. Producono anche le uniformi di McDonald’s, le confezioni di software Microsoft, i pezzi di ricambio per le auto Honda, la lingerie di Victoria’s Secret e forniscono personale a molti call center [29] [30] [31]. In molti Stati, quando si chiama l’Ufficio del Turismo per avere informazioni sui viaggi, si parla con un detenuto non pagato e condannato ai lavori forzati. Oltre ai pagamenti da parte dei governi, queste aziende ricevono altri 20.000 dollari in canoni di locazione dei detenuti affittando i loro schiavi involontari ad altre aziende per 55 dollari al giorno, mentre i detenuti ricevono anche solo 32 centesimi all’ora e comunque mai più di un dollaro. Sebbene poco pubblicizzato, il sistema di affitto dei detenuti privati ha anche ripristinato la brutale pratica delle bande di detenuti, in cui decine di detenuti, in molti casi donne, vengono incatenati e messi al lavoro per costruire strade o altri progetti simili, sempre con una retribuzione minima o nulla, ma con enormi profitti per le aziende.

“Le carceri, tuttavia, fanno affidamento sulla manodopera dei detenuti per il servizio di ristorazione, la lavanderia ed altre operazioni, e pagano i lavoratori incarcerati con salari incredibilmente bassi: il nostro studio del 2017 ha rilevato che, in media, i detenuti guadagnano tra 86 centesimi e 3,45 dollari al giorno per i lavori carcerari più comuni. In almeno cinque Stati, questi lavori non vengono affatto pagati. Inoltre, il lavoro in carcere è obbligatorio, con scarsa regolamentazione o supervisione, e i lavoratori incarcerati hanno pochi diritti e tutele. Se si rifiutano di lavorare, i detenuti rischiano azioni disciplinari. Per coloro che lavorano, il misero salario che ricevono viene spesso restituito alla prigione, che addebita loro i costi di beni di prima necessità come le visite mediche e gli articoli per l’igiene. Costringere le persone a lavorare per una paga bassa o nulla e senza benefici, facendo pagare loro i beni di prima necessità, permette alle carceri di trasferire sui detenuti i costi dell’incarcerazione” [32].

Ciò ha ramificazioni in tutta l’industria e nel mercato del lavoro, distorcendo seriamente la competizione di mercato per il lavoro. Uno dei motivi per cui i salari sono così bassi in molte parti degli Stati Uniti – una causa alla pari di Wal-Mart – è che è più economico assumere detenuti [33] che, cosa ancora più conveniente, non richiedono né indennità né considerazione umana. Questo è talmente vero che negli Stati Uniti la domanda di lavoratori detenuti supera di gran lunga l’offerta [34]. Più di un milione di detenuti negli Stati Uniti lavora letteralmente per pochi spiccioli. I detenuti producono mobili per l’Università del Colorado per 2,45 dollari al giorno. È quasi comico leggere sulla stampa statunitense articoli che parlano della Cina che utilizza lavoratori detenuti, quando gli Stati Uniti sono il leader mondiale in questo campo.

Alla fine del 1800, negli Stati Uniti, molti mobili, scarpe e vestiti venivano prodotti nelle carceri, spesso in quantità superiore a quella prodotta da lavoratori liberi. Già allora la situazione era così grave che i salari delle donne nel settore dell’abbigliamento erano ridotti quasi a zero. La pratica era stata vietata all’inizio degli anni ’30, ma era poi risorta intorno al 1980, nell’ambito della Grande Trasformazione dell’America. Oggi i detenuti rappresentano tra il 4% e il 5% dell’occupazione manifatturiera totale degli Stati Uniti, e le carceri americane rappresentano un grande e crescente bacino di manodopera disponibile.

