Sergey Lavrov: “Nella Ue supremazia della Nato. E Washington userà l’Europa a suo vantaggio”

MOSCA, 17 maggio 2023 - Intervista al Ministro degli Esteri russo a Tsargrad TV: "La deindustrializzazione dell'Europa è in pieno svolgimento. Gli americani hanno approvato misure protezioniste come l'Inflation Reduction Act. Le imprese Ue stanno iniziando a trasferirsi attivamente all'estero. E l'Europa sta pagando il conto."

Traduzione di Costantino Ceoldo per ideeazione.com

 

Domanda: Vorrei iniziare con la questione più controversa. Mi sembra che la diplomazia non abbia più un ruolo nel mondo moderno. La maleducazione è diventata una caratteristica non solo degli analisti politici e dei giornalisti, ma anche dei vostri colleghi e degli alti funzionari. Solo di recente, il Presidente francese ha detto in una conferenza stampa che la Russia sta diventando un vassallo della Cina.

Sergey Lavrov: Ci siamo abituati a questo negli ultimi anni. È iniziato molto prima dell’attuale fase della situazione in Ucraina, prima dell’Operazione Militare Speciale. È iniziato dopo il colpo di Stato in Ucraina, quando l’Occidente ha abbandonato la diplomazia e ha fatto del suo meglio per coprire il regime di Kiev, che ha apertamente abbracciato la russofobia come politica fondamentale per distruggere tutto ciò che è russo, compresi la lingua russa, l’istruzione e i media.

La persecuzione della Chiesa ortodossa ucraina, subordinata al Patriarcato di Mosca, è iniziata molto tempo fa. Quando il Patriarcato di Mosca ha proclamato l’autonomia della Chiesa ortodossa ucraina, questo non ha cambiato la politica aggressiva del regime di Kiev di sradicare la vera Chiesa ortodossa canonica in Ucraina e non gli ha impedito di coltivare la “Chiesa ortodossa di Ucraina”. I credenti in Ucraina sono stati costretti ad accettarla con l’intervento diretto del Patriarca ecumenico di Costantinopoli, che ha agito su istruzioni di Washington. Ci sono anche molti altri elementi di questo regime.

Invece di usare la diplomazia, che in Occidente sta tirando le cuoia, stanno sfacciatamente proteggendo il regime che è salito al potere grazie a un colpo di Stato sanguinoso, illegale e anticostituzionale. Gli ultimi tentativi di diplomazia sono stati gli accordi di Minsk, che sono stati quantomeno coordinati. Molti ritenevano che la Russia avesse fatto un compromesso che non rispondeva agli interessi dei cittadini ucraini che si associavano al mondo russo. In un modo o nell’altro, quel compromesso è stato il risultato della diplomazia. Tuttavia, sebbene il documento sia stato approvato all’unanimità dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, i nostri ex partner (tre firmatari, escluso Vladimir Putin: la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il presidente ucraino Petr Poroshenko) hanno ammesso di non averne previsto l’attuazione. Quindi, la “diplomazia della menzogna” era l’unico tipo di diplomazia che avevamo allora. Non so come si possa definire l’attuale fase della diplomazia.

Lei ha citato il Presidente francese Emmanuel Macron, che ha detto che la Russia sta diventando un vassallo della Cina. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il ministro degli Esteri Annalena Baerbock affermano con orgoglio che l’Ucraina sta combattendo e versando il proprio sangue per i valori europei. Dicendo questo, hanno creato un collegamento tra loro e il regime neonazista e la sua sfacciata politica di sbianchettamento dei criminali, le marce dei battaglioni Azov con i simboli delle SS e i galloni tenuti sotto striscioni che sono stati copiati da quelli della Germania hitleriana e dagli emblemi nazisti. Hanno chiuso un occhio su tutto questo.

I media hanno recentemente ricordato ai loro lettori gli antenati degli attuali funzionari tedeschi. La nostra società non ha mai creduto che i figli debbano rispondere dei peccati dei loro antenati. I figli non possono essere ritenuti responsabili dei crimini dei padri. È un principio della cultura russa. Ognuno deve rispondere delle proprie azioni. Ma quando guardiamo alle azioni degli attuali leader tedeschi, che sono figli di ufficiali tedeschi della Seconda Guerra Mondiale e di membri delle SS, dobbiamo dire, anche se riaffermiamo il principio che i figli non sono responsabili delle azioni dei loro genitori e nonni, che molte persone nell’attuale amministrazione tedesca hanno ereditato i geni nazisti. È un dato di fatto.

