Sul rischio e sul beneficio

di Fabio Bulla
frontiere.me

Tanto gentile e tanto onesta pare, la scienza mia quand’ella par t’aiuta, invece è una puttana dissoluta, che per due soldi te la puoi comprare.

Cos’è il rischio e Cos’è il beneficio? Lo si può valutare aprioristicamente o è dovuto alla propensione individuale? Quale deve essere il metro di valutazione? Quello dell’assicuratore che lo calcola per il suo guadagno, quello dello speculatore che rischia sempre per lo stesso motivo, quello del prudente con la propensione zero o quello del singolo che valuta volta per volta?

Sento e vedo quotidianamente percentuali, che dovrebbero dimostrare qualcosa sul calcolo rischio beneficio. Sì, ma quale rischio e quale beneficio? Le persone sono titoli in un portafoglio a questo punto della storia umana? Possedute da chi? Stiamo realmente discutendone?

Quindi basta un criterio di selezione e valutazione del padrone, consigliato da valutatori finanziari. Siamo diventati solo questo? C’è un Markowitz che ha selezionato il genere umano? Tutto ciò è infinitamente inquietante. Quasi nessuno pare rendersi conto che il problema.

Non è se è più rischioso vaccinarsi o prendere una pillola o paracadutarsi o mangiare cibi grassi. Il problema è che chi decide quella combinazione per te adesso lo farà ogni volta, e lo farà secondo metri di valutazione aprioristici. E questo è infinitamente più rischioso di qualsiasi cosa possa venirvi in mente.

Un sistema disumanizzante, che valuta con numeri, spesso contrastanti inverificabili o errati, cosa puoi rischiare e di cosa devi beneficiare. E qualcuno arriva addirittura ad invertire il rapporto. E si arriva al se vuoi beneficiare di qualcosa devi assumere un piccolo rischio.

Vista da quest’ottica sembra più un’estorsione o un ricatto, ma se amate le dittature è la soluzione perfetta. Il beneficio alla libera circolazione, il beneficio di riunione, il beneficio di riposo. Suona male anche ad altri o sono io a pensare che sembrano premi per gli schiavi. L’aziendalizzazione della società assume sempre più contorni totalitari, inventariati e messi al sicuro, cartolarizzati e legati a un sottostante, uomini che diventano prodotti finanziari derivati. Non importa se verrete usati

Per coprire rischi o per speculazione, il problema è essere diventati questo. E a farvi diventare questo ci pensa la scienza, asservita, come in tutte le dittature, al “titolare del portafoglio”. Per l’integrità del quale non è mai importante la valutazione del singolo asset, ma il valore attuale nell’insieme.

Sicuri che sia giusto fare in questo modo anche quando gli asset sono esseri umani? Io personalmente la trovo terrificante, a prescindere da tutti i numeri che potete portare a sostegno del vostro “trading”.

Un uomo non è un titolo, e non chiederti se la campana suona per l’orso o per il toro, chiediti piuttosto se qualcuno ha il diritto di giocare in borsa con la tua vita e in che nome si arroga tale diritto.

Se poi davvero voi trovate giusto essere legati a un sottostante ed essere valutati in un mercato Over the Counter, e sentirvi ancora liberi, mi dispiace per voi, ma avete perso tutto e non ve ne siete nemmeno accorti.

di Fabio Bulla

FONTE: https://frontiere.me/sul-rischio-e-sul-beneficio/

Notifica di
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
sbregaverse
Utente CDC
12 Ottobre 2021 8:28

OVAZIONE CON UOVA DI STRUZZO/A,per la parità di genere.
Bravo non sei una Bulla di sapone!

Primadellesabbie
Utente CDC
12 Ottobre 2021 8:55

Bravo.

E nessuno sembra badare a questa quisquilia.

Da un punto di vista solo leggermente diverso si può notare che, se l’inoculo funziona in un caso ed è dannoso in un altro, qualcuno si arroga la potestà di trasferire il destino da un soggetto ad un altro.

E non è finita lì, dato che questa volontà di qualcuno diviene così facilmente sentire comune, ovvietà consueta, parte della narrazione condivisa dai più, se non da tutti, ordine esecutivo per l’intera umanità.