Società private di libertà vigilata

Un’altra freccia nella loro faretra era stata l’istituzione delle società private di libertà vigilata, che sono enormemente redditizie di per sé e servono come un’altra fonte di alimentazione per il sistema carcerario privato [35][36][37]. Queste società di libertà vigilata si assumono la responsabilità di tutti quegli individui, praticamente neri, latini e poveri, che non possono pagare immediatamente una piccola multa giudiziaria o che sono comunque sotto la custodia di un tribunale. Le società aggiungono alla multa originale le tasse d’ingresso, le tasse mensili e una moltitudine di altri oneri, al punto che una multa per eccesso di velocità di 100 dollari può salire a molte migliaia – ben al di fuori della capacità di questi individui di pagare. Se la società riesce a riscuotere tutte le sue esorbitanti tariffe, allora tutto va bene. In caso contrario, la vittima viene accusata di violazione della libertà vigilata e questo significa automaticamente il carcere.

In questo modo, questi sfortunati indigenti vengono deliberatamente spinti ancora di più verso la povertà e infine venduti in quello che è un moderno sistema di prigioni per debitori, dove produrranno enormi profitti per i proprietari. Vengono dissanguati lentamente. Una donna di 31 anni aveva ricevuto una multa di 179 dollari per eccesso di velocità. Non potendo pagare subito era stata affidata ad una società di sorveglianza e il suo debito aveva rapidamente superato i 1.500 dollari. Era stata quindi incarcerata e le erano state addebitate ulteriori spese per ogni giorno trascorso dietro le sbarre. Dopo 40 giorni di carcere, doveva alla società di sorveglianza 3.170 dollari. Queste società funzionano in un certo senso come esattori per i tribunali locali, ma hanno l’autorità di stabilire che qualsiasi individuo potrà venduto al sistema carcerario privato se non paga immediatamente il suo debito. Queste aziende, i tribunali, i pubblici ministeri, la polizia e le carceri private sono tutti impegnati in una cospirazione per far gravare gran parte dei costi del sistema giudiziario sui condannati (spesso innocenti).

Il passato è un preludio

Torniamo per un attimo indietro nella storia, ad un periodo precedente agli anni Venti e Trenta, al tempo in cui si era instaurato questo meccanismo. Gli Americani vi diranno che il 13° Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti aveva dato alla nazione un nuovo corso moralmente corretto, mettendo fuori legge la schiavitù, ma questa affermazione è falsa. In America la schiavitù non è mai stata abolita. Il 13° Emendamento afferma chiaramente che la schiavitù e la servitù involontaria sono ammesse “come punizione per i crimini,” e questo dice tutto [38]. Dopo questo emendamento, negli Stati Uniti la schiavitù è continuata tanto come prima, ma con una struttura modificata. Prima di allora, i neri, i bianchi e gli indiani nativi erano di proprietà dei loro padroni; dopo l’emendamento, erano liberi criminali puniti per reati – l’unica differenza evidente è il cambio di terminologia. Subito dopo la concessione della “libertà,” quelle stesse persone erano state rastrellate come criminali e inserite nel nuovo sistema nazionale di locazione dei detenuti, dove venivano maltrattate come prima. Gli Stati del Sud avevano approvato i “Codici neri,” ovvero leggi che si applicavano solo ai neri e li rendevano perseguibili per “reati” come il vagabondaggio, il non rispetto del coprifuoco, l’accattonaggio, il possesso di armi e il mancato possesso di un documento di lavoro. Inoltre, i figli di “genitori inefficaci” potevano assere messi in “apprendistato,” e in questa condizione sarebbero stati costretti a lavorare nelle piantagioni.

Erano state immediatamente approvate nuove leggi che avevano di fatto criminalizzato i neri e gli altri ex schiavi e permesso il loro reinserimento nella schiavitù. Questi cosiddetti reati erano spesso definiti in modo così vago da essere universali, così come la loro applicazione era capricciosa e arbitraria. Il furto di un oggetto di valore inferiore ad un dollaro comportava una pena detentiva di cinque anni. Per i neri e gli ex schiavi l’accattonaggio era un reato, così come il “vagabondaggio.” Guardare una donna bianca era un crimine, possedere un documento d’identità o una prova di impiego insufficiente comportava una pena detentiva, così come avere un debito o “camminare mentre si è neri.” Quasi ogni giorno venivano inventati nuovi reati per giustificare il rastrellamento dei neri – e di molti bianchi poveri – in quella che poteva diventare una vita di schiavitù debitoria. Le leggi consentivano alla polizia di “radunare i neri inattivi in tempi di scarsità di manodopera” e fornivano ai datori di lavoro uno strumento legale per impedire a questi lavoratori schiavi di andarsene.