Come ha detto il Presidente Vladimir Putin, siamo ancora aperti alla diplomazia se si tratta di una diplomazia seria. I nostri colleghi occidentali non hanno avanzato alcuna proposta seria. Posso dirvi, senza entrare nei dettagli, che alcuni analisti politici con legami nelle capitali della NATO (Washington e Bruxelles) ci segnalano periodicamente attraverso i loro canali che “ci deve essere una fine”, che “dobbiamo ritirarci verso il confine del 1991” e che “la Crimea non è la Russia”. Questa la chiamate diplomazia? In primo luogo, sono ultimatum e ricatti. In secondo luogo, è una totale incomprensione delle nostre posizioni, del nostro popolo e della nuova realtà che è apparsa e sta prendendo piede nel mondo.

 

Domanda: Mantenete ancora un dialogo o tutto si è trasformato in monologhi?

Sergey Lavrov: Non comunichiamo a livello ministeriale. A volte Washington (la Casa Bianca) chiama l’assistente presidenziale Yury Ushakov, inviando lo stesso messaggio: “Rilasciate Paul Whelan” e ora anche il giornalista, come lo chiamano loro, Evan Gershkovich.

Il secondo tema ancora aperto riguarda le condizioni di lavoro dei diplomatici russi negli Stati Uniti e dei diplomatici americani nella Federazione Russa. Si tratta più o meno delle stesse questioni che talvolta emergono nei contatti tra noi e i Paesi europei (UE e NATO).

L’Europa ha perso completamente la sua indipendenza. Che il presidente francese Emmanuel Macron parli di “autonomia strategica” o che Josep Borrell dichiari la necessità che l’Europa sia più attiva nella regione indo-pacifica, l’Europa ha ceduto tutte le sue posizioni all’Alleanza Nord Atlantica. E ha ceduto anche in senso giuridico, avendo firmato una dichiarazione in tal senso, che indica chiaramente il posto della UE e afferma la supremazia delle istituzioni della NATO. Gli americani decideranno quindi quando e come usare l’Europa a loro vantaggio. È chiaro che la parte più danneggiata (oltre al popolo ucraino) in termini di sviluppi intorno all’Ucraina sono gli europei. Ciò riguarda l’esaurimento dei loro bilanci e la posizione che sono costretti ad assumere per rifornire l’Ucraina di armi e fondi per mantenere un equilibrio di bilancio di base e per pagare pensioni, benefici e stipendi, a proprie spese. La deindustrializzazione dell’Europa è in pieno svolgimento. Nell’ottobre del 2022, Bruno Le Maire, Ministro dell’Economia, delle Finanze e della Ripresa e della Sovranità Industriale e Digitale della Francia, ha lanciato l’allarme sul fatto che, a causa delle sanzioni imposte dall’Occidente sotto la guida degli Stati Uniti sulle nostre forniture energetiche, il costo dell’energia per le imprese europee è quattro volte superiore a quello delle imprese statunitensi. Inoltre, gli americani hanno approvato l’Inflation Reduction Act, che è chiaramente protezionistico e pone l’Europa in una posizione di inferiorità. Le imprese europee stanno iniziando a trasferirsi attivamente all’estero. Quindi l’Europa sta pagando il conto.

 

Domanda: Leggere la stampa occidentale è una delle mie responsabilità professionali. A volte è sconcertante. Si imparano molte cose nuove sul proprio Paese. In uno dei recenti articoli si legge che l’Occidente non rispetta più la Russia e non si lascia intimidire da essa, ritenendo che la Russia sia isolata. L’isolamento persisterà. Minacciano di includere nell’11° pacchetto anche le sanzioni contro i Paesi terzi che cercano di aggirare le sanzioni precedenti. Cosa c’è dietro queste dichiarazioni se non propaganda?

Sergey Lavrov: L’affermazione che l’Occidente ha isolato la Russia significa solo una cosa: l’Occidente si considera il centro dell’universo. È l’unica spiegazione per la sua politica attuale.