E questo dà molto da pensare sul come e perché di tutto ciò che ci ha condotto dove ci troviamo, sull’origine degli strumenti che abbiamo a disposizione, dagli affetti al cacciavite.

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
MarioG
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
12 Ottobre 2021 17:11

qualcuno si arroga la potestà di trasferire il destino da un soggetto ad un altro“.

Sì, e poi la chiamano etica.
Se infatti dici ‘no’, sei tu l’egoista: fai come l’evasore, hanno detto; il quale parassita un patrimonio di salute collettiva (del ‘gregge’) acquisito con gli sforzi altrui. E ormai ‘sragionano’ tutti così, in modo talmente naturale…

Ora, certamente esiste un’etica del “sacrificio personale”.
Cioè: esiste quando è volontaria. E’ diventata invece l’etica del sacrificio umano…

Comunque ricordo che l’idea è iniziata a circolare qualche anno fa, in occasione dei vaccini della Lorenzin. Il discorso era:

– “non mi vaccino”
– “ma danneggi gli altri”
– “danneggio chi, al pari di me, liberamente non si è vaccinato”
– “no, danneggi anche chi, per patologie, vorrebbe, ma non può…”

Trasferimento della patologia da un soggetto a un altro (in quanto soggetto a potenziali effetti avversi).

Confondono la mutualità nell’assistenza sanitaria con la mutualità nella affezione sanitaria!

Se glielo spieghi non ne capiscono nulla: capiscono solo che sei un egoista.

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa effettuato da MarioG
AlbertoConti
Redazione CDC
12 Ottobre 2021 10:33

Questo mette in evidenza la devianza ideologica della nostra società occidentale. Lo si era già visto in mille altre circostanze, ad es. nella cosiddetta “industria del risparmio gestito”, cioè praticamente la gestione privatistica dei risparmi della popolazione. Se vuoi aumentare la rendita devi accettare l’aumento del rischio, così se la prendi nel liskam la colpa è solo tua. E non è un problema quantitativo, per soli giocatori d’azzardo affetti da ludopatia, ma vale anche per la casalinga di Voghera che mette la sua modesta eredità famigliare in BOT o CCT. Anzi metteva, grazie ai “buoni consigli” dell’impiegato di banca conosciuto da 40 anni, che però ora è lì per piazzare i “prodotti finanziari” della banca, ormai privatizzata, che gli paga lo stipendio. Del resto lei, cara signora, di queste cose non ci capisce una mazza; si fidi quindi di me che lo faccio per mestiere! Vi ricorda qualcuno, tipo burioni o bassetti? Tuttavia nel caso covid c’è un FATTO gigantesco, che da solo fa la differenza tra il normale buon senso e la pazzia pura allo stadio terminale. Chi si vaccina, convinto o ricattato, si prende TUTTO il rischio di effetti avversi anche gravissimi nel medio-lungo periodo. Questa non è… Leggi tutto »

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
12 Ottobre 2021 13:16

CUMQUIBUSQUE SEMPER CUMQUIBUSQUE

Fedeledellacroce
Utente CDC
12 Ottobre 2021 11:16

Ottimo articolo, breve e azzeccato. Se si vuole parlare di “libertá” bisogna conoscere certi meccanismi,
Ma quanti al di fuori di questo luogo di discussione ed informazione, sanno che gli uomini sono stati ridotti ad un mero bond?
Ossia hanno reso ogni singola persona una entitá giuridica, che ovviamente ha un padrone.

Spartan
Utente CDC
Risposta al commento di  Fedeledellacroce
12 Ottobre 2021 11:32

Un ” oggetto giuridico” , probabilmente con il numero di brevetto iniettato con il vaccino. Bestiame marchiato a siringa

Fedeledellacroce
Utente CDC
Risposta al commento di  Spartan
12 Ottobre 2021 11:50

Da brividi….
La realtá ha giá superato l’immaginazione!
Ció detto, vi ricordo che il mondo é un luogo fantastico.

ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  Fedeledellacroce
12 Ottobre 2021 21:16

Concordo, anche a me ha stupito la brevità del pezzo, ma ogni frase va a segno direi infallibilmente. Le persone però per avere un padrone devono essere consenzienti (il che avviene per un numero enorme di soggetti, sia chiaro), altrimenti non c’è forza al mondo che possa imporglielo

rossland
Utente CDC
Risposta al commento di  ducadiGrumello
13 Ottobre 2021 1:03

Uhmmm, corretto fino a un certo punto. Tipo gli schiavi portati in catene con le navi negriere e costrettti al lavoro nei campi.
Ma anche molte delle odierne schiavitù, molte più di quanto uno si immagini, delle quali si danno poche notizie perché non fa bello dire che esistono ben nascoste dietro certe ricchezze orientali, o africane, o arabe.
Insomma, in questo momento possiamo ancora scegliere se accettare il marchio, cioè le catene virtuali, o dire no accettandone le conseguenze fin qui conosciute o ipotizzabili.
Ma già il fatto di trovarci di fronte a un simile drammatico aut-aut è segno che il concetto stesso di libertà sta tramontando dalla mente di molti, troppi individui. Se mai c’é stato, questo concetto di libertà.
Cosa che richiede parecchio scavo nelle viscere profonde di se stessi, per elaborarlo bene

ducadiGrumello
Utente CDC
Risposta al commento di  rossland
13 Ottobre 2021 9:58

logicamente concordo con lei sul piano materiale, e del resto la storia ce lo sbatte in faccia con molta evidenza, io mi riferivo più a quello spirituale o animico. Anche se, pure su quel versante, mi pare che non siamo messi molto bene

buddyboy
Utente CDC
12 Ottobre 2021 11:52

“L’aziendalizzazione della società”, centrato il punto tutto il resto ne consegue, cosicché, persino la salute, il corpo e la stessa vita umana, non vengono più considerati sacri ed inviolabili, laddove dove ogni valutazione non dovrebbe prescindere dal riferirsi in modo assoluto e trasparente a valori etici fondamentali, diviene invece dominio regolamentato da policies , tese esclusivamente a favorire opportunità di scala e massimizzazione di profitto. E da qui il “grande equivoco”, la vaccinazione di massa non c’entra nulla con la salute pubblica (così come l’abbiamo sempre intesa) , tuttavia è assolutamente confacente al paradigma di “nuova sanità” in via di imposizione

uparishutrachoal
Utente CDC
12 Ottobre 2021 17:08

Il vaccino salva tante vite a fronte di qualche raro effetto collaterale che potrebbe generarsi con tutto..anche con le noccioline. Chi non si vaccina non mette a rischio la vita degli altri, ma se stesso, e se otto milioni non si vaccinano e quattro milioni si ammalano, la società verrebbe distrutta con blocchi di produzione e intasamento di ospedali con morti per le strade.. I vaccini impediscono tutto questo, e chi li contesta, vuole la distruzione della vita civile.. Ecco..qui sopra c’è il pensiero che chiunque potrebbe avere se fosse un uomo normale: un ‘uomo macchina’ come diceva Gurdjieff..che si muove interiorizzando inconsciamente quello che materialmente gli conviene, modulandolo sui desiderata del potere ufficiale del tempo.. Il suo pensare è meccanico..non ha autonomia e neppure coscienza: si adatta a ciò che bisogna pensare per non incorrere in guai e lo fa senza neppure accorgersene- il giorno che al governo ci fossero i novax assoluti, lui sarebbe contro i vaccini.. Sette persone su dieci sono fatte così..perché utili alla sopravvivenza delle società umane, in quanto stabilizzano il potere, garantendo così una continuità, che altrimenti sarebbe compromessa da eccesso di ‘individualità’ Le tre persone critiche, invece, ubbidiscono a un centro interiore di… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa effettuato da uparishutrachoal
Darkman
Utente CDC
12 Ottobre 2021 17:38

Infatti quello che fa più infuriare è che ci trattano come se fossimo incapaci di intendere e di volere. Solo al Buon Pastore spetta di decidere di volta in volta cosa è bene e cosa è male. Mirano a cancellare ogni principio residuo di autodeterminazione abituando le persone a concepirsi come bestie da allevamento e, inconsciamente, come cavie da laboratorio. Siamo già in piena gestione zootecnica.

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa effettuato da Darkman
Simon
Utente CDC
13 Ottobre 2021 11:35

Siamo soldi di carne…

15
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x