In molti casi, le prigioni non esistevano nemmeno. I “criminali” appena condannati venivano inviati direttamente nei cantieri dei loro nuovi proprietari. Questi programmi di lavoro forzato esistevano in tutti gli Stati Uniti, anche se erano più comuni nel Sud, e rappresentavano una fonte quasi illimitata di manodopera disponibile e a basso costo. Tutti i costi di alloggio, abbigliamento e cure mediche potevano essere addebitati a questi detenuti che, non avendo denaro, non erano in grado di pagare e quindi accumulavano un carico di debiti sempre crescente e che non sarebbe mai stato possibile estinguere. Il trattamento dei neri e dei poveri era peggiorato dopo la cosiddetta abolizione della schiavitù. Poiché i detenuti non erano beni di proprietà, la loro morte non costituiva una perdita e quindi maltrattamenti crudeli, torture e uccisioni erano eventi comuni e impuniti. Questo programma si adattava perfettamente alla cultura e al sistema sociale degli Americani, poiché dava espressione al loro naturale razzismo cristiano e alla lunga storia di sfruttamento commerciale della miseria umana da parte delle loro élite segrete. La maggior parte dei libri di storia americani ci dirà che il sistema si era estinto all’inizio del 1900, ma non è vero. Lo Stato del Tennessee ha posseduto miniere di carbone costruite e mandate avanti da schiavi galeotti che erano rimaste aperte fino al 1970 circa, e ci sono altri esempi.

“Nel giro di pochi anni gli Stati si erano resi conto che potevano affittare i loro detenuti a piantatori o industriali locali che avrebbero pagato le tariffe minime per i lavoratori e sarebbero stati responsabili del loro alloggio e del loro nutrimento, eliminando così i costi e aumentando le entrate. Ben presto si era sviluppato un mercato per i lavoratori detenuti, con imprenditori che compravano e vendevano contratti di locazione di manodopera detenuta. A differenza della schiavitù, i datori di lavoro avevano solo un piccolo investimento di capitale nei lavoratori detenuti e pochi incentivi a trattarli bene. I lavoratori detenuti venivano spesso maltrattati, ma il sistema di affitto dei detenuti era altamente redditizio per gli Stati e i datori di lavoro”[39].

Si tratta di uno dei sistemi di lavoro più duri e oppressivi della storia moderna. Tutte le nazioni cristiane sono state scioccamente crudeli, ma gli Stati Uniti sono stati probabilmente i peggiori di tutti. Lo scrittore Douglas A. Blackmon [40][41] ha descritto il sistema in questo modo: “Era una forma di schiavitù nettamente diversa da quella del Sud antebellico, in quanto per la maggior parte delle persone, questa schiavitù non durava tutta la vita e non passava automaticamente da una generazione all’altra. Ma si trattava comunque di schiavitù: un sistema in cui eserciti di uomini liberi, non colpevoli di alcun crimine e che per legge avevano diritto alla libertà, erano costretti a lavorare senza compenso, venivano ripetutamente comprati e venduti e costretti ad eseguire gli ordini dei padroni bianchi attraverso la continua applicazione di una straordinaria coercizione fisica.” Questo [41] è un breve video molto interessante.