I tentativi dei Paesi occidentali di costringere il Sud globale e la maggioranza globale, come li chiamiamo ora, ad aderire alle sanzioni anti-Russia sono stati sfidati dall’intenzione della stragrande maggioranza dei Paesi in via di sviluppo di costruire una propria politica basata sugli interessi nazionali, sulle esigenze delle proprie economie e sugli obiettivi sociali. La politica occidentale sta fallendo. Sì, si riferiscono ai risultati delle votazioni delle Nazioni Unite sulle risoluzioni provocatorie che sono state elaborate in modo subdolo. Oltre al maggior numero possibile di affermazioni generalmente riconosciute, includono tra le righe formulazioni chiaramente anti-Russia.

È come una barzelletta: “È più economico essere d’accordo che spiegare perché non lo farò”. Hanno votato ma non hanno aderito alle sanzioni, solo per essere lasciati in pace. Se avete ragione, non userete le sanzioni per ricattare, minacciare o punire gli altri affinché siano d’accordo con voi. Non è mai venuto in mente a coloro che sono certi di avere ragione. Ma l’Occidente non è sicuro.

Se sono grandi sostenitori della democrazia, dovrebbero lasciare che gli altri prendano le loro decisioni. La Russia ha annunciato un’Operazione Militare Speciale. Il Presidente Vladimir Putin ha spiegato a lungo il contesto dell’Operazione e la sua origine: è il risultato del colpo di Stato e del rifiuto di rispettare gli accordi di Minsk, delle continue ostilità contro il Donbass, contro il settore civile e i civili, per otto anni. Ha spiegato tutto. Ha dimostrato che non avevamo altra scelta. Alcuni possono non essere d’accordo. L’Occidente non era d’accordo. Gli altri possono decidere da soli chi ha ragione e chi ha torto e chi vogliono sostenere, i bianchi, i rossi o essere neutrali. Ma a loro viene impedito di scegliere, con pressioni e imposizioni quotidiane. Sono costretti ad aderire a qualcosa che è contro la Russia. Chi sa di essere nel giusto non si comporterebbe in questo modo.

 

Domanda: Inoltre, stanno facendo minacce dirette…

Sergey Lavrov: Minacce dirette e punizioni. Ho chiesto ad alcuni miei amici dell’Africa e dell’America Latina che si lamentano di averne abbastanza dell’Occidente (parlando chiaramente), [gli occidentali] ordinano loro di aderire alle sanzioni dicendo loro cosa avranno in cambio dal punto di vista economico, finanziario. Se aderite alle sanzioni, allora perdete.

Abbassando gli occhi, dicono che in cambio [gli occidentali] promettono di non punirli. Questa è l’intera diplomazia con cui abbiamo iniziato la conversazione di oggi.

 

Domanda: Se consideriamo questo aspetto dal punto di vista delle relazioni future, i Paesi più vicini alla Russia sono le ex repubbliche sovietiche. La priorità e gli interessi speciali della Russia risiedono nello spazio post-sovietico. Non è un segreto per nessuno, e il suo collega Segretario di Stato americano Antony Blinken non ne fa mistero, che la situazione si aggraverà. Inasprire le forze anti-Russia. Fino a che punto, secondo lei, questi Paesi, che sono molto vicini a noi nella mentalità e nella storia, possono seguire la scia non solo della retorica anti-Russia, ma anche delle azioni anti-Russia?

Sergey Lavrov: Ci sono molti fatti basati su azioni, dichiarazioni dei nostri alleati più stretti, dei nostri partner strategici che dicono di essere stati messi (per usare un eufemismo) in una posizione molto scomoda. Stanno cercando di non fare nulla che possa causare danni economici. Si sono trovati sotto il fuoco incrociato. La Federazione Russa, l’UEEA e la CSI fanno la parte del leone nei legami economici. Ma la quota dell’Occidente nell’economia dell’Asia centrale e del Caucaso meridionale è in crescita. L’Occidente chiede metodicamente e cinicamente di astenersi dall’intraprendere azioni contrarie ai suoi interessi, promettendo loro tutto quello che c’è sotto il sole. Anche se in realtà si tratta solo di interferenze negli affari interni.

Allo stesso tempo, la rete di ONG finanziate dal bilancio, principalmente da Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea, si sta espandendo. In alcuni Paesi post-sovietici si sentono più a loro agio e cercano persino di prendere il comando. Non li elencherò, sono ben noti. Ma nonostante tutto ciò, credo che questi Paesi siano al fianco della Federazione Russa. Sono davvero nostri alleati. Il Giorno della Vittoria, il 9 maggio 2023, lo ha ribadito.

Gli alleati della CSTO non sono quelli della NATO. L’alleanza usa il bastone della disciplina. A volte si dice che nella CSTO l’Armenia ha una posizione mentre il Kazakistan ne ha una diversa…

 

Domanda: Si dice che la CSTO si stia sfaldando…

Sergey Lavrov: Sì, è quello che si dice. Ma questa impressione si crea solo perché i membri della CSTO procedono per consenso e rispettano le sfumature che a volte diventano sostanziali, che sorgono sempre nella vita di questo o quel Paese. Gravi sfumature emergono anche nelle posizioni di alcuni membri della NATO – si pensi alla Turchia e all’Ungheria. Tuttavia, nella NATO sono costretti a seguire “la linea del partito” perché hanno una vera e propria “disciplina dell’asta”. Il loro consenso è un ossimoro perché sono gli Stati Uniti a prendere le decisioni. Assecondando la volontà di Washington, il Segretario Generale della NATO fa dichiarazioni arroganti, che riflettono le pretese della NATO sulla regione Asia-Pacifico, che chiamano Indo-Pacifico. In altre parole, la NATO non difende più sé stessa, ma garantisce la sicurezza in tutto il mondo.

L’Unione Economica Eurasiatica (UEEA) sta producendo risultati concreti: il suo commercio sta crescendo a beneficio di tutti i partecipanti. Molti dei nostri partner traggono notevoli vantaggi dagli accordi sull’immigrazione per motivi di lavoro nell’UEEA e, su un piano più ampio, nella CSI. Nell’UEEA, i confini nazionali non esistono per il flusso di capitali, servizi, forza lavoro o merci. Questi processi di integrazione stanno avanzando rapidamente. Tutti i partecipanti a queste associazioni ne stanno beneficiando. Altri Paesi stanno valutando la possibilità di aderire all’UEEA. Mi riferisco al Tagikistan, che ha ottenuto lo status di osservatore, e all’Uzbekistan, che sta studiando da vicino l’esperienza dell’UEEA.

Anche la CSTO ha dimostrato la sua validità quando il Kazakistan ha chiesto aiuto nel gennaio 2022. Abbiamo fatto un buon lavoro. Non appena la leadership kazaka ci ha comunicato di aver preso la situazione sotto controllo, la CSTO ha prontamente concluso la sua operazione. Eravamo pronti ad aiutare un altro membro della CSTO, l’Armenia, nello stesso modo. Un documento sul dispiegamento di una missione di osservatori della CSTO in territorio armeno, in conformità con la richiesta dei nostri alleati armeni, è stato redatto per il vertice CSTO di Erevan nell’autunno del 2022.

Il documento era stato approvato in toto a livello di ministri degli Esteri. Tuttavia, i nostri amici armeni ci hanno chiesto di rinviare l’adozione all’ultimo momento del vertice. Questo documento è ancora sulla carta e non può essere attuato. Sono convinto che se Yerevan avesse confermato quanto già approvato e se questo documento fosse stato pronto per la firma e l’entrata in vigore, l’Armenia si sarebbe assicurata una situazione più stabile.

Stiamo anche facilitando la risoluzione della controversia tra Tagikistan e Kirghizistan. Stiamo aiutando il Tagikistan a costruire la sua capacità di difesa e a rafforzare il confine con l’Afghanistan, considerando quali rischi e minacce provengono permanentemente dal suo territorio. Non vedo alcuna crisi profonda nei processi di integrazione post-sovietica.

La CSI mantiene i suoi importanti contatti di cooperazione economica, in quanto dispone di una zona di libero scambio. Inoltre, contribuisce agli sforzi per contrastare le sfide e le minacce attuali (terrorismo, estremismo, traffico di droga) e agli sforzi nel settore umanitario. La CSI ha proclamato il 2023 “Anno della lingua russa” come lingua di comunicazione interetnica. Il Presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha proposto di istituire un’organizzazione internazionale sulla lingua russa. I lavori per la sua realizzazione sono in fase di completamento. In sintesi, le “tensioni” che emergono tra i singoli membri delle nostre associazioni sono naturali.