Tornando ai giorni nostri, possiamo notare che non è cambiato nulla. La schiavitù e tutti i suoi derivati, compresi gli odierni sistemi carcerari e di giustizia penale degli Stati Uniti, hanno sempre avuto un carattere interamente commerciale, rappresentando il capitalismo americano al suo meglio. Il vecchio sistema di affitto dei detenuti e il lavoro forzato non retribuito come modo finanziariamente redditizio per predare i neri e i poveri sono stati resuscitati praticamente intatti, così come le prigioni per debitori delle società private di libertà vigilata. Il quadro strutturale è leggermente cambiato, ma gli elementi essenziali e i risultati – in termini di miseria umana e di profitto commerciale – sono identici ai vari sistemi di razzismo predatorio a scopo commerciale esistiti e perpetrati negli Stati Uniti09 dai banchieri e dalle élite per centinaia di anni. Il Sogno Americano non è per tutti.

Larry Romanoff

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/lromanoff/incarceration-nation/
06.10.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Riferimenti:

[1] ICPR Launches 12th Edition Of The World Prison Population List
https://www.prisonstudies.org/news/icpr-launches-12th-edition-world-prison-population-list

[2] World Prison Population List
https://www.prisonstudies.org/sites/default/files/resources/downloads/wppl_12.pdf

[3] Does the United States really have 5 percent of the world’s population and one quarter of the world’s prisoners?
https://www.washingtonpost.com/news/fact-checker/wp/2015/04/30/does-the-united-states-really-have-five-percent-of-worlds-population-and-one-quarter-of-the-worlds-prisoners/

[4] A LIVING DEATH: LIFE WITHOUT PAROLE FOR NONVIOLENT OFFENSES
https://www.aclu.org/report/living-death-life-without-parole-nonviolent-offenses

[5] The ACLU’s report, A Living Death, chronicles the thousands of lives ruined and families destroyed by the modern phenomenon of sentencing people to die behind bars for non-violent offences.

[6] Over 3,000 US prisoners serving life without parole for non-violent crimes
https://www.theguardian.com/world/2013/nov/13/us-prisoners-sentences-life-non-violent-crimes

[7] For Private Prisons, Detaining Immigrants Is Big Business
https://www.nytimes.com/2018/10/01/us/prisons-immigration-detention.html

[8] How US Private Prisons Profit from Immigrant Detention
https://www.coha.org/how-us-private-prisons-profit-from-immigrant-detention/

[9] The Role of Immigration in the Rise of U.S. Private Prisons
https://www.panoramas.pitt.edu/news-and-politics/role-immigration-rise-us-private-prisons

[10] Private Prisons in the United States
https://www.sentencingproject.org/publications/private-prisons-united-states/

[11] Corrections Corporation of America
https://www.company-histories.com/Corrections-Corporation-of-America-Company-History.html

[12] The Prison-Industrial Complex
https://www.theatlantic.com/magazine/archive/1998/12/the-prison-industrial-complex/304669/

[13] Since 1965, California has built “six (college) campuses but 23 prisons.”
https://www.politifact.com/factchecks/2017/nov/09/delaine-eastin/false-claim-california-has-built-nearly-four-times/

[14] Prison-Industrial Complex? Maybe It’s Time For A Schools-Industrial Complex
https://www.huffpost.com/entry/california-prisons-schools_n_3839190

[15] Bonnie Kerness, US prisons a human rights issue
http://realcostofprisons.org/writing/kerness_human_rights_issue.pdf

[16] The cold hard facts about America’s private prison system
https://www.foxnews.com/opinion/the-cold-hard-facts-about-americas-private-prison-system

[17] The cold hard facts about America’s private prison system
https://www.foxnews.com/opinion/the-cold-hard-facts-about-americas-private-prison-system

[18] Accused chemist in Massachusetts handled over 40,000 drug cases: investigator
https://www.reuters.com/article/us-usa-massachusetts-crimelab-idUSBRE97J0YW20130820

[19] US officer ‘pulled random people over and planted meth inside their cars, causing them to lose their freedom, their children, their marriages’
https://www.independent.co.uk/news/world/americas/police-us-planted-evidence-meth-marijuana-cars-florida-zachary-a9001961.html

[20] Ex-Florida deputy gets 12 years for planting drugs
https://abcnews.go.com/US/wireStory/florida-deputy-12-years-planting-drugs-78863551

[21] Body cam video shows police officer planting drugs
https://www.cbsnews.com/news/body-cam-video-baltimore-police-department-officer-planted-drugs/