 

Domanda: Intende dire che gli Stati Uniti e i loro alleati possono destabilizzare la situazione?

Sergey Lavrov: Questo è ciò che vogliono e che stanno facendo. So, visto che abbiamo informazioni al riguardo, che hanno detto agli armeni di andare avanti e sbarazzarsi dei russi, rimuoverli dal loro territorio, comprese le forze di controllo delle frontiere e la base militare, mentre gli Stati Uniti aiuteranno il Paese nelle questioni di sicurezza. Questa è una vera e propria provocazione, non è diplomazia.

Ha iniziato l’intervista chiedendomi a che punto è l’Occidente con la sua diplomazia? Non si tratta più di diplomazia, ma di pratiche di corruzione al massimo. Vediamo come l’Occidente tratta coloro sui quali era solito scommettere. Hanno rinunciato al Presidente dell’Egitto Hosni Mubarak, che ha avuto la dignità di dimettersi quando è scoppiata la Primavera araba, non è fuggito dal Paese e si è recato nella zona dell’Egitto che chiamiamo Sharm El-Sheikh. E lì si è ritirato. Ma gli americani hanno permesso ai Fratelli Musulmani al potere di portare quest’uomo anziano in tribunale in una gabbia e di umiliarlo. All’epoca abbiamo contattato l’amministrazione di Barack Obama. L’allora presidente Dmitry Medvedev disse loro che Hosni Mubarak era un uomo rispettato ed era un alleato degli Stati Uniti, oltre che un nostro amico, che cercava sempre la via di mezzo nell’interesse del suo Paese. Medvedev ha proposto di inviare un segnale ai Fratelli Musulmani per liberare Mubarak. Avrebbero ascoltato Barack Obama, visto che è stato lui a sostenerli nella loro ascesa al potere. Ma gli americani si sono dati alla macchia, come si suol dire.

Gli Stati Uniti hanno abbandonato la leadership afghana a sé stessa dopo aver fatto affidamento su di essa per 20 anni di occupazione. Il risultato è stato solo la distruzione, l’aumento del terrorismo e del traffico di droga, niente di più. Spero che i leader politici di oggi tengano conto di come possono svolgersi le relazioni con un egemone quando questo egemone vuole che tutti lo accettino in questo ruolo.

 

Domanda: È così che potrebbe finire anche la crisi ucraina?

Sergey Lavrov: È possibile e molti osservatori politici ne hanno parlato. Prevedono che tutto questo continuerà finché gli americani vorranno che continui così. Queste persone resteranno al potere finché gli Stati Uniti avranno bisogno di loro.

 

Domanda: Vorrei tornare su quanto detto dal Presidente Macron, non sul fatto che la Russia sia diventata un vassallo della Cina, ma sullo sviluppo delle relazioni Russia-Cina e sulla dichiarata svolta della Russia verso la regione Asia-Pacifico. Abbiamo davvero virato verso est? Se sì, a quali rischi e problemi potrebbe portare e dove?

Sergey Lavrov: Non abbiamo bisogno di rivolgerci da nessuna parte. La Russia è una potenza eurasiatica ed euro-pacifica, e questo è ciò che è sempre stata fin dall’epoca zarista. Le due teste della nostra aquila sono rivolte sia verso Oriente che verso Occidente.

Quando l’Occidente sembrava pronto a una cooperazione paritaria con noi, credevamo fermamente nella possibilità di creare uno spazio economico, umanitario e di sicurezza comune dall’Atlantico al Pacifico, fino all’Oceano Pacifico, non a est degli Urali. Il nostro Paese nel suo complesso era aperto a una cooperazione paritaria con chiunque fosse disposto a farlo, a condizioni di reciproco rispetto e mutuo vantaggio.

Tuttavia, abbiamo continuato a sviluppare attivamente le nostre relazioni con l’Oriente anche nel periodo migliore della nostra cooperazione con l’UE. Nel 2001, la Russia e la Cina hanno firmato il Trattato di buon vicinato e di cooperazione amichevole, in cui ci siamo impegnati a sostenerci reciprocamente su questioni di importanza prioritaria per i nostri Stati.