[22] A Florida cop planted meth on random drivers, police say. One lost custody of his daughter.
https://www.washingtonpost.com/nation/2019/07/11/florida-cop-meth-drugs-arrests-scandal/

[23] Kids for cash scandal
https://en.wikipedia.org/wiki/Kids_for_cash_scandal

[24] Pennsylvania Court Injustices: Kids for cash
https://pacourtinjustices.com/judicial-atrocities/the-crimes/kids-for-cash/

[25] The Kids for Cash Scandal in Luzerne County, Pennsylvania
https://study.com/academy/lesson/the-kids-for-cash-scandal-in-luzerne-county-pennsylvania.html

[26] ‘Kids For Cash’ Captures A Juvenile Justice Scandal From Two Sides
https://www.npr.org/2014/03/08/287286626/kids-for-cash-captures-a-juvenile-justice-scandal-from-two-sides

[27] Pennsylvania rocked by ‘jailing kids for cash’ scandal
https://edition.cnn.com/2009/CRIME/02/23/pennsylvania.corrupt.judges/

[28] Military Turns To Prison Labor For $100 Million In Uniforms — At $2-Per-Hour Wages
https://www.huffpost.com/entry/military-prison-uniforms_n_4498867

[29] 13 Everyday Items You Never Knew Were Made By Prisoners
https://www.thrillist.com/gear/products-made-by-prisoners-clothing-furniture-electronics

[30] 70 Products Sold By Companies Using Prison Labor
https://themodernjedi.com/70-products-sold-by-companies-using-prison-labor/

[31] 11 products you might not realize were made by prisoners
https://theweek.com/articles/463364/11-products-might-not-realize-made-by-prisoners

[32] Mass Incarceration: The Whole Pie 2022
https://www.prisonpolicy.org/reports/pie2022.html

[33] Cheaper to hire convicts
https://www.marketwatch.com/story/another-reason-your-wages-are-low-its-cheaper-to-hire-convicts-2019-07-12

[34] Official: Convict laborers needed
https://www.arkansasonline.com/news/2007/jun/23/official-convict-laborers-needed-20070623/

[35] US: Private Probation Harming the Poor
https://www.hrw.org/news/2018/02/20/us-private-probation-harming-poor

[36] The Private Probation Problem Is Worse Than Anyone Thought
https://www.theatlantic.com/national/archive/2014/02/the-private-probation-problem-is-worse-than-anyone-thought/283589/

[37] Profiting from Probation: America’s “Offender-Funded” Probation Industry
https://nicic.gov/profiting-probation-america%E2%80%99s-%E2%80%9Coffender-funded%E2%80%9D-probation-industry

[38] The Convict Leasing System – History and Analysis
https://study.com/academy/lesson/convict-leasing-system-history-lesson-quiz.html

[39] Convict Leasing
https://www.pbs.org/tpt/slavery-by-another-name/themes/convict-leasing/

[40] Douglas A. Blackmon on “Neoslavery” and the “Convict Labor System”
https://themoderatevoice.com/douglas-a-blackmon-on-neoslavery-and-the-convict-labor-system/

[41] Video: Douglas Blackmon: How Did Convict Labor Work
https://www.nbcchicago.com/top-videos-home/douglas-blackmon-how-did-convict-labor-work/2329199/

Gli scritti di Larry Romanoff sono stati tradotti in 32 lingue e i suoi articoli sono stati pubblicati su oltre 150 siti web di notizie e politica in lingua straniera in più di 30 Paesi, oltre che su più di 100 piattaforme in lingua inglese. Larry Romanoff è un consulente di gestione e uomo d’affari in pensione. Ha ricoperto posizioni dirigenziali in società di consulenza internazionali ed è stato proprietario di un’azienda di import-export internazionale. È stato visiting professor presso la Fudan University di Shanghai, presentando casi di studio sugli affari internazionali ai corsi EMBA senior.

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
32 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
32
0
È il momento di condividere le tue opinionix