Questi impegni sono stati riaffermati 20 anni dopo, nel 2021, e rafforzati con ulteriori analisi e dichiarazioni aggiuntive che affermano che non intendiamo creare un’unione militare e che le nostre relazioni di cooperazione e partenariato strategico multiforme e multidisciplinare superano qualsiasi unione militare classica.

Dal 2001 stiamo lavorando per rafforzare le relazioni, soprattutto con la Cina, l’India e le nazioni dell’ASEAN. Si dice che la Russia si sia allontanata dall’Occidente. Non è così, o meglio l’Occidente si è allontanato da noi, tradendo i propri interessi. Quando il volume dei nostri legami con i Paesi occidentali è crollato, il peso della nostra politica orientale è oggettivamente aumentato. Inoltre, al di là delle proporzioni, il volume assoluto delle nostre relazioni con la Cina è salito a un massimo storico. Personalmente, credo che dovremmo continuare con la nostra politica dichiarata. Siamo aperti alla cooperazione con tutti.

Il Presidente francese Emmanuel Macron probabilmente sente la sua impotenza quando l’autonomia strategica della UE, di cui si è vantato per anni, non si è concretizzata. Si sente un vassallo degli Stati Uniti e questo lo rende infelice. È positivo che ne sia consapevole, ma non può fare nulla.

Nel nostro caso, la Cina è dieci volte più grande ed è il nostro principale partner commerciale che ha superato tutti gli altri. Ma la Cina è anche il principale partner commerciale di 140 dei circa 200 Paesi del mondo. È una potenza importante e in rapida crescita, con obiettivi strategici propri, che ha lavorato costantemente per raggiungere. La Cina ha definito il proprio orizzonte di sviluppo, a differenza di coloro che tengono elezioni ogni due anni. L’America sacrifica le questioni globali alle beghe politiche interne ogni due anni.

Non è saggio applicare il proprio metro di giudizio agli altri. Non vediamo alcuna minaccia proveniente dalla Cina. Manteniamo relazioni molto strette e basate sulla fiducia a tutti i livelli, relazioni che si fondano sul rispetto e sul vantaggio reciproco. Non è un nostro problema che tali relazioni siano estremamente rare, se non addirittura presenti, tra i Paesi occidentali.

 

Domanda: Può confutare l’affermazione che sta scendendo una nuova cortina di ferro (un’analogia popolare), ma non dalla nostra parte? Sta scendendo dalla loro parte.

Sergey Lavrov: Non voglio nemmeno giocare con i termini. L’Occidente ha fatto la sua scelta. Insistono sul fatto che la Russia deve subire “una sconfitta strategica”, deve rinunciare alla Crimea e tradire il popolo russo in altre zone dell’ex Ucraina. Si riferiscono ai russi come “non umani”, la cui eliminazione fisica è dichiarata come un obiettivo dell’attuale regime di Kiev. Mikhail Podolyak ha recentemente dichiarato che si impadroniranno della Crimea e del Donbass e sradicheranno tutto ciò che è russo.

Per quanto riguarda la loro intenzione di uccidere i russi, più di una figura di Kiev lo ha dichiarato pubblicamente. A proposito, l’ex ambasciatore ucraino in Kazakistan Pavel Vrublevsky ne ha parlato. Apertamente, davanti alle telecamere, guardando dritto nell’obiettivo, ha detto che dovrebbero uccidere i russi ovunque si trovino. È “un dovere” nei confronti dei loro padri che non hanno portato a termine questo compito. Un linguaggio “diplomatico” così diretto. Si tratta piuttosto di “diplomazia”, in stile americano e ucraino.

Questo regime sta uccidendo i russi, la cultura russa e il mondo russo in ogni sua manifestazione, sterminando fisicamente il popolo russo che era suo cittadino. Se questo è ciò che l’Occidente considera i valori che il regime di Zelensky sta ora difendendo, chiamatela pure cortina, di ferro o meno. Questa cortina potrebbe essere già scesa, forse anche caduta sulla testa di qualcuno. Questo sarà il loro problema. Non faremo più affidamento sull’Occidente, come partner con cui si può negoziare in qualsiasi misura. Lavoreremo con il resto del mondo che è pronto per questo.

 

Domanda: È possibile infliggere una sconfitta geopolitica a una potenza nucleare? È quasi una domanda filosofica.

Sergey Lavrov: L’Occidente pronuncia quotidianamente i suoi incantesimi, con la schiuma alla bocca: “stiamo dando all’Ucraina più armi”, “stiamo dando loro missili a lungo raggio, missili da crociera o senza ali”, “carri armati”, “presto daremo loro aerei, ma non ora, un po’ più tardi”, “Dobbiamo finire la Russia”.

Come ha detto il presidente francese Emmanuel Macron, la nuova architettura di sicurezza deve garantire che l’Ucraina sia protetta in modo affidabile, ma in questo “concerto” si deve trovare un posto anche per la Federazione Russa, “già esausta e disarmata”. Questo riflette solo una cosa: vogliono continuare questo conflitto, alzando costantemente la posta in gioco e intensificando quella che ora si chiama escalation. I britannici hanno fornito all’Ucraina armi a lungo raggio; alcuni Paesi contribuiscono con aerei ex sovietici e promettono di fornire quelli americani più recenti. Non sono ingenui. Come minimo, i loro militari dovrebbero spiegare ai politici che, a un certo punto, a ogni azione corrisponde una reazione opposta. Se si alza l’asticella e si migliora la qualità del confronto, probabilmente ci si deve aspettare una reazione adeguata, almeno in linea con le leggi della fisica e della guerra.

 

Domanda: In altre parole, vi aspettate un’ulteriore escalation?

Sergey Lavrov: Non mi aspetto nulla. Sto commentando i fatti. Questo obiettivo è stato proclamato e si sta incarnando in modo coerente nel “metallo” e in altre forme di materia, cioè nelle armi moderne.

 

Domanda: Mentre la nostra conversazione volge al termine, vorrei capire il nostro Ministro degli Esteri, che ha perseguito questa politica per lungo tempo. Qual è la fonte della sua forza? Mi permetta di farle questa domanda laica. L’ho sentita anche cantare di tanto in tanto al pubblico del Bard Club.

Sergey Lavrov: Non al Bard Club. Ho scritto alcuni testi per compleanni e altri anniversari nella vita privata dei miei amici. Di tanto in tanto lo faccio in un circolo di amici.

 

Domanda: Ha dei compositori preferiti?

Sergey Lavrov: Intende cantanti e autori di canzoni? I miei preferiti sono molti, non vorrei tralasciare nessuno: Vladimir Vysotsky, Bulat Okudzhava, Yuri Vizbor, Alexander Gorodnitsky e altri. Non li elencherò.

 

Domanda: È difficile essere un Ministro in questa situazione?

Sergey Lavrov: Non ci ho mai pensato. Ho una buona squadra. Faccio affidamento su di loro. Sono tutti professionisti. È interessante lavorare con loro. La cosa più importante è che spesso vediamo buoni risultati.

 

Domanda: Spera che il Bene sconfigga il Male? Voglio capire cosa sostiene questa convinzione. Siete sicuri di questo?

Sergey Lavrov: Non ci ho pensato. “La nostra causa è giusta” è diventata da tempo una frase alata. Qual è un’altra fonte della mia forza? Lei ha chiesto della musica, della poesia e delle canzoni. In occasione del Giorno della Vittoria, c’è stato un gran numero di trasmissioni in cui è stata suonata la nostra grande musica della Grande Guerra Patriottica, musica dedicata alla storia del nostro popolo e del nostro Stato. In Occidente non ci sono canzoni di questo tipo. Anche questo è uno dei fattori di fiducia.

Di Tsargrad TV, 17 maggio 2023

Fonte:
https://telegra.ph/Foreign-Minister-Sergey-Lavrovs-interview-with-Tsargrad-TV-Moscow-May-17-2023-05-17

https://mid.ru/en/foreign_policy/news/1870675/

Titolo originale: Foreign Minister Sergey Lavrov’s interview with Tsargrad TV (Moscow, May 17, 2023)

Intervista del ministro degli Esteri Sergey Lavrov a Tsargrad TV (Mosca, 17 maggio 2023)

Fonte traduzione: https://www.ideeazione.com/intervista-del-ministro-degli-esteri-sergey-lavrov-a-tsargrad-tv-mosca-17-maggio-2023/

Traduzione di Costantino Ceoldo

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
29 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
29
0
È il momento di condividere le tue opinionix